Stanley Kubrick
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Killer's Kiss (1955) was a stylish film noir that toys with the stereotypes of the genre. The plot is rather trivial and implausible, and the film is too short to allow for any psychological depth (67 minutes). It is mostly set in eerily deserted streets of New York. The ending is the ultimate silly happy ending of Hollywood. The story is told in a flashback by a man in a train station. Davey is a struggling boxer. Gloria is a beautiful young woman who goes out with a middle-aged man, Vincent. The watch on tv Davey lose his match and then make love. It turns out Davey and Gloria live next door. That night Davey has a nightmare and is woken up by a woman screaming. It is Gloria, who is being beaten by Vincent. Vincent flees and Davey makes his acquaintance with Gloria. A flashback (a flashback within the flashback) shows Vincent proposing to her and begging her, she rejecting him and screaming for help. Davey and Gloria fall in love. She works at Vincent's dance hall, a miserable job. He is a loser. They are both failures and want to leave town. She decides to follow him to his uncle's ranch, located in a city at the other side of the country. Davey calls his manager and asks him to bring him money at the dancehall, while Gloria asks Vincent for her salary. Vincent is jealous and furious: he tells his men to kill Davey, but they grab his manager, who is waiting outside, and kill the wrong man. Davey and Gloria can go home and pack. However, the following day Gloria is gone. Davey gets a gun and ambushes Vincent. Vincent takes him to the warehouse where Gloria is kept prisoner, but Vincent's men prevail. As Davey lies on the floor, Gloria swears to love Vincent and begs for her life. Davey overhears her. Davey manages to escape through the deserted streets and the roofs. He finally enters a warehouse full of mannequins, still hunted by Vincent. They fight among mutilated bodies and disembodied limbs. Vincent grabs an axe and Davey a pike, like in ancient duel. Davey wins, killing Vincent. Back to the present in the train station, Davey is about to board his train when Gloria comes running out of a taxi.

The Killing (1956)

La storia e` raccontata da una voce fuoricampo la cui serieta` e` quasi comica.
Alle corse dei cavalli. Mark, un tipo dall'aria indifferente, passa una nota con l'indirizzo e l'ora di un appuntamento al bartender, Mike. Stessa cosa a uno dei cassieri, George.
Un'ora prima un poliziotto, Randy, ha convinto il suo creditore a pazientare ancora, perche` sta per mettere le mani su un mucchio di soldi. Johnny, appena uscito dal carcere, promette alla sua donna che fara` un mucchio di soldi. Mike va a casa ad accudire la moglie malata. George a casa ha una discussione con la moglie, Sherri, casalinga frustrata, che lo disprezza e prende in giro. Il marito, umiliato, le rivela di stare per diventare ricco. La moglie approfitta del fatto che lui e` pazzo di lei per fargli rivelare cosa sta tramando e lui confessa di essere in combutta con un gruppo di delinquenti per derubare la cassa delle corse dei cavalli. Lei si illumina, poi scopre anche il biglietto con l'indirizzo dell'appuntamento. Corre dal suo amante, un giovane ambizioso, e gli propone di approfittare della dabbenaggine del marito per rubare non soltanto i suoi soldi, ma l'intero bottino, e poi scappare insieme.
I cinque complici (Johnny, Mike, Mark, Randy e George) si incontrano in un appartamento e discutono il piano. Johnny scopre Sherri che sta origliando. La interroga e capisce subito di che tipo si tratta. Fuori intanto due uomini in auto sorvegliano l'ingresso.
Johnny arruola Maurice, un russo giocatore di scacchi, per scatenare una rissa nel bar, e un tiratore scelto per uccidere il cavallo che e` il grande favorito. Poi si reca in un motel.
Quattro giorni dopo Sherri capisce dal nervosismo del marito che e` venuto il momento del colpo. Sherri fa credere a George che Johnny le mise le mani addosso.
Johnny sveglia Mark, che lo considera un figlio, e si mette in moto. Va all'aeroporto a prendere un biglietto e lasciare il bagaglio. Incarta un mitra in una scatola di fiori e lo lascia in un locker della stazione. Lascia la chiave a Mike, che esce di casa e la prende, dopo essersi premurosamente accertato delle condizioni della moglie, alla quale promette un futuro migliore. Prende la scatola dal locker e si reca la lavoro come sempre, incrociando le guardie che portano i soldi alla cassa. Cominciano le corse e MIke sistema la scatola nel proprio locker prima di prendere posto al bar. Mike vede arrivare Mark ubriaco fradicio. Randy si mette in moto: si va a piazzare in una zona deserta fuori dalle mura dell'edificio. Maurice si reca al bar e scatena una rissa colossale. Mike e George ne approfittano per abbandonare il loro posto. Il tiratore scelto e` intanto entrato in un parcheggio ma e` molestato dal parcheggiatore che vuole fare amicizia. Lo maltratta perche` se ne vada appena in tempo per sparare al cavallo. Il centro riesce, ma lui viene abbattuto da un poliziotto.
In parallelo Johnny ha approfittato della rissa al bar per infilarsi nella zona proibita dell'edificio, prendere la scatola dal locker del bartender, indossare una maschera e irrompere nell'ufficio della cassa. Costringe uno degli impiegati a versare tutti i soldi in un grande sacco. Poi, invece di portarli con se', li getta dalla finestra. Si cambia e se ne va. Randy e` li` sotto, raccoglie il sacco, e va a portarlo al motel.
I quattro (meno Johnny) si incontrano nell'appartamento. Ascoltano la notizia della rapina per televisione. Johnny e` in ritardo per colpa del traffico, ma e` andato in motel, ha preso il sacco, ha travasato i soldi in una valigia e si sta dirigendo all'appartamento. In quel momento pero` fanno irruzione due uomini (uno e` l'amante di Sherri) che intimano con i mitra ai quattro di consegnare la refurtiva a loro. Da una frase George capisce che si tratta dell'amante di sua moglie: si mette a sparare all'impazzata e quando ha finito e` riuscito ad ammazzare tutti, compresi i suoi complici. Si trascina giu` per le scale coperto di sangue. Quando esce, Johnny sta arrivando. Johnny capisce che qualcosa e` andato male e non si ferma.
George va a casa e fredda la moglie, che sta preparando i bagagli per scappare con l'amante. E poi cade morto a sua volta.
Johnny va direttamente all'aeroporto, dove lo aspetta la sua ragazza. Vanno al check-in, e vengono obbligati a consegnare la valigia che e` troppo grande come carry-on. Vanno al gate e aspettano di salire sull'aereo, quando vedono passare il carrello con i loro bagagli. Un cagnolino sfugge alla padrona e fa deragliare il carrello. La valigia cade, si rompe e il vento fa volare le banconote. I due si voltano e tornano indietro, passando di fronte a due poliziotti. La ragazza tenta invano di fermare un taxi: i poliziotti vengono avvertiti e tirano fuori le pistole. Il commento di Johnny e': "what's the difference".
Quintessenza degli stereotipi del noir, quasi al limite della parodia.

Paths of Glory (1957) is a war movie turned into an orgy of lies, cowardice, betrayal and blackmail.

In France during the first world war, the troops are engaged in a deadly war of attrition against the Germans. General George comes to visit his old friend Paul, the general leading the troops at the front. George wants Paul to engage his men, already devastated by several battles, in a new deadly battle. Paul refuses to have his men butchered, but George gets his cooperation by offering him a promotion.
General Paul visits the colonel (Kirk Douglas) who is in charge of the men in the trenches. The colonel too is shocked to hear of the impossible mission required from the men, but accepts when Paul threatens to replace him.
Three men are sent out on patrol. The lieutenant betrays his two men and runs away. One dies and the other one accuses the lieutenant of cowardice and murder. But the lieutenant challenges him to accuse him publicly: the superiors would believe the word of the officer, not the word of a corporal.
The following morning the colonel leads the attack, but the enemy's artillery decimates them and they have to stop. General Paul from a safe observatory curses at them and orders a captain to bomb them as mutinees, but the men refuse to kill their own. General Paul is furious. After the attack failed, he asks the colonel to select 100 men to be shot by the firing squad as an example. The colonel refuses, and Paul's superior George convinces him to reduce the number to three, and to have them court martialed. The colonel asks to be the defense attorney. Then, privately, general Paul promises to destroy the colonel's career.
The colonel tells his lieutenants to pick three men to be exposed as cowards. The vile lieutenant picks the inconvenient witness who saw him run away. Another man is picked by lottery and another one because he is "socially undesirable". The three men are denied a fair trial despite the protests of the colonel. General Paul dismisses his protests ironically and has the three men condemned to death. The colonel, knowing the truth, orders the lieutenant to command the firing squad. The lieutenant fumbles a few excuses but then can't refuse. He will be killing an innocent man whom he framed, and an innocent man who knows that he, the lieutenant, is the one truly guilty of cowardice.
The colonel does not give up. He learns that general Paul ordered to bomb his own troops, collects the proofs and bring them to general George, ruining the formal party he is attending. And threatens to send the proofs to the newspapers and the politicians who could ruin George's career. The colonel is basically blackmailing the general to obtain the three men's freedom.
Instead, nothing stops the execution. The three men dead, the colonel is invited to lunch with the two generals, who are celebrating the execution. General George casually informs his old friend general Paul that he has ordered an inquiry into the episode of the bombing order. Paul walks out after a pompous (and hypocritical) declaration of innocence and offended pride. George does not waste time to try to buy the colonel's alliance, by offering him the position of the general. The colonel, disgusted, sends him to hell. George pities the idealist, and the idealist pities him.
On the way out, the colonel stops to watch the improvised night-club where a simple peasant girl from Germany is being paraded in front of the French troops as a trophy. She starts singing her simple folk song, and soon all the soldiers start humming with her. That song becomes a nostalgic call from the bottom of their hearts. But the order to move to the front is about to be given, and many of them will certainly be dead soon.
The very lengthy sequence of the execution delivers all the cruelty of the act.

Dr Strangelove (1964), loosely based on Peter George's novel "Two Hours to Doom" (1958), is one of the most delirious comedies of all time. It is a poem to human stupidity that comically paints politicians and generals as incompetent and suicidal idiots.

In a military base of the Soviet Union, scientists and engineers are about to complete the ultimate weapon, the doomsday machine.
In the meantime, a USA base is put on atomic alarm and issues the command for a group of fighter jets to take off with their nuclear weapons for a possible retaliation against the Soviet Union. Its men are clumsy and incompetent, but true patriots.
A general is in the bathroom while his young lover is drinking in bed. He is aware that the alarm was a false alarm, that the planes took off, and that the base is now sealed off as required by procedure in such an event.
The commander of that base is a visceral anti-communist who is actually enjoying the events. He is totally convinced that nuclear war has erupted, despite the fact that the radio is still broadcasting easy-listening music. The commander "wants" a war and is even happier at the thought that the USA might be striking first: the politicians who are always so reluctant to declare war will be forced to carry out an all-out attack against the Soviet Union, in order to prevent its reprisal.
In the capital, politicians and generals assemble to advise the president. There seems no way to stop the attack. The general, interrupted by a phone call from his girlfriend, explains that the mechanism is designed to be fool-proof: the pilots will not obey any order because it could be a trick by the Soviet Union. The president order the nearest base to attack the base that has sealed itself off, although the general warns that it will cost significant casualties. The general sees the commander's viewpoint and explains it to the president: at this point, it may be better to just go along with the situation and destroy the Soviet Union before the Soviet Union destroys the USA. The president, instead, decides to invite the Soviet ambassador into the top-secret room.
On the plane, the captain and his men are preparing the attack.
The Soviet ambassador is shocked to hear what is happening (but does not waste the chance to photograph the top-secret room) and helps contact the Soviet leader in Moscow.
In the meantime, the commander tells his men that their base is being attacked by Soviet soldiers masquerading as American soldiers. Casualties, as expected, are high.
The ambassador finally finds the premier: he is with his girlfriend and is quite drunk. The president breaks the news gently, but it takes a while for the premier to understand. When he does, he is first furious and then scared: the doomsday machine will automatically trigger the destruction of the planet. Nothing can stop it.
The president asks for the advice of Dr Strangelove, a German scientist in a wheelchair whose right hand tends to give the nazi salute.
The base is captured, but the commander has locked himself in his office and refuses to reveal the secret code that would recall the plane. The commander is so convinced that the soldiers are Soviet, and that they will torture him, that he commits suicide. Now there is really nothing that can stop the planes. But the British man who has been with the commander and tried to dissuade him all the time, figures out what the code is. Unfortunately, first the victorious colonel who took the base does not listen to him and then they don't have enough coins to make a phone call to Washington. Finally, they break a Coca Cola machine and manage to communicate the secret password to Washington. All the planes obey the order to return to the base... except one, whose radio does not work properly.
The president orders to help the Russians destroy that plane, but the plane flies low and avoids being detected. The president of the USA gives the Soviet premier advice on what to do and tries to calm him down. The general cheers when the plane avoids another attempt at intercepting it, despite the obvious fact that the world is about to blow up.
The plane is now about to reach its target, but the door is not opening. The captain walks personally inside the plane to release the door, but falls when it opens, clinging to the atomic bomb as to a horse in a rodeo.
In the secret room, Dr Strangelove advises the president to save a few important people in the underground shelter (and calls him "mein fuhrer"). And the general immediately warns that the Russians could save a few bombs to use them when the survivors resurface. Dr Strangelove is delirious now that the world is about to explode. He even walks.
Mushrooms explode all over the Earth.

A Clockwork Orange (1971)

Quattro giovani annoiati in uno studio di statue e manichini, tuta bianca, bombetta e bastoni. Un ubriaco di notte che canta. Quattro ombre gli si avvicinano Sono i giovani, che prima lo scherniscono e poi lo bastonano. In un teatro diroccato un'altra gang sta violentando una ragazza, quando arrivano i quattro giovani. Le due gang si scontrano, i quattro giovani hanno la meglio con ferocia spietata. Poi devono scappare per l'arrivo della polizia. Rubano un'auto sportiva e sfrecciano per le strade di campagna causando incidenti. Irrompono nella villa ultra-moderna di uno scrittore e sua moglie, infieriscono senza ragione sul vecchio e violentano la donna sotto i suoi occhi. Tornano allo studio. Uno dei quattro manca di rispetto alla donna che sta cantando Beethoven e viene rimproverato da uno dei suoi compagni. Il narrante, Alex, torna a casa (un appartamento ultramoderno), si toglie le sopracciglia finte, suona Beethoven, toglie un serpente dal cassetto, guarda quattro statuette di Cristo sanguinante. I suoi genitori pensano che la sera lavori. Un supervisore un po' nevrotico viene a trovarlo, per fargli la predica e minacciarlo. Vestito elegante, incontra due ragazze che leccano gelati erotici. Le porta a casa sua dove compie una piccola orgia privata (ripresa a velocita` ipercinetica). E` il leader dei quattro e impone la sua supremazia con ferocia. Quando gli altri tentano di mettere in discussione la sua leadership, ne butta due in acqua, finge di aiutare uno a uscire invece gli taglia la mano. Ogni sera devono improvvisare qualcosa per combattere la noia. Questa sera tocca a una donna che vive sola con i suoi gatti in una grande villa. Come la volta precedente, tentano di farsi aprire con la scusa di un grave incidente. Questa volta la vittima designata non apre la porta, e chiama la polizia, ma lui penetra dalla finestra. Lei tenta di difendersi brandendo un busto di Beethoven, ma lui la uccide colpendola con una statua erotica in testa. Appena esce di casa, i suoi amici lo colpiscono. Viene cosi` catturato dalla polizia. Interrogato, tratta la polizia con disprezzo e strizza persino i testicoli di un detective. Si proclama innocente davanti al supervisore, che gli ride in faccia soddisfatto, perche' la donna e` morta e pertanto lui e` adesso un assassino. Gli sputa persino in faccia.
Condannato a 14 anni, viene rinchiuso in un carcere retto in maniera nazista dal direttore. Il resoconto del carcere e` una serie di gag e di macchiette. Diventa in breve il favorito del pastore. Un ministro in visita sceglie proprio lui per un nuovo programma di riabilitazione. Alex viene trasportato in un laboratorio, dove viene sottoposto a un esperimento scientifico: drogato, legato a una sedia, la testa coperta di cavi, gli occhi tenuti aperti con la forza, deve guardare film di violenza gratuita finche' si sente male, giorno dopo giorno. Dichiarato ufficialmente guarito, viene esibito davanti a un pubblico di autorita`. Viene abusato sul palcoscenico, costretto a leccare le suola del suo aguzzino, senza che si ribelli. La sceneggiata serve a dimostrare che il criminale e` definitivamente riabilitato. Una donna seminuda appare sul palco e avanza verso di lui, per dimostrare che lui non puo` neppure seguire gli istinti selvaggi del sesso. Appena prova a fare qualcosa di sbagliato, si sente male. Il lavaggio del cervello ha funzionato e la notizia fa sensazione su tutti i giornali. Siccome suonavano sempre Beethoven, Alex e` diventato allergico anche alla musica di Beethoven.
E` di nuovo libero. I genitori gli danno un freddo benvenuto. Hanno affittato la sua camera a un bravo giovane, Joe, che con loro si comporta come il figlio che avrebbero desiderato. Joe lo insulta e gli rinfaccia tutto il male che ha fatto ai genitori. Ad Alex non resta che andarsene. L'ubriacone che aveva picchiato all'inizio lo riconosce e tutti gli anziani barboni si avventano su di lui. Alex non puo` difendersi perche' il suo cervello gli impedisce di usare la violenza. Viene salvato da due poliziotti, ma i poliziotti sono due dei suoi vecchi compagni di crimine. Lo caricano sul cellulare, lo portano in un bosco, lo bastonano e quasi affogano in un abbeveratoio. Sotto il temporale, cammina finche', senza rendersene conto, arriva alla villa dello scrittore. Stremato, supplica asilo. Lo scrittore riconosce la vittima del lavaggio del cervello, e la sua prima reazione e` di farne il soggetto di un libro, ma poi capisce che si tratta dell'uomo che lo aggredi` e lo ridusse su una sedia a rotelle e che causo` la morte di sua moglie. Lo scrittore ha chiamato una coppia di amici interessati a discutere il suo caso. Lo scrittore lo guarda con odio mentre risponde alle domande. A un certo punto Alex perde coscienza: il vino era drogato. Lo hanno chiuso in una camera e suonano Beethoven a tutto volume. E` una tortura che fa impazzire Alex. E` una tortura che fa impazzire Alex. Alex si butta dalla finestra.
Questa parte del film e` un rituale di "retribuzione", di punizione, di espiazione. Il fato gli somministra una medicina che e` eguale e contraria ai suoi atti.
Rinviene in ospedale, tutto bendato e ingessato. L'effetto della caduta e` stato di annullare la riabilitazione. Alex ha riacquistato la sua mente malvagia. Intanto la stampa ha preso lo spunto dal suo tentato omicidio per attaccare il programma di riabilitazione come disumano. Il ministro va a trovarlo in ospedale, gli chiede scusa per l'esperimento fallito, gli offre un lavoro, si fa fotografare abbracciato a lui. In altre parole, adesso devono riabilitare il governo e Alex e` indispensabile. Il film si chiude con visioni erotiche di Alex e un suo sguardo malvagio.
Un po' confuso, ma un affresco potente di violenza, dell'ipocrisia della societa`, dell'alienazione della classe borghese, della decadenza dei valori morali. Una parabola allucinante degli istinti bestiali che continuano a rigogliare sotto la parvenza di civilta`. La visione e` apocalittica. Non ci sono buoni, non ci sono redenti, non ci sono redentori. Il sarcasmo di Kubrick e` il piu` maligno e pessimista. Ambienti psichedelici e postmoderni. Musica elettronica. Nel carcere la musica si arresta.

Shining (1980)

Immagine della strada nella foresta, ripresa dall'alto, e dell'unica auto che la percorre. La strada s'inerpica sulla montagna. Jack, uno scrittore, arriva all'appuntamento per il nuovo posto di lavoro: prendersi cura di un hotel di lusso nel Colorado durante la bassa stagione, in condizioni di solitudine e isolamento. Ed e` cio` che lui sta cercando. Il datore di lavoro lo informa che il suo predecessore uccise la propria famiglia con un'ascia e poi si suicido`.
A casa suo figlio Daniel parla al suo amico immaginario Tony ha la visione di un'onda di sangue che allaga l'hotel e di due gemelle. Daniel sviene e la pedagoga dice alla madre che si e` trattato di un fenomeno di auto-ipnosi. La madre racconta alla pedagoga come il marito, ubriaco, ruppe il braccio del bambino, e come da allora Jack non ha piu` bevuto.
Jack va a prendere moglie e bambino e li porta all'hotel. Lungo il viaggio parlano del celebre episodio del Donner Party, i coloni che, colti di sorpresa da una tormenta di neve, divennero cannibali per non morire di fame.
Daniel vede di nuovo le due gemelle. Dick, lo chef dell'hotel, chiama "Doc" il bambino senza che nessuno gli abbia detto che quello e` il suo soprannome. Dick, rimasto solo con Daniel, gli rivela che sa leggere il pensiero, che e` dotato del dono del "shine". Daniel gli confide che Tony lo controlla e gli chiede cosa c'e` nella stanza 237. Dick gli intima soltanto di starne alla larga.
La televisione parla di una ragazza che e` dispersa da dieci giorni e annuncia una tormenta di neve.
Jack passa le giornate a scrivere nella grande stanza vuota dell'hotel ed e` irritato dalle interruzioni della moglie. La moglie, Wendy, e` gentile e premurosa, lui la tratta in maniera arrogante e volgare. E non le lascia leggere cio` che sta scrivendo.
Mamma e bambino passano le giornate giocando, ora nel labirinto dei fantastici giardini dell'hotel ora peri sentieri coperti di neve
La donna si rende conto che sono rimasti isolati: la tempesta ha interrotto la linea telefonica. L'unico mezzo di comunicazione e` la radio.
Il bambino continua a incontrare le due gemelle e ha la visione delle bambine squartate.
Daniel trova la porta della stanza 237 aperta... La madre sente urla: e` Jack che si e` addormentato sulla scrivania ed e` in preda a un incubo: sta sognando che ha fatto a pezzo moglie e bambino. E Danny e` in stato di ipnosi con una ferita al collo. La madre accusa Jack di avergli fatto del male di nuovo.
Jack ha bisogno di alcohol. Al bar vede il suo barista preferito e si fa servire un drink. La madre intanto sta vagando disperata alla sua ricerca: Daniel le ha raccontato che nella stanza 237 una donna pazza ha tentato di strangolare Daniel.
Dick e` in Florida, al caldo, e ascolta la notizia della tempesta di neve in Colorado. Ha una visione agghiacciante... e Daniel sta vibrando con lui a centinaia di chilometri di distanza.
Jack entra nella stanza 237 e vede una donna nuda che esce dalla vasca da bagno, avanza verso di lui, lo abbraccia e bacia appassionatamente. Ma nello specchio vede che si tratta di una vecchia coperta di orrende ferite, e nella vasca c'e` un cadavere. Il bambino sta vibrando all'impazzata. Il cadavere si alza dalla vasca. Jack scappa chiudendo la porta.
Dick tenta invano di telefonare all'hotel.
Jack torna dalla moglie e le dice di non aver trovato nulla... mente, si e` dimenticato o sa di aver sognato a occhi aperti? Jack tenta di convincere la moglie che il bambino si e` procurato le ferite da se`.
Daniel e` paralizzato, occhi spalancati. Continua a vedere l'onda di sangue che allaga l'hotel.
La moglie tenta invano di convincere Jack di lasciare l'hotel. Jack s'infuria e, sempre in termini volgari, la accusa di volergli impedire di completare il suo lavoro.
Torna al piano di sopra e trova il corridoio arredato a festa. Entra nel salone gremito di gente elegante e torna a sedersi al bar. Il barista gli offre da bere gratis. Nella parte del cameriere c'e` il suo predecessore, quello che fece a pezzi moglie e figlie e poi si suicido`. Il "cameriere" lo mette in guardia che Daniel ha un grande talento, ma lo sta usando per introdurre un estraneo nella loro "situazione": un cuoco nero. Jack da` la colpa alla madre e il "cameriere" lo incita a punirla.
Daniel parla alla madre con la voce di Tony e le dice che Daniel e` andato via.
Dick continua a tentare di chiamarli, e avverte anche i ranger, ma Jack ha disabilitato la radio. Dick decide allora di prendere l'aereo. Poi deve guidare per ore sulle strade ghiacciate.
Daniel e` ancora Tony. La madre lo chiude a chiave e va a cercare Jack, ma nella grande sala dove solitamente lavora non c'e` nessuno. La donna puo` finalmente leggere cio` che Jack ha passato giorni e notti a scrivere febbrilmente: e` una sola demenziale frase ripetuta all'infinito in migliaia di pagine. E` quello il lavoro prezioso per cui non voleva essere disturbato, per cui non vuole lasciare l'hotel. La donna si rende conto che Jack e` stato completamente pazzo per tutto il tempo.
Jack la sorprende e la spaventa. Daniel avverte cio` che sta succedendo e continua a vedere laghi di sangue nelle stanze dell'hotel. Wendy, terrorizzata, colpisce Jack alla testa con una mazza da baseball. Poi lo trascina in un ripostiglio e lo chiude a chiave. Jack si riprende e la implora di aprire. Wendy si rende pero` conto che Jack ha messo fuori uso il loro unico mezzo cingolato e la radio. Jack se la ride.
Bussano alla porta del ripostiglio. E` il cameriere-fantasma, che lo incita a uccidere la moglie e... gli apre la porta!
Jack si e` ormai completamente identificato con il suo predecessore.
Dick e` intanto atterrato e, a bordo di un mezzo cingolato, si sta dirigendo all'hotel.
Mentre la madre sta dormendo, Daniel-Tony prende un coltellaccio e, ripetendo sempre la parola "REDRUM" ("murder" alla rovescia) che ha visto in un'allucinazione, sveglia la madre: Jack sta arrivando. Wendy riesce a far uscire il bambino dalla finestra mentre Jack prende ad accettate la porta della loro camera e poi lo affronta con il coltellaccio.
In quel momento arriva Dick.
Jack colpisce DIck con l'accetta e lo ammazza. Daniel urla e svela cosi` il proprio nascondiglio a Jack. Jack cerca Daniel mentre Wendy cerca Jack, l'uno armato d'ascia e l'altra di coltellaccio. Wendy vede due persone nella stanza stregata. Jack insegue Daniel nel labirinto innevato del giardino. Jack deve soltanto seguire le impronte nella neve. Wendy sta ancora vagando per la casa e trova il cadavere di Dick. Alle sue spalle c'e` un uomo insanguinato che si sta godendo il "party". Poi capita in una stanza piena di scheletri. Poi vede accadere cio` che Daniel ha sempre visto in sogno: una valanga di sangue si riversa dentro l'hotel.
Daniel riesce a beffare il padre camminando a ritroso sulle proprie impronte e torna di corsa indietro. Wendy lo butta dentro il mezzo cingolato e se ne va.
Jack non riesce a trovare l'uscita del labirinto e muore assiderato.
L'hotel riapre.
La vera vittima e` la povera mogliettina, un essere buono e innocuo che tenta di versare amore su tutto e tutti, e viene ricambiata con l'inferno.

Spartacus (1960) e` un film minore, traboccante di riferimenti ai generi tradizionali di Hollywood, dal western al bellico, dal melodramma al gangster.

Spartacus e` uno schiavo nella roma repubblicana. Viene punito per aver cercato di aiutare un altro schiavo schiantato dai lavori forzati. Un mercante lo compra insieme ad altri schiavi per addestrarli come gladiatori e poi rivenderli. Spartacus ha orgoglio e rifiuta di essere trattato come un animale. Tanto il padrone quanto l'istruttore si divertono invece a infierire contro di lui, in particolare appena capiscono il suo desiderio per una donna e la sua passione per una schiava in particolare. Un gruppo di patrizi, fra cui il generale Crassus e suo cognato Glaborus, viene a celebrare un matrimonio e sceglie i gladiatori che vuole veder esibirsi. I gladiatori sono amici, ma devono sfidarsi all'ultimo sangue per divertire i patrizi. Spartacus perde, ma l'etiope che lo ha vinto non lo uccide. I romani inveiscono contro l'etiope, il quale si lancia contro di loro e viene ucciso da un soldato. Il suo cadavere viene poi appeso a testa in giu` come monito per gli altri schiavi. Intanto la schiava e` stata comprata da uno dei patrizi. Spartacus la vede partire e si scatena. Uccide l'istruttore affogandolo nella minestra. Gli altri schiavi seguono il suo esempio, sopprimono le guardie, sfondano il recint, si avventano contro gli altri edifici e finalmente fuggono.
A Roma il leader del Senato, Graccus, decide di affidare il compito di ristabilire l'ordine a Glaborus, ma Craxus capisce che si tratta di una mossa contro di lui: vogliono separare i due alleati che complottano contro il regime. Il compito di garantire l'ordine a Roma viene affidato al giovane Julius Caesar.
Lontano da Roma, gli schiavi stanno seminando il terrore. Mettono a ferro e fuoco una localita` dopo l'altra, costringono i grassi padroni di ieri a sfidarsi come gladiatori. Spartacus ristabilisce pero` l'ordine ed esorta gli altri schiavi a non diventare come i loro oppressori. Spartacus ha la visione di un esercito di gladiatori, praticamente invincibile, un esercito che cresce man mano che altri gladiatori vengono liberati. Viene liberata anche la bella schiava, che naturalmente diventa la donna di Spartacus. Gli schiavi di organizzano, lavorano indefessamente per costruire la loro citta`. Fra di loro c'e` un bardo e prestigiatore, che allieta le loro serate, e presto diventa il consigliere del generale Spartacus. Spartacus, alla ricerca navi per varcare il mare, contatta i pirati della costa orientale, i quali gli mandano un messaggero. E` il messaggero che lo avverte dell'avvicinarsi delle guarnigioni romane capitanate da Glaborus. Spartacus non esita a lanciare l'attacco. Massacra le legioni, cattura Glaborus. Invece che ucciderlo, lo rispedisce a Roma in cenci con il suo messaggio: se lasciato libero di attraversare l'Italia, se ne andra` in pace; altrimenti distruggera` qualsiasi legione romana. A Roma, Crassus stesso invoca che Glaborus venga punito e, per dimostrare la sua integrita` morale, rassegna anche le proprie dimissioni.
Gli schiavi di Spartacus sono in marcia verso la liberta`, accolti trionfalmente ovunque transitano. Graccus propone al senato romano di inviare due legioni a fermarlo. Le legioni vengono sgominate. Crassus ha l'occasione di riprendere il potere, ma Graccus ha la contromossa pronta: stringe un patto segreto con i pirati affinche' Spartacus possa lasciare l'Italia. Ma Crassus ha a sua volta pagato i pirati per ritirare le navi, affinche' la crisi precipiti. Spartacus, furibondo, volge le sue truppe verso Roma. Crassus viene nominato comandante dell'esercito romano, mentre Spartacus incita gli schiavi a combattere un'altra battaglia per la loro liberta`. I due eserciti si confrontano. Con uno stratagemma Spartacus sbaraglia la prima linea romana, ma vengono sopraffatti dalla superiorita` numerica dei romani. E` un massacro. Alla fine Crassus cammina nella distesa immane di cadaveri. Agli schiavi sopravvissuti viene imposta una condizione: la vita in cambio di rivelare di chi sia Spartacus. Ma nessuno lo vuole tradire e tutti sostengono di essere Spartacus. Crassus li condanna tutti alla crocifissione. Crassus in persona trova la donna di Spartacus, che protegge il suo bambino, e la prende per se stesso. Crassus vede poi il bardo, che era stato suo schiavo, e lo esclude dalla crocifissione, cosi` come Spartacus (senza sapere che si tratta di Spartacus). Gli schiavi vengono crocefissi uno ad uno lungo la via che riporta a Roma.
Per Crassus si tratta di un trionfo personale che gli consente di acquire poteri dittatoriali e di liquidare tutti i suoi nemici politici. Graccus viene condannato all'esilio.
Graccus medita la rivincita e si serve del vile mercante, che adesso odia Crassus. Crassus e` innamorato della donna di Spartacus (in maniera un po' psicotica) e Graccus la vuole far rapire.
Soltanto due schiavi sono ancora vivi, il bardo e Spartacus. Crassus e` convinto che Spartacus sia Spartacus, ma entrambi rifiutano di parlare. Crassus li obbliga a combattere: il vincitore verra` crocifisso. I due amici combattono affinche' l'altro non venga crocifisso. Spartacus vince. Crassus lo provoca rivelandogli che la donna e` adesso schiava a casa sua e Spartacus rivela la sua identita`. Crassus lo fa crocefiggere e bruciare.
Il mercante intanto ha portato la donna e il bambino da Graccus. Graccus firma le carte che le rendono la liberta`. Il mercante e la donna escono dalle porte di Roma e per prima cosa vedono Spartacus, ancora vivo, sulla Croce. La donna giura di crescere il figlio nel nome del padre. Il carro si avvia verso l'orrizonte lungo il viale costellato di croci.
Il passo e` lento, esasperante; le scene sono prevedibili, lo svolgimento legato piu` alle convenzioni di Hollywood che ai costumi romani; le battute sono la quintessenza dei peggiori stereotipi patetici di Hollywood. Perso il suo ghigno sardonico, Kubrick e` un mestierante dozzinale (assolutamente ridicolo l'incontro finale fra la donna e Spartacus crocefisso ma miracolosamente ancora vivo). Le scene di massa sono una pallida copia di quelle di DeMille. Il film e` tronfio di ideali della nazione americana (la liberta`, la resistenza contro la dittatura, la liberazione degli schiavi).

Eyes Wide Shut (1999), ispirato da "Dream Story" (1926) di Arthur Schnitzler, e` l'ultimo film, certo non uno dei migliori. Lo stile e` quello del Kubrick piu` assorto e contorto. La narrazione e` faticosa, non si capisce cosa Kubrick voglia dire. E` probabile che Kubrick avesse semplicemente un'idea di fondo (quella dell'attrazione sessuale) e un nugolo di idee su alcune scene d'alto effetto, ma non fosse riuscito a trasformare il tutto in un film organico.

Al party del ricco e decadente Victor il medico Bill incontra il vecchio amico Nick, che lo invita ad andarlo a trovare al club in cui suona, e flirta con due ragazze svampite, mentre la moglie Alice flirta con un aristocratico ungherese. Fin dall'inizio il protagonista del film e` la borghesia decadente. Victor chiama d'urgenza Bill perche' una giovane prostituta con cui si era appartato ha avuto un collasso dovuto a un'overdose. Bill e Alice tornano a casa e fanno l'amore.
Bill passa le sue giornate in ufficio, mentre Alice si prende cura della loro bambina. Sembra una famiglia modello. In realta` Alice e` ancora turbata dal ricordo di un ufficiale della marina che la sedusse con un semplice sguardo e per il quale lei non avrebbe esitato a tradire il marito. Il marito a sua volta e` sconvolto da un'immagine ricorrente, quella della moglie fra le braccia dell'ufficiale. Non si capisce se il fatto accadde realmente e lui ne fu testimone o se la moglie dice la verita`.
Muore un suo paziente e Bill accorre al capezzale. Viene ricevuto dalla figlia del defunto che gli confessa il suo amore e lo bacia. Bill mantiene il distacco finche' arriva il fidanzato. Bill li lascia e cammina per strada. Viene avvicinato da una bella prostituta e acconsente a seguirla, ma poi non riesce a fare l'amore con lei. Le lascia egualmente del denaro e si reca al club dove Nick sta suonando. Nick gli rivela di essere stato assoldato per suonare bendato durante orge sessuali fra ricchi in maschera e prostitute in maschera. Bill e` morbosamente attratto dalla descrizione e si fa dare la password per andarci anche lui. Poi convince il padrone di un negozio di costumi ad aprirgli nel mezzo della notte e affitta un costume e una maschera. Il padrone scopre la figlia ninfomane in una stanza con due orientali e minaccia di chiamare la polizia.
Bill si fa portare da un taxi alla villa misteriosa. Pronuncia la password e viene scortato all'interno, dove centinaia di persone incapucciate e mascherate stanno completando un rituale gotico. Al termine del rituale le ragazze si spogliano e ciascuna prende sotto braccio un uomo. Quella che prende sotto braccio Bill gli fa capire di sapere chi e` e lo invita ad andarsene prima che sia troppo tardi. (Non e` spiegato come faccia a capirlo visto che anche lui e` mascherato). Nick sta suonando bendato una musica da requiem. Le coppie fanno l'amore, chi in privato chi in pubblico, sempre protetti dalle maschere. La ragazza torna e lo supplica di fuggire. Troppo tardi: il maggiordomo lo invita a seguirlo con una scusa e lo porta in una stanza in cui un grottesco figuro e` circondato da centinaia di incapucciati in maschera. Bill viene obbligato a smascherarsi e a spogliarsi. Prima che possano procedere con la punizione, pero`, la ragazza si offre come capro espiatorio e lui viene liberato.
A casa trova la moglie che ride nel sonno. La sveglia: ha avuto un incubo in cui faceva l'amore con l'ufficiale e poi con tutti gli uomini presenti e rideva in faccia al marito.
Il giorno dopo Bill cerca Nick, ma Nick e` misteriosamente scomparso, obbligato da due sconosciuti a lasciare l'hotel. Bill va a restituire il costume e scopre che la ninfomane ha passato la notte con gli orientali: il padre li ha semplicemente fatti pagare, e adesso la offre anche a lui. Bill torna alla villa, ma ottiene soltanto un avvertimento a tenersi lontano. Bill porta allora un regalo alla prostituta, ma a casa trova soltanto la sua housemate, che gli rivela che la ragazza ha scoperto di avere l'AIDS. Di nuovo per strada, vede che qualcuno lo segue. Legge sul giornale della morte della giovane drogata di Victor, e si precipita da Victor. Gli chiede se e` stata uccisa per colpa sua. Victor ammette di far parte degli incapucciati e di aver visto tutto. Lo vuole mettere in guardia per il suo bene. Lo assicura che Nick e` stato semplicemente rispedito a casa, e che la drogata e` morte per overdose, non per la punizione.
Bill torna a casa e trova la propria maschera sul cuscino di fianco a Alice. Scoppia a piangere e confessa tutto ad Alice. Fanno le spese natalizie con la bambina e si riconciliano.
Incubo "pasoliniano", il film mette semplicemente in mostra la crisi morale della ricca borghesia e in particolare della coppia, come se Kubrick si fosse accorto soltanto nel 1999 della rivoluzione morale degli anni '60. Se questa e` una favola morale, manca soprattutto la morale. Manca il finale.

Lolita (1962), tratto dal romanzo di Nabokov, e` uno studio psicologico ed e` anche una satira del perbenismo borghese.

Nella prima scena Humbert massacra Claire, l'uomo che ha rubato la sua donna e che vive in condizioni di abietta decadenza.
Humbert arrivo` in America per scrivere e insegnare. Prese alloggio presso una vedova frustrata, Charlotte, e venne subito attratto dalla figlia adolescente, Lolita, maliziosa e annoiata, che sta prendendo il sole in bikini. Humbert non esita a sposare la noiosissima e volgare Charlotte per stare vicino a Lolita, tanto piu` che Charlotte e` gravemente malata. Humbert non e` soltanto un pedofilo, ha anche la passione di documentare in un diario la sua passione pedofila, come se volesse autopsicanalizzarsi.
Un giorno pero` Charlotte scopre il diario e quindi la verita`. Sconvolta e umiliata, si precipita in strada, viene colpita da un'auto e muore sul colpo. Humbert non perde tempo e organizza una gita in auto con Lolita, ancora ignara dell'accaduto.
Durante il viaggio incontra un poliziotto che gli pone domande imbarazzanti e insiste per vedere la camera in cui sta dormendo Lolita. Humbert se ne libera e riprende il viaggio. Quando rivela a Lolita l'accaduta, la ragazzina scoppia a piangere, ma lui la convince a vivere con lui.
Humbert e Lolita cominciano cosi` una seconda vita, in cui lui la vizia in cambio del suo corpo. Humbert diventa sempre piu` succube di lei e Lolita diventa sempre piu` prepotente. Si stabiliscono in un paese di provincia, dove Lolita s'invaghisce di una scuola. A rovinare il loro idillico "romance" e` in realta` sempre la stessa persona: lo stesso uomo che impersonava il poliziotto, che continua a cambiare travestimento (adesso e` uno psicanalista tedesco che lo convince a lasciar Lolita act in una commedia). La gente del paese comincia a mormorare. Una sera Humbert la confronta e Lolita gli si ribella. Ma poi si convince a seguirlo e i due ripartono, lasciandosi dietro i pettegolezzi del paese.
Humbert si rende conto che un'auto li segue dappertutto. E, durante una sosta a un benzinaio, vede che Lolita parla al guidatore. Humbert e Lolita riprendono il viaggio e Humbert guida come un folle per far perdere le tracce, ma l'auto continua a seguirli. A un certo punto una gomma esplode e Humbert e` costretto a fermarsi. L'auto si ferma dietro di loro, li osserva per un po', e poi torna indietro.
Lolita si ammala e deve essere ricoverata in ospedale. Humbert e` sospettoso di tutto e di tutti. Ha deciso di continuare il viaggio verso il Messico per lasciarsi alle spalle l'inseguitore, ma deve fermarsi in paese finche' Lolita non guarisce. Si ammala cosi` anche lui, ma lui dorme in un umile motel. In piena notte qualcuno gli telefona ponendogli domande imbarazzanti sulla sua vita sessuale. Humbert corre in ospedale per riprendersi la figlia, ma lei e` stata dimessa da alcune ore ed e` stata prelevata da uno "zio". Humbert si avventa contro dottori e infermiere, ma, quando loro minacciano di chiamare la polizia, si intimorisce e fa finta di sapere dell'esistenza di uno zio.
Dopo tre anni, riceve una lettera da Lolita: e` sposata, aspetta un figlio, non ha soldi, e gli chiede aiuto. Humbert si reca a trovarla con una pistola in tasca. La trova completamente cambiata: e` diventata una donna. Suo marito e` un giovane che lei ha conosciuto un anno prima, ma non e` lo "zio" che la rapi`. Humbert e` determinato a vendicarsi di quest'uomo misterioso e la obbliga a confessare chi e`.
Lolita gli rivela che lo poliziotto, lo psicanalista, l'inseguitore, etc sono lo sceneggiatore televisivo Claire, un amico di famiglia. Non solo: Lolita ne era sempre stata invaghita, prima e durante la sua relazione con Humbert. Durante tutto il viaggio aveva soltanto cercato scuse per continuare a vederlo. Una volta fuggita con lui, era vissuta con lui nella sua comunita` decadente di artisti e intellettuali, ma poi si era pentita e aveva lasciato anche lui. Adesso ha trovato un marito modello, che la ama teneramente ed e` diventata una donna di casa. Humbert e` pero` sempre lo stesso: ignora tutto cio` che gli dice, e la supplica di tornare con lui. Al suo rifiuto scoppia in lacrime. Le lascia tutti i suoi soldi e continua la sua ricerca di Claire, che terminera` con la prima scena.
Il romanzo di Nabokov viene trasformato dallo humour mordace e psicotico di Kubrick.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.

The science-fiction epic 2001: Space Odyssey (1968), scripted by Arthur Clarke, is a symphony of elegantly hypnotic images (set to classical music). Kubrick's indulging in his photography is a way to indulge in his philosophy: each scene is carefully orchestrated to deliver a (often cryptic) message. They are played in slow-motion, to give the audience time enough to absorb the whole picture. Kubrick's baroque chromatism sterilizes the sensationalism of action cinema. The film begins at the dawn of manking. A sequence of panels describes the life of the early humans (in a grand and barren landscape). They communicate only through minimal vocal sounds and carry out basic activities: they eat and drink, hide from their predators, fight other humans. One day something causes great excitement: they find a steel monolith stuck in the rock.
From prehistory the film fast forwards to the future. A spaceship lands on a space base. A doctor is traveling towards Clavius. He is briefly met by representatives of the space base, who inquire about the rumours of an epidemic of unknown origin on Clavius (there has been no contact for days, spaceships have been denied permission to land). The doctor cannot reply to their questions and resumes his journey. The majestic spaceship advances slowly in empty space and finally reaches the moon Clavius.
The doctor meets with the rulers of the moon. The reason of his trip is the discevery that has occurred on the moon and has been held secret with the excuse of the epidemic: the monolith, that was planted four million years before. Evidence shows that the monolith was buried by somebody. It produces a strong field that radiates towards Jupiter. The doctor takes a flying vehicle and reaches the site where the monolith is. The doctor and his escort slowly descend the steps that lead to the chamber of the monolith. Suddenly, the monolith emits a powerful noise.
Eighteen months later a spaceship is flying in empty space towards Jupiter. On board, two astronauts exercise in the absence of gravity and listen to a television broadcast: the interview the station made them. Three doctors have been hibernated and the sixth member of the crew is HAL 9000, a talking computer that is taking most of the decisions. The computer discusses like a friend with the pilot and confesses his anxiety that the mission may have secret objectives, as confirmed by the fact that the three doctors have been hibernated before boarding the spaceship. The computer is supposed to be infallible, but instead makes one mistake after the other, even jeopardizing the lives of the astronauts. The two pilots start feeling uncomfortable about the machine's ability to give sound advice and consider unplugging it. Another mistake by HAL causes one of the two to be sepaarated from the spaceship while spacewalking outside, and the other pilot has to use an emergency capsule to rescue him. While both pilots are out, a computer malfunction kills the three doctors.
When the pilot drives the capsule (dragging the other pilot) back to the spaceship, HAL does not want to let them in because it has guessed that they want to unplug it. The pilot has to sacrifice his partner and perform a difficult manouver to get in from the emergency exit. The computer begs to be kept alive, but the pilot disconnects it.
The moment the computer is shut down, a recording starts automatically and reveals to the pilot that the true mission of the spaceship is to discover why the monolith radiates towards Jupiter. Previous to this moment, only HAL was aware of the true mission of the spaceship.
The pilot resumes the journey, but the spaceship falls down in a colorful abyss, an eruption of hallucinating images, as in a psychedelic trip. The astronaut (still wearing his spacesuit) awakes in a gigantic liberty apartment. The astronaut explores the rooms and meets an aging man who is eating a meal. This man disappears, but another aging man, who is sleeping in the bedroom, calmly lifts his arm, and the monolith rises triumphantly in the middle of the room. The Earth afloat in the skies, and a gigantic child wrapped in a bubble and floating next to it.
The final scenes (and their symbolism) redeem the very slow pace of most scenes inside the spaceship.
(Translation by Corrado Cantelli)

L'epica e fantascentifica 2001: Odissea Nello Spazio (1968) e' una sinfonia d'immagini elegantemente ipnotiche (poste su musica classica). L'abbandonarsi di Kubrick alla fotografia, e' un modo per accontentare la sua filosofia: le scene sono accuratamente orchestrate per mandare un messaggio (spesso enigmatico). Sono girate al rallentatore, per dare agli spettatori il tempo sufficente di assorbire l'intera immagine. Il cromatismo barocco di Kubrick sterilizza il sensazionalismo del cinema d'azione.

Il film comincia agli albori dell'umanita'. Una sequenza d'immagini descrive la vita dei primi esseri umani (in un paesaggio imponente e desolato). Comunicano soltanto tramite minimi suoni vocali e svolgono attivita' di base: mangiano e bevono, si nascondono dai predatori e combattono gli altri umani. Un giorno qualcosa causa un grande eccitamento: trovano un monolito d'acciaio conficcato nella roccia. Dalla preistoria il film fa un balzo in avanti nel futuro. Un'astronave atterra in una base spaziale. Un dottore sta viaggiando verso Clavius. E' per breve tempo incontrato dai delegati della base spaziale stessa, che chiedono notizie circa le voci di un'epidemia di origine sconosciuta su Clavius (non c'e' stato alcun contatto per giorni, alle navi spaziali e' stato negato il permesso di atterrare). Il dottore non puo' rispondere alle loro domande e riprende il viaggio. La maestosa astronave avanza lentamente nello spazio vuoto e alla fine raggiunge la luna Clavius. Il dottore incontra i governanti della luna. La ragione del suo viaggio e' la scoperta avvenuta su questa luna e che e' stata tenuta segreta con la scusa dell'epidemia: il monolito, che fu piantato milioni di anni prima. Le prove dimostrano che il monolito fu sotterrato da qualcuno. Produce un forte campo che irradia verso Giove. Il dottore prende un veicolo volante e raggiunge il luogo dove si trova il monolito. Con la sua scorta scende lentamente le scale che portano alla camera del monolito. Improvvisamente il monolito emette un suono molto potente. Diciotto mesi dopo, una nave spaziale vola nello spazio vuoto verso Giove. A bordo due astronauti si esercitano in assenza di gravita' e ascoltano un programma televisivo: l'intervista che ha fatto loro l'emittente. Tre dottori sono stati ibernati e il sesto membro dell'equipaggio e' HAL 9000, un computer parlante che prende gran parte delle decisioni. Il computer dovrebbe essere infallibile, invece fa un errore dopo l'altro, persino mettendo a repentaglio la vita degli astronauti. I due piloti cominciano a non sentirsi sicuri riguardo la capacita' della macchina di dare i consigli giusti e considerano la sua disattivazione. Un altro errore di HAL provoca la separazione di uno dei due dalla navicella, mentre era fuori di essa, nello spazio, e l'altro pilota deve usare una capsula d'emergenza per soccorrerlo. Mentre entrambi i piloti sono fuori, un malfunzionamento del computer uccide i tre dottori.
Quando il pilota riconduce la capsula alla nave spaziale (trascinando l'altro pilota), HAL non vuole lasciarli entrare perche' ha indovinato che vogliono disattivarlo. Il pilota deve sacrificare il suo compagno e fare una difficile manovra per rientrare dall'uscita d'emergenza. Il computer implora d'essere lasciato vivo, ma il pilota lo disattiva. Nel momento in cui il computer si spegne, parte automaticamente una registrazione che rivela al pilota che la vera missione della navicella spaziale e' di scoprire perch‚ il monolito irradia verso Giove. Fino a questo momento solo HAL era consapevole della vera missione dell'astronave. Il pilota riprende il viaggio, ma l'astronave precipita in un abisso di colori brillanti, un'esplosione d'immagini allucinanti, come in un viaggio psichedelico. L'astronauta (che ancora indossa la tua spaziale) si sveglia in un gigantesco appartamento liberty. L'astronauta esplora le stanze e incontra un uomo che invecchia, che mangia un pasto. Quest'uomo scompare, ma un altro uomo che invecchia, che dorme in camera da letto, con calma alza il braccio, e il monolito si leva trionfante in mezzo alla stanza. La terra a galla fra le stelle, e, accanto, un gigantesco bambino fluttuante avvolto in una bolla.
Le scene finali (e il loro simbolismo) compensano l'andatura molto lenta della maggior parte delle scene all'interno dell'astronave.
What is unique about this cinema database