Jean Gremillon
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.


Scroll down for recent reviews in english.
Bretone, discepolo di Epstein, Jean Gremillon esordì negli anni venti con opere semi-documentarie d'avanguardia; negli anni trenta dovette piegarsi a compromessi umilianti con i produttori; durante l'occupazione diresse i suoi capolavori; ma dopo la liberazione i produttori gli misero definitivamente la museruola. I grandi spazi marini della Bretagna dominano Maldone (1928, storia di un giovanotto che abbandona la vita all'aperto dei barcaioli e fa ritorno al castello avito, per la morte del fratello, ma, nonostante si sia sposato, alla fine riprende i suoi viaggi fra zingari e mendicanti) e Gardiens de phare (1929, dramma atroce di un padre che è costretto a uccidere il figlio sull'isolotto di un faro), che peraltro sono uno strano connubio di simbolismo (i fiumi che seducono Maldone, il mare che assedia febbrilmente il faro), di naturalismo (la natura splendidamente fotografata nelle sue pose più dolci e più terribili), di espressionismo (il doppelganger di Maldone nella scena allo specchio; il gioco di luci e di ombre che crea l'atmosfera angosciosa e oppressiva di Gardiens de phare e di realismo poetico ante- litteram (le scene popolaresche di Maldone).

La breve resurrezione nel periodo Vichy, preparata da film psicologici come L'etrange Monsieur Victor (1938) e Remorques (1941), dà i capolavori, amari, sarcastici, cupi e lirici: Lumiere d'etè (1943), scritto da Prévert, ambientato in un isolato albergo del Massiccio Centrale, centrato sul contrasto fra i villeggianti (decadenti e correnti) e gli operai, e Le Ciel Est a Nous (1944, scènes des Spaak?) opera di propaganda nazionalista. Nel primo il ricco e potente depravato, che affida l'albergo alla vecchia amante, s'invaghisce della moglie di un pittore alcoolizzato, ma l'amante, lo ricatta poiché sa che sua moglie fu da lui assassinata; nel groviglio si inserisce l'ingegnere, capo degli operai, anch'egli innamorato della giovane; durante il ballo in maschera il pittore si traveste da Amleto e costringe l'ospite a ucciderlo; ma poi perde il controllo e precipita in un burrone, lasciando così libero il campo ai due innamorati. L'impegno civile di Gremillon, qui già esplicito nella contrapposizione fra potere capitalista (l'assassino depravato) e potere proletario (l'ingegnere laborioso), lo emargina di nuovo alla fine della guerra, relegandolo a film di secondo piano o a cortometraggi senza mercato.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this cinema database