Jack Lee Thompson
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.


Scroll down for recent reviews in english.

Esordì con Yellow balloon (1952), dramma d'atmosfera su una bambina che ha assistito ad un crimine, ma si rivelò soltanto con Yield to the night (1956), un film che, attraverso il caso di una donna omicida della rivale che aveva spinto il suo uomo a suicidarsi, affronta il problema della pena di morte e critica molti pregiudizi conservatori della borghesia inglese anticipando il free cinema dei giovani arrabbiati.

Dopo il manierato Woman in a Dressing Gown (1957), solenne e attento alle minuzie, l'osservazione della donna e i flashback ricordano i drammi morali di Bresson, diresse Ice cold in Alex (1958), un bellico di ispirazione umanitaria: durante la guerra in Africa, un capitano viene incaricato di portare in salvo due suore; attraversa un campo minato, dà un passaggio ad un sudafricano, una suora viene uccisa dai tedeschi, l'altra si innamora di lui, scopre che il sudafricano è una spia dei tedeschi, ma questi, per ben due volte, salva loro la vita; il viaggio nel deserto è costellato da ogni sorta di ostacoli, ma i due uomini e la donna arrivano infine al campo britannico ed il capitano lascia libera la spia.

Tiger Bay (1959)è un melodramma attento alla psicologia infantile: una bambina è stata testimone della morte accidentale di una ragazza durante un litigio con il suo fidanzato; questi, temendo una denuncia, rapisce la bambina fino alla partenza della sua nave; la bambina è felice perché finalmente potrà raccontare qualcosa di eccezionale agli amici, che non la considerano mai; fra i due si instaura una sincera amicizia. Quando il marinaio si imbarca, la polizia trova la bambina e cerca invano di farle indicare l'uomo; ma la bambina cade accidentalmente in mare e il marinaio non esita a tuffarsi, anche se così si tradisce.

Negli anni Settanta si trasferisce negli USA, a dirigere film più commerciali, come lo spionistico Circle of deception (1961) e il bellico Guns of Navarrone (1961), su un'impresa dei partigiani greci. Cape Fear (1962) è un thriller ossessivo in cui Mitchum impersona un odioso assassino, condannato per violenza carnale da un brillante avvocato, che esce dal carcere assetato di vendetta e inizia una metodica guerra del terrore nei confronti dell'avvocato, minacciando di violentargli moglie e figlia, ma alla fine viene arrestato. King of the sun (1963), sulla resistenza dei Maya agli invasori spagnoli.

Diresse anche due briose commedie per Shirly Mc Laine: What a way to go (1964), in cui è una donna collezionista di mariti che chiede aiuto ad uno psicanalista ma con il solo scopo di farlo innamorare e che infine sposa un giovane poverissimo e Suhn Gold Farb please come home (1964), in cui è una giornalista che, insieme con un appassionato di rugby, accontenta un sultano arabo affinchè conceda una base militare agli USA, anche se la squadra americana dovrà perdere un incontro.

Return from the ashes (1965) è un melodramma in cui un profugo polacco sposa un'ebrea francese, ma questa viene deportata e, quando torna alla fine della guerra, scoprendo che il marito convive con la figliastra, causa una tragedia. Rientrato in Gran Bretagna, dirige Eye of the devil (1967), un horror in cui ogni generazione di una famiglia giovane sacrifica il primogenito per propiziare il raccolto dell'uva e Chairman (1969), uno spionistico polemico in cui uno scienziato serve la causa nazionale, ma poi si ribella agli intrighi politici.

Di nuovo negli USA: Mc Kenna's gold (1969), un western con Peck nei panni di uno sceriffo che entra casualmente in possesso della mappa di un giacimento d'oro e due banditi lo costringono a trovare, Reincarnation of Peter Proud (1974), su un caso di reincarnazione fanatica di un uomo che rivive la propria vita fino alla propria morte, il western metastorico White Buffalo (1977) in cui narra il tramonto di due miti, Wild Bill Hickok e l'indiano Crazy Horse, entrambi avventurieri solitari, alla caccia di un fantomatico bisonte bianco che li ossessiona e che rappresenta il loro ultimo scopo di vita. Capoblanco (1980), sorta di Casablanca del Sudamerica a lieto fine, Happy birthday (1980), un giallo che accumula dieci cadaveri in un campus il giorno del compleanno di una ragazza e soltanto alla fine svela il vero colpevole Fire walker (1986), avventure alla ricerca di un tesoro nascosto in un tempio perduto della Jungla equatoriale; Murphy's law (1987), poliziotto giustiziere che viene accusato di avere ucciso la moglie spogliarellista mentre questa, adultera, è stata vittima dell'odio di un'altra; il poliziotto evade e si fa giustizia, fra sparatorie e omicidi.

What is unique about this cinema database