Todd Dockstader


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Terms of use )
Eight Electronic Pieces (1961), 6/10
Apocalypse (1966), 7/10
Drone/ Water Music (1966), 6/10
Quatermass (1966), 7/10
Omniphony I (1967), 5/10
Aerial 1 (2004), 5/10
Bijou (2005), 5/10
Links:

Tod Dockstader (1932, Minnesota), who had been working in Hollywood since 1955 as a cartoonist and film editor, became a self-taught sound engineer and sound-effect specialist in 1958 in New York. Within a few years, he used the same machines to produce tapes of musique concrete a` la Pierre Schaeffer such as Eight Electronic Pieces (1960), later collected on Eight Electronic Pieces (Folkways, 1961 - Locust, 2004), including Piece No 8 - Travelling Music (1960), a stereo composition that pulls sounds from different directions to disorient the listener while also toying with tonal contrast, and, quite simply, the archetype for sci-fi soundtracks with its hyperkinetic and disordered volleys of alien electronica. Luna Park (1961) is instead a rather structured composition built around electronically-processed laughter, loosely divided in three movements: an "allegro" created by a lively collage of snippets and echoes of laughter, an "adagio" that consists in a sinister middle section of abstract turbulence, and a "scherzo" of shimmering electronic timbres that intones a childish melody. Drone (1962) is a take on musique concrete and (involuntarily) free jazz, but perhaps notable mainly for the way it manipulates and mashes the sounds of guitar and piano, as well as for an atmosphere that predates industrial music by more than a decade.

He managed to release three albums of "organized sound": the electronic Apocalypse (Owl, 1966), that employed sine-wave test generators ("oscillators"), Drone/ Water Music (Owl, 1966), and the abstract noise concept Quatermass (Owl, 1966 - Starkland, 1993). Water Music; Quatermass (Starkland, 1992) collects two of these pieces.

Apocalypse (1961) was the work that best bridged the experiments of Schaeffer's musique concrete and the new electronic technology. The beginning is much more austere and poignant than his other pieces of the era. It aims at creating a cinematic suspense rather than just shocking the senses. The second movement stages robotic voices and domestic sounds (one even reminiscent of Pierre Henry's creaking door), achieving the exact opposite of the first one: demistifying electronic sounds. The third one, however, regurgitates drones and screams attaining a bleak requiem-like poignancy. The nine-minute four movement (almost half of the whole composition) is a collage of ghostly whistles, macabre booms, meowing, footsteps, bells and so forth, a dizzying vortex of sonic images.

The six-movement Water Music (1963) radiates visions of science-fiction movies. The first movement sounds like fast alien heartbeats welcomed by cricket sounds and dissolving into gurgling water. The second movement is a childish scherzo in the vein of Pierre Schaeffer's early musique concrete. The third movement is alien language again. The fifth is the most abstract and incoherent. Dockstader chose timbres that were clearly outside the boundaries of orchestral music: rather than trying to imitate the orchestra, he set out to invent a completely new aesthetics.

The much more ambitious, five-movement Quatermass (1964) added a narrative and dramatic emphasis that was missing from the free-form exploration of Water Music. It begins with booming gongs and child-like wailing (the nine-minute Song And Lament). Tango is a mechanic ballet with dub-like reverbs and scratch-like distortions. Parade harks back to the cacophonous improvisation of Water Music. Flight, a variation on the Tango, is an even subtler analysis and collage of evocative and menacing timbres. The finale (Second Song) is the deafening, expressionist 14-minute crescendo of anguish-filled drones that sound like screams. The sounds for this suite were selected from a "database" of 125 hours of "interesting" sounds. The main source of such sounds was actually a balloon (which explains the similarity with the timbres of reed instruments).

His last composition was Four Telemetry Tapes (1965), a chaotic electronic poem in four brief movements that mostly sounds self-indulgent, although the third movement is almost punk-rock in its emphatic sonic assault and the fourth movement predates the ping-pong soundtracks of videogames.

Omniphony I (Owl, 1967 - ReR, 2004) consisted in an electronic manipulation by Dockstader of an orchestral work composed by James Reichert.

At this point, synthesizers made his tape-based technique obsolete, and Dockstader couldn't find any music center willing to let him continue his research (he had not formal degree in music).

Organized Sound vol. 1-2 (Owl, 1982) is an anthology.

The reissue of Apocalypse (Starkland, 2003) includes Luna Park (1961) for processed laughter, Traveling Music (1960), Apocalypse (1961), and Four Telemetry Tapes (1965).

Aerial 1 (Sub Rosa, 2004) is a composition for shortwave radio, first of a trilogy assembled at the computer in 2001-03.

Dockstader collaborated with David Lee Meyers of Arcane Device to create the 27 brief vignettes of Bijou (ReR, 2005). Standouts include the bleak, suspense-filled atmosphere of Closer Closer and Encasement, the elegant musique concrete of City Of Industry and The Doktor Is In, the hallucinated void of Abstractions Unchained, the timbric explorations of Machine Mystique and Battle Finale, Needless to say, most tracks last one or two minutes, which is too short a time to construct any meaningful architecture.

From the Archives (Starkland, 2016) collects 15 unreleased compositions created between 2000 and 2008. These are all unfinished ideas, despite the intriguing rhythms of Todt I and the lysergic dissonances of Piano Morf.

Tod Dockstader died in 2015.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

L'ex vignettista e montatore di film Hollywoodiani Todd Dockstader (1932, Minnesota) mantenne quei lavori fino al 1958, divenenendo più tardi un ingegnere del suono autodidatta, nonché uno specialista degli effetti sonori. Nell'arco di così pochi anni Dockstader iniziò ad adoperare apparecchiature elettroniche identiche a quelle di Pierre Schaffer per riprodurre nastri di musica concreta come quelli pubblicati su Eight Electronic Pieces (Folkways, 1961 - Locust, 2004), una raccolta contenente Eight Electronic Pieces (1960) e Piece No 8 - Travelling Music (1960), una composizione stereo di iperchinetiche e confusionarie scariche di elettronica aliena che tende i suoni da direzioni differenti scimmiottando con i contrasti tonali e gli archetipi delle colonne sonore dei film di fantascienza per disorientare l'ascoltatore. Luna Park (1961) è invece una composizione meglio strutturata, costruita da una risata processata elettronicamente e suddivisa flessibilmente in tre movimenti: il primo è un "allegro" generato da un brioso collage di ritagli ed echi di risate, il secondo è un "adagio" che presenta una sinistra sezione media immersa in una turbolenza astratta, mentre il terzo è uno "scherzo" di timbri elettronici luccicanti che intonano una melodia infantile. Drone 1962) è una ripresa nella musica concreta e (involontariamente) nel free-jazz, degna di nota forse grazie al modo in cui il suono del pianoforte e della chitarra manipolata vi vengono macerati con una vena che anticipava quella della musica industriale di oltre un decennio.

Dockstader riuscì a pubblicare tre album di "suoni organizzati:" l'elettronico Apocalypse (Owl, 1966), che adopera alcuni test di generatori di onde sismiche ("oscillatori"), Drone/Water Music (Owl, 1966) e il concept noise astratto di Quatermass (Owl, 1966 - Starkland, 1993). Water Music; Quatermass (Starkland, 1992) contiene due di queste tracce.

Apocaypse (1961) era il lavoro di Dockstader che meglio di tutti faceva da ponte fra gli esperimenti della musica concreta di Schaeffer alle nuove tecnologie elettroniche, ambendo, inoltre, nel generare una suspense cinematica piuttosto che limitarsi a sconvolgere i sensi. Il primo movimento è una composizione elettronica più austera e penetrante rispetto alle altre composizioni del periodo. Il secondo movimento mette in scena voci robotiche e suoni domestici (uno ricorda anche la porta che cigola di Pierre Henry) facendo l'esatto opposto del primo: demistificando i suoni elettronici. Il terzo regurgita invece droni e urli giungendondo ad un'intensità da requiem deprimente. I nove minuti del quarto movimento (quasi metà dell'intera composizione) è un collage di fischi spettrali, rimbombi macabri, miagolii, passi, campane ecc...: un vortice stordente di immagini sonore.

La sua Water Music (1963), un'opera in sei movimenti, è permeata da visioni degne di un film di fantascienza. Il primo movimento somiglia al rapido battito cardiaco di un alieno accolto da suoni di grilli e successivamente dissolto nell'acqua gorgogliante. Il secondo movimento è un infantile "scherzo" che segue lo spirito della prima musica concreta di Pierre Schaffer. Il terzo movimento è un altro linguaggio alieno. Il quinto è il più astratto e incoerente. Dockstader ha qui scelto timbri che erano palesemente oltre i confini della musica orchestrale: piuttosto che tentare di imitare un'orchestra, egli propose infatti invenzioni estetiche completamente nuove.

L'ancora più ambiziosa Quatermass (1964), un'opera in cinque movimenti, aggiunse un'enfasi narrativa e drammatica aggiunse un'enfasi narrativa e drammatica che stava perdendo l'esplorazione free-form di Water Music del precedente Water Music. Essa inizia con i suoni di alcuni gong rimbombanti e quello diun balletto meccanico sostenuto da riverberi dub e distosioni. Parade rievoca le improvvisazioni cacofoniche  di Water Music. Flight, overo una variazione di Tango, è un'analisi ancor più puntigliosa nel terreno dei collage che adopera timbri evocativi e minacciosi. Il "finale" (Second Song) è caratterizzato dagli assordanti ed espressionistici quattordici minuti in crescendo di droni colmi di paura che rievocano degli urli. La fonte principale di tali suoni era, in effetti, un aerostato (che spiega la loro somiglianza con i timbri delle ance).

La sua ultima composizione, ovvero Four Telemetry Tapes (1965), era un poema elettronico caotico composto da quattro brevi movimenti quasi del tutto auto-indulgenti (benchè il terzo fosse maggiormente punk-rock nel suo enfatico assalto sonoro e il quarto anticipasse le colonne sonore ping-pong videoludiche). Omniphony I (Owl, 1967 .ReR, 2004) è una composizione orchestrale di James Reichert manipolata elettronicamente da Todd Dockstader. 

Dockstader non potè, però, più trovare nessun centro musicale disposto a permettergli di continuare la sua ricerca poiché i sintetizzatori avevano reso la sua tecnica di nastri obsoleta (egli è privo di una laurea ufficiale in musica).

Organized Sound Vol. 1-2 (Owl, 1982) è un'antologia.

La ristampa di Apocalypse (Starkland, 2003) include Luna Park (1961), una composizione per risate processate, Travelling Music (1960), Apocalypse (1961) e Four Telemetry Tapes (1965).

Aerial 1 (Sub Rosa, 2004) è una composizione per radio a onda corta, nonché la prima di una trilogia assemblata al computer nel 2001-03. Dockstader collaborò con David Lee Meyers degli Arcane Device per comporre le ventisette brevi vignette elettroniche di Bijou (ReR, 2005). Risaltano fra queste le deprimenti atmosfere ricche di suspense di Closer Closer e Encasement, l'elegante musica concreta di City Of Industry e di Doktor Is In, il vuoto allucinato di Abstractions Unchained e le esplorazioni timbriche di Machine Mystique e Battle Finale. La maggior parte di queste tracce presenta una durata di uno o due minuti che è però, inutile dirlo, troppo limitata per costruire delle architetture significative.

What is unique about this music database