John Frankenheimer


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Born in New York in 1930, John Frankenheimer made his name first as a TV director. His early films were derived from the TV series.

Filmed like an Orson Wells' noir, The Young Savages (1961), based on the novel "A Matter of Conviction" by Evan Hunter, is a socially-conscious detective movie in which the detective slowly discovers uglier and uglier truths.

A trio of arrogant teenage punks dressed in black cross the streets of the town and kill a blind boy, Roberto, on the steps of his house. Then they run to a dilapidated part of town, where the police eventually arrest them. Hank (Lancaster) is a district attorney, working for a governor whose job is up for re-election, and married to a woman who is opposed to the death penalty and who is sarcastic of the political business. Hank doubts the invistigation and decides to walk personally into that bad neighborhood: he was born and raised there. One of the boys, Danny, is the son of his former fiance Mary, but offers little collaboration to Hank. A witness saw the blind boy pull a knife, but that doesn't fit with the description of the blind boy. Hank interviews Luisa, the sister of the blind boy, and also interrogates the leader of the Puertorican punks who terrorize the neighborhood. They both tell him that the boy was murdered by the three Italians. There was no knife, just his harmonica. The governor is happy that there seems to be evidence for a death sentence, which will be good politically for his re-election.
When Hank's wife is threatened in an elevator by the Italian gang, Hank pays a visit to their leader, Pretty Boy, who tells him that the blind boy was, in reality, the leader of the Puertorican gang and that was even pimping his sister Luisa. Sensing that he is on to something, the Puertorican punks beat him in the subway.
At the trial, Hank interrogates of Luisa. Luisa defends his brother's memory and accuses the three Italians, but confesses that she is a prostitute. The film turns into a court-room drama. The Italian kid, Danny, admits stabbing the Puertorican boy, albeit in self defense. Hank, though, has had the knife examined and knows that Danny did not stab anyone, and proves it during an emotional confrontation with Danny, who finally breaks down: he was merely protecting his buddies.
The trial won't help the governor's campaign, and it does not find one man who is clearly guilty of anything. Guilt is spread across everybody, across the entire society.

All Fall Down (1962), scripted by William Inge from a 1960 novel by James Leo Herlihy, is a family drama viewed from the eyes of its youngest member. It fails both as a psychological portrait or as a social drama, and the story is too slow.

A young man, Clinton, gets off the bus. He has come to visit his elder brother Berry-Berry (Warren Beatty), but he learns that he is in jail for having beaten a prostitute. Berry has a bad reputation in town. Clinton, who worships him and has been saving money for him, bails him out. Berry thanks him and then takes off with an older woman he just met, who clearly wants a sexual companion for her vacation and is willing to foot the bill. Back home Clinton is welcome by his wealthy but bickering parents. Clinton is obsessed with writing down casual conversations that he overhears. He even writes down his parents talking about his obsession. One day the family friend Echo (Eva Marie Saint) arrived to stay with them. Echo is a charming spinser and working woman, whose boyfriend became an alcoholic and then committed suicide. (As usual, Clinton is secretely listening and taking notes while Echo tells the story). Berry is now working at a gas station. A middle-aged woman stops at the station and asks him to go away with her. This way he hopes to get a free ride to his parents' city. But the woman gets possessive and jealous, and he gets in trouble again when he beats her on Christmas Day. His parents wait in vain for Berry to show up for Christmas. Clinton's dad, disappointed, gets drunk and brings home three homeless men. Both parents don't want to show it, but they are devastated by Berry's absence from their lives. That night Berry calls... from the jail. The parents are ecstatic and excited even if he's in jail. His father is rushes to get him out of jail. But Berry has no intention to stay with his parents. It is Clinton who begs him to stop by before he leaves town again. Berry does he reluctantly but then meets Echo and is immediately attracted to her. Berry is so attractive that just one look is enough to walk away hand in hand with her (despite the fact that Berry is a decade younger than her). Clinton is hurt, because he himself was secretely in love with her. Berry understands this and comes to ask for Clinton's blessing. Clinton knows that he himself has no hopes (he is half her age) and he loves his brother too much, so he agrees. Berry makes love to Echo. Berry seems seriuosly in love with Echo, and he seems to realize that it is time to become a responsible adult. But something bothers him. He confronts Echo and asks her why she told him that she was still a virgin. She admits that she is pregnant (obviously of another man, since they just made love the day before). She lied to him in order to frame him. Perhaps the first woman he ever loved. Furious, he leaves. (As usual, Clinton is eavesdropping). She packs and leaves the house in a hurry, but minutes later the police phone that she died in a car accident. Clinton's father has no doubt that she killed herself and that Berry is responsible. Now Clinton too hates him. Clinton grabs a gun and is ready to kill his brother, who is already in bed with a prostitute. But Berry starts crying and Clinton realizes that he is not worth it.

Birdman of Alcatraz (1962) is the biography of a convict who became a world expert on birds.

He is jailed for murder, and does not miss any opportunity to display his violent and antisocial attitude, and his obsession with his mother (he even stabs a guard when the guard ruins his plans for his mom to visit him). After he he takes care of a wounded bird, his life changes dramatically, and in no time at all his cell is full of birds, and he even publishes papers in magazines. His work eventually brings him the love of a middle-aged widow (Stella) who helps him sell the bird medication that he invented and helps him keep his birds by becoming his wife. After being transferred to a high-security prison and deprived of his birds, an evil warden tries everything to destroy him psychologically, but instead the birdman helps end a riot, thus translating the lessons learned with birds to the world of prisons. His story is eventually told to the world by a reporter. The film is too long, permeated by antiquated Freudian theories that were boring even at the time, and recycling the usual cliches about brutal guards versus humane rehabilitation.

The Manchurian Candidate (1962)

Durante la guerra di Corea un sergente fa irruzione in un bordello e raduna i suoi uomini. Il sergente e` duro e inflessibile, ed e` odiato da tutti i suoi uomini. La pattuglia cade in un'imboscata tesa dalla loro guida e interprete. Cadono nelle mani dei comunisti, che li legano a trasportano dall'altra parte del confine a bordo di elicotteri.
Alla fine della guerra, pero`, sono tutti liberi. Anzi, il sergente, Raymond, e` un eroe, decorato con tanto di medaglia, in quanto i suoi uomini hanno testimoniato che li porto` in salvo. Tutti meno due, che non tornarono vivi da quella missione. Ad accoglierlo all'aeroporto c'e` la madre, una donna petulante e calcolatrice, che vuole sfruttare la sua popolarita` per la carriera politica del suo nuovo marito, un politicante senza nerbo, disposto a tutto pur di sfondare. Raymond disprezza pero` la madre e decide di accettare il posto che gli ha offerto un intellettuale.
Ben (Sinatra), uno dei soldati della pattuglia, e` stato assegnato a un lavoro d'ufficio, ma ha un incubo ricorrente. Nell'incubo ricorda come i comunisti li ipnotizzarono, come lavorono il cervello di Raymond al punto che questo uccise a sangue freddo due dei suoi uomini (quelli che non tornarono dalla missione), come lavarono il cervello ai soldati per far loro testimoniare che Raymond li salvo`. Nell'incubo gli scienziati comunisci appaiono come donne americane che partecipano a un vento floreale. Raymond venne programmato a reagire al solitario di carte.
Intanto il patrigno di Raymond scatena la campagna anticomunista, ammaestrato dalla madre. Accusa il governo di essere circondato da comunisti.
Raymond riceve una telefonata dal suo ipnotizzatore cinese, al quale e` stato chiesto di verificare che l'ipnotismo funzioni ancora. Gli ordina di uccidere il suo superiore, e Raymond esegue freddamente.
Ben non riesce a convincere i suoi capi che l'incubo e` un segnale di pericolo. Trova pero` la comprensione e l'amore dell'avvenente Janet Leigh, che lo incontra per caso in treno.
La guida-interprete che tradi` la pattuglia chiede lavoro a Raymond che lo assume come cuoco. Ma Ben ha deciso di andare a parlare con Raymond in persona e riconosce il cuoco. Gli si avventa contro e lo tortura per farlo parlare, ma la polizia arriva in tempo a salvare il coreano. Ben, liberato da Leigh, torna da Raymond a raccontargli il suo incubo. Raymond gli rivela che un altro soldato gli ha scritto di avere lo stesso incubo ricorrente.
Il capo di Ben si convince quando Ben individua la fotografia del cinese ipnotizzatore, lo stesso che e` stato riconosciuto dall'altro soldato. Ben ottiene il permesso di indagare. Ubriaca Raymond, che in stato di ebbrezza gli racconta di anni prima, quando venne morso da un serpento e soccorso prima da una bella ragazza e poi dal padre di questa, un politico progressista odiato dalla madre. Fra il futuro sergente e la ragazza scoppio` l'amore, ma la madre lo obbligo` ad arruolarsi e a troncare ogni relazione con i "comunisti". Non l'ha mai rivista, ma la ama ancora. La madre gli aveva fatto il primo lavaggio del cervello della sua vita!
Ben lo tiene sotto controllo. Lo vede giocare con le carte, poi uscire in trance e continuare a camminare finche' finisce nel lago. Ben ricorda allora che nel suo incubo Raymond gioca a carte e qualcosa succede quando pesca la donna di quadri.
La madre di Raymond teme l'ostilita` del politico progressista. Per eliminare l'ostacolo, medita di ravvicinare il figlio al suo primo amore, nella speranza che si innamorino di nuovo e che il loro fidanzamento ammorbidisca il rivale. La sua capacita` di complottare e` pari a quella delle spie comuniste.
La ragazza (vestita da donna di quadri) e Raymond si riabbracciano. ma cio` non basta a "comprare" il politico onesto, che invece dichiara guerra senza quartiere alla madre di Raymond e al suo politico-clown.
Ben decide di arrestare Raymond, ma lo trova in compagnia della ragazza: si sono sposati nottetempo. Raymond e` cambiato, e` diventato un essere umano, e la ragazza convince Ben a lasciarlo in pace.
Raymond sente per televisione il patrigno che accusa il padre della ragazza di alto tradimento. Raymond, furibondo, si precipita dalla madre. La madre, per placarne l'ira, gli da` un mazzo di carte con cui giocare. Raymond si reca dal padre della ragazza e lo uccide freddamente. Poi torna a casa e uccide la ragazza, sua moglie.
Ben legge la notizia sul giornale e indovina subito chi e` stato. Il patrigno ne approfitta subito per farsi pubblicita`.
Raymond, in lacrime, telefona a Ben. Ben va da lui portando con se` un mazzo di sole donne di quadri. Lo fa confessare poco alla volta: i russi lo hanno programmato per un'importante operazione, che verra` pilotata per telefono da un operatore. Finalmente ricorda come venne ipnotizzato e come l'intera pattuglia venne ipnotizzata per farne un eroe.
In quel momento squilla il telefono: e` l'operatore... ed e` sua madre! Raymond, che Ben pensa di aver guarito, si reca dalla madre, che gli da` istruzioni per uccidere il candidato presidenziale. Il patrigno ne potra` cosi` prendere il posto. Ben attende invano una telefonata di Raymond. Capisce che Raymond non lo chiamera` e pensa di aver fallito, di non essere riuscito a guarirlo. Si precipita con la polizia alla convenzione e riesce a intuire dove Raymond si nasconde. Ma non riesce a fermarlo in tempo: Raymond spara... ma spara ai suoi genitori. Ben arriva in tempo per sentire le sue ultime parole: nessun altro avrebbe potuto fermare quei due, soltanto lui aveva il potere di farlo. Poi si suicida davanti a Ben.
La madre, demagoga fascista, perfida ed egoista, impersona tutto cio` che di piu` abbietto si puo` immaginare. Il film e` un thriller psicologico alla Hitchcock, ma usato per fini didascalici: da un lato un veemente attacco contro i politicanti reazionari e dall'altro un apologo sul potere dei media (dapppertutto ci sono televisori e reporter).

Seven Days in May (1964) e` un potente fantapolitico.

Il presidente degli USA ha deciso di firmare un trattato di disarmo con l'URSS, anche se il generale Lancaster vi si oppone strenuamente. Lancaster e` un fanatico demagogo di destra capace di eccitare le folle come Hitler. L'assistente di Lancaster, Douglas, insospettito da frasi ed eventi, investiga la vita privata del suo superiore e intuisce che Lancaster ha costruito una organizzazione militare clandestina che potrebbe impossessarsi di tutti i mezzi di informazione della nazione, e che Lancaster sta scambiando messaggi in codice con altri. Douglas capisce che Lancaster e` in combutta con altri ufficiali e che qualcosa e` stato pianificato per domenica, quando il presidente dovra` visitare da solo una base sotterranea senza testimoni. Preoccupato da un ennesimo comizio televisivo che dimostra la crescente popolarita` del demagogo, Douglas va dal presidente a metterlo in guardia e gli rivela tutto. Il presidente convoca i suoi piu` fidati collaboratori per capire se Douglas e` un pazzo o se puo` esistere davvero una organizzazione clandestina dei militari che vuole compiere un colpo di stato. Benche' quasi tutti siano scettici, il presidente crede a Douglas e prende precauzioni: telefona al generale che non intende partecipare all'esercitazione, invia il suo assistente a far confessare uno degli ammiragli del complotto; chiede a Douglas di fungere da informatore; manda un suo amico senatore a indagare sul posto della presunta base segreta. Douglas comincia con il sedurre l'ex amante del generale e ottiene alcune lettere compromettenti. L'assistente del presidente ottiene la confessione scritta dell'ammiraglio, ma muore in un incidente aereo (la confessione e` in un portasigarette, ma nessuno lo sa). Il senatore scopre la base e vi si insinua, ma viene preso prigioniero. Il senatore riesce a convincere un colonnello a fuggire con lui, ma questi, un teste prezioso, gli scompare sotto il naso all'aeroporto. Il presidente non ha cosi` alcuna prova contro il generale e non puo` procedere ad arresti, mentre Lancaster sta preparando il golpe. Il presidente affronta Lancaster e gli chiede le sue dimissioni, ma Lancaster prima nega tutto e poi lo accusa di essere un vigliacco.
Il giorno dopo il presidente tiene una conferenza stampa, nel mezzo della quale gli consegnano la confessione dell'ammiraglio (che e` stata ritrovata nel portasigarette). Il presidente riprende la conferenza stampa annunciando le dimissioni di tutti i capi delle forze armate. Anche Lancaster deve arrendersi.
La prima parte ha l'atmosfera cupa del thriller. Il protagonista e` un mediocre, un semplice osservatore.

Train (1964) e` un bellico di propaganda.

Nella Parigi occupata, i nazisti vogliono spedire un blocco di opere d'arte francesi in Germania a bordo di un treno. La superintendente del museo supplica il capo della resistenza di feremare il treno. Il problema e` che bisogna soltanto fermarlo, non farlo saltare in aria. Un vecchio macchinista si offre di simulare un incidente del motore con il vecchio trucco della monetina. Il trucco riesce, fa tornare il treno alla stazione, ma i nazisti scoprono il trucco e lo fucilano. E` il capo della resistenza in persona a dover guidare il treno la seconda volta (dopo aver evitato il bombardamento di un aereo alleato nascondendo il treno in una galleria). Il partigiano organizza una serie di scambi sbagliati in modo da mandare il treno su una rotta sbagliata (i capistazione cambiano tutti i nomi sui cartelli per ingannare i soldati tedeschi della scorta). Poi sgancia i vagoni e lancia la locomotiva all'impazzata. La locomotiva si schianta alla prima stazione, mentre il partigiano e un suo complice vengono braccati dai tedeschi. I fuggitivi si rifugiano da un'avvenente, cinica e dura donna, padrona di un hotel, che pero` scopre di avere un cuore. Il partigiano riesce di nuovo a far ritardare la partenza del treno, facendolo deragliare due volte. Il colonnello tedesco tenta invano di chiedere aiuto a una colonna tedesca. Alla fine deve arrendersi, fa fucilare tutti gli operai francesi che hanno partecipato alla missione, e resta solo sul posto ad aspettare che il partigiano si faccia vivo. Infatti lui compare. Il colonnello gli tiene un sermone alla Nietzsche, ma il partigiano lo mitraglia.

Grand Prix (1966), Frankenheimer's first original screenplay since The Young Stranger (1957), paid tribute to the milieu of Formula One, and pioneered the technique of the split screen and used other visual and audio techniques to render the feeling of high-speed racing. Somehow the director compensated for the trivial (and vastly overlong) plot (modeled after the soap operas full of intrigue and passion) with a deluge of formal innovation.

Multiple screens show mechanics working on gears and tools like in a futuristic ballet with a soundtrack of engine noises. Then faces of the drivers are shown at the rhythm of a heartbeat. The race begins through the streets of Montecarlo. Split screens show the race track and other images (interviews, towns, details of the car, etc) while different drivers explain the nature of the race. One driver, Pete, causes an accident in which another driver, Scott, is seriously injured. Scott's career is finished, and his wife Pat doesn't feel sorry for him: she had already decided to leave him because he was not willing to quit. In a hotel room Pete tells veteran Jean-Pierre (Yves Montand), twice world champion, that he is innocent of the accident, but his career is in trouble too, as nobody wants to hire him anymore. Pete is still ambitious, Jean-Pierre is getting tired of the game. There are also women. Jean-Pierre is romancing the charming and elegant USA fashion editor Louise (Eva Marie Saint), who is divorced. At a party the youngest driver, Nino, meets the melancholy but beautiful Lisa (Francoise Hardy). Pete repeatedly offends Scott's wife Pat, judging her too selfish and cynical while her husband is at the hospital, but they get to like each other. The calm melancholy existential discussions between Jean-Pierre and Louise contrast with the exuberant fun-driven activities of Nino and Lisa. A dreamy sequence shows Jean-Pierre winning the next race superimposed to the smiling face of Louise. Jean-Pierre and Louise finally make love; and so do Pete and Pat. Scott (still on crutches) visits the entourage at their hotel and finds Pat in Pete's room. Scott, heartbroken, asks her to come back, exposing her psychological fears. Pete is a driver too: she is willing to live with Pete the life that she was not willing to live with Scott not because she loves Pete, but precisely for the opposite reason. Pete has been hired by a Japanese tycoon who is determined to take his cars to victory, and Pete does win the next race. But tragedy strikes again: Jean-Pierre's car loses a wheel and runs over two children. While still limping with a bad leg, Scott returns to driving and wins the next race for the Japanese make. The following one is won by Nino, while his team-mate Jean-Pierre feels that he is rapidly becoming obsolete, still obsessed by the killing of the two children. Impressed by his brave attitude and his devotion for her, Pat returns to Scott. Jean-Pierre is further humiliated when his team does not make his car available for the pre-race qualifying. The boss of the team criticizes Jean-Pierre's driving, telling him openly that he's finished, and brings his wife Monique to the race track. Jean-Pierre owes his career to her family, and Monique tells him that, no matter how many lovers he has, he will always be married to her, as if they had a contract. Lisa leaves Nino just before the final race. Jean-Pierre dies in a horrible accident and the boss of the team withdraws fellow team-mate Nino. Pete and Scott fight for victory Pete for the Japanese team wins.

Seconds (1966) e` un terrificante film fantascientifico.

Il protagonista e` un ricco uomo d'affari con una monotona vita familiare. Un uomo lo segue nella stazione. Una voce al telefono dice di essere un suo amico di venticinque anni prima, creduto morto, che gli fissa un appuntamento in una lavanderia. Li` trova un vecchio che lo manda in un magazzino, dove viene drogato. Sogna (immagini deformi) di violentare una donna che urla. Ambiente Kafkiano.
Al suo risveglio viene portato in un ufficio in cui un manager gli illustra i servizi della sua agenzia: chirurgia plastica su un corpo morto e poi mascheramento della morte affinche' nessuno indaghi sulla scomparsa. Il businessman non e` interessato ma ascolta con pazienza e cortesia. Ma il manager gli fa vedere il filmato di cio` che lui ha fatto mentre era drogato: ha realmente violentato quella ragazza. Capisce cosi` che questi misteriosi figuri intendono ricattarlo, anche se non capisce ancora di cosa si tratti. In un'altra stanza un vecchio gli parla e mette in discussione la sua vita, convincendolo che non ha piu` nulla di attraente, e che sarebbe bello poterne vivere un'altra, tutta diversa.
L'uomo firma il contratto e si sottopone all'operazione. Sbendato e rivitalizzato , e` pronto per iniziare la sua seconda vita. Un dottore gli suona brani di delirio registrati durante la degenza, nei quali lui sogna di diventare pittore, e si offre di aiutarlo a riuscire. Lo mette su un aereo per Los Angeles, dove si trovano il suo studio e il suo maggiordomo e dove incontra un uomo che pare conoscerlo da sempre. Vive in solitudine, cercando di abituarsi alla sua nuova identita`, finche' incontra una bella ragazza. Con lei va a una festa della vendemmia, che si trasforma in un'orgia del vino degna di Bacco e in cui lei, ubriaca, si mette a pestare l'uva nuda con gli altri e anche lui, scandalizzato, viene spogliato e gettato nella tinozza dove tutti danzano nudi. Dapprima lui tenta di fuggire, ma poi si lascia andare. Da quel momento rinasce davvero e si abbandona a una vita di amore e di party, lascia che lei lo guidi. Ma una sera si ubriaca troppo, gli altri uomini lo portano in una stanza separata e ascoltano il suo farnetico in cui rivela la sua vera identita`. Gli altri uomini non ne sono minimamente scossi: sono anche loro dei "ri-nati" come lui. E anche la bella innamorata e` una impiegata dell'agenzia.
Lui ne e` ferito a morte. Va a trovare sua moglie, che gli confessa di non aver mai realmente conosciuto l'uomo che aveva sposato. Torna all'agenzia e protesta perche' la nuova vita non funziona. L'agenzia gli pone come condizione che lui procuri a loro un'altra vita. Fino ad allora dovra` aspettare in una stanza, la stessa che attraverso` la prima volta. Qui incontra l'amico che lo contatto` (il quale lo contatto` per la stessa ragione per cui lui oggi deve trovare un altro) e scambia con lui quattro chiacchiere. Anche l'amico ha fallito, ma vuole continuare a rinascere finche' non riuscira`. L'agenzia e` un gigantesco business che si auto-propaga attraverso le sue stesse vittime. L'anziano scienziato che invento` l'operazione gli confessa di essere ormai impotente a fermare l'organizzazione. Prima che se l'aspetti, l'uomo si ritrova in una sala con un prete che gli da` l'estrema unzione. Appena capisce cosa sta succedendo, comincia a divincolarsi, ma lo immobilizzano sulla barella che lo porta nella sala operatoria, dove il suo corpo verra` utilizzato per un altro "cliente".
Piu` che thriller fantascientifico e` un dramma della solitudine con un messaggio nichilista sull'insensatezza della vita borghese. E` anche una metaforica accusa dello strapotere del sistema.

The Fixer (1968)

The Gypsy Moths (1969)

The Extraordinary Seaman (1969) is a satire of war movies: the action is punctuated with vintage footage of the war.

During World War II in the Philippines four USA soldiers drift on a boat until they are stranded on an island. Led by lieutenant Morton (Alan Alda), they walk through the jungle. In the meantime British commander John (David Niven) is drinking as usual when he hears the voice of his grandfather through a storm warning him that the coming event involving a USA crew might be his last chance. The four USA soldiers (that include a cook, a mechanic and a taciturn Cheyenne) find the British commander alone on a deserted ship that needs major repair. In the meantime, unbeknownst to them, a major naval battle is approaching the Philippines. The four USA soldiers decide to repair the ship and head for Australia. They raid an abandoned village but are welcomed by a woman with a gun, Jennifer (Faye Dunaway). She is waiting for her brother to come and rescue her, but, informed that her brother has taken off without her (deserting the British commander as well), she joins ranks and helps repair the ship. During the journey Morton comes to realize that John is a mad drunk, who is also trying to seduce the naive Jennifer. Nonetheless the mad drunk heroically steers the ship through a close encounter with a Japanese warplane. He does not seem to eat or sleep and is always at the helm. Morton, on the other hand, is emotional. He falls overboard while saving three Philipino fishermen, who later demand wood to build a canoe and go back to their village. When Morton finds an old photograph showing the commander in World War I, John confesses the he is... a ghost. He died in World War I. That's why he doesn't need to eat or sleep. A drunk playboy, he drowned ignominiously at the beginning of World War I, and his ancestors (who had always served their country with honor) got angry: they sent him back to human life so he could have a chance at redeeming himself. He had to wait many years of peace before another war started and now he has his chance: they just learned from the fishermen that a Japanese warship is in the neighborhood. A small fire is enough to send away three of the four Americans (they jump on the raft built by the fishermen), but the commander steers the ship so that Morton and Jennifer cannot escape. They put off the fire and prepare the ship for the attack. Drinking from his bottle, the commander rams his ship loaded with dynamite into the Japanese warship and sinks it. His ancestors are not happy though: he remains on Earth, giving tours to families on his now historical boat. The counterpoint between historical events (vintage footage, mostly of propagandistic nature) and events of the film is particularly funny.

I Walked The Line (1970) e` un dramma psicologico.

In una cittadina di provincia, l'integerrimo sceriffo Tawes, padre di famiglia, un giorno ferma un furgoncino guidato da un bambino e da una ragazzina. Questa lo seduce a poco a poco, sfruttando la sua insoddisfazione familiare. La famiglia di lei e` da diverse generazioni impelagata nella fabbricazione clandestina del whiskey e lo sceriffo, quando ne viene al corrente, deve chiudere un occhio, e anzi cercare di proteggerli da un ispettore della finanza. Le due crisi scoppiono insieme: Tawes decide di lasciare la moglie e fuggire con la ragazza, mentre il suo vice-sceriffo scopre la tresca e fornisce all'ispettore il nome dei bootleggers. Il vice-sceriffo si reca poi da loro e, trovata la ragazza sola, le fa capire di sapere tutto e tenta di violentarla. Il padre e il fratello maggiore della ragazza lo ammazzano. Quando viene dato l'allarme, lo sceriffo intuisce cosa e` accudato e corre dalla ragazza in tempo per cogliere padre e figlio intenti a sotterrare il cadavere. Pensando alla ragazza, li aiuta a far sparire il corpo nel lago. Ma quando si reca all'appuntamento con la ragazza, scopre di essere stato ingannato. Salta in auto e si lancia al loro inseguimento. Li agguanta, li ferma, ferisce il padre e stordisce il figlio maggiore, ma la ragazza, invece che fuggire con lui, lo colpisce con un uncino.

The Horsemen (1971) is devoted to the brutal traditions of the Afghan nomads.

Story of a Love Story (1973)

The Iceman Cometh (1973)

99 and 44/100% Dead/ Call Harry Crown/ Attento Sicario (1974)

Al porto battaglia fra bande rivali. Il capo della gang perdente chiede aiuto al nipote, un killer professionista. Appena arrivato in citta`, Harry va a cercare un vecchio nemico, a cui un tempo taglio` il braccio sinistro, in un bordello di classe. Il monco tenta di scappare prendendo come ostaggio una bella prostituta, ma appena l'ascensore si chiude lo fanno precipitare. Lui esce con un'amica maestra elementare. Il damerino che lo zio gli ha messo al fianco s'innamora della prostituta. Dopo il duello fra il killer e i suoi uomini e il monco e i suoi uomini in un magazzino, Harry si rifugia in casa dell'amante dello zio e viene salvato dall'amica a bordo di uno scuolabus. La fuga diventa caotica. I rivali rapiscono la prostituta. Il killer e il damerino per liberarla cadono nelle mani del monco. Il capo della gang del monco gli offre di lavorare per lui ma lui rifiuta. Il boss fa allora rapire anche la maestrina e in aula fa trovare la prostituta, ma narcotizzata, picchiata, violentata e legata a una bomba che esplodera` al minimo movimento. Harry la libera appena in tempo. Battaglia in una grande lavanderia. Lo disarmano minacciando di uccidere la maestra. Poi Harry lotta con il monco che vuole vendicarsi, ma vince e il monco finisce bollito in una vasca. Nel frattempo lo zio in persona liquida il capo rivale e libera la maestra. Prima di morire, lo zio gli rivela di aver comprato la sua amante. Ora parodistico, ora opprimente (squallore, egoismo, violenza, solitudine). Il film e` un vagabondaggio di ambiente in ambiente. In ciascuno si svolge una scena altamente spettacolare, ma su ciascuno incombe anche un deprimente senso di inutilita`.

French Connection II (1975)

Popeye si e` trasferito a Marseille per riprendere la caccia la capo dei contrabbandieri di droga, Rey. La sua ingenuita` di duro americano causa non pochi problemi al collega francese, e infine cade nelle mani di Rey, il quale lo interroga sotto l'effetto della droga e poi lo lascia andare per evitare di essere braccato dalla polizia francese. Popeye si vendica appiccando il fuoco a uno dei covi della malavita e scatena una mortale sparatoria. Finalmente riesce a individuare il quartier generale di Rey, ma Rey riesce a dileguarsi nel traffico della citta`. Popeye lo bracca a piedi fino al porto, quando sta per sfuggirgli su uno yacht. Gli spara, Rey cade in acqua... ferito o morto?

Black Sunday (1977)

Prophecy (1979)

The Challenge (1982)

The Rainmaker (1982)

The Holcroft Covenant (1985)

Riviera (1987)

Across the River and Into the Trees (1987)

Dead Bang (1989)

The Fourth War(1990)

Year of the Gun (1991)

Against the Wall (1994)

The Burning Season (1994)

The Island of Dr. Moreau (1996)

Andersonville (1996)

George Wallace (1997)

Ronin (1998)

Reindeer Games (1999), recensito da Lorenzo Casaccia:

Dopo il disastroso The Eye Of The Beholder, la stagione propone un altro giallo che almeno ha una trama decente (anche se, in malafede, mi suona copiata da qualche thriller di Thompson o Hammett) ma e' comunque carente nella rappresentazione. Rudy, un ladro d'auto, e Nick sono compagni di cella. Nick scrive lettere innamorate con Ashley, una donna molto bella che non ha mai incontrato, ma con le cui foto ha tappezzato la cella. Due giorni prima di essere rilasciati, Nick viene ucciso in una rissa in carcere. Il giorno del rilascio, Ashley e' fuori dal carcere ad aspettare Nick, e Rudy, affascinato, si presenta a lei spacciandosi per l'amico morto. I due si innamorano, ma ben presto compare sulla scena Gabriel, fratello di Ashley: nelle sue lettere Nick aveva detto di aver lavorato in un casino, che ora Gabriel vuole rapinare sfruttando le conoscenze di Nick. Ma Nick e' morto e Rudy, per non essere ucciso, e' costretto a continuare a impersonare la parte di Nick, inventando informazioni strampalate e facendosi coinvolgere in una rapina dove pero' i doppi giochi non sono conclusi. Se il soggetto e' sufficientemente ingarbugliato, con Rudy/Nick costretto a saltare da una personalita' all'altra, e risulta avvincente, il film in se' si rivela mediocre, con vari momenti in cui sembra una parodia del genere suo malgrado (gli scagnozzi di Gabriel sono le classiche macchiette, e cosi' via). Anche le trovate piu' bizzarre (i rapinatori mascherati da Babbo Natale) non riescono ad essere particolarmente divertenti, forse perche' neppure quelle sono originali (i rapinatori mascherati da presidenti USA in Point Break tanto per dirne una). Charlize Theron interpreta il ruolo piu' affascinante essendo al centro di tutti gli inganni ma la sua interpretazione, cosi' come quella di Ben Affleck che ha praticamente sempre la stessa espressione, difficilmente passera' alla storia. Probabilmente sul piccolo schermo sarebbe un film piuttosto noioso. (5.5/10)

Reindeer Games (2000) is a very minor gangster movie.

Rudy shared a cell with Nick, who used to write love letters to a girlfriend, Ashley, who is crazy about him even if she never met him. Nick was killed in prison, and now Rudy leaves the prison and sees Ashley waiting for Nick. It turns out Ashley is a weak woman who desperately needs a man, and she lets him fool easily. Suddenly, Ashley's brother Gabriel enters the picture: he is a psycho who leads a band and is determined to use Nick to rob a casino where Nick used to be. First Rudy tries to explain that he is not Nick, but the brother makes it clear that he dies if he is not Nick, so Rudy decides to go along with the scheme and pretend that he really is Nick. After all, Ashley defends his false identity because now she is madly in love with him (it sounds like she would fall madly in love with any man who paid any attention to her). Rudy/Nick keeps trying to escape, always saved by Ashley when they catch him. Eventually, he manages to escape from the hotel room where he is kept tied to a bed, but only to end up in the swimming pool, where he sees Ashley and her brother... making love. They are lovers, and Ashley has simply played a part to seduce the original Nick and then somehow keep Rudy/Nick in the scheme (this is the weirdest twist in the plot, hardly justified by what happened before). Finally, dressed like Santa Clauses, they attack the casino. Some of the most ridiculous scenes in the history of action cinema follow, with the casino director shooting like a maniac over his own slot machines, a lot of stereotyped dialogues and, of course, the final confrontation between Rudy and the two lovers, who by now have found out that he is not the real Nick. Of course, instead of just killing him, they talk and then they take him with them to execute him at their leisure. Alas, Rudy has figured out that Ashley knows too much about Nick's death: even Gabriel gets suspicious, and Ashley has to kill him. Nick comes out of the snow, not a ghost, but Ashley's true partner. They had devised the whole plan to seduce some dumb truckers into robbing the casino and having them believe that Rudy was Nick, etc etc. So Nick and Ashley simulated the prison murder and everything else betting that Rudy would do what he ended up doing. (Yeah sure). But not even Rudy and Ashley kill him: they keep talking. Somehow everybody takes forever to kill Rudy, so Rudy has time to find a way to survive. So he finds a way to kill them and walk back home in time to enjoy Christmas.
If you could translate the Italian text, please contact me.