Jiri Trnka


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Cresciuto nell'ambiente delle marionette e del teatro, Jiri Trnka ricoprì dopo la guerra un importante incarico che gli consentì di dare un'impronta personale al disegno animato ceco, indirizzandolo cioè verso il recupero di temi folkloristici nazionali. Al tempo stesso, dedicandosi più ai pupazzi, elaborò un gusto raffinato e quasi barocco nella realizzazione tanto delle marionette quanto degli sfondi su cui esse si muovono. Le scenografie sono infatti paesaggi minuti e colorati, intensamente fiabeschi fino al limite della fantasia onirica.

Spalicek (1948) portò sullo schermo le leggende e le canzoni popolari, immerse in abbaglianti giochi di luce, con lo spirito della vita quotidiana di un popolo gaio, semplice e superstizioso.

Cisaruv slavik [(1948) Andersen] è il primo lungometraggio di marionette, e contiene fasi solenni e manierate che rievocano i fasti della corte imperiale.

Bajaja (1950) è una specie di cine-opera che ha per protagonisti i personaggi delle pitture medioevali: un contadino lotta contro i mostri perchè vuole msposare la principessa.

Stare povesti aske (1953) è una raccolta di sei episodi tratti da altrettante leggende; le scenografie maestose, il brulicare di personaggi, ne fanno il vertice del barocchismo mitico di Trnka.

In seguito Trnka è tornato al cortometraggio.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.

What is unique about this cinema database