Arthur Penn
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Arthur Penn

The Miracle Worker (1962) is the transposition of William Gibson's play (1959), which told the real-life story of Helen Keller and her teacher Annie Sullivan. It is a melodramatic story with a happy ending, but the character study (of the tutor's determination) is powerful.

A doctor reassures the parents that their baby will live. However, a little later the mother realizes that the baby cannot see. The girl grows wild like an animal. The parents finally hire a half-blind tutor, Annie Sullivan. Despite the violent temper of the child, Annie manages to teach her how to spell words with her fingers, while teaching her good manners. At every step the girl seems to hate her persecutor, but continues to make progress. And one day she walks out of her room to do just one thing: kiss her tutor on the cheek.

Mickey One (1965)

Chase (1966) e` il quadro di una cittadina del profondo Sud, bieca e corrotta, dove regnano la prepotenza, l'isteria di massa e il pregiudizio.

Nel Texas il piu` feroce di due evasi uccide un uomo e scappa da solo. L'altro e` figlio di un cittadino povero ma onesto, e si dirige verso il suo paese, dove lo sceriffo (Brando) va ad avvertire la famiglia. Il figlio di un petroliere, che non riesce ad avere un figlio dalla moglie, se la fa con Fonda, figliastra di un gestore di motel. La moglie di un impiegato e` una debosciata che ricatta un collega del marito per farsi scopare da lui e ha rivelato una confidenza fattale in segreto dal marito: fu lui a commettere un furto attribuito anni addietro all'evaso.
Il petroliere da` una festa per il proprio compleanno. Squallidi snob alla festa. Anche lo sceriffo, che e` stato eletto per volere del boss e tutto il paese lo sa. Brando applica una giustizia particolare a favore del suo padrone. E Brando, che e` orgoglioso, non sopporta quel suolo umiliante. Brando ha una moglie bella e fedele.
Il petroliere/banchiere e` potente, ma pateticamente solo. La festa e` tutta falsa. Nemmeno il figlio lo rispetta veramente.
Fonda e` la moglie dell'evaso: il figlio del petroliere ha paura.
A casa dell'impiegato un'altra festa, piu` chiassosa: lui pero` e` chiuso in uno stanzino ad ascoltare la radio. La moglie volgare e perfida infierisce su di lui, umiliandolo. GLi invitati, ubriachi, tutti armati, ridono delle paure del poverino. Moglie e amico lo tradiscono sotto i suoi occhi. La moglie dell'amico tenta di circuirlo per vendicarsi del marito. La moglie, perversa, gode di vedere la gente umiliata. Nella casa di fronte i giovani si scatenano al suono del rock and roll. Un anziano speculatore spietato e viscido passeggia con la moglie e discorre ipocritamente.
FOnda e il figlio del petroliere si amavano gia` da adolescenti, ma poi lui se ne ando` all'universita` e quando torno` lei aveva gia` sposato l'evaso. Fonda glielo rinfaccia. L'evaso e` in paese, chiede aiuto a un nero che gestisca un campo di demolizione d'auto. E` un uomo perseguitato dalla sfortuna, fin dall'adolescenza. Adesso FOnda lo cerca per aiutarlo anche se ama un altro. Quattro borghesi ubriaconi violenti e spacconi usciti dalla festa pescano il nero che gira attorno alla casa di FOnda (deve portarle un messaggio dell'evaso) e stanno per ammazzarlo quando arriva lo sceriffo.
I piu` ubriachi della festa dei borghesi fanno baldorie per le strade. C'e` sete di violenza: si vuole uccidere qualcuno, non importa chi. Lo sceriffo, per salvare l'evaso, convince Fonda e il suo amante a portarglielo. Lo sceriffo promette di riportare Redford in carcere, sano e salvo, ed evitargli il linciaggio.
I due vecchi dell'evaso fanno una scenata davanti all'ufficio dello sceriffo, offrendogli soldi che lui rifiuta sdegnosamente. Lo speculatore osserva. I bianchi razzisti e armati ascoltano e aspettano come avvoltoi.
Arriva il petroliere, in ansia per suo figlio, e vuole parlare al nero. I tre bianchi razzisti e violenti assalgono lo sceriffo e lo stordiscono. Il petroliere chiude la moglie dello sceriffo in camera. I tre pestano a sangue lo sceriffo, divertendosi con gioia efferata fino quasi ad ammazzarlo. Il petroliere picchia il nero fino a farlo confessare.
Si precipitano tutti al cimitero delle auto, mentre solo la donna presta aiuto allo sceriffo. Brando, pur sanguinante, si rimette in piedi e impugna la pistola.
Al cimitero delle auto arriva per prima Fonda, che riabbraccia l'evaso. Poi arriva anche l'amante di Fonda, e Redford capisce. Accetta il tradimento della moglie come un'altra delle sue disgrazie e decide di fuggire con la forza della disperazione.
Ma arriva il petroliere-banchiere, patetico e apprensivo. Arrivano i tre razzisti e poi arrivano le auto, decine, dei curiosi ubriachi che vogliono assistere alla fine. Assediati, i tre si nascondono. Nel caos totale danno fuoco al cimitero delle auto. Tutti aiutano a dare la caccia.
Mentre i tre fuggono fra le auto, il petroliere li insegue nella bolgia, per salvare suo figlio. I borghesi cantano e fanno festa. Arriva lo sceriffo. FOnda e il figlio del petroliere e proteggono la fuga dell'evaso, ma restano intrappolati fra le fiamme. L'uomo viene schiacchiato. I tre razzisti stanno braccando il fuggitivo per linciarlo. Lo sceriffo arriva in tempo a salvarlo, fra le rovine fumanti.
Brando riporta Redford in paese. La folla lo accoglie muta e ostile. I genitori di Redford, petulanti e stupidi, pieni di rimorsi e piagnucoloni, chiedono invano perdono a Redford, che non si volta neppure a guardare sua madre. All'improvviso il boss spara su Redford, che ammanettatto non si puo` difendere. Brando si avventa sull'omicida e lo tempesta di pugni, invano trattenuto dalla sua donna e dagli altri poliziotti. La citta` ha vinto. Il giorno dopo Brando prende sua moglie e se ne va.

Da una parte speculatori e sfruttatori, ricchi obesi e corrotti, borghesi depravati, dall'altra sfruttati ed emarginati (neri, messicani, piccolo-borghesi).
Potente affresco della provincia americana del Sud. Violenza, sesso, razzismo. Tutti vivono quella notte aspettando di poter sfogare la loro frustrazione su qualche vittima inerme: un nero, un ricerecato, lo sceriffo. Patetici squallori, feroce efferatezza, poche vere vite (FOnda, il Brando redento, sua moglie, il ricercato, il morto) e tanti squallide maschere d'umanita` abietta. TUtto si svolge durante una notte. Thriller, melodramma, Faulkner.

Bonnie and Clyde (1967), inspired by Nicholas Ray's "They Live By Night"

In una cittadina di provincia Bonnie e` nuda in camera sua. Corre giu` per bloccare Clyde che sta ronzando attorno alla sua auto. Bonnie e` una cameriera irrequieta e spregiudicata, Clyde un ragazzo spavaldo che e` gia` stato in carcere per rapina a mano armata. Lei lo aizza a fare un colpo in paese e dopo il colpo fuggono ebbri insieme in auto. Lei lo bacia esaltata, ma lui e` invece freddo. Le propone una societa` spiegandole che sarebbe l'unico modo per lei di cambiare vita. Rubano un'altra auto, si accampano in una casa deserta. Lui le insegna a sparare. Il padrone della casa passa di li` con la famiglia: e` stato sfrattato dalla banca. Per vendicarlo, decidono di rapinare una banca, ma ne scelgono proprio una che e` appena fallita. Cercano di rapinare un negozio di alimentari ma il padrone fa resistenza e devono fuggire di corsa.
Assumono il ragazzo di una pompa di benzina come autista. La rapina successiva riesce ma CLyde deve uccidere un uomo perche' il nuovo autista tarda a mettere in moto.
Lei vorrebbe fare l'amore, ma lui e` contrario, resiste alla passione dei sensi.
Arriva il fratello di Clyde appena dimesso dal carcere e fresco sposino, sua moglie una brava donnina. I cinque si trasferiscono in un cottage isolato, ma la polizia circonda la casa. Sparatoria e fuga spericolata. Bonnie non sopporta la petulante e piagnucolosa cognata di Clyde Catturano uno sceriffo, rapinano un'altra banca, fuggono per strade polverose e campi, inseguiti dalla polizia. Loro si divertono a crepapelle. Rubano un'auto e sono inseguiti dal proprietario e dalla sua fidanzata. Quando questi desiste, i banditi voltano l'auto e li raggiungono. Li sequestrano e cenano tutti insieme in un'auto, come se fossero sempre stati amici. Ma quando il sequestrato rivela di essere un becchino, li abbandonano sulla strada in pieda notte.
Clyde e Bonnie si amano teneramente, ma senza fare l'amore. Per farla contenta, Blyde la porta a trovare sua madre, in un ambiente rurale molto accogliente nei confronti dei celebri banditi. Si nascondono di nuovo in un cottage, ma la polizia e` di nuovo sulle loro tracce. Altra sparatoria: circondati, lasciano sul campo fratello e moglie e fuggono a piedi laceri e feriti. Di nuovo sulla strada trovano asilo dal padre del benzinaro. Bonnie e Clyde fanno l'amore in un prato e decidono di sposarsi. Ma l'uomo li ha traditi. Vengono crivellati da migliaia di colpi nell'agguato.
Alice's Restaurant (1969)

Little Big Man (1970)

Hoffmann e sua sorella vengono allevati dagli indiani che hanno massacrato la loro famiglia (la storia e` raccontata da Hoffmann centenario). Quando H e` ormai giovanotto viene adottato da una coppia di bianchi, lui burbero e anziano, lei bella dolce e giovane. Entrambi progettano di impartirgli la morale cristiana, ma lei sopprime a malapena il desiderio che il fresco corpo di lui le ispira. H se ne innamora innocentemente, ma un giorno scopre che si fa scopare dal droghiere.
Intrapresa la carriera di imbroglione con un vecchio venditore di farmaci miracolosi (finiscono coperti di pece e piume), ritrova la sorella che gli insegna a sparare. Diventato un temuto pistolero, incontra WIld Bill Hyckox. Si sposa, ma finisce ridotto in miseria. Seguendo il consiglio del generale Custer, i due coniuqgi emigrano all'ovest, ma la loro diligenza viene assalita dagli indiani e la moglie rapita. Lui si salva perche' riesce a farsi riconoscere dagli indiani, dalla sua gente, che e` felice di ritrovarlo.
Si offre come guida ai soldati di Custer, che pero` attaccano il villaggio e massacrano tutti. Pur se avvilito, prende in ostaggio una squaw per riscattare la moglie, ma poi finisce per vivere con lui, seguendo la peregrinazione della tribu` nella riserva, con i suoi strani tipi (il "nonno" saggioi e visionario, il giovane che funziona al contrario, l'omosessuale). Ma la cavalleria attacca anche il nuovo villaggio, benche' la tribu` sia disarmata, bruciano tutte le capanne e uccidono tutte le donne e i bambini (al suono della banda). H si unisce di nuovo ai soldati, ma con il cuore gonfio d'odio per l'inetto crudele vanaglorioso superbo generale, fortunatamente troppo stupido per intuire la verita`. Quando ci arriva, lo lascia andare, troppo superbo persino per farlo impiccare. Incontra di nuovo Hickox, e lo vede morire per mano di una ragazzo che vuole vendicare la morte del padre. Poi incontra la donna che lo aveva adottato, ora leggiadra prostituta (ex purissima moglie tanto cerimoniosa quanto ipocrita) che tenta di sedurlo per denaro (ma lui non ne approfitta, ancora condizionato dal timore reverenziale ). Toccato il fondo (ubriacone, vagabondo, miserabile), viene assunto come scout da Custer, che confida sul suo odio per ottenere sempre l'opposto della verita`. Custer da` l'estrema prova del suo infatuato imbecillismo a Little Big Horn: mentre i suoi uomini vengono sterminati, lui delira sognando di rovesciare il presidente degli USA. H viene salvato di nuovo dai suoi indiani e viene di nuovo ospitato dal vecchio "nonno", prossimo a morire.

Night Moves (1975)

Hackmann e` un investigatore privato con moglie insoddisfatta. Viene incaricato da una ex attrice di serie B, sposata a un magnate di Hollywood, di ritrovare la figlia scomparsa. La sera stessa vede la moglie uscire da un cinema con un altro uomo, li segue, li vede baciarsi. Il giorno dopo va a trovare l'uomo, uno zoppo che gli confessa di non essere realmente innamorato di lei, ma di essere realmente ri-amato da lei. Hackmann e` un investigatore nato: abbandonato dai genitori, risali` alle proprie origini indagando in proprio. E` sempre stato atletico e sfrutta questa dote per svolgere in maniera dura e decisa il proprio mestiere. E anche nel tradimento della moglie si comporta com un detective.
Le indagini sulla scomparsa lo portano a ritrovare un vecchio amico, regista sbandato e ubriacone, il quale gli rivela che il pilota di aeroplano "cascatore", ex amante della madre, e` stato amante della figlia. Ninfomane la madre, ninfomane la figlia, fin da bambina. Hackmann segue la traccia di un altro uomo in Florida, nonostante la moglie gli chieda di fermarsi e di parlare (ma lui deve dimostrare a se stesso che sta risolvendo qualcosa). E li` la trova, con l'uomo suo patrigno e un'altra donna, brutta e frustrata. Lui gli confessa di non saper resistere al fascino dell'adolescente. La ragazza rifiuta di tornare dalla madre, che odia, e provoca Hackmann con esibizioni erotiche. Hackmann cede invece alle profferte dell'altra donna. La ragazza resta ossessionata da un cadavere sbranato dai pesci in un relitto di aereo sott'acqua e decide di tornare a casa. Hackmann incassa l'assegno e fugge disgustato davanti all'ennesima scenata fra marito e figlia. TOrna a casa e trova sua moglie con l'altro. Le dice che ha deciso di cambiare mestiere. Si rimettono insieme. Lui ha il coraggio di mostrarle i proprio complessi psicologici, la propria insicurezza.
La ragazza intanto ha cominciato a lavorare come comparsa per il regista amico di Hackmann. Mentre girano una scena in auto, hanno un incidente, e lei muore. Il regista, rimasto soltanto ferito, si prende la colpa perche' era lui al volante. Hackmann va a trovare la madre, ubriaca e in lacrime, che ora ereditera` tutti gli averi della figlia. Lo disgusta ma e` davvero affranta. Poi va dal meccanico amico della ragazza, che si lascia sfuggire che il cadavere sott'acqua era quello del pilota cascatore. Hackmann si domanda perche' la ragazza non glielo disse e capisce: la ragazza intui` che il cascatore era stato ucciso, ucciso dal meccanico, dal suo amante. Hackmann sospetta quindi che anche la ragazza sia stata uccisa, per metterla a tacere, dal meccanico, manomettendo l'auto. E infatti il meccanico fugge.
Hackmann si domanda perche' i coniugi della FLorida non abbiano mai denunciato il cadavere e intuisce che ci sono dietro loro. Vola in FLorida, li ferma, picchia lui, che ammette di essere l'assassino. Scopre che hanno gia` ucciso il meccanico e che il movente di tutti i delitti e` un quadro prezioso che il cascatore stava contrabbandando dal Messico. Pezzo per pezzo, Hackmann ha risolto il caso. E capisce anche che quella notte lei gli si concesse solo per tenerlo lontano dal relitto. Senza neppure accorgersene, e` tornato al suo vecchio mestiere. Torna con la donna sul luogo del relitto. Lei si tuffa e recupera l'opera d'arte. Ma sopraggiunge un aereo, il cui pilota spara a Hackmann e poi si accinge a investire la donna, che sta nuotando ignara verso la barca. Hackmann, ferito, non puo` fare nulla per salvarla, ma l'aereo si schianta subito dopo e cola a fondo. Hackmann fa in tempo a scorgere l'amico regista che annaspa e muore asfissiato nella cabina del velivolo.
Era anche lui nel complotto: tutti corrotti, tutti corruttori, tutti criminali. E a questa societa` Hackmann ha dedicato la vita, ha sacrificato il suo matrimonio. Le piu` innocenti erano la madre e la ragazza, che, per quanto apparentemente piu` sbandate, in questo giro c'erano finite soltanto per caso.

Missouri Breaks (1976)

Nicholson e` il capo di una banda di briganti. Uno di loro viene impiccato senza processo dal ricco proprietario della zona, nonostante l'ira della giovane figlia. Rapinano un treno per comprare una fattoria rifugio. Impiccano il boia che ha ucciso il loro partner. COmprano un ranch dal ricco possidente. I banditi sono degli allegri mattacchioni. Mentre i banditi si recano in Canada, lasciando solo Nicholson, il riccastro fa venire Brando, albino e pazzo detective, per fare giustizia.
Nicholson, diventato onesto coltivatore, fa amicizia con la figlia del riccastro, che lo ricambia e non vede l'ora di perdere la verginita`. Brando lo sospetta e tenta di provocarlo. Brando e` completamente matto e disumano. Nicholson e` umano e simpatico. Il colpo degli altri in Canada fallisce goffamente e i tre rientrano in ordine sparso. Il piu` incapace incontra Brando, che prima tenta di farselo amico e poi lo butta nel fiume per farlo parlare finche' affoga. Gli altri due sono al ranch e capiscono l'accaduto. Invano Nicholson cerca la vendetta: Brando, colto disarmato nella vasca da bagno, rifiuta di uscirne, e Nicholson non se la sente di sparargli. Al ranch poi proibisce ai complici di uccidere il riccastro, padre della sua donna. Si limitano a rubargli i cavalli. Brando li vede, ma non interviene. Il padrone scaccia Brando, il quale comunque insegue i banditi per ucciderli uno ad uno quando non se l'aspettano, senza pieta` e con efferata crudelta`. Quando Nicholson fa ritorno al ranch, lo trova distrutto, e capisce di essere rimasto solo. Nicholson cerca Brando, lo trova addormentato e gli taglia la gola. Poi va a uccidere anche il riccastro ma lo trova rimbecillito e paralizzato, abbandonato da tutti. Non riesce a premere il grilletto. Ma appena si volta e` il vecchio a ritrovare la forza e a far fuoco a tradimento. Nicholson, ferito, riesce egualmente a ucciderlo. Se ne torna al suo ranch, prende la sua roba e si mette in cammino.
L'odio del padre era dovuto anche a gelosia: non voleva essere lasciato solo una volta che la figlia avesse sposato Nicholson. Di qui la sua tolleranza nei confronti del killer deciso a sopperirlo.
Clima apocalittico del far west ma anche una vena di follia che si esprime in una buffoneria da villaggio.

Dead of Winter (1987) was a remake of Joseph Lewis' thriller My Name Is Julia Ross (1945), adapted from Anthony Gilbert's novel "The Woman in Red". While made on a low budget and directed like a B-movie, it is an effective rendition of a complex and suspenseful plot.

In a snowy landscape on New Year's Eve, while people are celebrating, a young woman retrieves a bag full of dollar bills from a locker. Then she drives to an empty square and makes a phone call. She walks back into the car to wait for the person who has to come and meet here, but a man hidden in the back seat strangles her and cuts the ring finger.
Katie is an aspiring actress who lives with her husband Rob, a manic photographer who is stuck in the house because he has a cast on his leg. They are one month behind paying rent. She goes to an audition and is promptly selected by the agent because of her striking similarity with the actress who just left the set. She goes home to pack her clothes while the unhappy husband takes a thousand pictures of her, and is then driven by the agent to the isolated mansion of the producer. The producer, Joseph Lewis (the name being probably a tribute to the director of the original movie) is a kind and wealthy cripple confined to a wheelchair, who shows her the photo of the woman, Julia, whom she has been hired to replace, and she herself is surprised by how much they look alike. She retires to her room and the agent, who behaves more like a butler, comes to bring her a glass of milk. In another room the producer tells the agent that he has to sharpen a knife before using it. The following morning they shoot a video that is supposed to be sent to the director, a test to show how good she is for the part. They do it inside the mansion because the car doesn't start. However, at night the agent drives (in the car that wouldn't start) to town and drops the video in the mailbox of an Evelyn. This woman watches the video of Katie describing a horrible event, which is followed (and Katie does not know that this was done) by a video of the producer saying that this is the proof that the girl is alive and that "the game" continues. The following day Katie finds pictures of Julia: she looks clearly dead. The producer explains that Julia had a nervous breakdown and committed suicide.
In the meantime Katie's husband is getting worried. He tries to dial the number that the agent gave them, but the number does not exist.
Katie is getting more and more suspicious. She notices her own driver license burning in the fireplace and then realizes that all her documents are missing from her wallet. The telephone does not work. Realizing she has been kidnapped, she tries to flee in the middle of a snowstorm, but the agent easily finds her. Back at the house, they drug her. Then they enter her room with tools to perform some kind of operation. When she wakes up, one of her fingers has been cut off. She screams and screams. Then she finds a way to get to the attic above her room where there is a telephone. She calls her husband Rob (who is limping on crutches) and tells him what she remembers of the journey (a covered bridge, a gas station that hands out goldfish). Then she uncovers a corpse, the corpse of a girl who looks just like her, obviously Julia, kept right there in the mansion.
The "producer" finally explains what this is all about. He is a retired doctor. One day one of his patients, Julia, told him how her sister murdered her husband to inherit a fortune. The doctor convinced Julia to blackmail her sister. But one day the sister had Julia murdered. The murderer cut off the ring finger as proof of the murder. Evelyn is the sister who ordered the murder of Julia. The video was made to prove to Evilyn that the murder failed and that Julia is still alive. The doctor and his assistant have basically created a duplicate of Julia, even cutting Katie's finger. The doctor reassures Katie that they have no intention of killing her: it is Evelyn who might try to kill her.
The police show up and Katie desperately tries to convince her that she has been kidnapped. However, they believe the doctor, who claims that she is one of his insane patients. Then they drug her and show her to Evelyn. The doctor is basically wiling to give Julia/Katie to Evelyn, so that Evelyn can kill her, in return for something that he wants from Evelyn. Evelyn has a knife in her pocket and is just waiting for a chance to kill the doctor. Julia, in the meantime, fakes another escape when in fact she is hiding in the attic. Both the doctor and his assistant run out of the house looking for her. But it is Evelyn who finds her, inside the house, and gets her chance at killing her for free with the knife.
In the meantime, Rob and Katie's brother followed the clues she gave him on the phone and have arrived at the very town where she is being held.
In the mansion the grotesque games is going on. When the doctor and his assistant return to the mansion, not having found Katie, they only find Evelyn, who coldly follows the assistant as he searches the house. Then the assistant sees in the mirror that Evelyn's hand is missing a finger... and it dawns on him: Katie killed Evelyn and is now impersonating Evelyn. Katie has no choice but to kill the assistant with Evelyn's knife. She then tries to fool the doctor, but the doctor understands that she must be Katie. The doctor gets up from his wheelchair and starts chasing her all over the house, limping on a fireplace poker. The game continues: he thinks he found her in a closet, but it's only Julia's corpse, while Katie stabs him in the back. As the doctor collapses on the floor, her husband Rob finally shows up with the police.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Target (1985), badly scripted by Howard Berk and Don Petersen, is an international espionage thriller in the vein of novelist John LeCarre. It was going to be his last decent film. A weak plot and some amazingly bad acting (by almost everybody) drowned the director's skills. Walter (Gene Hackman) is a middle-class middle-aged man with a son, Chris, who dislikes him. Walter's wife goes on a vacation to Paris by herself. Walt thinks this is a chance to bond with his son and organizes a fishing weekend. Their lives are as boring as it gets, but one day, out of the blue, Walt gets a call from Paris: his wife Donna has disappeared. Walt pretends not to be worried, but they both decide to board a plane. At the Paris airport someone grabs him from behind and shows him his wife's bracelet. Before they can start talking someone else shoots to kill Walt but instead kills the other man. Walt's behavior is suspicious to say the least: he leaves the scene as soon as possible, as if nothing happened. And he doesn't mention the incident to his son, who, in the meantime, has met a cute backpacker. Walt acts normally in front of his son, but, as soon as he gets a chance, he walks into the USA consulate and tells the agent that he is "Duke" and wants to talk to "Taber". Over dinner Walt finally tells his son that Donna has been kidnapped and what happened at the airport. Taber shows up and promises help in te name of good old days. Chris is more and more confused. The kidnappers contact Walt. Chris can't resist and follows him, just in time to save his life when someone in a car (the same hitman of the airport) tries to kill him. Walt now has to tell Chris the truth: Walt used to be a CIA spy, and Taber is a CIA agent too. Taber wants Walt and Chris to stay at the hotel and let the CIA do its job. Walt doesn't seem to trust anyone and does just the opposite. After humiliating an inept agent who tries to follow him, Walt takes the train to Hamburg, where another CIA colleague lives. Lisa used to be his lover too. Walt trusts her. On the way to see the "colonel" (who used to be Walt's and Lisa's boss), Walt and Chris are chased by a car. Chris' boring dad, famous for driving very slowly, turns out to be an acrobatic driver. Someone tries to talk to him shouting the name of the classical composer Mendelssohn and chases him throughout the harbor. The same hitman of the airport kills this man and tries to kill Walt again. Chris helps Walt escape. The "colonel", who is seriously ill and lives with a nurse, tells Walt that "Mendelssohn" was the code name of the only communist agent who escaped one of their most successful operations. The family of that agent was killed, and Walt never knew by who. The colonel thinks that "Mendelssohn" has Walt's wife. Walt decides to go to East Berlin and send Chris to a friend in Frankfurt. The moment Walt leaves the colonel's house, the usual hitman enters it and tortures the colonel to find out where Walt went. The nurse tells him. The hitman kills both the colonel and the nurse.
At the airport Chris meets again the cute backpacker, Carla. Carla is going to Berlin, and he can't resist.
Lisa calls Walt in Berlin: the colonel has been killed, and his son is missing. Chris shows up at Walt's hotel and Walt almost kills him. Carla has followed him. Chris is still unsuspecting until he sees the hitman walk towards the hotel, and Carla points a gun at him to keep him from warning his father. But Walt can take care of himself: he kills the hitman. They part. Chris goes back (and is grilled by the CIA), while Walt goes to meet "Mendelssohn". The old communist spy is bitter: he wants to execute Walt, even after so many years, for having slaughtered his family. But Walt convinces him that someone else has been trying to kill him, Walt, to prevent him from explaining that he, Walt, had nothing to do with the massacre. Walt and "Mendelssohn" join forces to find out who it is. Walt calls Chris, knowing that Taber will follow him. They find Donna, wired to a bomb. After an elaborate (and totally redundant) scene, they manage to free the woman, but then, only then, Taber shows his true face: he wants to keep Walt from meeting with "Mendelssohn" (not knowing that the meeting has already taken place) and is about to kill Walt's family. "Mendelssohn" comes out: he was listening to them. Taber has been a double agent all the time, and now it is clear that Taber was the one who slaughtered Mendelssohn's family. The German tells Walt and his family to get out. Then blows up the evil doublecrosser (and perhaps himself too).
(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo pezzo, contattami


Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright