Jean Epstein
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.


Scroll down for recent reviews in english.

Filosofo del cinema, il polacco Jean Epstein (ex segretario di Lumiére) scrisse diversi saggi sulla settima arte e diresse una serie di film finemente impressionisti, in cui tentava di creare col reale un'atmosfera irreale. Il suo microcinema, un'osservazione prolungata e minuziosa della realtà che finisce per conferirle un senso onirico e metaforico, è al tempo stesso scienza ed arte (ispirato rispettivamente da Painlevé e Edgar Allan Poe).

Epstein cercava il meraviglioso nel paesaggio e la realtà nella vita del popolo: anticipò così il realismo poetico (Coeur fidéle, rissa nella periferia marsigliese per amore di una donna, e La belle nivernaise, storia senza ritmo di barcaioli fluviali) e il neorealismo italiano (Finis terræ, dramma a lieto fine in una comunità di poveri pescatori e L'or du mer, favola d'amore in ambiente analogo). La sua arte fotografica e la sua celebrazione della natura giunsero quasi alla perfezione con Mer Vran.

Epstein è il miglior cinematografico dei pittori impressionisti. Il suo scopo è filmare la bellezza ascetica, la poesia fluida, dei paesaggi e delle comunità. I suoi impalpabili cortometraggi erano densi di sensazioni.

Da un lato Coeur fidéle, La belle nivernaise, Finis terræ tendono a presentare con crescente semplicità e spontaneità la vita di ogni giorno, al limite del documentario, mentre dall'altro lato film come L'ausberge royal (1923) e Le lion des Mogols (1924) tendono a una crescente artificiosità, a immagini sempre più lambiccate e pittoriche.

La glàce a tròis facés è il gioiello sperimentale in cui convergono entrambe le tendenze. La storia di una corsa in auto finita in uno schianto è raccontata in ordine non cronologico, sovrapponendo scene artificiose e scene documentarie, con i primi piani interni e irreali degli oggetti e delle facce, a ritmo discontinuo.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this cinema database