Howard Hawks
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

1) L'eroe anonimo

Howard Hawks nacque nel 1896 e crebbe in una ricca famiglia dell'Indiana; avviato a studi di ingegneria meccanica, li interruppe già nel 1917 per entrare nel mondo del cinema come attrezzista. Da quell'ambiente conservatore Hawks apprese il meglio, una cultura vasta anche se superficiale e un gusto squisito quasi aristocratico. Fu condizionato invece dal mito dello sport e della virilità, al punto da arruolarsi nell'aviazione durante la Grande Guerra. In guerra maturò un credo ferreo nel coraggio individuale e nella solidarietà cameratesca, persuaso che nell'avventura e nel rischio si dovessero cercare le massime espressioni della dignità dell'uomo.

Alla fine della guerra si arrangiò come esperto di aerei e con una serie di lavoretti dei generi più disparati prima di approdare a Hollywood. Anche negli studios californiani vagò per un po' di anni senza un compito fisso, ora aiuto-regista, ora soggettista, ora sceneggiatore; e soltatno nel 1926 ebbe l'opportunità di cimentarsi alla regia.

Fin dagli inizi Hawks fu influenzato da due grandi personalità del sud: William Saulkmor e David Griffith. Pur rimanendo lontano sia dalla truculenza e dalla depravazione della gente di Yoknapawpha sia dall'idealismo e dal melodramma delle eroine di Griffith, Hawks colse gli aspetti più amari e feroci della società americana ed esaltò invece quale virtù terminale della civiltà l'americanismo (sprezzo del pericolo, esuberanza al limite dell'incoscienza, fede nei valori della democrazia, orgoglio nazionale).

La sua carriera durò 44 anni, durante i quali rimase sempre nei solchi della tradizione hollywoodiana. Fu quindi uno dei cento registi di "genere" che contribuirono nell'anonimato ad edificare la complessa struttura architettonica del cinema di Hollywood. Senza mai strafare, nascondendosi dietro le convenzioni di quel cinema popolare, sviluppò di film in film un suo discorso personale sulla società americana, sul costume e sull'ideologia di una nazione così compatta seppure così eterogenea. Altrettanto eterogenea fu la sua produzione, che nel complesso assume la portata di un colossale affresco dell'America. Maestro tanto del film bellico quanto del musical, tanto del film d'avventura quanto del giallo, tanto del film di gangster quanto del western, Hawks passò in rassegna tutti gli aspetti della vita americana deglli ultimi due secoli, dalla pace alla guerra, dalla città alla campagna, dall'ottocento agli anni ruggenti, e dalla violenza all'amore, dal mondo del business a quello dello spettacolo, dall'adolescenza alla senilità. In mezzo a impercettibili tocchi di umorismo, di inquietudine esistenziale e di misoginia, venne prendendo forma il suo tipo di eroe: non un superuomo trionfalista, ma un serio professionista che compie il proprio dovere con tenacia e dignità. Quest'uomo calato nella crudele società americana, schiacciato da un potere smisurato, diventa la cartina al tornasole di tutte le sue contraddizioni. Hawks si atteggia a critico acuto e severo del sistema, ma tradisce troppo spesso una visione bonaria e compiaciuta dell'America.

L'eroe anonimo dei suoi film è in pratica una trasposizione di se stesso regista di grande levatura confuso con la massa amorfa degli impiegati di Hollywood, pioniere di tecniche cinematografiche che saranno il pane delle generazioni successive, degno continuatore dell'opera di Griffith. Il suo stile lineare ed essenziale, sempre avulso da velleità artistiche, volutamente castigato e negato per i voli pindarici, impresse un segno inconfondibile a tutti i generi. Rivelò egli stesso il suo segreto: "prendo una grossa situazione e la svolgo in sordina". Riprendeva l'azione da angolazioni naturali, mimetizzava il montaggio, sceglieva sempre il tipo di narrazione più immediata (niente ellissi, niente flashback), privilegiava l'azione e il dialogo. Il suo stile era quasi documentario: l'oggettività si ripercuoteva su scene minuziose, quasi tecniche, nel loro soffermarsi su un'operazione, un quadro d'ambiente, un'impresa quotidiana. I film di Hawks ritraggono il volto dell'America, il corpus della sua opera rappresenta la storia dell'America: la frenesia dei dialoghi (soprattutto nelle commedie), i riferimenti alla velocità (gli aerei e le auto da corsa), i cambiamenti repentini di situazione, riproducono il marasma del progresso; il cinismo, la violenza, la disumanizzazione, l'egocentrismo, la spregiudicatezza, l'ambizione dei suoi eroi ritraggono l'arrivismo dell'americano.

I suoi film principali si possono dividere in:

  • commedia: Fig leaves (1926), Paid to love (1927), A girl in every port (1928), 20th century (1934), Bringing up baby (1938), Ball of Fire (1942), A Song Is Born (1948), I Was a Male War Bride (1949), Monkey business (1952), Man's favourite sport (1964);
  • western: Barbary Coast (1935), Come and Get It (1936), Outlaw (1943), Red River (1948), Big Sky (1952), Rio Bravo (1959), El Dorado (1967), Rio Lobo (1970);
  • aviatorio: Air Circus (1928), Dawn Patrol (1930), Ceiling Zero (1936), Only Angels Have Wings (1939), Air Force (1943);
  • avventuroso: Today We Live (1933), Viva Villa (1934), To Have And Not To Have (1945), Hatari (1962);
  • bellico: Road to Glory (1936), Sergeant York (1941);
  • carcerario: The Criminal Code (1931);
  • gangster: Scarface (1932);
  • giallo: Big Sleep (1946);
  • musical: Gentlemen Prefer Blondes (1953);
  • sportivo: Crowd Roars (1932).

    2) Commedia e tragedia

    Tiger Shark (1932) is an amateurish tragedy set among fishermen, badly acted, badly scripted and badly directed.

    Portuguese fishermen earn their living in the dangerous seas of southern California. One of them, Mike, is lost at sea with his friend Pipes. They survive the sharks, Mike saves Pipes' life, but Mike loses an arm. Nonetheless, Mike resumes his fishing and soon becomes the top captain of the community, owner of a large boat. One day an old fisherman is killed by a shark. Mike has to bring the sad news to his daughter Quita (who, apparently, does nothing all day). Mike falls in love with the girl, feeds her, buys her flowers and eventually proposes. She is not in love with him, and confesses that she almost committed suicide for another man, but accepts. They get married and the captain resumes his fishing, while she waits for him at home. One day she tells Pipes that she still does not love Mike and, instead, she has fallen in love with him, Pipes. During the following fishing trip, Pipes is wounded. Taken back ashore, he is nursed by Quita. When he is ready to start working again, Quita asks to join the boat. Mike, still unsuspecting, is excited that she wants to be with him on the boat. Pipes wants none of Quita's love (although he does precious little to keep her away from him), but Quita is desperate. He lets her kiss him, and Mike catches them kissing. Mad, Mike throws Pipes overboard to the sharks. But then he himself falls into the water and the shark attack him. This time it is Pipes who has to rescue Mike from the sharks. Too late: Mike dies, but accepts the will of the sharks that Quita will belong to Pipes.

    L'esordio cinematografico di Hawks avviene all'insegna del divertimento: Fig leaves (anteprima dei litigi fra maschio e femmina, con una gag "storica" all'inizio quando i due coniugi vivono in una caverna preistorica dotata di tutti i comfort moderni, un'idea che Hanna e Barbera porteranno al successo con i loro fumetti: il giornale è una lastra di pietra che riporta la notizia dei dissapori fra Caino e Abele).

    Paid to Love (1927), commedia mitteleuropea alla Lubitsch ambientata in un piccolo reame dei Balcani con un principe da operetta misogino e finanziere americano diffidente, e A Girl in Every Port contiene già, in embrione, molti dei suoi temi favoriti: l'amicizia virile (due marinai attaccabrighe al porto), la comicità dei protagonisti, la misoginia (una bella Louise Brooks semina zizzania fra i due). Subito dopo, con l'avvento del sonoro, il regista scopre la miniera rappresentata dai film aviatori: la magica seduzione della macchina volante, del rischio eroico, dell'avventura movimentata, dei grandi spazi, era già stata sperimentata da Wellman l'anno prima in Wings; ma Hawks, pur badando agli effetti spettacolari (duelli aerei, bombardamenti, esplosioni), punta tutto sull'amicizia,: i due piloti di Dawn Patrol sono votati all'auto-distruzione (quando quello dei due che ha subito un torto dall'altro si offre per una missione suicida, l'altro lo fa ubriacare e parte al suo posto) in una specie di sacrificio continuo che sembra necessario per tenere alto quell'ideale; il melodramma fa da sfondo a una clamorosa prova di eroismo collettivo.

    The Criminal Code (1931), based on a play by Martin Flavin, is a rather mediocre prison movie that fails to transpose Hawks' action skills to the claustrophobic world of the penitentiary. The characters are barely sketched and the love melodrama is a bit ridiculous.

    The cops are playing cards when the call comes in that a man has been murdered in a restaurant bar. The cops arrest Robert, the young man who committed the crime, and also take in the girl who was with him. The district attorney interviews the girl. She turns out to be an experienced and loose girl. She says that she just met the boy and, pressed, admits that it was her idea to take him to that bar and to drink alcohol. They danced until the victim assaulted and insulted her. The kid reacted grabbing a bottle and hitting him. Then the district attorney interviews the kid, who tells how he is a fresh immigrant, unfamiliar with the city. The district attorney has no mercy and charges him with murder. Robert gets sentenced to ten years in prison.
    He spends six years in a small jail that he shares with two other convicts. One is an old man who has a plan to escape. The other one, Ned (Boris Karloff), did try to escape but was caught because someone squealed and is just waiting for his chance to take revenge. One day Robert receives a telegram that his mother has died. He is devastated.
    Days later a new warden is appointed: it's the old district attorney. He and his sweet daughter Mary are welcomed by the convicts with a massive verbal protest. The warden coldly lights a cigar and walks through them. The convicts slowly stop shouting.
    Robert is collapsing psychologically. The doctor of the prison tells the warden about the case of this young man, who does not behave like the typical criminal, and who is breaking down. The warden calls Robert and recognizes him. Feeling guilty that Robert has been reduced to a vegetable, the warden hires him as his personal chaffeur. The young boy has a chance to meet Mary, whose good heart performs a miracle on him.
    The old buddy of Robert's cell tries to escape and is shot dead because a fellow prisoner squeals. This is good for the warden's career. The warden has is beard shaved by an inmate, who recounts how it was the warden himself who sent him to jail for life: the inmate had cut the throat of a man.
    Ned warns Robert that the squealer is going to be killed. Ned has a plan and wants to make sure Robert does not get involved.
    Robert tells Mary about his Mary. Mary tells him that her father is trying to get him released on parole. Robert replies that he doesn't really want to leave now that she is his friend.
    Ned, hired as the butler of the warden's wife, concocts a prison uprising to distract warden and guards, so that he can quietly kill the squealer, protected by the alibi that he was in the room with the warden's wife. Alas, Robert happens to be in the warden's quarter too when the warden returns. The warden knows that Robert is not the murderer, but Robert refuses to tell him who did it. The warden in vain pressures Robert to squeal on his partner, and even promises immediate freedom. Robert prefers the risk of being convicted of the murder. The warden is determinded to get his confession, and seems motivated by sincere affection: he wants to avoid that Robert be convicted of a crime he did not commit. As a last resort, he has Robert locked in the "hole", a feared dungeon. The warden needs to find the killer in order to protect his own career: the newspapers are already murmuring.
    When Mary finds out what is happening, she begs her father to release Robert, confessing her love for him. However, Ned has decided to achieve the same goal with other means: he has insulted a guard in order to be arrested and thrown in the same dungeon, and then used a gun to help Robert escape. He is now surrounded by the guards, and Robert doesn't even have the strength to walk. The warden talks Ned into surrendering. Ned drops the gun but hides a knife. Ned has always said that he was waiting for the moment to take his revenge on the inmate who had squealed on him twelve years earlier. It turns out that inmate is the warden's most trusted guard. Ned cuts his throat in front of everybody. Then the guards shoot him dead.
    Robert, released, can hug his Mary.

    3)Scarface

    Il clima perverso di Scarface esula alquanto dalla sana morale che sottende sempre i film di Hawks; il gangster-film rappresentava comunque uno sbocco ideale per un regista specializzato in battaglie, distruzioni, azioni mozzafiato. Scarface, un gangster di origine italiana, elimina il capo per conto di una banda rivale e diventa braccio destro del capo di questa; il giovane condiziona le azioni del boss, spingendolo a combattere un'altra banda; e si guadagna allori sul campo, eliminando di persona anche questi; la sua presenza diventa una minaccia per il suo capo, al quale sta cercando anche di rubare la ragazza; al momento opportuno fa fuori anche lui e diventa l'imperatore di Chicago; ma è anche morbosamente attaccato alla sorella, alla quale non permette di frequentare uomimi: quando scopre una tresca fra lei e il suo uomo più fidato, non esita ad ucciderlo: non gli lascia neppure il tempo di dire che si sono regolarmente sposati; circondati dalla polizia, Scarface e la giovane, che ha giurato di fargliela pagare si difendono fino all'ultimo: la ragazza gli rimane al fianco e muore con lui, nonostante l'abbia tiranneggiata per anni e le abbia appena ammazzato il marito.

    Ancora un volta Hawks fa convivere i cliché del genere (i mitra, le auto, le pupe, l'italiano) con caratteri atipici (la megalomania e l'erotismo incestuoso di Scarface, la corte di corrotti e di abietti che lo circonda principe machiavellico in un Rinascimento trasportato a Chicago negl i anni venti); la violenza sovente gratuita dell'azione si riflette sullo stile di ripresa e di montaggio; ma nonostante il tono tragico, il film contiene anche delle gag da commedia (il gangster al telefono mentre infuria la sparatoria s'infuria perché non sente nulla). Il pilota di Crowds roar, cinico e coraggioso, segue la stessa parabola in un mondo sportivo che è quasi altrettanto violento e crudele: il denaro, le donne volgari , la coscienza sporca. L'alter ego di Scarface è Pancho Villa, il generale dei contadini messicani che dopo aver vinto la rivoluzione fa ritorno umilmente nella sua hacienda e viene assassinato da un amico; anche lui è di umili origini e diventa celebre grazie alle sue imprese, ma la sua vita è regolata da princìpi sani; si ripete anche qui il motivo del tradimento dll'amicizia.

    4) Bringing up baby

    Con Twentieth Century (1934) Hawks aveva rivoluzionato la commedia brillante di Hollywood: la trama esile, il dialogo spigliato, le gag frenetiche, la comicità dei due protagonisti (due testardi che si vogliono sopraffare a vicenda), derivavano dagli antesignani del genere (Lubitsch) e dalle comiche sonore. Due temi prediletti di Hawks, la misoginia (alla fine vince lui) e il tradimento dell'amicizia, si spingono anche in queste lande.

    Un impresario tirannico (Oscar) e` determinato a trasformare un'attrice sconosciuta (Lily) in una star del teatro. Da inetta principiante Lily diventa cosi` una smaliziata interprete. I due si sposano, ma dopo tre anni Lily si stanca della sua possessiva gelosia. Alla prima occasione, prende il treno per Hollywood. Oscar e` devastato dalla notizia. Lily ha successo a Hollywood e diventa ancor piu` famosa (e ancor piu` capricciosa). Oscar fallisce una commedia dopo l'altra. Alla fine Oscar deve scappare per evitare i creditori e prende un treno accompagnato dai due fidi collaboratori. Sul treno viaggia un matto che appiccica dappertutto stickers sulla fine imminente, invano ricercato dagli addetti del treno. A una stazione sale sul treno Lily, con il suo nuovo beau, George. Oscar comincia subito a sognare di farla di nuovo sua e di allestire una nuova commedia. Riesce facilmente a rovinare il suo fidanzamento con Oscar, mentre uno dei suoi collaboratori incontra il matto che lo convince di essere un milionario pronto a investire in commedie. Oscar, convinto di aver il finanziamento, convince Lily a tornare con lui e lei quasi firma il contratto. Quando si scopre il misfatto, Lily va su tutte le furie e Oscar si dispera. Ma Oscar finge di essere stato ferito a morte dal matto e supplica Lily di firmare il contratto. Lily firma in lacrime ed e` cosi` costretta a tornare sulle scene con lui. E naturalmente in teatro riprendono a litigare come sempre.

    Barbary Coast (1935) is a minor western.,

    Louis (Edward Robinson) is the wealthy man and owner of the casino who de-facto controls the city during the gold rush. A girl, Mary, arrives by boat to marry her fiance, who has become rich by finding gold, but the man has been killed and his fortune has been stolen by others. She becomes Louis' girl but then falls in love with a gold prospector, Jim.

    Il capolavoro comico di Hawks, Bringing up Baby (1938), sceneggiato da Dudly Nichols, corre su quei binari, ma con in aggiunta un canovaccio da commedia degli equivoci e un ritmo vertiginoso. Katherine Hepburn è una miliardaria capricciosa, viziata e prepotente: possiede un cagnolino e un leopardo e, quando conosce per caso il timido riservato paleontologo Cary Grant, decide di impossessarsi anche di lui; il quale scienziato però è tutto preso dal suo lavoro, che consiste nel ricostruire con infinita pazienza e dedizione lo scheletro di un brontosauro; l'esuberanza e la spregiudicatezza della ragazza turbano la sua dignità e mettono in serio pericolo l'impresa: al ristorante scoppia il putiferio per un disguido di borsette e devono uscire una dietro l'altro per uno strappo al vestito del professore, al museo il cagnolino ruba un osso, in casa di lei lui viene sorpreso dalla zia in abiti femminili perchè lei ha mandato i suoi in lavanderia, etc. Gli equivoci si susseguono senza fine e la caccia spietata della Hepburn si trasforma in un calvario di umiliazioni per il malcapitato uomo di scienza; naturalmente tra un litigio e l'altro prende piede l'amore, e alla fine, restituita al maschio l'autorità che gli spetta, ha luogo l'inevitabile matrimonio. Il film è puro divertissment, ma di alta classe: la densità di gag (per lo più equivoci) è quella di una comica muta, e la loro riuscita dipende in gran parte dalla perfetta caratterizzazione dei due protagonisti. Dal punto di vista spettacolare questo turbillar esilirante non ha nulla da invidiare alle battaglie aeree di Dawn Patrol

    Grant è un serioso scienziato del locale museo di storia naturale , che negli ultimi quattro anni ha lavorato assiduamente alla ricostruzione di uno scheletro di brontosauro, assistito dalla non meno pedante fidanzata. Proprio la vigilia del loro matrimonio giunge il telegramma che annuncia che l'ultimo osso mancante è stato trovato. I due esultano, ma ora si pone il problema di ottenere fondi da una ricca mecenate, e per farlo Grant deve frequentare il suo avvocato. Perciò va a giocare a golf con lui. Ma durante la partita incappa in una ragazza tanto vivace quanto maldestra, viziata, capricciosa e presuntuosa, la quale in pochi minuti riesce a rubargli la palla, rovinargli l'auto e rapirlo.
    La sera al ristorante, mentre aspetta l'avvocato per riabilitarsi, scivola su un'oliva lasciata cadere dalla ragazza. Per colmo di vanità, lei si convince che lui le stia dietro. Riesce a metterlo in un guaio affidandogli una borsetta che in realtà non è la sua, e che lui fedelmente rifiuta di restituire a quella che è in realtà la legittima proprietaria. Poi gli strappa il frac e, davanti alla sua secondo lei ingiustificata ora, se ne va di scatto lacerandosi a sua volta la gonna ma senza avvedersene. Grant le mette cavallerescamente il cappello sul sedere perchè nessuno se ne accorga, ma lei interpreta in altro modo quel gesto, e alle insistenze dell'uomo, che sembra braccarla come un ossesso e in realtà non fa che proteggerla, cerca in ogni modo di liberarsene; finchè capisce la situazione e, terrorizzata, gli chiede di aiutarla ad uscire: escono l'uno dietro l'altra, praticamente appiccicati, sotto lo sguardo scandalizzato dell'avvocato. Quell'episodio la fa innamorare. Senza rivelare nulla comincia un sistematico sabotaggio dei suoi piani di matrimonio, facendogli perdere tempo e facendogli fare un'altra figuraccia davanti all'avvocato (va a svegliarlo nel cuore della notte tirando sassi alla sua finistra finchè lui si affaccia e viene colpito da una pietra in pieno viso).
    Il giorno dopo Grant riceve il prezioso osso, ma la giornata gli viene guastata da una telefonata della ragazza che vuole farsi perdonare regalandogli un cucciolo di leopardo. Siccome lui non vuole più saperne di lei, lei finge di essere attaccata dalla belva in modo che lui deve precipitarsi nel suo appartamento per soccorrerla. Indignato per l'inganno, vorrebbe semplicemente andarsene, ma lei non si arrende e gli mette alle costole il leopardo. Grant è costretto ad accettare di accompagnarla a casa di sua zia, dove l'animale potrà essere richiuso in una stalla.
    Il viaggio in auto è costellato da un incidente (urtano un carro di polli) e dal furto di un'altra auto (onde evitare che lo sceriffo lo arresti per aver posteggiato davanti ad un idrante), il tutto con la massima naturalezza da parte di lei e con la massima paura da parte di lui. Arrivati a casa della zia, lei approfitta del momento in cui lui sta facendo la doccia e manda i suoi vestiti in lavanderia (deliberatamente per fargli perdere altro tempo). Grant in vestaglia scandalizza la zia , e scopre con terrore che si tratta proprio della ricca mecenate. Il cane gli ruba l'osso e va a nasconderlo da qualche parte. Vestito da fantino, ma scalzo, lo rincorre nel prato, invano scavando un buco in ogni punto in cui la bestia si ferma. A cena è invitato anche un esploratore a cui Hepburne presenta Grant come un appassionato di caccia grossa; durante tutta la cena l'uomo continua a raccontare le sue imprese cercando invano di coinvolgere Grant, tutto assorto a tenere d'occhio il cane e a seguirlo dovunque questi vada.
    Per di più il giardiniere apre la porta della stalla e il leopardo scappa. Se ne accorgono perchè sentono il suo verso mentre l'esploratore cerca d'imitarlo.
    Così, mentre Grant e Hepburn cercano il cane al buio nel bosco, la belva terrorizza la casa e i suoi ancora ignari abitanti. Dopo un po' di ricerche Grant e la Hepburn (sporchi e laceri, finiti in un burrone e ...? fiume), liberano il leopardo del circo che un furgone sta trasportando pensando che sia il loro e poi perdono anche questo. Hepburn, trattata male da un Grant ormai furibondo con lei, si mette a piangere e si fa coccolare, e continuano le ricerche insieme. Uno dopo l'altro finiscono però tutti in prigione: lei creduta pazza dai vicini perché sostiene che c'è un leopardo sul loro tetto, lui scambiato per un ladro dallo sceriffo che lo vede curiosare, poi il giardiniere, e infine persino la zia e l'esploratore, rei di aver sostenuto l'identità della giovane. Cercando di spiegare la situazione riescono soltanto a convincere lo sceriffo di volerlo prendere in giro con quella storia di un leopardo. Hepburn allora finge di essere una delinquente incallita e confessa tutto su una fantomatica "banda del leopardo". Mentre i poliziotti sono alle prese con il verbale lei riesce così a scappare. Poco dopo arrivano comumque l'avvocato e la fidanzata a liberare gli altri. E con loro arrivano il cane e il leopardo cucciolo, e gli uomini del circo a denunciare la scomparsa dell'altro leopardo. Grant non fa in tempo a rendersi conto che Hepburn sta dando la caccia a una belva pericolosa convinta che si tratti di un cucciolo innocuo che se la vede arrivare trascinando l'animale al guinzaglio. Tutti cercano rifugio nelle celle della prigione eccetto Grant, che fronteggia coraggiosamente il leopardo e lo sospinge con una sedia in un'altra cella.
    Il giorno dopo nel suo museo la fidanzata lo pianta e subito dopo irrompe Hepburn con l'osso mancante. Grant si rifugia in cima al brontosauro, ma lei lo insegue salendo in cima a una scala. Lassù finiscono per dichiararsi il loro reciproco amore e Hepburn chiude il film con l'ultima catastrofe, distruggendo lo scheletro.
    Gag strepitose a ritmo forsennato, con Hepburn capolavoro.
    il leopardo addomesticato, ordinato dal Brasile dalla zia, si chiama Baby
    al ricevimento lei squarcia inavvertitamente il suo frac. Chiede invano perdono. Lui la prega di scomparire. Quando finalmente si decide a tornare in sala, lui squarcia inavvertitamente il suo vestito. Ma lei non se ne rende conto e continua a camminare e non da` tempo a lui, che continua a correrle dietro per coprirle il di dietro, di spiegarle l'accaduto. Quando finalmente capisce di essere mezza nuda, lasciano insieme il ricevimento.
    L'austero scienziato e la scatenata ragazzina vagano per i boschi seguono il cagnolino e, ogni volta che questi si ferma, scavano sperando che si tratti del luogo in cui ha nascosto l'osso. Disseppelliscono ogni sorta di oggetti, ma non l'osso. In compenso cadono, si sporcano, finiscono in acqua.
    La zia li sorprende che scorrazzano per i boschi scavando buchi e inseguendo il cagnolino George.
    Alla cena con l'intrepido esploratore David viene presentato come un Mr Bone. Per tutta la cena David tiene gli occhi sul cane e, non appena questi lascia la sala, lo segue senza tradire la minima emozione, ma determinato a non perderlo di vista. Naturalmente i commensali pensano che sia pazzo. Intanto l'esploratore vanta le proprie avventure nei paesi esotici. Il guardiano della proprieta` libera inavvertitamente il leopardo. Si ode il suo verso, che l'esploratore rifiuta di riconoscere come quello di un leopardo, ma che Susan e David riconoscono subito essere quello di Baby. Susan e David adesso devono anche dare la caccia a Baby. Susan suggerisce a David di avvertire lo zoo, che mandino qualcuno ad aiutarli. Invece Baby spunta di fronte alla zia e all'esploratore, che fuggono terrorizzati. L'esploratore e il guardiano si mettono a caccia armati di fucile, mentre David e Susan stanno di nuovo vagando per i boschi.
    Susan e David finiscono per incontrare un camion dello zoo che sta trasportando al macello un pericoloso leopardo, reo di aver appena massacrato un uomo. Convinti che si tratti degli uomini dello zoo e che abbiano catturato il loro Baby, Susan e David lo fanno fuggire. Quando incontrano l'esploratore lo convincono a non sparare al leopardo. Ma quando l'esploratore si trova di fronte al leopardo, si rende conto che e` tutt'altro che addomesticato e deve scappare ingloriosamente.
    Inseguendo il leopardo in paese, David e Susan finiscono nei guai. La polizia viene avvertita ed entrambi finiscono in prigione. Mentre stanno tentando di convincere lo sceriffo che stavano davvero dando la caccia a un leopardo, arriva la zia alla ricerca della nipote. Lo sceriffo, che ha appena telefonato alla villa ed e` stato tranquillizzato dalla serva ignara, mette dentro anche lei. Poi arrivano l'esploratore e il guardiano, anch'essi a caccia di leopardi, e anche loro vengono chiusi dietro le sbarre. L'equivoco si ingigantisce invece che risolversi. Susan, allora, escogita un espediente: confessa di essere parte di una gang. Lo sceriffo apre la cella per raccogliere la sua confessione e, appena le si presenta l'occasione, Susan s'invola da una finestra, decisa prima di tutto a ritrovare Baby.
    Arrivano l'avvocato della zia e la fidanzata di David. Lo sceriffo capisce finalmente di aver commesso un errore e libera tutti. In quel momento arrivano anche i due uomini dello zoo, alla ricerca del loro leopardo. Lo sceriffo sta per esplodere nell'udire per l'ennesima volta la parola "leopardo", ma proprio in quel momento un leopardo entra nell'edificio. Tutti sono terrorizzati, ma David riconosce subito Baby e li tranquillizza. Gli uomini dello zoo spiegano pero` che non si tratta del loro leopardo e che il loro e` una belva feroce. David si rende conto che Susan, ignara, sta dando la caccia alla belva. Non e` il caso di preoccuparsi troppo, pero`: nel giro di pochi minuti arriva Susan, trascinando al guinzaglio la feroce belva. Quando pero` Susan si rende conto dell'errore, tutti vengono colti dal panico e si rinchiudono nelle celle. Susan si fa scudo di David, che affronta il leopardo con una sedia e lo spinge dentro un'altra cella.
    La fidanzata va al museo a dirgli addio, disgustata. Subito dopo arriva Susan, trafelata e incontenibile come sempre: ha ritrovato l'osso ed e` venuta a restituirglielo. Lui, terrorizzato al solo vederla, si arrampica sullo scheletro di dinosauro. Lei, inarrestabile, si arrampica su una scala per parlargli. Lui le confessa di aver trascorso le piu` belle ore della sua vita e di essersi innamorato di lei. Lei, emozionata, scuote la scala e frana sullo scheletro, che a sua volta si disintegra al suolo.

    5-Only angels have wings

    I film di guerra di Hawks rimangono comunque la miglior esemplificazione del suo violento stile di regia.

    The road to glory nacque all'insegna dell'antimilitarismo alla All Quiet On The Western Front; durante la Grande Guerra un pugno di giovanissimi francesi riceve l'ordine di difendere la postazione anche se i tedeschi stanno disseminando la zona di mine, un tenente si sacrifica in battaglia per non ostacolare l'amore fra un'infermiera e un capitano cieco. Attraverso Ceiling zero (Cagney nella parte di un aviatore spaccone che si ravvede dopo aver causato la morte di un amico e per amore di una donna).

    Only angels have wings '39, traspone l'aeronautica militare in campo civile: nell'America del Sud un gruppo di piloti, che ha fondato una piccola compagnia aerea, si trova nei guai per una serie di incidenti, mentre fra due coppie sboccia l'amore; il film d'aviazione si sublima di più qui, fra i picchi delle Ande, che non nelle battaglie della informazione; ogni pilota è un eroe nel momento stesso in cui sfida la macchina e la natura, ma è sempre un uomo che deve districarsi da un groviglio di sentimenti; alla donna è riservata come sempre la parte della guastafeste.

    Only Angels Have Wings (1939) is an exotic noir and melodrama.

    A team of daredevil flyers led by the cynical Geoff (Cary Grant) have a dangerous job delivering mail in the Andes. Two of them accidentally meet a lonely American tourist (and former showgirl), Bonnie Lee, who also happens to be a gorgeous blonde. But one of them does not have time to celebrate: sent on a dangerous mission, he crashes upon landing and dies. Geoff treats his death as something that happens in their business. He hardly discusses the accident with his business partner, Dutchy, the owner of the saloon: they are trying to get rich in a tough environment, and one death is only a bump in the road. Bonnie Lee is disgusted by Geoff's attitude but minutes later she surrenders to it and starts singing for the boys at the saloon. Geoff and Bonnie Lee both have a past and they quickly come to like each other. But just when she accepts to accompany him to his room a new job surfaces, and this time Geoff decides to take care of it personally. Bonnie Lee does not leave as she was supposed to, but waits for Geoff to return, only to be treated coldly by her hero. Nonetheless she decides to stay. A new flyer arrives, Bat, who is soon recognized as a despicable character who once caused the death of one of them. He is accompanied by his gorgeous wife, Judy, who seems to know Geoff. Geoff is willing to give Bat a chance to rehabilitate himself: a dangerous mission to take a doctor to an injured child. While her husband is risking his life, Judy visits Geoff and reveals that they were once married: she is the woman who made Geoff so wary of women. Bonnie Lee senses the intimacy between the two and does not hide her jealousy. Geoff gives Bat another dangerous assignment, to transport a load of nitroglycerin, and Bat again does well. Bat has conquered the trust of his fellow flyers, but lost the love of his wife, who is clearly regretting that she divorced Geoff. But Bonnie Lee gets aggressive and finally conquers Geoff in his room. Minutes later Geoff is at it again: another "mission impossible", that even Dutchy discourages him to go. Geoff cannot be stopped, though, both because of pride and because of money. But Bonnie Lee, who is now a regular weak whining woman in love (the kind Geoff hated all his life) cannot stand it and threatens him with a gun. The gun goes off accidentally and wounds Geoff. Bat volunteers to take his job and venture onto a third deadly mission in a row, plus his partner is going to be the brother of the pilot he is accused of letting die and also happens to be Geoff's best friend. The plane crashes but this time Bat risks his life to save his partner's. He doesn't succeed, but gains the respect of the flyers. Showing feelings for the first time ever, Goeff cries the death of his friend, who left him only one gift: a coin with two heads (a win-win coin). Finally, the last mission comes: if this one succeeds, Dutchy and Geoff will get their financial reward. Despite the wound, Geoff decides to go. Bonnie Lee tells him that she is ready to leave and waits for Geoff to beg her to stay. Geoff is to proud to beg. Instead he offers to flip the coin of the friend who just died. Bonnie Lee is offended. Geoff says goodbye and takes off. But then Bonnie Lee takes a look at the coin and realizes that it has two heads: it was Geoff's way to get her to stay without admitting that he wanted her to stay. She smiles and runs off to wave at the plane that is taking off.

    Ancora alla prima guerra mondiale si rifà Sergeant York (1941), la biografia dell'eroe di guerra Alvin York, una commedia spiritosa che serve anche da film di propaganda.

    Alvin e` un contadino beone del sud rurale, che la madre e il pastore tentano invano di redimere. Innamoratosi di una ragazza, decide di acquistare un pezzo di terra. Non trova pero` il denaro in tempo e invano si iscrive a una gara di tiro a segno e vince il primo premio: l'aguzzino a cui deve i soldi ha gia` venduto la sua terra. Un giorno e` sulla via per vendicarsi dell'uomo che lo ha truffato ma viene fermato da un colpo di fulmine che quasi lo ammazza. Si converte e la lettura ossessiva della Bibbia lo convince che nessuno ha diritto di uccidere un altro essere umano. Viene arruolato di forza, nonostante le sue professioni di pacifismo. Saluta la fidanzata e parte per l'Europa. Al fronte, legge un libro sugli USA e capisce che bisogna difendere la liberta`.
    La sua mira infallibile, le sue conoscenze sulla caccia al tacchino e un po' di furbizia consentono ad Alvin di sgominare un intero battaglione di prigionieri (che poi deve trascinarsi dietro fino alle retrovie).

    Dopo questo film di propaganda (con molta parodia però del militarismo e della credulonità dello yankee, sempre succube di qualche fanatica esagerazione e capace di passare con disinvoltura da un estremo all'altro), che in fondo e` una commedia bonaria e idealista alla Frank Capra, il talento di Hawks venne ancora sfruttato in funzione celebrativa per Air Force, che è centrato su un altro microcosmo, quello dell'equipaggio di un bombandiere, all'indomani di Pearl Harbour; la loro odissea attraverso una civiltà in rovina, perseguitati dai giapponesi come da uno onnipresente spirito malvagio, sembra dover terminare quando l'aereo viene gravemente colpito dall'aviazione nemica; nonostante l'atterraggio di fortuna riesca, il comando ordina la distruzione dell'aereo, ma l'equipaggio si ribella e decide di ripararlo alla belle meglio con quanto si può salvare dalle macerie. I membri di questa comunità sono tutt'altro che in armonia, ciascuno ha una sua mentalità e un suo problema da risolvere; ma tutte queste personalità contorte, come quelle di Only Angels Have wings trovano uno scopo comune che riescono a raggiungere con la solidarietà.

    6-The Big Sleep

    Dopo la guerra Hawks torna al genere criminale con The Big Sleep '46, un film che (come Scarface a suo tempo) sovverte molte regole del genere. A differenza dei gialli "neri" che Hollywood sforna in quell'epoca, The Big Sleep non possiede una trama solida e lineare, e all'apparenza sembra un film raffazzonato, con quel labirintico e casuale dipanarsi della vicenda. Hawks sfrutta poi appieno il soggetto, incupendolo fino al punto di tentare l'affresco espressionista di una società malata, i cui membri sono o criminali o esseri attanagliati da spaventosi crisi esistenziali: lo squallore e la solitudine della vita metropolitana fermano l'etere in cui galleggiano i personaggi; Hawks descrive con crudo realismo la cappa minacciosa che li sovrasta.

    Protagonista è il detective privato Philip Marlowe, interpretato da Humphrey Bogart, il personaggio reso celebre dai gialli di Chandler; un miliardario costretto su una sedia a rotelle, padre di due figlie dissolute, la più piccola lolita esibizionista, la più grande Bacall lo assume per scoprire che fine ha fatto il suo pupillo; Bogart segue una traccia molto confusa, che lo porta a imbattersi in una feccia eterogenea il cui epicentro è un'ambigua libreria, mentre piantona una villa sente uno sparo e scopre il cadavere di uno dei due padroni dove giace ubriaca e drogata la lolita e una camera prova che tutto è stato fotografato per ricattarla; poco dopo l'autista del miliardario rimane vittima di un apparente incidente automobilistico; mentre tenta di farsi largo fra gli indizi, Bogart si innamora dell'altra ragazza (Bacall); poco a poco scopre che al principio di tutto ci sono i debiti di gioco della Bacall, che il padrone della libreria la ricatta, che questi ricattava anche lo scomparso e

    VEDI CULTMOVIE

    l'ha ucciso per gelosia quando si è accorto di una sua tresca con la moglie, che l'autista è stato assassinato perchè sapeva. Ma proprio allora qualcuno fredda il duplice assassino sotto i suoi occhi. Ma durante lo svolgimento della matassa si svolgono altri fatti più o meno enigmatici, centrati sulle tre figure più tetre, il gangster che ha soggiogato la ragazza, il libraio ricattatore, e l'uomo che pedina Bogart, che alla fine muoiono; e di fatto in fatto Bogart, cinico e duro, disincantato segugio, penetra nel mondo depravato dell'alta borghesia di Los Angeles: il miliardario invalido è un omosessuale, e il ricattatore è un pornomane, e fra questi due poli si muovono ninfomani, drogati e killer, in un gioco crudele dell'auto e altrui distruzione che sembra avere quale unico fine la degenerazione totale. La città notturna è una minaccia vivente: inseguimenti, pestaggi, sesso sporco. Il giallo classico (fondato sull'iterazione del mistero e sulla risoluzione del mistero, sulla suspence dell'ignoto e sul chiarimento dell'ignoto) è contaminato da un malessere che accomuna bassifondi e borghesia, nobilitato infine dall'anti-eroe trionfante e dall'anti- eroina che lo fiancheggia, entrambi tutt'altro che vergini di peccato. Nel tramutare del gangster film in film giallo o nero si perdono alcune coordinate, se ne conservano altre (le sparatorie, le pupe, le auto) e ne sorgono di nuove (la psicologia del protagonista, l'alienazione della metropoli. Il tono "comico" di Hawks si riconosce nel complicare ad oltranza l'intreccio (trucco scontato delle commedie leggere) e nelle argute schermaglie amorose fra Bogart e la Bacall. Misoginia e cameratismo improntano come al solito i rapporti fra i due anti-eroi. A tanta sceneggiatura collaborò Faulkner? in persona.

    His Girl Friday (1940) E' una versione di Front Page di Ben Hecht

    Il reporter della commedia di Hecht è una donna, ed è la moglie del direttore del giornale; sono divorziati e lei sta per sposare un altro uomo, un mediocre e anonimo uomo di affari. Sia per evitare che lei si sposi sia per evitare che lasci il giornale lui (Grant) la stuzzica con un nuovo clamoroso caso: l'intervista esclusiva a un pericoloso criminale condannato a morte. Lei, incapace di resistere all'istinto del giornalista, accetta questo ultimo caso e chiede al fidanzato di aspettare. Grant fa di tutto per screditare il fidanzato e per far fallire il loro fidanzamento, approfittando del fatto che lei viene assorbita dalle indagini e travolta dagli eventi.
    La reporter va a trovare il condannato in carcere e scopre che si tratta di un brav'uomo, onesto, timido e ingenuo. Viceversa gli altri giornalisti acquartierati presso il tribunale sono un mucchio di cinici ed egoisti abbrutiti dal loro mestiere, sordi alle suppliche strazianti della ragazza del condannato. Sono proprio loro ad averne fatto un mostro da prima pagina. Quando il condannato evade, è proprio la reporter a trovarlo. Pensa subito a nasconderlo, per evitare che gli altri reporter le rubino l'esclusiva/lo scoop. L'unica ad esserne messa da parte è l'innamorata. Il condannato viene nascosto nella scrivania della sala stampa. Per evitare che lo scoprano, l'innamorata si getta dalla finestra. Mentre tutti sono distratti dal nuovo fatto, arriva Grant e insieme lui e la ex moglie difendono lo scoop. Invano il fidanzato cerca di far rinsavire la reporter, che è come drogata dallo scoop. La polizia finisce però per scoprire l'evaso nella scrivania e il loro scoop sfuma. Nel frattempo però Grant è riuscito a rovinare il fidanzamento della ex moglie, facendo arrestare due volte il promesso.
    7-I Was a Male War Bride

    Anche durante la guerra e nell'immediato dopoguerra Hawks non smette di sfornare screwball comedie frizzanti e ottimiste, come Ball Of Fire (1942), demenziale screwball comedy, con Gary Cooper nella parte di un pedante che per redarre la parte slang di un'enciclopedia si infiltra negli ambienti del varietà e viene circuito da un'attricetta,

    Eight distinguished scholars are working on an encyclopedia, funded by a deceased inventor of the electric toaster. His daughter is a bitter spinster who shows no sympathy for her father's vanity but is charmed by the manners of the youngest professor, the handsome Bertram (Gary Cooper). The professors are still three years away from finishing, and hardly in a hurry. When a garbage man comes to ask a simple question, Bertram realizes that the erudite professors can't understand a word of what he's saying: they don't know anything about modern slang. Thus Bertram decides to go on a quest outside the building where they have been trapped for years. He ventures in the streets and takes notes of any expression that he hears ordinary people utter. Fascinated by the slang used by a sexy night-club singer, "Sugarpuss", Bertram asks for her collaboration. She is being warned by two gangsters that the police is investigating her boyfriend Joe (the gangster's boss) for a murder and that she should avoid testifying. She almost thinks that Bertram is with the police but, realizing that he is just a foolish scholar, she kicks him out and then flees before the police arrive. The gangsters are looking for a place to hide her while the investigation goes on, and they realize that Bertram's secluded building makes for the perfect hideout. Thus Sugarpuss shows up unexpected at the encyclopedia headquarters. The professors are shocked and shy by the sexy manners and outfit, besides the vulgar language, of the singer. She is given a room and treated like a lady, while the police desperately searches the city for her. Unfortunately, she is destabilizing factor for the professors and Bertram asks her to leave. Now she is the one who doesn't want to leave. So she pretends to be in love with Bertram and seduces him. When Joe the mobster calls to check on Sugarpuss pretending to be her father, Bertram asks him for her hand over the phone. Joe realizes that this is a perfect opportunity to smuggle the girl out of town: let Bertram, a professor above any suspicion, to drive her out of town under the nose of the police. Bertram is even too happy to be invited by what he believes to be his future father in law. The old maid who takes care of the professors, and who always disliked the singer, finds out the truth from the newspaper but Sugarpuss hits her and takes off with her "fiance", accompanied by the other seven professors who do not want to miss the wedding. The gangsters show up at the hotel where they spend the night, and Bertram is rudely awakened from his dream: Sugarpuss is nothing but a scheming slut and the "daddy" is actually her man. Sugarpuss is actually truly in love for the first time in her life. The scandal ends up in the newspapers and the spinster decides to shut down the encyclopedia project. Worse: the gangsters break into the building and take the professors and the spinster hostage in order to convince Sugarpuss to marry Joe, since Sugarpuss now refuses to marry her old lover. But that convinces Bertram that Sugarpuss really loves him, and the professors help him defeat the gangsters and drive to the wedding chapel in time to prevent the wedding and arrest all the gangsters. which was remade as the terrible musical A Song Is Born (1948), featuring real-world musicians such as Tommy Dorsey, Louis Armstrong, Lionel Hampton, Mel Powell and Benny Goodman, Honey is a singer who hides in a musical research institute among distinguished professors, led by young and naive Hobart, who have decided to learn about modern popular music. e Monkey Business (1952). Cary Grant e` un compassato e orbo scienziato che ha appena inventato l'elisir della giovinnezza. Per una serie di disguidi causati da una scimmia, sua moglie e` la prima a sperimentarlo: regredisce al giorno della loro luna di miele, causando ogni sorta di disastri con il suo pudore, la sua litigiosita` e la sua frivolezza da sposina. Alla fine lo chiude fuori, lui precipita nella lavanderia e lei telefona all'avvocato e alla madre mettendoli in allarme che il loro matrimonio sia in crisi. Tornati al laboratorio, bevono il caffe` che e` contaminato con la pozione magica, e regrediscono all'eta` di dieci anni. Chiamati dal board of directors dell'organizzazione per rendere conto del fatto che la formula lasciata da Grant e` incompleta (non ha funzionato sul capo), si portano dietro la scimmia e creano il caos totale. Poi i due "bambini" litigano e lei ancora una volta telefona in giro mentre lui sta giocando agli indiani con i bambini del vicinato. Un piccino entra nella camera dove la moglie sta dormendo: quando lei si risveglia, smaltito l'effetto della formula, pensa che quel piccino sia suo marito, ancora sotto l'effetto della formula, e lo porta piangendo dal capo supplicando che inventino l'antidodo per riportarlo all'eta` adulta. Il capo e i collaboratori non possono aiutarla perche` Grant non ha mai rivelato quale sia l'ingrediente finale della formula. In realta` suo marito, aiutato dai bambini, ha appena catturato l'avvocato di famiglia e sta facendo la danza di guerra attorno all'albero a cui lo sventurato e` legato. Quando arriva la polizia, Grant scappa ed entra dalla finestra nel suo laboratorio, dove la moglie e i colleghi stanno ansiosamente aspettando che il bambino tramuti in lui adulto. Mentre aspettano, bevono anche loro, senza saperlo, la pozione, sempre per colpa dei pasticci combinati dalla scimmia. La moglie scopre il marito e il bambino addormentati insieme ed e` un po` confusa dal vederli tutti e due vivi allo stesso tempo. Nell'altra stanza e` scoppiato il caos perche` tutti i colleghi e il capo stesso sono regrediti all'adolescenza. L'unica che non e` soggetta agli effetti della pozione e` la bella segretaria, Marylin Monroe, che viene soggetta a ogni sorta di scherzi. E` una screwball comedy a ritmo scatenato, che si affida quasi del tutto al modo spassoso in cui gli attori si immedesimano nella parte di bambini.

    Il capolavoro di questo periodo è però I Was a Wale War Bride (1949), che riassume l'arte maliziosa del maestro, supremo intessitore di schermaglie amorose (provetto alchimista di seduzioni, languori, screzi, sentimentalismi, erotismi).

    Cary Grant e` un capitano francese che sta per andare in congedo. La sua ultima missione e` di rintracciare uno scienziato tedesco. Ad accompagnarlo e` una tenente dell'esercito americano con cui ha continui battibecchi (e con cui ha vanamente provato il suo fascino), una donna tenace e imperturbabile che si mette alla guida del suo sidecar, con Grant al posto del passeggero.
    Per Grant l'avventura si trasforma in un supplizio: prima rimane appeso alle sbarre di un passaggio a livello mentre tenta di scavalcarlo per prendere il rossetto sfuggito alla donna, poi rischia di precipitare nelle cascate del fiume su cui stanno traghettando la moto. Ogni sua disgrazia e` una delizia per la donna.
    Arrivano nel paese, sempre fra un battibecco e l'altro. Mentre lui viene arrestato in una retata al mercato nero, grazie anche al fatto che lei rifiuta di identificarlo, lei rintraccia lo scienziato e compie la missione. Quando lui esce dal carcere, e` furibondo. Sulla via del ritorno, lui non si accorge che i ragazzini di un paese mettono in moto il sidecar mentre lei e` scesa e finisce dentro un covone di fieno. L'incidente serve comunque a far capire ai due che si vogliono bene. Decidono cosi` di sposarsi.
    Devono aspettare diversi giorni prima di ottenere l'approvazione dei superiori. Quando finalmente il matrimonio viene celebrato, per la donna arriva l'ordine di trasferimento: si torna in America. Decidono di tornare insieme in America, ma non e` possibile ottenere un visto per lui nel giro di un giorno. L'unico modo e` di far passare lui per una "moglie di guerra". Viene incanalato con tutte le altre mogli di guerra, ma naturalmente gli viene proibito di dormire nei loro dormitori (e quindi passa la notte in bianco) e la marina gli nega l'imbarco sulla nave. Per ovviare all'inconveniente la moglie escogita uno stratagemma: lo traveste da donna e gli procura un'uniforme. Possono cosi' finalmente passare la prima notte insieme.
    Il successo del film e` in gran parte merito della sceneggiatura, fitta di colpi di scena. Le traversie di Grant sono ilari. Hawks mette Grant nei panni del clown che non sorride mai. Grant e` l'eterna vittima rassegnata al suo crudele destino, ma in fondo felice di esserlo.

    Gentlemen Prefer Blondes (1953) è l'unica commedia musicale di Hawks; la trama scontata (il figlio imbecille di un miliardario s'innamora della ballerina svampita Marylin Monroe a caccia di marito ricco, ma il genitore è talmente deciso a mandare a monte tutto che mette alle costole della bionda un detective privato, se non che questi finisce per innamorarsi della camerata della Monroe, inguaribilmente attratta dalla bellezza invece che dai soldi, provocando così due matrimoni invece che uno) è nobilitata dal solito tourbillon, e dal solito fine umorismo, un ottuso scienziato (Cooper) impegnato nella redazione di un vocabolario dello slang viene sedotto dalla entreineuse che usa come consulente e finisce persino per fare a pugni con un gangster.

    Dei tanti generi affrontati da Hawks, il principe di Hollywood, il western non lo attrasse fino all'età matura. Con Come And Get It (1936), potente e tragico affresco dell'era pionieristica, aveva lambito il genere: la storia di un ambizioso taglialegna che fa carriera per ritrovarsi poi rivale del figlio per una giovane, figlia dell'amante sedotta e abbandonata in gioventù.

    Red River(1948) inizia una rapida ascesa nell'Olimpo del western, che lo porterà in una decina d'anni a ridosso di Ford, riguadagnando con ampio margine il terreno perduto.

    John Wayne lascia la carovana di pionieri e la sua donna per avventurarsi verso Sud, alla ricerca di verdi pascoli. Lo accompagna l'amico fidato, alla guida del loro carro. Lungo la strada vengono attaccati dagli indiani. Li uccidono tutti, ma Wayne scopre che uno di loro ha al braccio il braccialetto della sua donna. Il giorno dopo incontrano un ragazzino, l'unico scampato al massacro della carovana e lo prendono con loro.
    Trovano una terra promettente e decidono di farne il loro ranch. Hanno appena marchiato la prima bestia che arrivano due sgherri del prepotente della zona, un messicano che pretende di dominare terre in un raggio di seicento chilometri. Rifiutano di andarsene e Wayne uccide uno degli sgherri quando mette mano alla pistola. Manda l'altro a dire al suo padrone che adesso le terre a nord del Rio Grande sono sue.
    Quattordici anni dopo i loro sogni si sono avverati: hanno il piu` grande ranch del Texas e migliaia di capi. Ma non ci sono clienti per il loro bestiame. Wayne, che ha dovuto proteggere la sua proprieta` da diversi attacchi, e` diventato un despota, ma e` poco abile come uomo d'affari. Il suo amico e` ormai un vecchio brontolone. Il ragazzino, appena tornato dalla guerra, e` invece diventato un uomo maturo e intelligente (Montgomery), con la stoffa del leader. Decidono che bisogna portare la mandria in Missouri, il posto piu' vicino dove troveranno clienti. Sono migliaia di chilometri, e nessuno ci ha mai provato, ma il giovane e` convinto che si possa fare.
    Si mettono in viaggio. Un allevatore vicino affida a Wayne anche la sua mandria. Il pistolero al suo servizio si offre di viaggiare con loro e Wayne lo assume, anche se ha attaccato briga subito con il suo giovane partner (Montgomery). I due giovani si sfidano al tiro contro un barattolo e finiscono alla pari: anche Montgomery e` diventato un provetto tiratore.
    La grande marcia e` costellata di traversie e tragedie, dallo "stampede" che causa danni enormi e un morto (Wayne tenta di frustare il colpevole e forse lo ucciderebbe anche se non intervenisse Montgomery) alla ribellione di tre uomini che vorrebbero puntare verso Abilene, dove c'e` la ferrovia, invece che continuare per la prateria (Wayne riesce a ucciderli grazie a un fucile lanciatogli dal vecchio brontolone e alle pistole dei due giovani, ma alla fine tutti gli fanno capire che la pensano come i tre ribelli).
    Il dissenso cova fra gli uomini, che non capiscono le sue decisioni. Ma Montgomery rifiuta di ascoltare quelli che tentano di sobillarlo contro il partner. Quando altri due uomini disertano, Wayne li fa inseguire e catturare. I due disertori gli gridano che e` un pazzo, lui li condanna all'impiccagione come dei ladri qualsiasi. Ma questa volta Montgomery non resiste e si oppone. Wayne fa per impugnare la pistola, ma gli altri uomini lo disarmano. Montgomery assume il comando e decide che si va verso Abilene. Anche il vecchio brontolone si schiera contro Wayne. Wayne se ne va da solo, ma non prima di aver giurato di uccidere Montgomery.
    Un giorno Montgomery e gli amici salvano una carovana di prostitute e avventurieri assediata dagli indiani. Una donna, tanto attraente quanto testarda e spregiudicata, si innamora di Montgomery, che la sdegna pero` come una sgualdrina. Montgomery le confessa di vivere nel terrore che Wayne gli compaia davanti da un momento all'altro. La donna incontra poi Wayne e lo supplica di cessare la sua caccia. Wayne le confessa che desidera una cosa piu` di ogni altra: un figlio. Lei si offre di dargli quel figlio in cambio della vita di Montgomery.
    Il viaggio termina trionfalmente ad Abilene, dopo tre mesi di avventure. La missione e` compiuta e l'affare si rivela persino migliore di quanto i mandriani avevano sperato. Wayne non ha pero` desistito e arriva ad Abilene il giorno dopo alla testa di un gruppo di uomini, per saldare i conti con quello che considera uno spregevole traditore. Irrompe fra la mandria. Il pistolero tenta invano di fermarlo, ma fa le spese della sua ira. Wayne incita Montgomery a sparargli, ma il ragazzo non si muove, rifiuta di colpire quello che considera un padre. Wayne gli spara intorno, gli fa saltare il cappello, lo prende a pugni, ma Montgomery non reagisce. Quando Wayne gli toglie la pistola, pero', trova la forza di reagire. Si scazzottano finche' la donna interviene, petulante e isterica, pistola in pugno. Cio` li fa rinsavire e ritornare amici. Wayne promette di dargli meta` del ranch.
    Il passo del film e` quello lento e maestoso delle grandi epopee. Il tema e` sempre quello della solidarieta` maschile. Gli amici intervengono al fianco del testardo e dittatoriale Wayne anche quando sanno che ha torto. Wayne diventa una sorta di Re Lear che se l'e` voluta.
    Troppe scene sono stereotipiche e alcune sono poco plausibili e raffazzonate (in particolare quella della donna). Banale e ridicolo, imbarazzante, il finale (una stretta di mano cancella tutti gli innocenti crudelmente uccisi dal pazzo megalomane). Ma il film riassume i temi e i miti del Far West come pochi altri western, e rappresenta in maniera quasi biblica l'anarchia di quel mondo arcaico.

    L'epica di Hawks sara` sempre un'epica spettacolare, che indugia sulle mandrie nella prateria, ma si differenzia dal western medio per la forte componente di individualismo e di introspezione psicologica.

    The Big Sky (1952) si muove lungo le stesse direttrici: un'impresa spettacolare (il primo viaggio fluviale lungo il Missouri per conto di una compagnia di pellicce) fa da sfondo alla complessa problematica di due bianchi innamorati di una pellerossa.

    Ai tempi dei pionieri Jim (Kirk Douglas) sta viaggiando sul suo carro attraverso i boschi quando gli sembra di vedere qualcosa fra gli alberi. Si avventura, ma cade e sta per essere morso da un serpente a sonagli quando un altro giovane, Boon, lo salva. Poi lo prende anche a pugni pensando che lui lo stesse seguendo, ma diventano amici. Il giovane sta scappando dallo sceriffo, che l'ha arrestato ingiustamente, e sta cercando lo zio Sam, disprezzato da tutti perche` ritenuto amico degli indiani. Arrivano nella capitale dello stato, sorpresi dal numero di persone che vi vive. Scene realiste di indiani a passeggio, neri che ballano sui marciapiedi, cameriere francesi. I due si ubriacano, scatenano una rissa e vengono arrestati. Finiscono nella cella dove e` rinchiuso proprio lo zio Sam, vittima della prepotenza delle grandi compagnie mercantili che vogliono conservare il monopolio nel nord (e hanno ucciso un suo amico). Decidono di seguirlo nella sua spedizione risalendo il Missouri. Due amici di Sam li tirano fuori dal carcere. La mattina presto vanno a prendere un altro francese e partono su un'imbarcazione. A bordo trovano una ragazza indiana. La donna diventa presto il centro dell'attenzione, e Boon e` il piu` pronto a disprezzarla, mentre Jim le da` un coltello per difendersi. Il viaggio comunque prosegue, sfidando gli indiani e le rapide. Una notte Boon e la ragazza indiana si accapigliano, ma poi lui la bacia. Gli uomini della compagnia delle pellicce rapiscono l'indiana e tentano di dar fuoco alla barca. Il vecchio trapper Sam riesce pero` a trovarli e a liberarla. Quando Jim e` disperso dopo un attacco degli indiani, Boon disobbedisce allo zio e va a cercare l'amico, e la ragazza e` subito dietro di lui. Lo trovano e lei lo cura e lo riscalda con il suo corpo, perche` non possono accendere il fuoco. Poi Sam liquida una volta per tutte gli uomini della compagnia delle pellicce. Quando la barca rimane incagliata, la ragazza va a chiamare gli indiani della sua tribu` che li aiutano a proseguire il viaggio. La ragazza e` arrivata alla sua destinazione e da` loro il suo addio, ringraziando in particolare Jim, ma e` Boon che va a sedurla nella sua tenda. Si condanna cosi` a sposarla. La tribu` festeggia l'evento con una grande danza, ma lui riuscira` a spiegare che deve seguire la barca. Presso la tribu` il trapper si rifornisce delle pellicce per cui era venuto fin li'. Il viaggio e` terminato e ha inizio il ritorno. Ma Boon, colto da rimorsi, decide di tornare dalla sua sposa. Epopea monumentale con una grande attenzione i dettagli. La vita dell'epoca viene ricostruita in maniera minuziosa.

    Fra questi grandi western, Hawks trovo` il tempo di supervisionare la regia di The Thing (1951), diretto da Christian Nyby, il film che diede inizio alla voga delle "invasioni" di extra-terrestri.

    Una spedizione americana al polo, comprendente alcuni militari, guidati da un capitano donnaiolo, e alcuni scienziati, fra cui un ambizioso scienziato e la graziosa assistente di cui e` invaghito il capitano, conduce ricerca scientifica, osservati da un petulante giornalista. Un giorno i militari scoprono un'astronave sepolta nel ghiaccio e, obbedendo alle consegne, ne cancellano qualsiasi traccia. La detonazione rivela pero` un organismo ibernato. I militari decidono di portare alla base l'organismo e lo tengono avvolto nel ghiaccio in attesa di istruzioni da Washington.
    Ma il ghiaccio si scioglie e la creatura prende vita. Fugge, inseguita dai cani che le strappano un braccio. Lo scienziato scopre cosi` che quella creatura non ha sangue in corpo: e` una pianta, priva di emozioni ma estremamente intelligente. Trovano un cane dissanguato: la pianta si nutre di sangue. Lo scienziato vuole provare a comunicare con la creatura, ma la creatura, a forma d'uomo, sta seminando il panico. Gli uomini si barricano nella base. Lo scienziato continua i suoi esperimenti e riesce a "coltivare" la creatura. Quando il capitano lo scopre, s'infuria, ma lo scienziato persevera. Il capitano tenta in ogni modo di distruggere il mostro, ma ne' il fuoco ne' le pallottole lo arrestano. Finalmente lo prendono in trappola e lo sottopongono a uno shock elettrico che lo annienta.
    Il film non sfrutta alcun effetto speciale, non indulge in inquadrature del mostro, adotta tecniche quasi di teatro. La paura su cui fa leva e` un'allegoria della "guerra fredda": il nemico che s'infiltra nella societa` per distruggerla. Il film afferma i grandi valori del genere umano: solidarieta', sentimento, eroismo, titanismo, intraprendenza.

    Rio Bravo (1959) è un tour de force che in due ore e mezza ricompone pezzo a pezzo e con un po' di ironia tutti gli archetipi del genere, una retrospettiva ora nostalgica ora parodistica che comincia da dove in genere i western finiscono: il cattivo viene arrestato dal buono.

    John Wayne è l'orgoglioso e integerrimo sceriffo di una cittadina del west; quando il figlio arrogante del pezzo grosso commette un delitto, non esita a rinchiuderlo in prigione; ben sapendo che suo fratello lo vorranno liberare o con le buone o con le cattive, per non esporre gli altri, rifiuta tutte le offerte di aiuto ma qualcuno gli rimane egualmente al fianco: quella del vecchio invalido e brontolone che fa la guardia alla prigione, quella dell'ubriacone amico straccione (Martin), il pistolero distrutto da una donna, che vuole riabilitarsi e si offre di sorvegliare che nessuno entri armato in paese, quella dell'imberbe presuntuoso ma già infallibile di passaggio (gambler ricercato dalla legge in cerca di nuova vita) e quella di una donna maschia e sensuale allo stesso tempo; che dapprima resta indifferente ai guai dello sceriffo, e non intende neppure vendicare il suo patrigno ucciso perché amico dello sceriffo, che decide di prendersi cura di lui anche se lui non vuole. Martin si redime scovando e uccidendo il sicario in un bar dove era abituato ad elemosinare da bere; questo scalcinato quintetto di tutori dell'ordine deve fronteggiare un manipolo di pistoleri senza scrupoli pagati dal ricco fratello. Martin rimesso a nuovo ma ancora afflitto da convulsioni da astinenza appostato sulla strada all'ingresso sulla strada all'ingresso del paese, il vecchio barricato nell'altra cella, la ragazza consegnata in albergo e trasformata in barman, il giovane tranquillo indifferente al saloon. L'alba del grande giorno i banditi stordiscono Martin, penetrano armati in paese, disarmano lo sceriffo, ma il prodigioso giovane finalmente interviene e lo toglie dai guai. Martin, liberato, è umiliato, vorrebbe andarsene e ridarsi all'alcool, ma poi rimane, e il ragazzo, ormai compromesso, diventa vicesceriffo e trasferisce con loro nella prigione. I banditi tendono un agguato allo sceriffo e a Martin, ma grazie a un'astuzia di Martin, lo sceriffo riesce a liberarsi; Martin rimane però nelle loro mani e lo sceriffo è costretto ad accettare uno scambio. Durante lo scambio Martin si getta sul prigioniero e così ha inizio la sparatoria, che finisce con l'arresto in massa. Tutti e quattro eroi, Wayne può finalmente cadere fra le braccia della bella avventuriera redenta. L'indistruttibile Wayne è un personaggio reale, sceso dall'Olimpo degli eroi senza macchia e senza paura per mescolarsi ai mille onesti sceriffi che per una misera paga devono fronteggiare delinquenti nettamente superiori in numero e organizzazione. Tutti questi personagggi servono ad esaltare la forza di volontà, l'arma più potente secondo Hawks, e l'amicizia, lo stimolo più efficace; l'epopea si compie all'insegna dell'onestà, della lealtà, del senso di responsabilità, di valori che riguardano l'individuo e se stesso oppure l'individuo e i suoi amici, non ideali universali propugnati da semidei della pistola.

    Negli anni '60, l'ultimo decennio attivo del regista, la produzione si dirada. Hatari (1962) ritorna ai fasti del film esotico avventuroso. It is a slow-paced, predictable and badly-acted film. It is not clear what it aims to be: exotic film, action film, comedy, or what. It fails on all fronts. As an action film, this is rather pathetic. Whatever real action there is, it is sandwiched between lengthy and tedious hunting scenes. The action scenes are hardly exciting. For most of the film nothing happens, except for some ridiculous bickering among the characters. As a study of characters, it has just too many stereotyped situations. (It is also a bit disturbing to watch these evil people, who catch wild animals, be depicted as heroes. The cruelty of some hunting scenes is unbearable).

    Sean (John Wayne) is a veteran hunter of wild animals for zoos. He has assembled a crew and is in Africa for another contract. While trying to catch a rhino, one of his men is injured. A young Frenchman, Charles, offers blood for the transfusion in exchange for a chance to work with them. Kurt is the one responsible for the incident, and Charles is resentful. The group also includes Brandy, a young girl who was raised in Africa and whose father died chasing rhinos. That evening Sean finds a woman in his bed: Annamaria, a classy Italian photographer sent by the zoo that is his current employer. Initially Sean, who doesn't seem interested in sex, hates her but after a while her sexy charm wins him over. She also wins over the local tribe after she tends to some baby elephants. Sean is determined to catch the rhino, despite the fact that so many men have been injured and even killed by rhinos. Eventually he succeeds and this concludes their mission. Annamaria cries because cold-hearted Sean is not asking her to stay and she decides to leave. Sean finally reveals to have a heart and launches a city-wide search using the baby elephants as sniff dogs. She tries to run away but the elephants find her. That night Sean finds her again in his bed, like the first time he saw her. Except that this time she's there for another purpose. However, the baby elephants find her again... and ruin their first night. Man's Favorite Sport (1964) è l'ultima commedia brillante di Hawks, reminiscent of his early screwball comedies (it even replicates the scene of Bringing Up Baby in which the man accidentally tears the woman's dress) Roger is driving to work when he notices a little noisy car tailgating him. The driver, a woman, follows him all the way to his parking lot and parks exactly in his parking spot. Roger cannot explain to her that the spot is reserved and tries in vain to move the car after she has left. Several customers are waiting for him at the sports store where he works. Roger is a legend among fishermen, who want his advice on everything. The boss calls him in his office and introduces him to the owner of a lodge, Isolde, and to her assistant, Abigail, who turns out to be the very same woman of the parking incident. They are organizing a fishing tournament and want him to enter it. He declines the invitation but refuses to explain why. Abigail's attitude drives him nuts. She insinuates in public that he is a thief and a drunkard. Roger feels that he has to confess the truth: he has never been fishing in his life. Abigail is the quintessential impertinent and irrational woman. She blackmails him into accepting the invitation anyway. It will be good publicity for the lodge, whether he wins or loses. He has no choice but to learn how to fish. He loads his car of all possible fishing equipment and goes camping. The girls spy on him, as the inept novice tries to set up his tent. Many farcical situations follow, from a bear riding away on his motorcycle to the lifesaver almost strangling him when he falls into the water (he doesn't even know how to swim) to a scam artist who pretends to be a redskin (and sells General Custer's scalp to Roger's gullable boss) to the rain that wets the ladies' clothes enough to reveal the breasts. Abigail is falling in love with the inept phony: she kisses him while he is unconscious. When a famous champion announces that he will enter the tournament, the ladies decide they don't need Roger anymore. So the creative Abigail thinks of fabricating an incident in which Roger breaks his arm. They make a cast for his arm, but the real champion does break his arm in a car accident, so they have to undo Roger's cast. Abigail comes to visit him in the middle of the night with the excuse of being in need of sleeping pills. Roger is totally clueless about her real intentions, and is called away by his fans. When he comes back to his room, he finds Abigail soundly asleep in his bed. Roger sleeps in a sleeping bag, whose zipper gets stuck. It's the eve of the tournament and his fans are betting on him. Unbeknownst to him, his wealthy and condescending fiance Tex has just phoned that she is coming for the tournament. The fake redskin, who spies him from the window, saw him massage Abigail's body in bed and now sees Isolde trying to unzip the sleeping bag that is stuck. Right at that embarrassing moment Tex walks in. And Abigail walks out of the bedroom in her pajama. Tex, furious, dumps him. He begs her to wait till evening. It is time for the tournament. Roger finds an isolate spot and starts reading... his own book (a best-seller on fishing). The redskin, who keeps following him, is more and more puzzled.
    Thanks to sheer luck, the incompetent manages to catch one fish after the other. The redskin witnesses the show. Roger is ready to pay a bribe for his silence, but the redskin says that nobody would believe him anyway.
    Roger is mad at Abigail for creating the misunderstanding with Tex. Isolde tries to argue in Abigail's favor and make him fall in love. Roger is annoyed. Isolde gets up furious from the chair and the back of her dress gets ripped apart, exposing her underwear. Roger walks behind her to hide the damage. As they are fumbling with the zipper, Tex runs into them. This time she just drives away. Isolde smiles.
    Roger wins the tournament. Abigail begs him to tell the truth, so he won't have to lie anymore. He tries to. He confesses that he had never fished before. His boss fires him. After Roger has left, though, he realizes that he could make money by presenting Roger as the absolute inept who won a tournament thanks to his equipment.
    Roger looks for Abigail and finds her camping by the lake. They sleep in the same raft as it starts raining. The waters rise enough to send the raft floating into the lake. When the boss comes looking for Roger because now he wants to hire him again, Roger and Abigail realize that they are in the middle of the lake. And they are ready to accept each other.
    Nel 1967 Hawks torna al western con El Dorado, sorta di nostalgico e disincantato addio all'era gloriosa , viziato da una stanchezza senile che limita quasi tutta l'azione tra le quattro pareti del saloon o dell'ufficio dello sceriffo. Wayne, saggio e famoso pistolero, e Mitchum, sceriffo di una cittadina, sono vecchi amici. Nella cittadina vivono anche l'ex donna di Wayne e il vice- sceriffo trombettiere.
    Wayne uccide un ragazzo, il figlio del boss per cui lavorava, lasciato dal padre a fare la guardia durante un furto di cavalli; Wayne riporta il ragazzo alla fattoria del padre; la sorella del morto non gli crede, gli tende un'imboscata e lo ferisce.
    Rimessosi con l'aiuto degli amici, Wayne se ne va. Sette mesi dopo si trova nel saloon di un'altra cittadina quando un giovane (Caan) irrompe alla caccia dell'ultimo dei quattro uomini che due anni prima hanno ucciso un giocatore suo amico (ha già eliminato gli altri tre); l'uomo siede al tavolo di un pistolero sfregiato, Caan lo sfida e lo uccide con un coltello (non porta armi). Wayne interviene per salvargli la vita quando gli altri della banda vogliono vendicare il compagno. Il pistolero sfregiato gli offre, a Wayne, di lavorare con lui per un ricco prepotente della contea di Mitchum, e aggiunge che Mitchum non è più pericoloso perché si è dato alle donne e all'alcool. Caan, cresciuto sul Mississippi, ha passato due anni a dare la caccia ai quattro uomini che assassinarono il suo patrigno. Terminata la missione, si unisce a Wayne, benché questi non lo voglia. Wayne soffre ancora della ferita: la pallottola è rimasta incastrata vicino alla spina dorsale e di quando in quando con una fitta inprovvisa il braccio destro gli si paralizza. Caan ha intuito che Wayne sta andando ad aiutare Mitchum contro lo sfregiato e decide di aiutarlo. Wayne e il vice-sceriffo usano i metodi duri per guarire Mitchum dalla sbornia. Intanto in paese è già scoppiata la guerra dei pascoli, con i desperado dello sfregiato dalla parte del prepotente. Il primo a farne le spese è proprio il padre della ragazza che ferì Wayne, a cui viene ucciso un altro figlio. Wayne e Caan aiutano lo sceriffo, ancora mezzo stordito, e il vice, a catturare gli assassini. Mitchum si vendica di coloro che lo hanno deriso arrestando il prepotente in persona. La ragazza, sorella dell'ucciso, sta in agguato per uccidere il prigioniero, ma viene fermata da Caan. I banditi tendono l'assedio alla prigione. Mitchum resta ferito e il chirurgo convince Wayne che dovrebbe farsi operare. Wayne e Caan si avventurano fuori, ma vengono presi perché Wayne ha uno dei suoi attacchi. Wayne viene tenuto ostaggio dallo sfregiato e restituito in cambio del prigioniero.
    Il giorno dopo un altro fratello della ragazza (Mc Donald) viene rapito e il prepotente in cambio vuole i diritti sull'acqua. Zoppo (Mitchum), paralizzato (Wayne), vecchio e ragazzo (Caan) decidono di dare egualmente la caccia a sfregiato e prepotente. Li sgominano e la ragazza finisce il prepotente. Molti temi che si intrecciano, ma sviluppati in maniera superficiale, come nei poemi cavallereschi.
    El Dorado (1967) colleziona solo stereotipi. Insistenza sulla fine di una civiltà cavalleresca. Anche una storia sentimentale con Wayne il duro corteggiato da una bella donna. Wayne è un vecchio pistolero malato che fa amicizia con un ragazzo del Mississippi, venuto fin là a vendicare la morte del suo tutore, un ragazzo che sa usare soltanto il coltello come arma, e che poi con lui va a raccogliere i pezzi del suo amico Mitchum, un altro vecchio pistolero, malridotto per via dell'alcool, sceriffo senza più dignità.
    I tre, a cui si aggiunge l'anziano aiutante dello sceriffo, devono vedersela con la banda di un altro pistolero, assoldato dal prepotente del luogo. I quattro riescono a catturare il prepotente e metterlo in prigione. Ma il pistolero assedia la prigione per farsi restituire il prigioniero che gli ha promesso un'ingente ricompensa. Mississippi scopre che una ragazza vestita da uomo e` appostata per uccidere il prigioniero: e` la figlia di un rancher oppresso dal prepotente.
    Mitchum viene ferito durante una sparatoria e deve usare le stampelle. Wayne, che non si e` mai voluto far operare per una pallottola rimastagli nella schiena, cade nelle mani dei nemici perche' viene colto da un attacco di paralisi alla mano durante una sortita con Mississippi. Wayne viene usato per riscattare il prigioniero.
    Adesso i banditi hanno in pugno la cittadina e a rischio e` soprattutto la famiglia del rancher. I banditi rapiscono uno dei suoi figli per costringerlo a cedere al prepotente. La figlia corre ad avvertire lo sceriffo e Wayne. Wayne, anchilosato, Mitchum, in stampelle, il vecchietto, con la trombetta della cavalleria, e Mississippi, decidono di affrontarli. Nella sparatoria Wayne uccide il pistolero cattivo, la ragazza uccide il prepotente e i banditi vengono sterminati dallo sceriffo e da Mississippi.
    Lo sceriffo si ripulisce, Wayne decide di lasciarsi operare e di sposare la padrona del saloon, Mississippi si dichiara alla ragazza.

    Rio Lobo (1970) conclude la carriera di Hawks in tono molto minore.

    Durante la guerra di Secessione un gruppo di sudisti capitanati da un nobile capitano svaligiano un treno nordista carico d'oro. Il colonnello nordista John Wayne si lancia all'inseguimento, anche perche' uno dei suoi migliori uomini e` stato mortalmente ferito. Il colonnello raggiunge e cattura il capitano e il suo assistente, che vengono arrestati e rimangono prigionieri fino alla fine della guerra. Ma non prova odio verso di loro (soldati che compirono semplicemente il loro dovere), prova odio verso i due traditori nordisti che vendettero loro l'informazione del carico d'oro. La guerra finisce e il colonnello non ha dimenticato: incontra i due sudisti e chiede loro il nome dei traditori. I due sudisti posso soltanto fornirgli i loro connotati: uno dei due e` un albino.
    Il colonnello e il capitano si incontrano di nuovo in una cittadina in cui una bella donna chiede aiuto per combattere il tiranno che, complice lo sceriffo, ha imposto un regime del terrore e si e` impossessato di tutto il paese.
    I due, la donna e un vecchietto fanno la guerra allo sceriffo e all'albino. Wayne cattura uno dei corrotti ma lo sceriffo e l'albino catturano il capitano sudista. E` venuto il momento della resa dei conti e a Wayne si uniscono alcuni reduci di guerra, decisi finalmente a ripulire il paese. Nella sparatoria generale il capitano viene liberato e l'albino ucciso. E` la donna in persona a liquidare lo sceriffo, compiendo cosi` la sua vendetta.
  • If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.

    (Copyright © 2010 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )