Thomas Ince
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Thomas Ince iniziò a calcare le scene dei teatri di periferia all'età di sette anni; entrò nel cinema, sempre come attore, prima per Edison e poi per Griffith. Nel frattempo imparava il mestiere e nel 1911 esordì alla regia. Le dozzine di cortometraggi realizzati nei primi quattro anni abbracciano diversi temi del cinema d'avventura, ma più numerosi sono i western. In questo genere Ince fu determinante: virili ed essenziali, i suoi film si svolgevano negli ambienti naturali dei cow-boy. Ricavati da accurate sceneggiature che erano la negazione dell'estrosa e casuale invenzione griffithiana, essi mostravano la polvere del west e si servivano di veri indiani, rendono più verosimili le vicende narrate. Le quali svariavano su tutto l'arco della vita dei cow-boy, dalla conduzione delle mandrie alle battaglie con gli indiani, dal lavoro nelle fattorie alla caccia dei banditi. In The Indian Massacre (1913) spezzò una lancia in favore dei pellerossa e East of the Line (1914) è un dramma di stampo ellenico che si svolge in un villaggio indiano (il dolore del capo che deve uccidere il proprio figlio).

Dal 1914 Ince concepì il cinema come una fabbrica di film, in cui il film era un prodotto d'équipe: Ince scriveva nei minimi dettagli cosa voleva realizzare, organizzava l'équipe e, supervisionava il lavoro e infine curava personalmente il montaggio; il suo marchio di fabbrica era l'efficacia dell'azione, mai prolissa, comune a tutti i film da lui prodotti. Fu proprio dal 1914 al 1916 che dalla sua fabbrica uscirono i primi capolavori del genere, diretti per lo più da Reginald Barker.

Ince si cimentò anche nel genere storico (The Battle of Gettysburg sulla guerra civile) e nel melodramma (The Wrath of the Gods). Il suo capolavoro è Civilization (1916), storia di una guerra finita per intervento delle donne, che si inserisce nel filone (più Europeo che Americano) del film pacifista; girato mentre si combatteva la prima guerra mondiale, era un'incalzante sequenza di scene emozionanti, e un vero tour di force in fatto di montaggio, ma più che le scene spettacolari colpisce per la descrizione di vita quotidiana e di persone normali.

L'opera di Ince fu determinante nell'indirizzare Hollywood verso la produzione industriale e nel fissare il genere principe della cinematografia americana.

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.

What is unique about this cinema database