Jon Turteltaub
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Jon Turteltaub
Instinct (1999) Hopkins arriva all'aeroporto: e` un pazzo dall'aria selvaggia incatenato come un animale. Sullivan e` uno dei principali psichiatri di un ospedale. Un suo giovane, brillante e ambizioso, assistente non vede l'ora di cimentarsi con un caso importante. Si da` il caso che Hopkins sia un ex antropologo scomparso per due anni in Africa. Hopkins evade quando il suono assordante di un allarme scatena la sua forza animalesca: sgomina poliziotti con fare da gorilla finche' lo sguardo di una donna lo ferma. Vissuto con i gorilla, e` diventato uno di loro. Non parla piu`. Il giovane ottiene il caso e ci si tuffa con entusiasmo. Hopkins in prigione ha modo di osservare le ingiustizie commesse dal capo del carcere e dalla guardia sadica. In particolare, ogni giorno la guardia distribuisce carte da gioco: l'asso di quadri ha diritto a mezz'ora di passeggiata. Ma poi il grassone nero si fa sempre dare la carta dagli altri e vince sempre. Il guardiano lo sa ma lascia fare. Quando pero` la carta capita a Hopkins, e il grassone nero lo attacca per farsela dare, Hopkins quasi lo uccide. Lo psichiatra, che e` entrato in contatto anche con la figlia di Hopkins (la donna dell'aeroporto) convince le guardie a trattare Hopkins come un essere umano e a smettere di somministrargli sedativi e in cambio Hopkins comincia a parlare. Poco alla volta racconta tutta la sua storia: come si avvicino` ai gorilla e venne accettato nella loro famiglia. Presto il rapporto fra paziente e psichiatra si capovolge, con Hopkins che insegna i fondamenti della vita e mette in dubbio tutte le certezze borghesi dello psichiatra. Lo psichiatra ha anche modo di rendersi conto del modo inumano in cui i pazienti sono trattati e un giorno decide di cambiare le regole delle carte da gioco, scatenando il finimondo. Hopkins gli racconta come i cacciatori sterminarono la famiglia dei gorilla e catturarono lui (per colpa sua: avevano seguito gli oggetti che lui si era lasciato dietro). Lo psichiatra lo convince ad affrontare un giudice e chiedere la liberta`, nonche' a rivedere la figlia. L'ennesimo sopruso del guardiano causa pero` un'altra ribellione e un'altra sommossa, dopo la quale Hopkins si rinchiude nel suo silenzio. Questa volta non c'e` piu` nulla da fare. Lo psichiatra si rassegna ad aver perso il suo caso, ma non e` finita li`: Hopkins riesce a evadere e tornare in Africa. Trama ridicola, improbabile, stereotipica, penosamente prevedibile.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this cinema database