Wolfgang Petersen
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Wolfgang Petersen originally made Das Boot (1981) for the German television and only subsequently derived a film from that six-part miniseries (loosely based on a novel by Lothar-Guenther Buchheim). Even so reduced, it was the most expensive film ever made in Germany. During the last stages of World War II, in a French night club the officers and sailors of the German navy are wildly celebrating, mostly drunk.
The following day a submarine takes off. The captain orders a rapid immersion as a drill test, but that is enough to make the inexperienced crew sweat.
The captain sense that the war is lost, that the German propaganda is spinning lies. His only motivation is the thrill of the action. He is either looking for suicide or testing the possibilities of the boat. A stiff young officer is the opposite, a strong believer in Hitler. The crew, just waiting for order, are confused and lack motivation. The naval correspondent on board provides a non-military viewpoint. He is more interested in taking pictures and notes than in winning the war.
Time goes by slowly until one full-moon night the submarine spots a British convoy. The submarine successfully sinks a few of them, but the others start hunting it with ultrasounds. The submarine rests as low as possible, the bolts popping up because of the impossible pression, but the ships manage to spot it anyway. The submarine shakes under the heavy bombing and leaks open everywhere, but survives. They resurface and finish a ship that is still burning, only to witness through the binoculars that there are still men on board and that they will burn to death.
Just when the crew thought that their mission was finished and they could return to base, the captain receives the order to sail towards Italy. This means that they have to pass through the narrow Straits of Gibraltar, where hundreds of Allied ships are on the lookout. The submarine, bombarded from all sides, has to dive, and this time it dives too low: nothing can stop its dive until it its the bottom of the sea, miracously saved by a pile of sand. Except that the boat takes in water and the engine doesn't seem to respond. The crew works frantically to remove the water and repair the engine. When they are ready to try, the captain spurs the crew and gives the order. The manouver succeeds and the submarine resurfaces. They reach the Italian port and are welcome as heroes. Ironically, the moment they dock the Allies start bombing the port. All sailors of the submarine are killed, except the correspondent.
Petersen diligently explores the feelings of panic, boredom, claustrophobia, excitement, resignation, etc, but in the end lacks a unifying theme. After a while, the cold enumeration of situations that can occur on a submarine
The large cast means that there is no real protagonist, and all characters are barely sketched, leaving the submarine as the only well-defined entity with a driving personality. The dialogues are extremely basic and stereotyped, so there is no room for introspection (most of what we hear are orders or comments to orders).
Petersen's specialty is the long, silent pauses while the crew is waiting in the dark, usually followed by frantic action. Ford's Stage Coach and Clouzot's Le Salaire De La Peur get updated to the a war context. Ultimately, Das Boot is as serious and as stiff as Patton, another war epic that fails to be more than its title.
(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

Never Ending Story (1984) Un bambino perseguitato da compagni di scuola prepotenti cerca rifugio in una casa, e si ritrova in una stanza stracolma di libri, in compagnia di un vecchio burbero che gli parla di un libro pericoloso. Il bambino approfitta di un momento di distrazione del vecchio per portargli via il libro. Poi si precipita a scuola, ma e` in forte ritardo. S'immerge allora nella lettura del libro e si trova precipitato in una fantastica foresta.
Un mostro di fango terrorizza un gruppo di nani. Sia lui sia loro si lamentano che qualche catastrofe sta mettendo a repentaglio il loro mondo. Si mettono quindi in marcia verso il palazzo reale. Il saggio chiede al bambino di trovare la cura per l'imperatrice, e di salvare il loro mondo, il tutto senza usare armi, ma soltanto un medaglione magico. Nello stesso momento anche una creatura orrenda che vive in una caverna si mette alla ricerca.
Il bambino si mette in viaggio attraverso paludi brumose, perde il cavallo nelle sabbie mobili, incontra un saggio mostruoso che gli indica la strada, viene aiutato da un cane parlante e volante, viene ospitato da una coppia (lei strega intenta alle sue pozioni, lui inventore dei marchingegni piu` bizzarri). Mentre la fine si avvicina sotto forma di un misterioso "Nothing", in un tempio diroccato incontra finalmente la creatura orrenda, ed e` questo lupo a spiegargli che quel mondo e` il mondo della fantasia umana e che la fine sta arrivando poiche' gli uomini hanno smesso di sognare. La fine arriva e Phantasialand viene disintegrata da un'esplosione. Compare pero` l'imperatrice a spiegargli cosa veramente lei vuole da lui: che lui (lui che sta leggendo il libro) la chiami per nome. Il mondo e` salvo. Il bambino (quello vero, in blue jeans e maglietta) si ritrova a cavallo del cane a svolazzare sul mondo, e persino sul bambino a cavallo che lo aveva impersonato. A quel punto si toglie una soddisfazione: chiede al cane di volare sulla sua citta` e di spaventare i tre prepotenti.
Fuori imperversa il temporale, il bambino e` quasi arrivato alla fine del libro, si affaccia alla finestra del laboratorio in cui si e` rinchiuso a leggere e strilla il nome al vento. Poi torna a leggere per vedere come va a finire
Il film e` una lunga fiaba il cui fascino consiste quasi esclusivamente nei paesaggi sempre piu` magici e nei personaggi sempre piu` eccentrici che si susseguono lungo il cammino del bambino.

In the Line of Fire (1993), scripted by Jeff Maguire, is a fantapolitical thriller and film-noir that obeys all of Hollywood's stereotypes/conventions and mixes in a few nods to the "Dirty Harry" movies.

Frank (Clint Eastwood) is a secret-service agent who, 30 years later, still feels responsible for not saving the life of John Kennedy. Someone knows his feeling and is playing with him: a maniac, Mitch, who is determined to assassinate the current president and tells Frank over the phone.
Mitch is deadly serious: he kills a bank clerk and her housemate to protect his identity. Over the phone, he tells Frank that they have something in common: they were both betrayed by their country. Somehow, Mitch thinks that Frank should understand why he has become a terrorist. After every call, Frank and his colleagues try to track down the phone from which Mitch called, but Mitch always manages to fool them. The cat-and-mouse game gets more and more complex, as Frank begins to understand how serious Mitch is, and as Mitch gets plenty of opportunities to diplay his skills at camouflage. In his hideout, Mitch is meticulously practicing an attempt on the president's life. Frank is the only one to appreciate the danger posed by this psycho, but Frank's nerves cost him his job, because his superiors think he is out of order. Sexy agent Lilly (Rene Russo) sympathyzes with his devotion to the president and his paranoia. Frank continues to investigate and eventually tracks down the psycho's name, but only to find out that the CIA is also after Mitch: he used to work for them, and is a well-known assassin.
Frank almost catches Mitch, but Mitch is faster running on the roofs. Frank slips and would die if Mitch did not grab his hand in time. Frank points a gun at Mitch's head but can't shoot, because Mitch is holding him: the president's life is not worth his own life. Mitch saves Frank, but kills his partner, leaving Frank another emotional scar.
Mitch, disguised as a wealthy contributor, gets himself invited to a fund-raising event. When the president enters the hall, Mitch begins to prepare his gun. But Frank figures out that Mitch must be in the hall. Frank breaks into the hall and tracks down Mitch just one second before he can kill the president. Frank takes the bullet that was aimed at the president, and thus saves the president's life, but Mitch takes Frank hostage in an elevator. Wounded, Frank has a microphone and Mitch does not realize that Lilly downstairs can hear everything they say. Lilly has the snipers positioned to fire. When he realizes that Mitch is in the line of fire, Frank orders to shoot, and Mitch realizes too late that Frank is talking to the snipers. The snipers wound him, but he is still alive, and the two wounded men fight it out inside the elevator. Mitch loses and is about to fall. Frank offers him a hand. The positions are now inverted: Mitch can save his life if he grabs Frank's hand. But, unlike Frank, Mitch chooses to die.
Frank is hailed a hero even by those who fired him. He returns to his apartment with a much friendlier Lilly. The answering machine has a message from Mitch, left before they both left for their appointment with destiny. Mitch wondered who would win. Frank lets the machine roll and leaves the apartment for his date with Lilly, basically ignoring the psycho as irrelevant to history.

Outbreak (1995)

Dustin Hoffman e` un biologo al servizio dell'esercito che studia virus. Si e` separato dalla moglie, che pero` ama ancora profondamente. Il suo superiore e amico di vecchia data e` un comandante nero, che venne coinvolto nel 1967 in Congo nella vicenda di un virus letale, per distruggere il quale dovettero bombardare il villaggio infetto con tutti i suoi abitanti. Il virus si propaga per contatto e uccide in tempi rapidissimi, causando una rapida decomposizione degli organi interni. .LP Hoffman viene spedito d'urgenza ad esaminare un caso in Africa e si rende subito conto che si tratta di un caso estremamente grave. Con lui e` la sua crew: l'aiutante fedele e un giovane nero alle prime armi. Rientrato negli USA, avverte il comandante che forse bisognerebbe lanciare un allarme generale. Il comandante gli nega il permesso in quanto le probabilita` che quel virus si propaghi sono praticamente nulle.
Invece il virus sta viaggiando a bordo di una nave, sotto forma di una scimmia che un marinaio giapponese ha portato a bordo. Arrivato a San Francisco, la vende a un piccolo trafficante, che cerca di rifilarla a un negoziante di un paesino vicino. Il negoziante la rifiuta, ma la scimmia africana ha avuto modo di contagiare entrambi gli uomini e un'altra scimmia del negozio. Il ladruncolo lascia libera la scimmia africana nei boschi prima di partire per Boston. Arrivato a Boston viene accolto dalla sua ragazza. Poco dopo comincia a star male e crolla al suolo.
Nel frattempo si e` capito che i militati conoscono quel virus, ma voglio tenere segreta la cosa, e soprattutto vogliono tenere segreto il fatto che hanno scoperto un anticorpo. Forse per loro quel virus e` un'arma potentissima. Il comandante lo sa, e lo sa il suo superiore, il gelido Donald Sutherland.
Hoffman e` stato dirottato nel New Mexico perche' smettesse di occuparsi del caso africano, ma ha fatto in tempo ad avvertire la sua ex-moglie, anche lei impiegata in un laboratorio biologico (pero` civile), la quale ha chiesto invano anche al proprio capo di lanciare l'allarme. Non appena arriva la notizia dei due casi di Boston, la donna capisce subito che si tratta dello stesso virus. Purtroppo il ladruncolo muore prima che possa spiegare dove e` stato contagiato. La donna fa controllare tutti i passeggeri dell'aereo: siccome il virus uccide nel giro di 24 ore, se nessuno di loro sta male, vuol dire che l'epidemia e` stata contenuta ai due malcapitati. Tira un sospiro di sollievo.
Pero` il negoziante di animali ha fatto a sua volta in tempo ad infettare qualcun altro, che sta infettando qualcun altro e cosi` via. L'ospedale di quella cittadina si sta riempiendo di decine di vittime che hanno gli stessi sintomi e che cominciano a morire rapidamente. La donna decide di precipitarsi sul luogo, ma prima avverte Hoffman. Hoffman litiga con il suo comandante, che, insensibile alle sue proteste, gli intima di partire per il New Mexico. Hoffman decide di ammutinarsi: si camuffa da ufficiale e, approfittando delle doti di pilota del suo giovane apprendita, ruba un elicottero e si fa portare in California. Tant'e` che la donna arriva quando lui ha gia` preso il controllo delle operazioni. Nel paese si e' gia` diffuso il panico, i casi sono centinaia. Il comandante nel frattempo ha ordinato all'esercito di circondare la cittadina per evitare che il virus si sparga. Il comandante ha anche ordinato di arrestare Hoffman per insubordinazione.
La donna riesce a risalire al negozio di animali e trova una delle scimmie in preda a tremiti. Hoffman capisce pero` che adesso il virus si sparge anche per via aerea. Si tratta di una mutazione del virus originale che ha ucciso i giovani a Boston. Ancora non e` chiaro come siano in relazione i due casi. Alcuni cittadini tentano di forzare i posti di blocco per lasciare la citta', ma vengono bombardati dagli elicotteri. Centinaia di persone vengono confinate in capannoni improvvisati dove sono destinati a morire rapidamente fra atroci sofferenze. Hoffman scopre che i militati stanno scaricando scatole di un anticorpo sperimentale e si domanda perche' non fosse stato usato subito. Capisce che il segreto militare sta coprendo qualche mascalzonata dell'esercito. Il comandante non lo fa arrestare perche' capisce che Hoffman e` vitale per superare la crisi.
All'aiutante di Hoffman si rompe la tuta isolante mentre e` a contatto con pazienti: il virus lo contagia istantaneamente, nel giro di poche ore comincera` a star male.
Il generale Sutherland spiega a Washington cosa sta succedendo e spiega che l'unico modo di mettere fine all'epidemia e` di bombardare subito la cittadina. Riesce a convincere il presidente degli Usa, che da` l'ordine di dare il via alla missione. Nel giro di poche ore un bombardiere si leva in volo e parte con destinazione quella cittadina. Porta lo stesso tipo di bomba incendiaria che polverizzo` il villaggio africano.
La scimmia che e` stata liberata nei boschi, ovvero il portatore originale, ha nel frattempo fatto amicizia con una bambina.
Si scopre finalmente come ha fatto la scimmia ad uscire dal porto e a contagiare il negoziante e il ladruncolo. Adesso si tratta di scoprire come ha fatto ad arrivare negli USA. Nel soccorrere l'aiutante che e' crollato al suolo, la donna si punge a sua volta con un ago: anche lei e` contaminata. A questo punto Hoffman non deve piu` soltanto salvare la citta', deve salvare anche la donna che ama. Avvertito che il villaggio sta per essere bombardato, Hoffman implora il comandante nero di dargli tempo. Bisogna trovare il portatore originario per fabbricare un anticorpo che funzioni anche sul virus mutato che sta uccidendo adesso. Le truppe stanno gia` lasciando la citta'. Il generale ordina di arrestare Hoffman perche' smetta di indagare.
Hoffman fugge a bordo di un elicottero pilotato dalla balda recluta. Riesce a rintracciare la nave giapponese e a capire da dove arriva la scimmia. Ricostruisce tutto l'accaduto. Si precipita negli studi di una televisione e dirama la fotografia della scimmia portatrice. La mamma della bambina telefona. Sempre in elicottero, Hoffman si precipita a casa sua e usa la bambina per adescare la scimmia. Presa la scimmia, Hoffman e il suo pilota devono evitare una caccia spietata condotta da due elicotteri guidati dal generale in persona, che ha deciso di prendersi carico personalmente dell'incombenza di fermarlo. Il giovane pilota fa miracoli e alla fine riesce a far perdere le tracce. Atterrano nella cittadina che e` ormai deserta. I pochi sopravvissuti sono chiusi in casa. La donna e` ricoverata, ormai allo stremo. Intanto il bombardiere e` a pochi minuti dalla citta'. Hoffman telefona al comandante nero che ha trovato la scimmia e sta fabbricando l'anticorpo: e` inutile distruggere la citta'. Il generale ordina invece che la missione continui, come ha ordinato il presidente degli USA. Hoffman si leva allora di nuovo in volo e comunica direttamente con i piloti del bombardiere cercando di spiegare loro la situazione. Ma loro sono stati addestrati a non ascoltare altro che il generale. A un certo punto pero` il comandante nero, finalmente colto da scrupoli di coscienza, prende il microfono e, con la scusa di rimproverarlo per la sua insubordinazione, gli suggerisce come far deviare l'aereo. Hoffman lo fa proprio all'ultimo momento e il bombardiere sgancia la bomba sull'oceano.
Salva la citta', Hoffman rientra in ospedale per abbracciare sua moglie che si sta riprendendo. Lui stesso, che si era tolto l'elmo per baciarla un'ultima volta, riceve il siero. Intanto il comandante nero ordina l'arresto del suo stesso superiore, il crudele generale.
Copiato da film degli anni Trenta, Quaranta e Cinquanta: scene da peste a New Orleans, scene da Invasions Of The Body Snatchers, scene da olocausto e cosi` via. Grande suspence, ritmo, etc, ma anche molte banalita'. Riferimenti alla tragedia dell'AIDS, alle guerre sporche della CIA. Insomma un'allegoria sociale e politica che sfrutta gli stereotipi del cinema d'avventura, thriller e melodrammatico.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 2010 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )