Louis Malle
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Louis Malle si mise subito in luce come l'autore più eclettico della "nouvelle vague".

Ascenseur Pour L'echafaud (1957) è un giallo con intrigo alla Hitchcock: un impiegato uccide il padrone su istigazione della moglie di questi, sua amante, ma nella fuga rimane intrappolato dentro l'ascensore; ne approfitta un altro criminale, che si impossessa della sua auto per andare a uccidere due turisti; sulle spalle del primo omicida ricadono entrambi i crimini, ma la polizia scopre la verità.

Les Amantes (1958) è un racconto libertino sulle voglie insoddisfatte di una borghese (Moreau) che si stanca sia del marito sia dell'amante e se ne va con un giovane archeologo.

Zazie Dans Le Metrò [(1960) da Queneau] è un revival surrealista, freentico, mozzafiato, colorito.

Vie Privée/ A Very Private Affair (1962) è la storia melodrammatica di una diva (Bardot) che di amante in amante finisce isterica e depressa per precipitare da un tetto. The film is very amateurish. The plot is simply a paraphrase of Bardot's career. The story is told in a plain and uninspired manner.

A teenager, Jill (Brigitte Bardot), who is taking dance lessons, lives with her widowed mother in a large mansion in Switzerland. Jill and her boyfriend have two friends: Carla and her husband Fabio, a handsome and successful publisher. Jill has a secret crush on Fabio and sympathyzes with Grisha, a middle-aged man who has been patiently and unsuccessfully romancing her mother for years. Knowing that her dream is impossible, Jill decides to follow her boyfriend to Paris to become a dancer. She gets quickly bored of dancing and of her boyfriend. She tries modeling and acting. A producer likes her and turns her into a star. She becomes a celebrity famous for her endless love affairs. Eventually, she gets hysterical at being continuously in the limelight and flees Paris. She walks into Fabio's office to find out that he divorced Carla. This makes her even more hysterical (she never told him of her love becaues she believed they were happy together). They go to her mother's mansion but her mother is not there. On the other hand, the usual crowd of journalists arrives. She is about to get hysterical again. Fabio makes love to her. She moves in with him, but then she tries to kill herself. She regrets all those wasted years. He tries to give her the love she longs for, but is more interested in his work. When Fabio goes to Italy for work, leaving Jill in the villa surrounded by the paparazzi, Jill decides to follow him, and Grisha volunteers to drive her. However, Jill has to remain locked in a tiny room in order to avoid the fans and the paparazzi, while Fabio works outside at his play. Eventually, Jill feels like a prisoner and has another breakdown. On the very night of the performance, Jill climbs on the roof to watch it unseen. It is only a matter of time before a photographer spots her and starts taking pictures with a powerful flash that blinds her. She loses her balance and falls to her death.

Le Feu Follet (1963) è un estenuata professione di nichilismo: un donnaiolo alcoolizzato, che conduce la propria esistenza nella noia e nella solitudine, che non si sente più attratto da nulla, scrive sullo specchio la data in cui si suiciderà ma cerca nei due giorni che gli rimangono di trovare una ragione per vivere, ma amici e amiche gli sembrano maschere mediocri e meschine e quando arriva il momento non esita a premere il grilletto.

Viva Maria! (1965) è una commedia avventurosa per Bardot e Moreau nei panni di due soubrette che guidano una rivoluzione in America Latina con imprese da western e incitamenti napoleonici, la prima vera rivoluzionaria, la seconda romantica e innamorata.

Le Voleur (1967) è un incrocio fra la commedia di costume e il poliziesco: un artista del furto durante la Bèlle Époque è mosso a rubare dal disprezzo che nutre per la società e da una morbosa dipendenza da quel vizio (Pickpocket), metà anarchico e metà nevrotico; la sua ribellione è sempre più vana e assurda, ma, nonostante sia ormai ricchissimo e abbia un'affascinante compagna, continua a rubare, forse soltanto per avere uno scopo nella vita.

Le souffle Au Coeur (1970) è una commedia libertina che narra l'iniziazione sessuale di un adolescente, educato in un collegio cattolico, da parte di una prostituta prima e della madre poi.

Lacombe Lucièn (1974) è la storia di un giovane contadino musone e retrogrado, umiliato dall'analfabetismo e dall'età che diventa senza quasi accorgersene un collaborazionista, delatore e torturatore, tutto fiero di essere finalmente diventato qualcuno; terrorizza una famiglia ebrea, invaghendosi della figlia, e gode dell'ambiguità dei sentimenti che questo rapporto genera (speranza che lui li aiuti, paura che lui li denunci, amore e odio della ragazza che ha violentata e pagata); quando i nazisti vogliono arrestare la ragazza, lui la libera con la pistola e insieme si rifugiano nei monti, ancora in un'atmosfera di ambiguità e incomunicabilità; finirà fucilato.

Black Moon (1975) è una favola psicanalitica quasi senza dialogo, la cui Alice è una donna che durante un viaggio in auto capita in un paese dove le donne stanno combattendo una guerra di liberazione e dove viene ospitata da una guerrigliera in una fattoria; assiste la vecchia madre malata, la culla e l'allatta fino a farla scomparire bambina; dopo altre scene surreali (fratello e sorella lottano a ritmo di complesso, la donna prende il posto della vecchia, un serpente s'infila sotto la sua gonna), gli animali prendono il potere.

Pretty Baby (1978) tells the story of a child who grows up in a brothel. The child is happy in the brothel and is looking forward to a career as a prostitute, and the prostitutes themselves behave as if they are living in a family mansion. This is the only place where they can feel safe, loved, taken care of. The whole action takes place inside the brothel.

In 1917 in the red-light district of New Orleans a child, Violet (Brooke Shields) watches terrified as a woman gives birth to a boy. She runs downstairs in the hall of the classy brothels, trying to get somebody's attention. The prostitutes are indifferent to the news. Only the black pianist rejoices. An elderly man walks, determined to celebrate his birthday with a woman after so many years. Hattie, the woman who gave birth, is Violet's mother.
Weeks later Violet, while all the women are still asleep, Violet opens the door to a well-dressed photographer, Ernest, who is keen on photographing the women. He pays to photograph Hattie. Days later he comes back to bring a photo to Hattie. The photo mesmerizes the women, including Violet. The women are aggressive with the photographer, but he is shy and reserved.
Hattie's violent and alcoholic gambler makes a scene. Hattie and the madame of the brothel have an argument and Hattie threatens to quit, but Violet does not want to leave the place where she grew up.
VIolet is jealous that the photographer takes pictures only of her mother, and ignores her. She is happy when the madame decides to auction her virginity. Her mother is proud of her, the other prostitutes give her all sorts of tips, and Violet can't wait. She can behave like a pro even without having done it. The madame has organized a dinner with very important people, including a senator. The women dress up the child and paint her face. Violet is carried in on a stretcher and exhibited like a precious gem. Then the auction begins, with the men transfixed by the beauty of the little virgin. Eventually someone offers a huge amount of cash and wins the virgin. The women wait downstairs. The photographer doesn't say a word. When the man runs out, they rush upstairs, and her mother is not even the first one. Violet is actually happy, although in pain. It doesn't take long before the madame sells Violet again as a virgin to another middle-aged pervert.
Hattie finds a man who is willing to marry her and does not miss her opportunity to become a respectable woman. Hattie does not hesitate to leave Violet in the brothel. THe photographer also remains, still taking pictures and observing the life of the prostitutes. He displays a bit of concern for Violet's future, and that's enough for the madame to recognize the signs of love. Violent, in turn, is fascinated by him, and now she's also intrigued by his virginity. She is growing to be a hard-headed spoiled bitch, and one day the madame has her flogged in the stables. Fed up, Violet moves into the photographer's house, playing both roles of wife and model. He feels the amorality of the situation but cannot resist the seduction and eventually sleeps with her. He takes pictures of her naked, but she's still a spoiled brat.
The era of the red-light district is coming to an end. The madame has to shut down the brothel and the whores have to move out. The photographer proposes to Violent. They get married and all the prostitutes come to celebrate.
One day Violet's mother Hattie shows up, dressed like a wealthy lady, with her wealthy husband. Violet lives in poverty with the photographer. Hattie tells the photographer that the marriage is null because he didn't ask for her consent, and that she wants to take Violet away to raise her properly. The photographer now truly loves Violet and can't live without her, but she's fundamentally still a whore, and doesn't hesitate a second to choose the life of the wealthy family.

Atlantic City (1980) propone uno strano e suggestivo ibrido di commedia sentimentale, melodramma, noir e gangster, ed e` forse uno dei suoi film migliori.

La vicenda e` ambientata in un casinò della città dove vivacchiano ruderi di una civiltà in via di estinzione: un finto duro in pensione, più che altro un fanfarone alcoolizzato, che vive con un'ex-reginetta di bellezza vedova di un gangster e una cameriera canadese apprendista croupier che ha sposato un poco di buono pur di lasciare il proprio paese.
Sally e` una bella ragazza che vive da sola in un palazzo. Il vicino anziano, Lou (Lancaster), la spia dalla finestra. Due autostoppisti (lei incinta, lui ha appena rubato l'eroina che avrebbe dovuto consegnare a una staffetta) arrivano in citta` a bordo di un camion. Una carica di dinamite distrugge un grande edificio del centro. Lou si prende cura di una donna del piano di sotto, che li chiama tirando una corda collegata a un campanello nella stanza di sopra. I due autostoppisti entrano in casino e vanno dritti a parlare a una delle cameriere del ristorante, che e` proprio Sally. Sally e` la sorella della ragazza incinta e li accoglie con freddezza. Li porta a casa propria ma intima loro di andersene, perche' lui in passato le ha causato qualche guaio con la giustizia. Lou ha un portamento da nobile, ma in realta` e` un ex gangster. Sally studia per diventare una dealer e il suo istruttore, molto severo, la corteggia discretamente. Il cognato va a vendere eroina a un amico di Lou, ma questi non vuole saperne. Appreso che Lou e` un vecchio marpione del crimine, il ragazzo lo rincorre e gli offre una ricompensa per aiutarlo a contattare un boss locale. Sally sta passeggiando con l'istruttore nella stessa zona in cui Lou e suo cognato stanno passeggiando e Lou gli sta raccontando la storia della sua vita, infiorettata di nomi famosi del crimine organizzato. Poco dopo Sally scopre che il suo portafoglio e` scomparso. Il giovane manda Lou a consegnare l'eroina al cliente, ma quelli a cui ha rubato l'eroina lo trovano e lo uccidono. Nei bagni Lou incontra un vecchio amico, che pulisce scarpe. Tornando a casa, Lou vede l'ambulanza che porta via il giovane. La polizia ha ritrovato il portafoglio di Sally: l'aveva rubato il giovane, che si scopre essere il marito di Sally. La portano a vedere il cadavere e lei tenta invano di convincerli che non ha nulla a che fare con lui. Lou la accompagna a casa. Ha ancora in tasca i soldi dell'eroina. Finalmente si presentano, ma lui la spiava da tempo. La spia di nuovo vedendola svestirsi davanti alla finestra. Poi scende al piano di sotto e fa l'amore con la vecchia. Lou si occupa di spedire la salma ai genitori. Poi i due passano un weekend insieme, e lei, commossa dalla sua devozione, gli si offre.
Al rientro, Lou e Sally vengono attaccati da due gangster che stanno ancora cercando la droga. I gangster sono gia` stati a casa della donna, che e` ridotta a un campo di battaglia. Sua sorella, sotto shock, e` nascosta in bagno. Sally la fa parlare e cosi` scopre la storia della droga e il coinvolgimento di Lou. Ma Lou ha gia` lasciato l'edificio portando con se` la droga. Dalla vecchia, che e` subito accorsa piu` che altro perche' gelosa, Sally apprende anche che Lou e` stato un mediocre e un vigliaccio tutta la vita, fingendo di essere stato un boss del crimine quando in realta` non era nessuno.
A causa del passato di suo marito, Sally viene licenziata dal casino, proprio quando stava per completare la classe di dealer. Lou e` nel casino e viene aggredito prima dai gangster e poi da Sally, che vuole i soldi. Gli uomini del casino impediscono sia ai gangster sia a Sally di molestarlo, perche' non vogliono problemi. L'istruttore le offre di prostituirsi. Lou lascia il casino e Sally lo insegue. Lo ritrova alla stazione degli autobus e lo fa scendere con la scusa che e` suo padre ed e` un malato mentale. Lui, ubriaco, fa una scena patetica, continuando a vantarsi di essere un pericoloso gangster. Si avviano a piedi verso casa ma vengono raggiunti dai gangster, che sono pronti a liquidarli. Lou trova il coraggio che non ha mai trovato in vita sua e uccide entrambi con la rivoltella che nascondeva in tasca.
Finalmente e` riuscito a diventare qualcuno. Lei gli fa le fusa e accetta di seguirlo. Ma la soddisfazione di Lou svanisce quando si accorge che lei lo sta derubando e sta per lasciarlo, decisa a rifugiarsi in Francia. Invece di opporsi, lui le offre le chiavi dell'auto. Lei esita per un secondo, poi salta in auto.
Lou torna dalla sua vecchia, che lo aiuta a vendere l'ultima partita di droga. Passeggiano a braccetto lungo il porto, lui fiero di essere finalmente diventato un ricercato, e lei fiera di lui, mentre alle loro spalle un nuovo casino sta nascendo.

Alamo Bay (1985) è ambientato in Texas nel 1978, quando una piccola flotta di rifugiati sudvietnamiti entrò in competizione con gli arroganti sudisti per il pesce del Golfo. Come in Atlantic City e Crackery il protagonista è l'America emarginata e dimenticata: i pescatori del Texas sono una popolazione primitiva e miserabile con un concetto arcaico della tribù e del territorio; sintesi di tutte le intolleranze razziali, del pregiudizio, del fanatismo.

Di nuovo in Francia diresse Au Revoir Les Enfants (1987), in parte autobiographico, pastiche di temi cinematografici popolari (collegio, pubertà, guerra, ebrei etc.). This accomplished historical fresco only lacks a reason to exist. There is nothing in it that has not been done before.

During the German occupation of France in World War II, Julien, a boy who hates everyting and everybody, is sent to boarding school. There he meets the old friends and some new ones, in particular Jean, who turns out to be a genius at mathematics and music. They study and play under the bombing raids, occasionally receiving letters and food from home. One day the fascists come to search the school and Julien notices that the priests hurry to hide Jean. Julien searches Jean's belongings and finds out that his real name is a Jewish name. One day the children are playing a treasure hunt. Julien finds the treasure but gets lost in the woods with Jean. They are found by a German patrol and delivered to the boarding school. They are terrorized by the uniforms, but the Germans treat them well. Another time during a visit by parents Julien and Jean witness a patrol of collaborationists who want to expel an elderly Jew from a restaurant. The French customers are outraged but the ones who kick the patrol out are some German soldiers who want to eat in peace. One day the priests find out that one of the assistants, Joseph, has been selling helping the children sell their food to the black market. Joseph is fired, the children are only scolded. Days later the Germans enter the school and search for Jews. They find Jean and two more children, and arrest the principal. They are all deported to concentration camps. Joseph shows up with the Germans, dressed in a nice coat, smoking cigarettes: he took his revenge. The Germans shut down the school and send all the children home.

And The Pursuit of Happiness (1986), documentario sull'America.

I cupi deliri esistenziali dei mostri di Le feu follet, Le voleur, Lacombe Lucièn non sono mitigati dall'amore, sempre ostacolato dalla società e dall'egoismo. La componente nichilista (uno scopo per vivere) e quella antiborghese (ridicoli gli ideali borghesi) del suo anarchismo annullano qualunque presunta ideologia: i suoi mostri lottano contro la società in una folle corsa all'autodistruzione, senza un chiaro obiettivo sociale, anzi contro i propri interessi (il proletario Lucièn, il ladro ricco e raffinato). Un altro tema caro a Malle è quello dell'adolescenza difficile, che riflette il senso di smarrimento del nuovo individuo di fronte alla vita: ognuno di quegli adolescenti è un futuro mostro nichilista. E Malle dedica un'attenzione particolare, quasi una seduta psicanalitica a posteriori, a capire i meccanismi che forgiano le loro personalità, curando i minimi dettagli della loro interazione con l'ambiente.

Dal punto di vista tecnico il suo stile sempre più calligrafico pennella ambienti e atmosfere precise e suggestive, che danno gran parte del senso del film. Malle predilige temi scottanti: tradimento (Lacombe Lucièn), prostituzione (Pretty baby), incesto (Feu follet), furto (Le voleur), droga (Atlantic City), razzismo (Alamo bay).

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.

Fatale/ Damage (1992), based on the best-selling novel by Josephine Hart, is another study in sexual obsession. Malle omits any in-depth character study and plunges his characters directly into the sexual affair. The plot borders on Last Tango in Paris, The Unbearable Lightness of Being and Fatal Attraction. Stephen Fleming is a wealthy politician blessed with the perfect wife and two perfect children. His career is promising. At a cocktail party he is approached by Anna, the girlfriend of his son Martyn. Their eyes lock for a long moment. He sees her again at the house: again, their eyes lock.
The following day she calls him at the office. Out of the blue, he asks her where she is, drives there and jumps on her. She wants it. They make love on the floor. It lasts a few seconds and it is very intense.
They meet again when the family celebrates Martyn's first success. Over dinner, she tells them that her brother committed suicide because of "a love". This time, after another wild night, she tells him that her brother killed himself over her. She has been permanently scarred by that tragedy.
Martyn and Anna are traveling to Paris for the weekend. Stephen has to attend a conference in Bruxelles. He leaves the conference, takes the first train to Paris, calls Anna (the two youths are making love in their hotel room). She rushes to him and they kiss passionately in a street. Then she walks back to the hotel. Stephen takes a hotel room across the street: from the window he can see the two youths kissing, and cries in his bed.
Back in London, he meets Anna in a park and tells her that he intends to divorce. Anna quietly talks his out of his plan: his son would hate him, and he would only get what he already has, namely her. She is perfectly happy with continuing this clandestine relationship with her fiance's father.
Stephen pays a sudden visit to Anna and finds her with her friend Peter, who turns out to be an intimate acquaitance who is still a "best friend". They have known each other since they were children. Anna confesses that they made love... she begged Peter after they found her brother's dead body.
The family retires to the mansion of Martyn's grandfather and Anna tags along. Martyn and Anna announce they are engaged, and Stephen is clearly shocked that she accepted.
At night Stephen sneaks into her room and there is no need to discuss the matter: she is as docile and condescending as ever.
Anna's brother is introduced to the family. Her conversation is erratic and embarrassing. She hints at Anna's turbulent sex life (particularly Peter, whom she seems to miss), and confesses her own turbulent marriages (four of them). She mentions the loss of Anna's brother, as if Anna had found in Martyn a substitute for the dead brother.
Then, alone with Stephen, Anna's mother confronts him: she knows, and she asks him to get out of Anna's life. Stephen picks up the phone and tells Anna that it's over.
But they can't resist too long and one day he visits her and they make love like animals... without locking the door. Martyn arrives, hears Anna's moaning, walks in... and finds them naked in bed. Martyn, petrified, walks backwards, hits the handrail, and falls down too many floors to survive.
Hunted by the press, Stephen also has to face his wife's fury and grief. Stephen resigns. He's still obsessed with Anna. He finds her at her mother's place, but she won't follow him.
Stephen starts a new, humble, lonely life in another country.
(Translation by/ Tradotto da Ilaria Vitali)

Fatale/Damage (1992), ispirato al romanzo di Josephine Hart, è un’altra riflessione sull’ossessione sessuale.
Malle tralascia lo studio sulla profondità del personaggio per immergere i suoi personaggi direttamente nel sexual affair.
L’intreccio si avvicina a Ultimo tango a Parigi, L’insostenibile leggerezza dell’essere e Attrazione fatale:

Stephen Fleming è un integro uomo politico con la fortuna di avere una moglie e due figli perfetti. La sua carriera è promettente.
Durante un ricevimento viene avvicinato da Anna, la ragazza di suo figlio Martyn. I loro sguardi restano incollati per un lungo istante. La incontra di nuovo a casa sua: di nuovo i loro sguardi si uniscono.
Il giorno dopo Anna gli telefona in ufficio.
Improvvisamente lui le chiede dove si trova, guida fino a casa sua e le salta addosso. È ciò che Anna vuole. Fanno l’amore sul pavimento, per pochi secondi, intensamente.
Si incontrano di nuovo quando la famiglia si riunisce per festeggiare il primo successo di Martyn. Durante la cena, Anna racconta che suo fratello si è suicidato per "un amore".
Quella notte, dopo un altro incontro selvaggio, rivela a Stephen che suo fratello si è ucciso per colpa sua e ne è ancora profondamente scossa.
Martyn e Anna vanno a Parigi per il fine settimana. Stephen deve presenziare ad una conferenza a Bruxelles, ma la abbandona, prende il primo treno per Parigi e chiama Anna (mentre i due giovani stanno facendo l’amore nella loro stanza d’albergo).
Lei si precipita da lui e si baciano appassionatamente lungo una strada. Poi, Anna ritorna all’albergo.
Stephen affitta una stanza nell’hotel di fronte: dalla finestra riesce a vedere i due giovani che si baciano e si mette a piangere sul letto.
Una volta tornato a Londra incontra Anna in un parco e le dice che intende divorziare. Anna però lo distoglie dolcemente dal suo piano: suo figlio lo odierebbe e Stephen non avrebbe altro che quello che ha già: lei.
Anna è infatti perfettamente appagata nel continuare la relazione clandestina con il padre del suo fidanzato.
Un giorno Stephen si presenta a casa di Anna senza preavviso e la trova in compagnia di Peter, che si rivela essere una vecchia conoscenza di Anna, che lo considera ancora un "ottimo amico". I due si conoscono sin dall’infanzia, e Anna confessa che hanno anche fatto l’amore…glielo ha chiesto lei dopo aver trovato il cadavere del fratello.
Tutta la famiglia di Martyn si ritira nella tenuta del nonno, Anna compresa. In quell’occasione Anna e Martyn annunciano il loro matrimonio e Stephen ne rimane scioccato.
Durante la notte scivola nella stanza di Anna e non c’è nessun bisogno di discutere: lei è docile e accondiscendente come sempre.
Anche la madre di Anna viene presentata alla famiglia. La sua conversazione è erratica e imbarazzante: fa delle allusioni alla turbolenta vita sessuale di Anna (in modo particolare a Peter, che sembra mancarle) e confessa anche i suoi turbolenti matrimoni (quattro, per l’esattezza). Parla anche della perdita del fratello di Anna, lasciando intendere come Martyn gli assomigli, quasi fosse un sostituto. Poi, una volta sola con Stephen, la madre di Anna lo affronta: sa tutto e gli chiede di uscire dalla vita di sua figlia.
Stephen prende il telefono e dice ad Anna che è finita.
Ma in realtà non può resistere a lungo e un giorno va a trovarla. I due fanno l’amore come animali…senza nemmeno chiudere la porta. Martyn arriva, sente i sospiri di Anna, entra e li trova nudi sul letto. Pietrificato, Martyn indietreggia, colpisce la ringhiera delle scale e cade. Troppi piani per sopravvivere.
Perseguitato dalla stampa, Stephen deve fare i conti con la rabbia e il dolore della moglie.
Rassegna le dimissioni. Ancora ossessionato da Anna, la cerca a casa di sua madre, ma lei non accetta di seguirlo.
Stephen comincerà da solo, in un altro paese, una nuova, umile vita.
What is unique about this cinema database