Paul Verhoeven
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

, /10
Links:

Basic Instinct (1992) Un rock star diventato rispettabile cittadino, nonche' amico personale del sindaco, viene assassinato a casa sua mentre sta facendo l'amore con una bionda. Della bionda si vedono soltanto le spalle. La bionda gli ha legato le mani alle sbarre del letto e lo ha poi trafitto decine di volte con un punteruolo.
Nick (Michael Douglas) e il suo partner "cowboy" vengono incaricati delle indagini. Si recano dalla girlfriend del rock star, Katherine (Sharon Stone), ma trovano soltanto una sua amica, Roxie, che li manda alla villa fuori citta` di Katherine, sull'oceano. Katherine e` una donna molto avvenente (nonche' molto simile a Roxie), che li tratta con disprezzo ed esibisce il piu` freddo cinismo. Dice di essere stata l'amante di quell'uomo soltanto perche' faceva bene l'amore. E` una scrittrice di gialli, e il suo ultimo libro finisce proprio con l'omicidio di un ex rock star ucciso precisamente in quel modo. Potrebbe essere un alibi che lei si e` costruita (nessuna giuria crederebbe che lei sia stata tanto stupida da auto-accusarsi in quel modo) oppure potrebbe essere veramente la prova che non e` stata lei ma qualcuno che la vuole far incriminare.
Douglas e` appena stato prosciolto dall'accusa di aver ucciso due turisti. La polizia gli ha pero` imposto di eliminare i suoi vizi (alcool, fumo e cocaina). La persona che lo controlla e` una psichiatra, Beth, che e` anche la sua ex ragazza.
Katherine, provocante e insinuante, gli rivela che sta scrivendo un nuovo libro, in cui un detective come lui si innamora della donna sbagliata e viene ucciso da lei. Estremamente attraente e provocante, freddamente calcolatrice, sicura di se', spavalda, sincera fino alla amoralita', Katherine sostiene benissimo l'interrogatorio al commissariato, comportandosi meglio di un avvocato professionista. Durante tutto l'interrogatorio provoca Douglas, un po' facendo insinuazioni riguardo il caso scabroso in cui e` rimasto coinvolto, un po' mostrandogli le gambe e facendogli vedere che non ha niente sotto.
Passa il test della macchina della verita` con elegante disinvoltura e viene lasciata libera; ma Douglas sa che e` possibile passare il test della macchina della verita` pur essendo colpevoli: e` successo a lui. Se ne va divertita, come se ridesse dell'ingenuita` della legge e dell'impotenza di Douglas. E sembra sapere che Douglas menti` altrettanto bene, come se avesse studiato attentamente il suo caso. Douglas e` sempre piu` convinto che sia lei l'assassina.
Beth gli rivela di conoscere Katherine dai tempi del liceo e che ai tempi Katherine si era invaghita di lei. Katherine lo eccita talmente che quasi violenta Beth e si rimette a bere e fumare, come d'altronde Katherine gli aveva predetto che sarebbe successo. Katherine gli esibisce il suo corpo stupendamente attraente, da cui lui e` sempre piu` irresistibilmente ipnotizzato, ma continua a investigare. Scopre che lei va a trovare una signora che venne incriminata per aver ammazzato tutta la sua famiglia senza alcuna ragione. Scopre che Katherine ha messo insieme un file del suo caso: anche lui ha ucciso senza che ci fosse una ragione precisa. Katherine continua a sostenere che sta raccogliendo informazioni per il suo prossimo libro: usera' lui come modello per il protagonista. Lo sfotte di continuo per quell'omicidio, insinuando di continuo che lui fosse colpevole, rinfacciandogli subdolamente i suoi vizi, facendolo innervosire sempre di piu'. E intanto lo seduce fino alla follia. Gioca con lui come il gatto con il topo.
E` la sospetta che tortura il detective, non viceversa; e` lei che cerca di incastrare lui, non viceversa. I ruoli canonici sono capovolti. Lei fa a lui cio` che lui dovrebbe fare a lei per smascherarla. La sicurezza della presunta assassina e il nervosismo dell'investigatore capovolgono gli stereotipi del genere. Lo avvolge nella sua rete e lo distrugge. Lei trionfa poco alla volta, e lui crolla poco alla volta.
Sa persino che sua moglie si suicido', e insinua che forse lo fece per colpa sua. Poi gli rivela di avere un'amante femmina, Roxy: e` una lesbica.
Douglas capisce che qualcuno della polizia le ha procurato il file segreto sul suo passato e intima a Beth di rivelargli chi aveva accesso a quel file. L'unica persona oltre a Beth era Nilsson, un capitano che lo odia. Con i soldi Katherine puo` comprare tutto e tutti. Douglas lo affronta violentemente, ma viene fermato da Beth: e` ancora in prova e non puo' permettersi scatti d'ira.
Douglas va a casa ad ubriacarsi. Lo chiamano perche' Nilsson e` stato assassinato con un revolver e lui, in seguito al diverbio di prima, e' sospettato dell'omicidio. Adesso e` lui a trovarsi nella stessa situazione di Katherine: il diverbio potrebbe essere un astuto alibi per scagionarsi, oppure l'ovvio movente, oppure qualcuno voleva farlo accusare. Douglas, appena scagionato da Beth (che era stata a casa sua all'ora del delitto), propende per quest'ultima ipotesi e sa chi sospettare.
Dimesso dal servizio in attesa di chiarire il fatto, Douglas riceve la visita di Katherine. Katherine gli rivela che i suoi genitori vennero uccisi quando lei era bambina, e gli assassini non vennero mai scoperti, ne' il movente: uno dei suoi libri narra di una bambina che uccide i genitori soltanto per vedere se riuscira` a farla franca. Douglas, pedinandola, entra nel mondo della depravazione piu` amorale, in cui regnano sesso e droga senza limiti. Lei continua ad eccitarlo finche' fanno l'amore. E lui lo fa alla grande, esplode di potenza sessuale. Lei gli lega le mani al letto, ma lui lascia fare e infatti non succede nulla. Semmai e` l'amante, Roxy, a minacciarlo di morte. Douglas decide di stare al suo gioco e si comporta come se fosse pazzo di lei.
Qualcuno sull'auto di Katherine tenta di metterlo sotto. Douglas si salva e insegue l'auto, che finisce per precipitare in una scarpata. Dentro c'e` Roxy, morta. Questo incidente aumenta pero` i guai di Douglas con gli psichiatri della polizia. Beth lo mette in guardia che Katherine e` malvagia e astuta, abilissima a manipolare le persone. Ma Katherine sembra distrutta dal dolore di aver perso un'altra amicizia; e lui, convinto, la consola teneramente.
Katherine gli rivela anche che lei e una compagna del liceo fecero l'amore una volta e che questa ragazza era ossessionata da lei. Che a 16 anni Roxy uccise i fratellini con un rasoio senza alcuna ragione. Katherine giustifica in maniera semplice e naturale quella catena di strane conoscenze: come scrittrice di gialli si ispira alla vita reale e le capita di venire a contatto con molti assassini.
Douglas indaga su quella compagna di liceo e scopre che era proprio Beth, sotto un altro nome. Beth ammette di aver fatto l'amore con lei una volta, ma soltanto per sperimentare e soltanto quella volta. Gli fa anche notare che ovviamente Katherine immaginava che lui avrebbe indagato e avrebbe scoperto che era lei, Beth, quella ragazza; e che pertanto tutto era congegnato fin dall'inizio. Douglas scopre anche che il file della polizia su Beth venne prelevato da Nilsson. Scopre anche che il marito di Beth venne ucciso in circostanze misteriose, senza che si sia mai scoperto l'assassino; e che ai tempi si mormoro` di un'amante femmina di Beth. E che Nilsson aveva fatto le stesse indagini pochi giorni prima. Adesso comincia ad avere il sospetto che l'assassina sia Beth, che abbia ucciso Nilsson perche' lui aveva scoperto il suo passato. Douglas crede sempre di piu` a Katherine, che sta instillando in lui il dubbio riguardo a Beth.
Improvvisamente Katherine gli comunica che il suo libro e` terminato, il detective e` morto e pertanto lui se ne puo` andare. E lo mette alla porta senza tanti complimenti. Douglas, incredulo e sconvolto, fa soltanto in tempo a leggere qualcuna delle ultime frasi in cui si parla di un ascensore che si ferma al quarto piano.
Proprio quel giorno il suo partner e lui devono andare ad un appuntamento al quarto piano di un palazzo. Il suo partner gli dice pero` di rimanere in auto e si avvia. Qualche minuto dopo Douglas si ricorda del finale del libro e si precipita nell'edificio, ma e` troppo tardi: qualcuno ha gia` copito e il suo partner giace a terra massacrato di coltellate. Douglas sente dei passi ed estrae la pistola: e` Beth, che sostiene di essere stata chiamata li` da una misteriosa telefonata. Douglas le intima di alzare le mani, Beth le porta invece in tasca e Douglas fa fuoco. Ma in tasca Beth aveva soltanto delle chiavi, e prima di morire riesce a mormorare un "ti amo". La polizia scopre pero` sulle scale un'uniforme della polizia e una parrucca bionda, e assume che Beth si fosse travestita da Katherine per far cadere su di lei la colpa, ma sia stata invece colta in flagrante da Douglas. Per di piu` in casa di Beth si ritrovano sia la pistola che ha ucciso Nilsson, sia un file su Katherine. Tutto sembra spiegato.
Douglas guadagna di nuovo il suo posto, anche se non e` del tutto convinto. Torna da Katherine, che e` disperata perche' tutti quelli che le passano vicino muoiono. Douglas la consola. Mentre fanno l'amore lei piange. A un certo punto Katherine porta la mano sotto il letto, e Douglas si irrigidisce, ma Katherine lo abbraccia.
Sotto il letto, pero', era pronto il punteruolo...
Il finale fa pensare che Katherine fosse veramente l'assassina e che abbia risparmiato Douglas o per mero calcolo o perche' redenta da un improvviso e reale bisogno di amore.
Ambientazione fra i ricchi decadenti della California, e in particolare fra gli omosessuali.
Grande ritratto di una psicopatica e depravata che e` anche una delle menti piu` malvage e acute della storia del cinema, una delle donne fatali e corruttrici piu` enigmatiche e una delle macchine del crimine piu` perfette. Katherine e` morbosamente affascinata dall'omicidio senza ragione, dall'omicidio per il solo fine di uccidere. Tutta la sua vita non e` altro che una partita di scacchi sempre piu' difficile con la polizia e la societa', in cui lei si espone sempre di piu', e riesce sempre a vincere.
Diabolica soprattutto la sceneggiatura, che non ha soltanto i colpi di scena tipici dei gialli, ma anche tutta una serie di meta-situazioni e di auto-riferimenti: Katherine vive nella vita le storie che scrive; Katherine vive alla rovescia l'indagine di Douglas; Douglas viene accusato di un omicidio e vive la stessa situazione di Katherine.
E crudelissimo, amarissimo, il finale, con la sincera e onesta Beth che muore mormorando "ti amo" mentre il suo uomo la credera` un'assassina e dara` il suo amore proprio alla donna che ne ha causato la morte, e fatto eseguire quella condanna a morte proprio da lui.
Total Recall (1992) Il film e` ambientato in un futuro fantascientifico. Un innocuo e bonario construction worker, Doug, felicemente sposato con una donna attraente e affettuosa, e` affascinato da Marte e decide di comprare una vacanza su Marte da un'agenzia che e` specializzata in viaggi virtuali. Chiede di diventare un eroico agente segreto. Nel laboratorio qualcosa va pero` storto perche' lui si risveglia isterico prima ancora che l'abbiano potuto programmare. Il gestore dell'agenzia/laboratorio ordina di cancellare la sua memoria e di dimetterlo frettolosamente. Appena uscito, viene aggredito da un gruppo di uomini che vogliono sapere della sua missione su Marte. Li deve uccidere tutti. A casa non fa a tempo a raccontare alla moglie l'accaduto che viene aggredito di nuovo, da lei stessa, trasformata da belva di kung fu. Lui la disarma e la costringe a confessare: non e` sua moglie, lui la ricorda come sua moglie perche' quella e` la memoria che gli hanno piantato nel cervello. Da questo momento lui non sa piu` quali dei suoi ricordi sono veri e quali sono artificiali. Altri uomini irrompono nell'appartamento per dargli la caccia. Il capo (Viktor) e` l'amante della ragazza, e forse e` anche geloso di Doug. Lo inseguono nella metropolitana, facilitati da un bug installato nel suo cervello.
Un uomo che si dichiara suo collega su Marte gli porta una valigetta, come da suoi ordini se fosse scomparso. Ma Doug non ricorda. Dentro la valigetta ci sono soldi, una pistola che costruisce un ologramma di lui e un video... il video e` di se stesso che gli spiega chi realmente e`: un agente segreto, convertito da una donna a una causa piu` giusta. Gli spiega come usare un apparecchio che lo liberera` del bug elettronico nel suo cervello e gli da` istruzioni su cosa fare: prima tappa Marte.
A guidare i killer e` il feroce capo dei servizi segreti su Marte, impegnato a combattere i ribelli. Sempre inseguito dai killer, Doug Quaid vola su Marte e si reca all'hotel indicatogli. Una nota scritta con la sua stessa calligrafia gli dice di cercare Melina. Appena esce, esplode una bomba piantata dai ribelli. Un cab driver di colore lo porta nella zona a luci rosse. Nel club lo conoscono tutti, amici e nemici, ma lui non ricorda nessuno. Melina era la sua ragazza, ma lo butta fuori quando lui le confessa di non ricordarla.
Un uomo gli si presenta e gli rivela che nessuno dei due e` davvero li`, sono entrambi soltanto nel sogno che gli e` stato trapiantato nel cervello. Lui, in realta`, si trova legato alla sedia del laboratorio. Non possono farlo tornare indietro perche' lui e` affetto da un trauma che gli fa inventare tutte le peripezie che sta vivendo contro la volonta` degli scienziati del laboratorio. E` soltanto una lunga illusione causata da una sua malattia mentale. Gli fa vedere la ragazza bionda, anche quella costruita come da contratto su sua richiesta per la sua vacanza su Marte. Lo scienziato e la ragazza lo convincono a ingerire una pillola per guarire dalla sua psicosi, in modo che il laboratorio possa farlo uscire dal sogno. Ma all'ultimo momento lui non si fida: sputa la pillola e uccide l'uomo, per dimostrare che non si tratta di un sogno. Irrompono alcuni sgherri che aiutano la ragazza a catturarlo. Irrompe Melina che stermina tutti e Doug finisce la bionda. Melina e Doug fuggono lasciando il corpo senza vita della bionda.
Il tassita li riporta al club, dopo un folle inseguimento dei killer, sempre capitanati da Viktor. Si scatena una sparatoria fra i killer di Viktor e gli uomini del club e i primi devono ripiegare. Milena lo porta nel covo sotterraneo dei ribelli, dove finalmente Doug Quaid incontra il capo dei ribelli, Quato, un mutante che compare nel ventre di uno dei suoi uomini sotto forma di un feto. Il feto tenta di leggere la sua memoria, la memoria che Doug non riesce piu` a leggere. In quella memoria i ribelli pensano che sia nascosto il segreto del dittatore (da cui la ragione per cui il dittatore lo vuole morto). Mentre Quato sta leggendo la mente di Quaid, il dittatore e Viktor esplorano uno strumento costruito 500.000 anni prima da una civilta` aliena (anche questo era nel contratto della vacanza) e la polizia irrompe nel covo. Il tassista si scopre essere un loro agente e grazie a lui catturano Milena e Doug, oltre a uccidere il feto, ovvero il capo della resistenza.
Il dittatore gli rivela che era tutto un piano fin dall'inizio, che lui stesso, Doug, si era era offerto per questa missione per catturare e uccidere il capo dei ribelli. L'unico modo per evitare il potere medianico dei mutanti era di fargli il lavaggio del cervello, per far credere loro che lui fosse sinceramente dalla loro parte, e poi lasciare che loro lo portassero dal capo. Doug non ci crede, ma il dittatore gli fa ascoltare la fine del video, in cui lui stesso, Doug, congratula Doug per la riuscita dell'impresa. Doug e Milena vengono inseriti nelle macchine per il lavaggio del cervello: Doug tornera` ad essere un perfido agente del dittatore e Milena diventera` una donna mansueta e rispettosa.
Ma l'erculeo Doug riesce a liberarsi dalla macchina e a liberare lei. Il dittatore ha fatto togliere l'aria alla sezione del club e la gente sta morendo. Doug e Melina fuggono nelle cave costruite dagli alieni e scoprono un passaggio segreto: e` una trappola. Viene circondato e massacrato dagli uomini di Viktor. Si rialza sghignazzando e li massacra: stava usando un sosia costruito con un ologramma. Doug e Viktor lottano in un ascensore che sembra salire all'infinito. Viktor viene schiacciato, Doug si ritrova a un piano misterioso... dove lo aspetta il dittatore. Il dittatore vuole far saltare in aria l'intero apparato, ma viene fermato da Melina. Doug mette in moto l'apparato, fidandosi degli alieni. Tutti e tre precipitano in un imbuto e vengono espulsi nel deserto. Le loro facce si stanno disfacendo per mancanza d'aria. Il pianeta esplode... ma alla fine dell'esplosione e` diventato un pianeta abitabile. Tutti riprendono a respirare. Rimane il dubbio che fosse semplicemente un sogno...
Un misto di Indiana Jones e di Terminator, con lo spirito del cinema come sogno innocente che e` tipico della falsa fantascienza di Spielberg. Il finale e` piu` che altro una serie di pretesti per cambiare continuamente scenari, e ovviamente scenari sempre piu` spettacolari.

Given the dull dialogue, bad acting and implausible plot, the horror/sci-fi movie Hollow Man (2000) relies mostly on visual effects.

Since the Pentagon is in a hurry to see the results of the invisibility project it has been funding, the lead scientist, Sebastian, decides to volunteer for the final experiment. Assisted by his former girlfriend Linda, whose new boyfriend Matt is also a scientist, and frigid veterinarian Sarah, Sebastian successfully disappears. The problem is that the reverse experiment fails: Sebastian can't return to be visible. Linda and the other scientists design a mask that he can wear. But evil instincts take over and soon Sebastian is roaming the streets of the city and raping women who cannot see him. He even enters Linda's apartment, possibly with the intention of raping her too, but instead finds her in Matt's arms. This only infuriates him. Linda understands that he is out of control and decides to alert their boss at the Pentagon. But Sebastian is there with them, invisible, and kills the boss before he can call his generals to start the manhunt. The news reaches the lab and the scientists begin to realize the danger. The only way to detect him is to use special sensors. He goes on a rampage and kills the scientists one by one, even Sarah. And he leaves Linda and Matt, mortally wounded, trapped inside the lab, condemned to die too. But Linda manages to get out, Matt resurrects and the lab is, of course, about to explode, and they, of course, manage to beat Sebastian. But, of course, Sebastian is still alive, and, of course, there is a final dramatic confrontation, and, of course, and, of course, he dies but we are not really sure that he died, and, of course, Matt and Linda kiss. This plot is a catalogue of stupidity.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

Showgirls (1995) is a merciless portrait of the milieu of the casinos. It fails as a character study of a wasted youth, but mostly succeeds as a pulp-fiction fresco of the underworld. A cute girl, Naomi, hitchhikes from her hometown in the mountains all the way to Las Vegas. The Elvis Presley-lookalike who gives her a ride has a tough time making her talk. She is tough like a punk and pulls out a knife the moment he tries to make a pass at her. In Vegas she tries the slot machines while he takes care of her luggage. When she finishes losing her money, he's gone with her luggage. Alone and angry, she kicks a car, and five minutes later she's best friend with the owner of the car, a black girl who works in the casino. Despite her bad-ass attitude (especially when asked details about her past), the black girl, Molly, offers her a place to stay. They become permanent housemates. Naomi introduces her to a star, Crystal, who insults her. Thanks to a bouncer, James, she met in a disco, Naomi finds a job as a strip dancer in a night club. On a date with her boyfriend Zack, Crystal spots her and offers her money to have sex with both. It turns out Molly works as Crystal's personal maid.
Thanks to Crystal, she gets an audition for a show, but the producer is only interested in exploiting her body. She sends him and Crystal to hell. Then spends the day with the former bouncer, who seems to really care for her. The guy is actually trying to start his own club and show. Naomi is perfect for the job, she is just waiting for a chance to show her talent. But she still has a temper and snaps when people want to know about her past, and the bouncer has no better luck.
She is hired in a show and enthusiastically quits her job as a private dancer, although the owner laughs at her and predicts she'll be back. She runs to tell James, but finds him with another woman. He, in turns, is disappointed that she forgot all about the show he was preparing for her.
At the casino she is embarrassed when she is asked for personal data and whether she's ever been arrested. The show, however, goes well, and she gets flowers from Crystal's boyfriends, Zack. James, who is waiting outside, tries in vain to get her back: she hardly talks to him.
Crystal approaches Naomi as if she wanted to be a real friend, but next she knows Naomi is sold as a cheap date to an important businessman. She refuses and Zack pretends that they are sorry for what happened. Naomi goes out on a date with Zack: basically, she prostitutes herself to get a promotion and become Crystal's understudy. But now she's beginning to threaten Crystal.
Naomi goes to see James' show. He is now engaged to his girlfriend and partner, who is pregnant of him and whose mother employs him at her grocery store. His show is not going well at all: despite all his efforts, the audience boos him every night.
When she goes back to the casino, she finds out that Crystal has managed to kill her career. During a rehearsal, Naomi pushes Crystal down the stairs and Crystal breaks a few bones: Naomi gets the part of Crystal, but Molly saw her push Crystal. Naomi begs her to attend the party they are throwing for her: she's a star now. Molly walks out on her, but then, as the real friend she is, she shows up at the party. Molly is ecstatic to be introduced to her favorite star, but he beats her and rapes her during the party. They take her to the hospital unconscious. Naomi is determined to call the police, but Zack stops her: he knows her past. Her name is Polly, her father killed her mother and then himself, she became a criminal and a prostitute, and was arrested repeatedly for robberies and drugs. Zack threatens to turn her in if she calls the police.
She decides to take her own revenge. She asks to see the star who raped Molly, and kills him. Then she goes to the hospital to see Crystal, who, suddenly indifferent, gives her a blessing of sorts. But Naomi is no longer interested. She walks to the freeway and hitchhikes a ride to Los Angeles. The very same guy picks her up: she pulls the knife and asks him for her suitcase.

Starship Troopers (1997) is a science-fiction film that adapts to the screen the Robert Heinlein classic. Unfortunately, it also leaves out the best of the book. Violence and gore supplant phylosophical digression. The director is interested in the spectacular battles between aliens and humans, not in the finesse of metaphysics. This is Hollywood (and soap opera) at its worst.

Mankind is under the spell of a 1984-like utopia. Buenos Aires is the city where four kids live and study (yawn). They all want to enroll in the elite troops and thus they get the appropriate training (yawn). Giant bugs attack the Earth and the Earth decides to retaliate. Two of the kids are in the army that is sent to invade their planet. The war develops in the most trivial of manners and eventually the bugs are defeated and naturally the kids are the heroes (yawn).

Elle (2016), based on Philippe Djian's novel "Oh" (2012)

What is unique about this cinema database