Lars Von Trier


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Medea (1987), 6/10
Europa/ Zentropa (1994), 8/10
Riget/ Kingdom (1994), 9/10
Breaking The Waves (1996), 8/10
Dancer In The Dark (2000), 7/10
Melancholia (2011), 7.3/10
Links:

Danish director Lars Von Trier (1959)

Forbrydelsens Element/ Element of Crime (1984)

Medea (1987), based on an un-produced script by Carl Theodor Dreyer, is a drama of cruelty, which Von Trier sets in a bleak landscape, constantly swept by the wind and shot with feverish hand. In Von Trier's hand, the ancient Greek myth becomes a psychological nightmare.

Medea e` distesa sulla spiaggia con il volto al cielo (ripresa dal cielo). Sibila e la terra si mette a ruotare come in un capogiro. Le onde della marea coprono il corpo. Una barca si avvicina. Medea riconosce Aegius, che sta cercando un oracolo e le chiede di Jason. Medea gli chiede a sua volta se potra` ricevere asilo nella sua terra.
Le serve lavano una splendida ragazza, Glauce, figlia del re Creon (in un bianco e nero spettrale). La ragazza nuda guarda dalla finestra. Fuori dalla sua camera un corteo percorre un tunnel illuminato da torce. Creon parla della prosperita` della citta` e del loro nuovo leader, Jason. Creon ha deciso di dare sua figlia Glauce in sposa a Jason.
Dopo la cerimonia, celebrata in una caverna, Creon e Glauce salpano. Glauce prega pero` Jason di attendere che Medea venga scacciata dal padre. Medea, una maga a cui Jason deve la sua gloria, e che gli ha dato due figli, medita la vendetta. Creo bandisce lei e i suoi figli da quella terra, e Medea invano lo supplica (in una scena avvolta nella bruma, Creon che annaspa nel fango, Medea che prepara la sua pozione magica).
Medea si sposta nella palude su una barca (inquadrato il suo riflesso sulla superficie dell'acqua, il fondale, nature morte).
Jason va a trovarla. Lei sta tessendo sotto la pioggia. Si stringono le mani attraverso i fili. Lei invano gli ricorda i figli. Davanti alla sua determinazione, gli augura un buon matrimonio e sembra rassegnata.
Un gruppo di uomini sta sfilando davanti a casa sua. Vengono a chiederle di interpretare le parole di un oracolo, che erano venuti a consultare da lontano. Lei chiede loro un passaggio in cambio delle sue arti.
Glauce sta giocando con le altre ragazze. Jason osserva dall'alto lo spettacolo imponente del mare.
Jason e Medea sono di nuovo a colloquio, questa volta sulla spiaggia, con il mare che diventa un flusso di immagini senza suoni sullo sfondo dei loro corpi abbracciati. Si odono soltanto i rumori dei due corpi. Ma Jason si riprende e la schiaffeggia. Medea cade nella sabbia. Medea osserva il proprio riflesso nell'acqua e chiede a Jason di prendersi cura almeno dei figli. Jason promette di chiedere il permesso a Glauce, ma e` scettico che gli verra` concesso. Medea gli chiede di consentire ai figli di portare un suo dono a Glauce: la corona che lei ha inzuppato nel veleno.
Medea cammina sulla spiaggia e gli spruzzi delle onde sembrano un campo di grano le cui spighe oscillano al vento.
Glauce muore del veleno, e cosi` Creo che ha tentato di aiutarla.
Medea trascina i bambini nella palude e poi li impicca, uno alla volta (in una campagna improvvisamente pacifica, colorata e allegra). Jason le sta dando la caccia e corre invece a cavallo in un vento tempestoso. Quando arriva, trova i bambini che penzolano da un palo. Medea e` gia` sulla barca. Jason sprona il cavallo ma si perde in un bosco. Medea prende il largo mentre Jason annaspa fra le canne mosse dal vento.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Both Von Trier's aesthetic vision and obsession with bureaucracy came to form in Europa/ Zentropa (1991), which is at the same time a surreal satire and an expressionist thriller, a film shot in alternating color, black-and-white and bleeding blends of hues. At times only one object is shown in color on top of a black-and-white background. The desolate landscape of Medea turns into a series of even more desolate environments, each of which seems to represent a terminal condition of living. To compose his fresco of powerful emotions, Von Trier borrows leitmotivs and manners from Fritz Lang and Alfred Hitchcock. The countless visual tricks serve two purposes: to punctuate the narration with an intricate web of symbols, and to keep the audience estranged, detached, conscious that this is just a movie. The narrator, part God and part director, jumps in frequently to address the protagonist himself.nd to move the film forward

The protagonist is a Kafka-esque figure, swallowed in a clockwork that he cannot comprehend. He is a good-natured man who finds himself involved in an espionage intrigue.

The movie opens with black-and-white railroad tracks that flash on the screen, and a narrator counting from 1 to 10, at each number encouraging the audience to relax and concentrate, as if he was trying to hypnotize us. At the count of 10 you are in "Europa", and the movie begins. The voice invites you to get closer to the fence and describes the movements of a man in a very dark urban landscape.
It is 1945. The man, Leopold, a German-American, has just arrived to Germany and finds his uncle, a man in uniform who is as stiff as a nazist soldier, and who, to please his father, has found him a job within the vast Zentropa railway corporation. Leopold has to submit himself to a medical examination in what looks like a nazi laboratory. The uncle warns him that Germans will hate him because Germany has become an American colony. Lo zio lo mette in guardia che i tedeschi lo odieranno perche' la Germania e` diventata una colonia Americana.
The narrator describes Leopold's state of mind as he falls asleep. He is addressing him as "you", just like he was addressing the audience as "you" at the beginning of the movie. He is asking the audience to play that character.
In the morning the uncle takes Leopold through the bureaucratic procedures, in a Germany that looks like the German army. An inspector tells him that his first job will be to works as a conductor on a train's sleeping car and calls the job "mythological". Then the gates are opened and a crowd of ordinary people (more like the "miserables") walk in. His uncle is moved to tears.
Leopold walks through the first class car as outside the crowd is jamming the other cars. The train starts moving as thousands of children follow it begging for money. The uncle retites in his cabin and leaves him alone.
Every scene is terribly dark, shot in black and white, with countless references to old German and British movies.
On his first night on the job, he meets a beautiful woman, Katharina, who turns out to be the daughter of the owner of Zentropa. She is puzzled that an American would have any desire to work in Germany. He tells her that he is just trying to help Germany. From the window they observe the corpses of men who have been hanged. Katharina tells him that there are still "partisans" fighting, even if the war is over.
The train goes through a tunnel. The uncle confesses to Leopold that sometimes he doesn't know whether they are moving forward or backward. Leopold comforts him that it must be a simple illusion. The uncle tells him in German that he is an idiot.
The narrator recapitulates what has happened and analyzes the situation like a psychiatrist with a patient. At the count of three...
A message for Leopold: he is invited to dinner with Kate's family. Her brother has an argument with the father. A priest condemns people who are not capable of taking sides. They watch from the window the Americans destroying cranes in the harbor and they comment that the Americans want to prevent Germany from being reborn. Another American, the colonel Alex, joins the party to tell Leopold about the "werewolves", pro-Nazi terrorists who committ acts of sabotage and liquidate Germans who cooperate with the Allies. Alex asks Leopold to keep an eye on them. An atmosphere of suspicion and fear surrounds the rich family.
The narrator recapitulates what "you" have seen.
On another train journey, a stranger who claims to be friend of Kate's family asks Leopold to take care of two children. By superior orders, the heating is disabled. The military police is checking documents when shots are heard: the children shot a man. Leopold involuntarily helped the terrorists commit a crime.
The narrator counts till 10 and Leopold is sent to a party. Leopold falls in love with the woman. They kiss. Max, the father, had to fill a questionnaire about his contacts with the Nazist and now a jew comes to review it. The jew recognizes his as the man who helped him and protected him. Max looks surprised. But Alex reveals to Leopold that Max is too important for the reconstruction and so the jew has been coerced to absolve him. Then Kate takes Leopold in another room to play with a miniature train. The father is shaving in the bathroom and cuts himself on purpose, first the cheek, then the hand... In the meantime Kate admits being a werewolf to Leopold, while she's undressing, and challenges him to show an open mind. While they embrace. The father is bleeding to death in the bath tub, cuts all over his body. Upstairs, Alex and the priest play chess.
On the train again, a passenger asks for his help and takes him through the dejected mankind of the second class to a car where the priest has secretely loaded the Max's coffin. They ask Leopold to please stop the train so they can give the man a proper burial. Leopold pulls the emergency brake and lets them get off at the cemetery. Then joins the ceremony. The Americans arrive and disperse the crowd, which tries invain to hide the coffin. Leopold is summoned in a car and meets again the stranger who asks him to help them again.
The narrator sends him forward one month. The priest asks him to forgive Kate and invites him to mass. The mass is celebrated in a cathedral without roof. The snow is falling inside. Under the snow, Kate begs him to marry him. And they get married.
One day Kate telephones him and asks him to return quickly to the villa. There he finds the stranger, who has just killed Kate's brother and kidnapped her to blackmail Leopold into committing a satobage.
The next train ride is his examination, a very important day for his uncle. Leopold is about to confess the plot to Alex, when he sees from the window another train and Kate at one of the other train's windows. Kates asks him to set the bomb to explode on a bridge. Leopold gets off the train and sets the bomb. Then he boards the train again, but, while he is frantically trying to figure out what is happening outside, the examination continues, with its fastidious reminders of blind bureaucracy, and even turns into a sort of torture.
Alex comes to tell him that Kate is on the train. But she is handcuffed. Alex reveals to Leopold that she wrote anonymous threatening letters to her father, the police have always been after her and he helped them nail her.
Katharina reveals to him that all the people in the train are killers, and that he is the only criminal, referring to his stupidity and naivete'. He is the only one who has not taken sides.
Leopold pulls the emergency brake, grabs a machine gun and terrorizes the passengers. He would like to buy some time to think it over, but the train resumes its ride and finally, over the bridge, the bomb goes off. Leopold is trapped underwater, in a sinking car, and can see, from below, the survivors rescuing the deads.
The narrator counts till ten and he is dead. But the movie continues, as he can see other bodies still alive leaving the train and his own body carried by the current through the weeds all the way to the ocean. Military drums.
Visually this is far less experimental than "Medea". It is just one long black-and-white nightmare.
(Translation by xxx/ Tradotto da xxx Andrea Giuliano)

Sia la concezione estetica che l’ossessione per la burocrazia di Lars Von Trier si formano in Zentropa (1994), che è allo stesso tempo una satira surreale ed un thriller di espressione; un film girato con colori alternanti, bianco e nero e tinte che colano dallo schermo come sangue, oggetti a colori che vengono ripresi su sfondo in bianco e nero, territori dalle atmosfere ancora più desolate di quelle di Medea, ognuna delle quali sembra rappresentare una condizione terminale di vita.

Per dipingereil suo affresco di potenti emozioni, Von Trier prende in prestito moltissimi elementi da Fritz Lang e Alfred Hitchcock.

Gli innumerevoli effetti speciali hanno duplice scopo: servono a dare ritmo alla narrazione usando una fitta rete di simboli e a tenere il pubblico distante ed obiettivo, cosciente che si tratta solo di un film.

Il narratore, in parte Dio, in parte regista, si infiltra spesso per rivolgersi al protagonista e per mandare avanti il film: il protagonista è una figura Kafkiana, trascinata in un ingranaggio che non riesce a comprendere - un uomo gentile che si trova coinvolto in una macchinazione spionistica.

Il film comincia in bianco e nero con dei binari che brillano alla pallida luce, e con un narratore che conta da 1 a 10, incoraggiando il pubblico a rilassarsi e a stare attento, quasi a volerlo ipnotizzare.

Al suo 10 ci si trova in Europa, e il film comincia: la voce invita ad avvicinarsi allo steccato e descrive i movimenti di un uomo in un ambiente cittadino molto cupo.

Siamo nel 1945: l’uomo, Leopold, un tedesco-americano che per fare piacere al padre ha trovato lavoro all’ interno della grande società ferroviaria Zentropa, è appena arrivato in Germania e trova suo zio, un uomo in uniforme austero come un soldato nazista. Leopold deve sottoporsi ad una visita medica all’interno di quello che più che un ambulatorio sembra un laboratorio nazista.Lo zio gli rende subito noto che i tedeschi lo odieranno siccome la Germania è diventata una colonia americana.

Il narratore descrive lo stato d’animo del protagonista mentre si addormenta.Si riferisce a lui dandogli del "VOI", esattamente come aveva fatto all’inizio del film riferendosi al pubblico: il narratore chiede al pubblico di diventare quel personaggio.

Il mattino seguente, lo zio porta Leopold per uffici a regolarizzare la sua posizione in una Germania che sembra l’esercito tedesco: un ispettore gli dice che il suo primo incarico sarà quello di conducente su una carrozza a cuccette, chiamando l’incarico in questione mitologico.I cancelli si aprono e una folla di gente comune (più somiglianti ai Miserables) entra, lo zio è commosso. Leopold cammina attraverso la carrozza di prima classe mentre la folla fuori blocca le macchine. Il treno comincia a muoversi. e un sacco di bambini lo seguono chiedendo soldi; lo zio si ritira nella sua cabina e lo lascia solo.

Ogni scena è estremamente buia, girata in bianco e nero, con innumerevoli riferimenti a vecchi film inglesi e tedeschi.

Durante la sua prima notte di lavoro incontra una bellissima donna, Katharina, che scopre essere la figlia del proprietario di Zentropa; lei è sorpresa dal fatto che un americano sia voluto venire a lavorare in Germania. Dal finestrino vedono uomini impiccati, e Katharina gli dice che ci sono ancora partigiani a combattere nonostante la guerra sia già finita.

Il treno entra in un tunnel. Lo zio gli confessa di non sapere, a volte, se si vada in avanti o all’indietro. Leopold lo consola dicendogli che si tratta soltanto di un’illusione; in tedesco, lo zio gli dice che è un idiota.Il narratore riassume quello che è successo e analizza la situazione come fa uno psichiatra con il suo paziente. Al suo tre… messaggio per Leopold: è invitato a cena dalla famiglia di Katharina.

Il fratello di lei ha una discussione con il padre. Un prete condanna le persone che non riescono a prendere posizioni; dai finestrini guardano gli americani mentre distruggono le gru nel porto, commentando che gli americani vogliono impedire che la Germania risorga.

Un altro americano, il colonnello Alex, si unisce al gruppo per parlare a Leopold dei "lupi mannari", terroristi pro-Nazi che sabotano e uccidono i tedeschi che cooperano con gli alleati.

Alex dichiara di stargli alle calcagna: un’atmosfera di sospetto e paura circonda la ricca famiglia.

Il narratore riassume quello che "VOI" avete visto.

Durante un altra corsa sul treno, uno straniero che dichiara di essere amico di Katharina chiede a Leopold di prendersi cura di due bambini.

Nel frattempo ordini superiori causano lo spegnimento dei riscaldamenti. Mentre la polizia militare effettua un controllo documenti si sentono degli spari: i bambini hanno sparato ad un uomo. Involontariamente Leopold ha aiutato i terroristi a commettere un crimine.

Il narratore conta fino a 10 e Leopold si ritrova ad una festa.

Si innamora di Katharina, i due si baciano.

Max, il padre di lei, doveva riempire un questionario sui suoi contatti con i nazisti e un ebreo viene a controllarlo. L’ebreo riconosce il padre di Katharina come l’uomo che lo ha aiutato e protetto. Max sembra sorpreso. Alex rivela a Leopold che Max è troppo importante per la ricostruzione del Paese e che quindi l’ebreo è stato persuaso ad assolverlo raccontandogli questa bugia.

Subito dopo Katharina porta Leopold in un’altra stanza a giocare con un treno in miniatura.

Max si sta radendo in bagno e si taglia apposta prima la guancia, poi la mano.

Nel frattempo, svestendosi, Katharina confessa a Leopold di essere un lupo mannaro, e lo incita ad essere un uomo di mente aperta. Mentre fanno l’amore, il padre sta morendo dissanguato nella vasca da bagno, con tagli su tutto il corpo. Al piano di sopra, Alex e il prete giocano a scacchi.

Nuovamente sul treno, un passeggero chiede l’aiuto di Leopold e lo porta ad una carrozza dove il prete ha segretamente caricato la bara di Max, facendolo passare tra la depressione dei passeggeri di seconda classe. Entrambi chiedono a Leopold il piacere di fermare il treno cosicché possano dare all’uomo una degna sepoltura. Leopold tira il freno di emergenza e li fa scendere al cimitero, per poi unirsi alla cerimonia. Gli americani arrivano e disperdono la folla che tenta, invano, di nascondere la bara. Leopold viene invocato da una macchina all’interno della quale incontra il solito straniero che gli chiede di aiutarli ancora.

Il narratore manda la vita di Leopold avanti di un mese. Il prete gli chiede di perdonare Katharina e lo invita a messa in una cattedrale senza tetto con la neve che vi cade dentro. Sotto la neve, Katharina gli prega di sposarla, e lui accetta.

Un giorno lei gli telefona chiedendogli di ritornare immediatamente alla villa. Lì trova lo straniero che ha appena ucciso il fratello della moglie e rapito la donna per ricattare Leopold di modo che compia un sabotaggio.

La prossima corsa sarà il suo "esame", un giorno che suo zio considera molto importante.

Quando Leopold sta per confessare ad Alex il complotto, vede dal finestrino Katharina che lo guarda da un finestrino di un altro treno. Gli chiede di innescare la bomba che ha con sé per farla esplodere su un ponte.

Leopold scende dal treno e innesca la bomba. Poi risale sul treno, ma mentre cerca di capire cosa sta succedendo fuori, "l’esame" continua con i suoi lampi di cieca burocrazia, e arriva addirittura a trasformarsi in una specie di tortura.

Alex va a dirgli che Katharina è sul treno, ma che è ammanettata; gli dice inoltre che lei scrisse lettere minatorie anonime al padre, che la polizia le è sempre stata dietro e che lui ha aiutato gli agenti a inchiodarla. Katharina rivela a Leopold che tutte le persone presenti sul treno sono assassini e che lui è l’unico criminale, riferendosi alla sua stupida ingenuità, per non aver preso parti. Allora Leopold tira il freno d’emergenza, afferra una rivoltella e terrorizza i passeggeri. Vorrebbe prendersi un po’ di tempo per pensare cosa poter fare, ma il treno riprende la sua corsa, e infine, oltre il ponte, la bomba esplode: Leopold si trova intrappolato sott’acqua in una macchina che sta affondando, e da sotto riesce a vedere i superstiti recuperare le vittime. Al dieci del narratore muore, ma il film continua, perché riesce a vedere altri corpi ancora vivi che lasciano il treno ed il suo stesso corpo trasportato dalla corrente attraverso le alghe fino all’oceano. Suono di tamburi militari.

Molto meno sperimentale di Medea sotto l’aspetto visivo, Zentropa è un lungo incubo in bianco e nero.

Riget/ Kingdom (1994) "Riget" ("Kingdom") e' un immane ospedale danese. Il film e' ambientato nei dedali del reparto di neurochirurgia, dallo scantinato al terrazzo, dalle camere di degenza alla sala operatoria.
Un arrogante professore svedese, Stig Helmer, vi e' appena stato assunto. Si mormora che sia stato espulso dalla Svezia per essersi appropriato della ricerca dei suoi studenti. La sua amante e' una delle dottoresse. Stig e' particolarmente irritato dal comportamento irrispettoso del giovane assistente Hook, che ha preso sul serio l'ennesima lamentela di una simulatrice, Drusse, la quale si fa continuamente ricoverare per poter tenere le sue sedute spiritiche in compagnia dei suoi fedeli dell'ospedale, coadiuvata dal figlio barrelliere. Questa volta, nel salire sull'ascensore, ha sentito distintamente una bambina che piangeva.
Il figlio del direttore, Mogge, e' uno studentello mattacchione che si e' invaghito di un'infermiera piu' anziana, adibita al laboratorio dei sogni. Per farsi bello, ruba una testa da un cadavere e la fa consegnare all'amata. Ma la testa viene ritrovata dalla studentessa timida e facilmente impressionabile.
Stig viene introdotta a una loggia segreta di dottori. Poi deve andare a consolare la madre di Mona, una bambina che e' rimasta scema per colpa di una sua negligenza. Stig e' pero' troppo altezzoso per chiedere scusa. La madre giura di vendicarsi e inoltra un reclamo all'ospedale. Stig e' un invasato che ogni tanto si reca da solo sul terrazzo a scrutare con il binocolo la sua madrepatria e inveire contro i cani danesi.
La medium si aggira per il reparto usando un pendolo per cercare lo spirito della bambina che piange. Convince il figlio ad aiutarla a perlustrare la cavita' dell'ascensore e lo convince che c'e' qualcosa di strano. L'edificio e' in effetti preso di mira da eventi inspiegabili, condutture che esplodono e pavimenti che si crepano. Ogni sera poi qualcuno chiama sostenendo di essere un'ambulanza che sta arrivando, e dal modo come parla si direbbe che stia vivendo all'inizio del secolo.
Nell'edificio lavorano due lavapiatti mongoloidi. I due, ragazzo e ragazza, sembrano sapere tutto cio' che capita nell'edificio, e sono anche gli unici a sapere dell'esistenza della bambina fantasma. Le loro frasi criptiche sembrano anche anticipare il futuro. Il loro ruolo nel film e' in pratica quello degli oracoli nelle tragedie greche.
A Stig viene chiesto di operare un paziente ipnotizzato (invece che anestesizzato). Quando il paziente si risveglia, dice a Hook di aver parlato con una bambina che e' parente della sua ragazza. La ragazza di Hook e' incinta di qualcun altro, un tale Aage che e' scomparso. La bambina riappare nella stanza di Mona a giocare con lei.
La medium convince il figlio a portare un cane nell'ospedale, ma il cane fugge. Poi assiste un'amica in fin di vita e la convince a mandarle dei segnali dall'aldila'. Con il suo aiuto capisce che i punti in cui la bambina le e' apparsa sono un codice: mettendo insieme le lettere dei vari reparti, compone la parola M-A-R-Y. Scopre anche che in una delle camere dell'ospedale e' ricoverata una vecchia che si crede ancora bambina nel 1919 e gioca con un'amichetta di nome Mary. Ha una foto d'epoca di Mary e di suo padre.
Un patologo di fama internazionale non puo' condurre le sue ricerche senza un cancro al fegato di un certo tipo. Nell'ospedale c'e' un paziente che sta per morire di quel cancro, ma i familiari non acconsentono all'asportazione dell'organo. Il patologo e' disperato.
Mogge scopre che la testa e' stata trafugata.
La medium capisce che il comportamento del cane e le telefonate dell'ambulanza sono tutte collegate a Mary. Finalmente riesce a entrare in contatto con il fantasma. La bambina le dice che qualcuno della sua famiglia le fece del male.
Stig propone allo psicopatico una soluzione al suo problema: trapiantare il fegato su qualcun altro e poi estrarlo da questo nuovo paziente. Ovviamente bisogna prima trovare un paziente che sia disposto a farsi trapiantare un organo affetto da cancro e poi a cederlo all'ospedale. Il piano sembra assurdo.
Stig ha dal canto suo il problema di tenere nascosto cosa successe durante l'operazione di Mona. La sua donna verso' del caffe' sul rapporto dell'anestesia, ma il caffe` non intacco` la copia carbone, che e` adesso custodita negli archivi sotterranei.
Durante un esame dell'udito la medium convince il tecnico ad amplificare al massimo il rumore della stanza. Si sente allora distintamente una bambina chiedere "perche' devo essere uccisa"?
Hook conduce nel suo appartamento un pittoresco mercato nero di oggetti e sostanze illegalmente sottratte al reparto. Non solo: ha modo di ricattare i dottori per ottenere in cambio favori. E` lui ad aver sottratto la testa allo studente. Per riaverla lo studente deve portargli il rapporto su Mona, ovvero entrare nottetempo negli archivi.
Anche la medium vuole un rapporto, quello su Mona. E convince il figlio a penetrare nottetempo negli archivi.
All'ora in cui l'allarme non funziona si ritrovano cosi` in tre: Mogge, il figlio di Drusse e Stig. Lo studente scappa spaventato e chiama Hook, il quale arriva in tempo per chiuedere Stig dentro. A liberarlo e' la medium, che ha ottenuto il codice segreto per entrare da una morta. Ma la medium e` interessata a Mary, non a Stig e lo lascia andare senza domande.
Preso il rapporto, Drusse lo porta dal patologo, figlio di un uomo con cui lei ebbe una celebre relazione. Il patologo le dice che la bambina mori` di turbercolosi, ma rimane perplesso quando legge che l'autopsia trovo` tracce di gas nei polmoni. Il patologo ha nel frattempo deciso di seguire il consiglio di Stig e di trapiantare il fegato. Il volontario e` lui stesso.
Drusse e figlio seguono in auto l'ambulanza misteriosa e vedono una bambina che si divincola. Drusse si mette alla ricerca del luogo in cui venne sepolta. Scopre cosi' che il cadavere di Mary non e' mai stato sepolto: e' conservato in un'ampolla per usi didattici. Capisce che Mary rivive in continuazione quell'ultima notte, quando tento' invano di fuggire dall'ospedale, venne raggiunta dal padre, e avvelenata con i gas. Convince il figlio a dare sepoltura alla piccina.
Hook mette le mani sul rapporto di Mona. Stig, intuendo il peggio, e` pronto a dimettersi. Hook gli fa pero` capire che non ha intenzione di denunciarlo, ma semplicemente di ricattarlo affinche' faccia come gli viene detto. A Stig viene l'idea di andare ad Haiti a procurarsi il veleno con cui si trasformano le persone in zombie. Invece di dare un biglietto aereo alla sua donna, lo da` a un impiegato haitiano dell'ospedale perche' gli faccia da guida e interprete. E parte, abbandonando la donna.
Hook si spaventa quando vede la sua ragazza trasparente e chiama subito la medium, che intuisce qualcosa di sbagliato in quel feto cresciuto a dismisura nel giro di soli tre mesi. La medium ha intanto capito tutta la storia: la piccina era figlia illegittima di un uomo importante, che voleva farla scomparire e la rinchiuse in una stanza dell'ospedale che si trovava dove adesso sono gli ascensori. Bisogna fare in modo che la piccina possa ricongiungersi con la madre. Ovvero serve un esorcismo. Drusse va a chiedere al sacerdote della cappella un libro che spiega come fare esorcismi. Hook si converte allo spiritualismo, e capisce che l'Aage che uccise la piccina e' lo stesso che ha messo incinta la sua ragazza.
L'operazione sul patologo viene compiuta di nascosto in una sala sotterranea dai suoi colleghi. Il trapianto riesce, ma poi i dottori non riescono ad estrarre il fegato e glielo devono lasciare dentro, con il cancro che cresce di minuto in minuto.
Hook (o, meglio, un intervento personale della bambina) convince la ragazza ad abortire e l'aborto si tiene in un'altra stanza sotterranea..
Sempre nei sotterranei la dottoressa tradita da Stig si allena a sparare ai topi.
Lo studentello, Mogge, ottiene finalmente dall'infermiera cio' che andava cercando e i due fanno l'amore sul lettino degli esperimenti dei sogni.
Intanto e' arrivato un ministro in visita ufficiale, che decide di iniziare appunto dal labirinto dei sotterranei. In rapida sequenza scopre cosi': i tre (Hook, Drusse e figlio) che fanno un esorcismo sulla bambina, i dottori che operano il patologo contro la sua volonta' (perche' adesso vuole tenersi il cancro), la ragazza che sta abortendo e lo studente che fa l'amore con l'infermiera.
Ad Haiti Stig ottiene il veleno.
L'esorcismo non ha comunque funzionato. La bambina e' ancora in giro per l'ospedale. E anche l'aborto fallisce: dalla vagina della ragazza esce la testa non di un bambino, ma di un uomo...


La seconda parte (altre cinque ore) esce nel 1998 e riprende da quel punto. La tecnica e` sempre la stessa: cinepresa portata a mano, fotografia rossastra.
Il tema di fondo rimane anche lo stesso: l'arroganza degli scienziati (impersonata principalmente da Stig) viene punita con una maledizione che trasforma l'ospedale, simbolo della perfezione tecnologica, in un inferno. I mongoloidi lavapiatti sono di nuovo il "coro greco" della tragedia, ne conoscono tutte le sfumature e ne prevedono gli sviluppi, e soprattutto ne danno un'interpretazione metafisica. Sentono gli occhi malvagi che guardano l'ospedale (rappresentati dalle scene in cui l'ospedale e` inquadrato dall'alto e attraverso un monitor sfocato). Intuiscono che non e` bastato restituire alla bambina la pace. C'e` ancora del male nell'ospedale. Al solito, i dialoghi sono in realta` comici, e ogni personaggio e` come una parodia. Un impiegato dell'ospedale, Falcon, sfreccia in un'ambulanza lungo i viali della citta`, ma lo fa contromano, e soprattutto lo fa perche' pagato: e` una forma di roulette russa, sulla quale gli studenti e gli impiegati dell'ospedale scommettono i loro stipendi. Fra gli scommettitori c'e` anche il figlio del direttore, Moosgaard. Il suo amico Christian e` invece un bravo ragazzo che e` disgustato da questa pericolosa e criminale messinscena.
La vecchia Drusse, appena dimessa, viene travolta da un'auto e pertanto ricoverata fra la vita e la morte. Suo figlio Bulder viene subito avvertito. Stig e` incaricato dell'operazione. Moosgaard senior, che e` afflitto da una crisi esistenziale, ha affidato a Stig la direzione amministrativa del reparto ed e` alla ricerca di uno psicologo presso cui mettersi in cura.
Krog si prende cura di Judith, che ha partorito il mostriciattolo con la faccia di Aage. La creatura parla gia` e cresce con rapidita` sconvolgente. Judith dapprima non lo vuole vedere, ma Krog la convince a recarsi nell'incubatorio. Non trovano il bebe`, ma seguono le impronte di sangue ed esse li riportano alla camera di Judith: il piccino e` li`, piangente.
Il direttore generale dell'ospedale, sempre in giacca e cravatta, e` ostile alla loggia dei dottori. I dottori trovano pero` il metodo per mettersi al riparo dalle sue ispezioni: convincono il suo assistente che ha un male gravissimo al gomito e gli danno delle pillole innocue in cambio del suo aiuto. Il direttore generale infierisce soprattutto su Moosgaard, che e` tutto l'opposto, debole e incapace.
Moosgaard junior e` studente del professor Bondo, un personaggio Nietzschiano che e` afflitto da un sarcoma.
Moosgaard senior inizia la terapia presso Ole, che ha un ufficio nelle cantine dell'ospedale ed e` piu` uno stregone voodoo che uno psichiatra.
Stig somministra il veleno a Krog.
Mona ciondola soltanto la testa ma ha imparato a scrivere con i cubetti, solo che nessuno se ne accorge. La madre di Mona ha deciso di denunciare Stig, e la polizia lo cerca per fargli delle domande.
Durante l'operazione Drusse muore per qualche attimo, ma soltanto per fare un viaggio nell'aldila` e venire convinta dalla bambina che l'ospedale ha bisogno di lei. Drusse torna in vita, ma Krog invece muore all'improvviso.
Intanto Aage e` andato a trovare il figlio, che lo ha respinto violentemente. Aage e` l'unico che lo puo` salvare dal terribile male che lo divora, ma il bambino rifiuta il patto faustiano.
Falcon ha un grave incidente. Lui si salva, ma un innocente viene ferito a morte. L'unico a preoccuparsi della sorte dell'innocente e` Christian, mentre Moosgaard junior e tutti gli altri sono soltanto interessati alla scommessa.
Un ciarlatano finge di operare Drusse con la mano e mangia la carne sanguinolenta che ha finto di estrarle. Poco dopo fa lo stesso con il sarcoma di Bondo, ma presto Bondo si accorge di essere stato preso in giro e deve accettare una vera operazione.
Drusse sente che gli spiriti sono inquieti e si raggruppano nella camera di Judith. Organizza persino un meeting nell'aula dell'ospedale. Durante il meeting un pastore viene a portarle uno strumento per l'esorcismo, ma viene colto da un'emorragia misteriosa e muore sul colpo. Gli spiriti scappano.
Christian, lo studente modello che le ragazze trovano noioso, trova Falcon e lo ricatta: vuole prendere il suo posto.
Nei sotterranei si svolge il funerale di Krog. Stig lo cerca perche' vuole somministrargli l'antidopo, dopo di che' Krog sara` soltanto uno zombie. L'inseguimento comico della bara finisce nel crematorio, dove Stig tenta disperatamente di trattenere la bara. A salvare Krog e` invece un infermiere che lo sente battere dentro la bara. Krog e` vivo, ma e` diventato un essere malvagio e crudele, determinato a eliminare i pazienti deboli dall'ospedale.
Rigmor ha sparato a Stig, ma Stig e` soltanto ferito, E` costretto pero` su una carrozzella e cio` non lo rende piu` bonario.
Drusse avverte la presenza del demonio. E` Aage, respinto dal bebe` di Judith, che preferisce morire piuttosto che tradire l'umanita`. Drusse si domanda chi abbia invocato il demonio e inizia la ricerca.
Christian accudisce l'innocente e gli promette di aiutare la sua famiglia quando lui morira`. Ha bisogno di soldi e il lavoro di pilota da corsa sull'ambulanza delle scommesse gli offre l'opportunita` di farne molti rapidamente.
Stig e` uno dei professori che dovra` giudicare l'esame finale di Moosgaard junior, e Moosgaard junior tenta di ingraziarselo. Stig gli chiede di scoprire dove Krog ha nascosto il rapporto su Mona. Lo studente riesce a far parlare Krog. Stig si reca nell'archivio e recupera il rapporto compromettente, ma poi rimane chiuso nell'archivio con Krog. Krog vuole ucciderlo, Stig vuole scappare con il rapporto. Ma entrambi non possono muoversi perche' Moosgaard ha riattivato l'allarme. Stig riesce comunque a fuggire. Soltanto pero` per rendersi conto che il rapporto e` una nota da Rigmor: Rigmor ha gia` preso il rapporto e adesso lo obbliga a sposarla. Stig e` tanto arrogante (e razzista nei confronti dei danesi) quanto viscido. La legge lo cerca per fissare la prima udienza del processo ma lui continua a scappare in carrozzella per i corridoi dell'ospedale.
Christian accetta di fare una corsa bendato.
Drusse e figlio sorvolano l'ospedale alla ricerca dell'origine del male e scoprono una termale nella quale l'aereo si libra anche senza motore. L'aereo precipita, ma gli spiriti lo salvano.
Il bebe` supplica Krog di aiutarlo a morire, ma Judith si oppone.
Moosgaard senior e` ancora in terapia, costretto a penitenze sempre piu` umilianti dal nazista Ole.
Drusse scopre un cerimoniale occulto e segue un incapucciato che torna al reparto di neurochirurgia. E` lui ad invocare il demonio. Si tratta di scoprire chi sia.
Krog capisce che Mona sta cercando di rivelare qualcosa su Stig. Stig lo sente e decide di rapire Mona.
Per operare Bondo bisogna trovare un donatore e l'ideale sarebbe un parente. Drusse rivela al figlio che e` fratellastro di Bondo. Bondo e` dapprima disgustato nell'apprendere che il suo codice genetico e` lo stesso del grasso e stupido infermiere, ma poi si commuove all'affetto di questi.
Moosgaard junior riesce a rintracciare un vecchio assistente di Stig e a scoprire un atto di plagio con cui ricattarlo. Cosi` Stig gli fa avere il voto massimo.
Il mongoloide propone il matrimonio alla mongoloide.
Drusse scopre che il demonio e` l'infermiera Camilla, quella assetata di sesso che Moosgaard junior non riesce a soddisfare. Camilla fugge inseguita da Drusse.
Krog si trova per caso con l'opportunita` di togliere la corrente a tutti i pazienti e pertanto causare la morte di tutti i deboli e naturalmente lo fa. Nel togliere la corrente pero` interrompe anche il collegamento cui stavano guidando la corsa cieca di Christian. Christian si schianta contro l'auto di Moosgaard junior, che sta baciando la studentessa carina. Muoiono tutti.
Stig ha smarrito Mona.
(Translation by xxx/ Tradotto da xxx)

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.


Breaking The Waves (1996) is a naturalistic drama that bridges the gap between Von Trier's surrealism and Scandinavia's literary and cinematic traditions. Il film e` ambientato negli anni Settanta in una comunita` religiosa appartata della Scozia. Un operaio norvegese che lavora su una piattaforma petrolifera al largo della costa sposa una ragazza del villaggio, nonostante l'ostilita` della famiglia. La ragazza, Bess, non e` del tutto sana di mente ed e` gia` stata ricoverata una volta in un ospedale psichiatrico. I due si sposano in una chiesa senza campane.
La luna di miele e` per me Bess una serie di scoperte meravigliose, a cominciare dal sesso. Quando Jan deve tornare sulla piattaforma, Bess viene presa da una crisi isterica. Bess passa le giornate ad aspettare le telefonate di Jan e a parlare con dio in chiesa.
Bess implora dio che rimandi Jan a casa. E un giorno dio sembra accontentarla, ma non nel modo desiderato: Jan e` vittima di un grave incidente che lo lascia completamente paralizzato. Trasportato all'ospedale del villaggio, viene accudito dalla sorella di Bess, che e` un'infermiera, e dal dottore che ha seguito le traversie di Bess. Bess si sente colpevole dell'accaduto, tanto piu` che tutti attorno a lei sembrano rimproverarla di non fare le cose giuste. La comunita` religiosa e` opprimente con le sue infinite regole di comportamento. Cosi` quando Jan, piu` o meno sano di mente, le chiede di trovarsi un altro uomo e di tornare a dargli i dettagli dei loro intercorsi, Bess decide di accettare. Dapprima e` riluttante, poi si offre al dottore, che se non altro conosce bene, poi masturba un uomo sull'autobus. Le condizioni del marito peggiorano, e Bess si convince che cio` sia dovuto alla sua riluttanza a soddisfare i suoi desideri. Invano la sorella tenta di convincerla che Jan non sa quel che dice: Bess si veste e trucca da prostituta e comincia a procurarsi uomini. La convalescenza del marito e le avventure sessuali di Bess proseguono di pari passo, e in effetti le condizioni di Jan sembrano migliorate. Bess lo ama alla follia e sfida senza paura la comunita` e alla fine dio stesso, che ha smesso di parlarle. Ma la voce si sparge, e presto la madre stessa la minaccia di scomunica.
Il dottore spiega a Jan che Bess si sta auto-distruggendo e lo convince a firmare il permesso per internarla di nuovo, almeno finche' Jan non sara` guarito. Lei intanto e` recata su una nave per offrirsi al capitano, ma questi vuole soltanto guardarla mentre lo fa con un marinaio. Lei si rifiuta e viene picchiata. Quando torna al villaggio, viene scacciata dalla chiesa e bandita dalla comunita` sotto gli occhi della madre. Due uomini la prelevano per portarla all'ospedale psichiatrico, ma lei riesce a fuggire e a tornare al paese. I bambini le tirano i sassi e la madre rifiuta di aprirle, e il prete la abbandona esausta al suolo. Soltanto la sorella osa violare la dura legge degli anziani. Ma Jan sta ancora male, e Bess si convince che sia peggiorato perche' lei ha rifiutato di fare l'amore con il marinaio. Torna pertanto alla nave per portare a termine la missione. Viene pero` picchiata a sangue e quando torna in ospedale non e` per visitare Jan ma per morire.
Jan si rimette rapidamente. Gli anziani del villaggio decretano che Bess puo` essere sepolta ma senza un funerale. Durante la sepoltura il prete urla che Bess andra` all'inferno e soltanto la sorella osa opporsi. Ma in realta` hanno sepolto una bara piena di sabbia. Jan ha fatto rubare la salma per darle sepoltura in mare. Jan ha ormai ripreso completamente controllo di se`. Il giorno dopo i marinai osservano uno strano fenomeno: dal cielo provengono i suoni di campane a festa...
Il film e` diviso in parti, separate da scene bucoliche che sembrano fotografie (molto cromatiche) di nature morte.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Translation by/ Tradotto da Francesca Ricci)

Vi sono molte similitudini tra Breaking the Waves e Dancer in the Dark (2000). Dancer si svolge in un milieu operaio ma anche in una comunità isolata. La protagonista di Dancer è una donna perfettamente lucida, che sa esattamente qual è il suo obiettivo nella vita, lo stesso vale per la protagonista pazza di Waves. Al centro di entrambi i film vi è un potere viscerale che si manifesta attraverso la determinazione di una donna a sacrificarsi per ciò che ama. Si ritrova anche il tema dell’ingiustizia, stavolta innestato realisticamente sulla barbarica tradizione americana di mettere a morte i criminali, che qui diviene una tematica di sapore socio-politico invece che una favola (la pena di morte uccide soprattutto gli innocenti che non possono permettersi di pagare un buon avvocato).

Selma (Bjork), un’immigrata ceca che porta spessi occhiali e Katie (Deneuve) sono due amiche che vivono in un piccolo villaggio e lavorano nella stessa fabbrica. Selma ha dovuto imbrogliare per passare il test medico, perché, sebbene debba operare un macchinario assai delicato, in realtà non vede molto bene. Le due amiche prendono anche lezioni di musica e ballo insieme e stanno provando per uno spettacolo. Selma ha soltanto due interessi in vita sua: il figlio Gene e la musica. Selma e Gene vivono in una roulotte di proprietà del capo della polizia, Bill, e di sua moglie Linda. Bill è il padrone di casa di Bjork ad anche il suo amico. Bill porta a casa Gene quando lo scopre in giro invece che a scuola. Bill e Linda comprano persino una bicicletta a Gene per il suo compleanno. Selma ha un ammiratore discreto, Jeff, un uomo gentile che l’aspetta ogni sera all’uscita e le offre un passaggio. Selma puntualmente rifiuta in modo educato e va in bicicletta. Più volte lo ha informato che non c’è niente di sbagliato in lui; il fatto è che, in questo momento, lei non vuole un fidanzato. Quando arriva a casa, Selma conta scrupolosamente il denaro guadagnato che custodisce in una scatola.

Ma, un giorno, Bill confessa a Selma di essere al verde. Linda ha speso tutto il denaro e la banca non vuole più fargli credito. Selma, dal canto suo, rivela a Bill di stare per diventare cieca. La malattia è ereditaria e Selma sa che anche Gene diverrà cieco se ella non riuscirà a trovare il denaro per una costosa operazione. Questa è la ragione per la quale lei ha lavorato tutta la vita. Bill le chiede di prestargli del denaro, ma lei rifiuta. Il denaro è per lei troppo importante.

A lavoro, Katie si accorge che Selma sta perdendo la vista e le tiene d’occhio. Selma accetta persino di lavorare il turno di notte, che richiede di operare più velocemente e di occuparsi di due macchinari. Selma non riesce a tenere il ritmo, ma arriva Katie ad aiutarla. Senza preoccuparsi di tutto il da fare che si dà, Selma non rinuncia alla musica e continua a prendere lezioni. Dopo lavoro, cammina verso casa, seguendo il binario del treno ma i suoi occhi peggiorano di giorno in giorno. A casa, l’aspetta Bill. È sempre più disperato e sta contemplando il suicidio. Egli si accorge che Selma non può vederlo e finge di lasciare la stanza, ma in realtà resta per spiarla mentre tira fuori il denaro.

Il giorno dopo, Selma abbandona il corso di ballo perché non è più in grado di danzare. Dopodiché viene licenziata dalla fabbrica perché il padrone non si fida è più a farle manovrare le macchine. Lei sorride sempre e si dirige verso casa col suo ultimo stipendio. Sulla strada di casa, lungo i binari del treno, Jeff la raggiunge e scopre che è cieca. Selma gli chiede un passaggio per un appuntamento importante che ha fissato per il giorno dopo. Poi si dirige verso casa. Il denaro è sparito, la scatola è vuota. Selma sa chi lo ha preso e si dirige verso la casa di Bill. Linda la accoglie con una scenata isterica: Bill le ha detto che lei, Selma, ha tentato di sedurlo. Selma si reca al piano di sopra per confrontarsi con Bill. Bill rifiuta di renderle il denaro e finge persino davanti a Linda che Selma abbia cercato di rubarlo. Linda corre a chiedere aiuto mentre Selma lotta per trattenere la scatola. Durante lo scontro, uno sparo ferisce Bill. Bill afferra la scatola e rifiuta di lasciarla andare a meno che Selma non lo uccida. Egli la implora di ucciderlo. Selma è disperata ed infine gli spara, ma sbagliando continuamente il colpo, finché non afferra un cassetto dal tavolo e con questo gli spacca la testa. Dopodiché s’impossessa della scatola e raggiunge la strada dove Jeff la sta aspettando. Jeff nota il sangue e Selma si ferma al lago per lavarsi le mani. Poi va a consultare un chirurgo e gli affida tutto il denaro per pagare per l’operazione. Lascia tutto a nome di Novi, il cognome di un famoso attore cecoslovacco dei tempi in cui lei era bambina.

Jeff la riconduce a casa e lei chiede di poter andare alle prove. Adesso non vede più niente. Ma è felice di sentire la musica. Tutti sono al corrente di ciò che ha fatto e chiamano la polizia mentre cercano di trattenerla con qualche scusa.

Al processo, Selma tenta di dire la verità ma nessuno le crede. La giuria decide che ella ha ucciso Bill per rubare il denaro. È condannata a morire impiccata.

Mentre è in prigione, Selma diviene amica di una guardia femmina ma rifiuta di vedere suo figlio. Jeff scopre che cosa Selma ha fatto col denaro e Katie trova un avvocato disposto a riaprire il caso e a salvarle sicuramente la vita, basandosi sul fatto che ella aveva bisogno del denaro per il suo bambino. Ma questo le costerebbe esattamente il denaro che ella ha faticato per tutta la vita a guadagnare. Selma è furiosa con Katie. Katie pensa che Gene abbia bisogno di una madre, ma Selma ritiene che egli abbia bisogno dei suoi occhi e che non serva a niente spendere i soldi per tenerla in vita, cieca e in prigione per il resto dei suoi giorni. Perciò rifiuta di firmare e, ancora, di parlare col figlio.

L’ultima scena è un agonizzante reportage dell’impiccagione. Mentre è trattenuta da guardie insensibili, Selma grida che le tolgano il sacchetto dalla testa; la guardiana, contro il regolamento, la asseconda, dal momento che ella non può comunque vedere.

Sfortunatamente, l’azione è interrotta in modo brusco da canzoni (noiose). È questo l’elemento più debole di un film che altrimenti ha lo spessore di un intenso dramma naturalistico degno di Strindberg e di Ibsen.

There are many similarities between Breaking The Waves and Dancer In The Dark (2000). Dancer is set in a working class milieu, but also in an isolated community. Dancer's protagonist is a perfectly lucid woman, who knows exactly what she lives for, but so does Waves' mad protagonist. Both have a visceral power at their core, a visceral power that manifests itself through a woman's determination to sacrifice for what she loves. Waves' theme of injustice also is mirrored here, this time realistically grafted on the barbaric American tradition of putting criminals to death, except that here it becomes a sociopolitical theme rather than a fairy tale (the death penalty mainly kills innocents who can't pay for a good attorney). Selma (Bjork), a Czech immigrant who wears thick glasses, and Katie (Deneuve) are two friends from a small village who work at the same factory. Selma had to cheat to pass the medical test, because she actually can't see too well, even if she has to operate a very delicate machine. They also take music and dance classes together and are rehearsing for a show. Selma has only two interests in life: her child Gene and music. Selma and Gene live in a trailer on the property of the police chief, Bill, and his wife Linda. Bill is Bjork's landlord and friend. Bill brings her Gene when he finds him strolling around instead of attending school. Bill and Linda even buy a bicycle for Gene's birthday. Selma has a discrete admirer, Jeff, a nice man who waits for her every night at the exit and offers her a ride. Selma always politely refuses and rides her bicycle. She told him repeatedly that there is nothing wrong with him, it is just that she doesn't want a boyfriend right now. When she gets home, she religiously counts her money, that she keeps in a box.
But one day Bill confesses to Selma that he is broke. Linda has been spending all his money and the bank does not want to give him more credit. Selma in turn reveals that she is going blind. It is a heriditary disease and she knows Gene will also go blind if she doesn't find the money for an expensive operation. That's what she has been working for all her life. Bill asks her to lend him money, but she refuses. That money is too important to her.
At work, Katie finds out that Selma is losing her sight and keeps an eye on her. Selma even accepts to work a night shift, that implies working faster and taking care of two machines. She can't keep up with the pace, but Katie shows up to help her. No matter how busy she is, Selma does not give up music and keeps taking the classes. After work, she walks back home following the railway tracks. Her eyes are getting worse and worse.
At home, Bill is waiting for her. He is getting desperate and thinking suicide. He realizes that she can't see him and pretends to leave the room, but actually stays there to spy her while she takes her money out.
The following day she has to give up the music classes because she can't dance anymore. Then she is fired at the factory because the boss can't trust her with the machine anymore. She is still smiling and heads home with her last salary. On the way home, along the railway tracks, Jeff reaches her and realizes that she's blind. She asks a favor of a ride to an important appointment later that day. Then she heads home. The money is gone, the box is empty. She knows who took it and walks to Bill's home. Linda welcomes her with a hysterical scene: Bill told her that she, Selma, has been trying to seduce him. Selma walks upstairs and confronts Bill. Bill refuses to return her money and even pretends with Linda that Selma is trying to steal it. Linda runs to get help while Selma fights to keep the box. In the fight, a shot wounds Bill. Bill grabs the box and refuses to let it go unless Selma kills him. He begs her to kill him. Selma is desperate and eventually shoots him, but keeps missing him. So she grabs a drawer from the desk and crushes his head with it. Then she takes the box and walks to the road, where Jeff is waiting. Jeff notices the blood and Selma stops by a lake to wash her hands. Then she goes to see a surgeon and gives him all the money to pay for the operation. She gives her last name as Novi, that was the last name of a famous Czech actor when she was a child.
Jeff drives her back and she asks to go to the rehearsal. By now, she doesn't see anything. But she is happy to hear the music. Everybody knows what she has done and they call the police while they keep her there with excuses.
At the trial she tries to tell the truth but nobody believes her. The jury decides that she killed Bill in order to steal the money. She is sentenced to death by hanging.
While in jail, she makes friend with a female guardian but she refuses to see her son. Jeff finds out what she did with the money and Katie finds an attorney who would reopen the case and certainly save her life based on the fact that she needed the money for her child. But this would cost her exactly the money that she spent all her life saving. Selma is furious at Katie. Katie thinks that Gene needs a mother, but Selma thinks that he needs his eyes and there is no point in spending the money to keep her alive, blind and jailed for the rest of her life. Therefore, she refuses to sign and goes to death and still refuses to talk to her child.
The last scene is an agonizing reportage of the hanging. While held by insensitive guards, she screams that they remove the bag from her face, and the female guard does it against the procedure, because Selma can't see anyway.
Unfortunately, the action is abruptly interrupted by (tedious) songs. This is the weakest element in a film that, otherwise, stands as a powerful naturalistic drama, worthy of Strindberg and Ibsen.
Dogville (2003) is both a philosophical parable (a very bitter and cynical one) about the damnation of the human soul, and an experiment in avantgarde theater, disguised as a fairy tale (with the addition of the hand-held camera). The combination is reminiscent of Brecht's plays (particularly Our Town). It is, by far, Von Trier's darkest vision of humankind. A narrating voice describes the events (as if it were a fairy tale), and the whole action is set on a flat stage, where buildings, streets and trees are simply marked on the stage by words and a few representative pieces of furniture (as if it were a theatrical play). We don't see the town itself, we only see a map of it.
During the Depression, Dogville is a small American town (15 adults in all) located in the middle of nowhere, surrounded by mountains. The road ends in Dogville. The people of Dogville are very poor. They live simple lives. They have to work very hard to get by. Tom Edison is a young man who can afford not to work because his father, once a doctor, receives a reasonable pension. Tom is considered very intelligent: in fact, he always beats his friend Bill at checkers, and enjoys humiliating him every day. He is also in love with Bill's sister Liz, who pretends to have no interest in him. One night, Tom hears gunshots. Shortly afterwards a scared woman shows up, Grace. She is obviously running away, barefoot, her clothes ripped apart. He helps her hide in the old mine. A car shows up in town. The passenger, who sounds like a mobster, gives Tom a business card and asks him to phone if he sees a young woman. The gangsters leave, and Tom holds a moral lecture for his fellow citizens. They are bored and resentful of his words. Eventually, he introduces the fugitive and asks them to shelter her from the gangsters who are chasing her. The citizens decide to grant her two weeks. Tom gives Grace a tour of the town and its sins, but Grace only sees a nice community in a ideal natural setting. She falls in love with the community and decides to make them love her. She only sees beauty in them. Grace offers them help, but they all claim they don't need any help. She has to convince them that there are things she can do for them, to improve their lives. They are reluctant, but eventually she manages to work a little bit for each person: she takes care of the children of a bigot and her hostile husband Chuck; the spends time conversing with the old man who refuses to admit he is blind; etc. She even falls in love with the little figurines that the only store has on display and will never sell.
The only person who doesn't like her is Chuck, who basically warns her that she got it all wrong: it is not her who is fooling the town, it is the town that is fooling her. But she thinks that Chuck is simply suffering a lot and offers comfort. The blind man eventually admits he is blind, something he had never done before. When the two weeks have elapsed, the town has another meeting and they all decide to keep her longer. She is moved by their generosity. In fact, each of them had left her a little present in case the others voted to expel her. Now she gets her own house, and they even pay her a bit. She is able to save money and buy all the figurines.
She works very hard and everybody likes her even more. Tom falls in love with her, and she reciprocates. One day, while the town is having a party, a police officer posts a warrant: she is wanted as a bank robber. It is obvious that she cannot have robbed those banks, since she has been with them all the time. But the town takes advantage of her new status (as a fugitive wanted by the police, not only by the gangsters): they tell her that she has to work twice more, and they will cut her salary by half. She accepts, still willing to do anything to stay there. Nobody needed anything, but now they depend on her. And they are taking advantage of her kindness. A child blackmails her into spaking him, something that her mother has specifically forbidden Grace from doing. When the police comes back looking for her, Chuck rapes her: she can scream for help, and be caught by the police, or let him rape her. The child tells his mom that Grace spanked him, and she complains with Grace. Other citizens complain that her work is sloppy, or that she is late: she has to work very hard to please everybody. She doesn't complain, she apologizes. Liz is jealous that Grace and Tom love each other. Chuck keeps raping her. One day someone sees them. Instead of defending her, the women of the town decide to punish her. The bigot breaks two of her figurines, which mean everything to Grace, and tells her that she will break the others if she doesn't cry. Grace can't help crying and the bigot destroys all of her precious figurines.
Grace decides to leave the town. Tom gives her some money that he says he borrowed from his father. Grace buys a ride with the only driver who ever leaves town. But first the driver wants sex on top of his pay, and then, after a long trip, she wakes up to simply find herself back in Dogville: the citizens had guessed that she wanted to leave, and had already decided to prevent her from leaving. On top of that, Tom stole (not borrowed) the money, and let them think that she stole it. Grace is chained like a dog to a heavy wheel, so she can't run away. All the males in town start raping her. And she still has to carry out the same hard chores. Tom doesn't protect her, despite the fact that he loves her. Indeed, he is the only one who does not rape her. At a town meeting, she tells the truth, all the sins that they are committing against her. But this simply causes more hatred. The citizens tell Tom to get rid of her. Tom picks up the business card and calls the gangster.
The citizens now treat her kindly. She sees that they are clearly waiting for something. One night the cars arrive. The whole town is assembled, proud of delivering the fugitive to the gangsters. Tom acts as their leader, hoping in a big reward. The gangsters free the girl and push her into the car of the boss. He is her father and wants her to come back to him, and share his power. She has refused and was almost killed by him in anger. At first, she tells him that she prefers Dogville than the mob. But then she is enlightened (literally, by a full moon) and decides that the town deserves punishment for its sins. Suddenly, the gentle and meek is filled with wrath and revenge. Her father orders the whole town to be shot and burned. Grace asks that the children be killed the same way their mother destroyed her figurine: first two of them and then, if she cries, the rest of them. The gangsters kill everybody except Tom. She kills Tom herself. Only a dog survives.
This parable contains, in turn, a parable inside itself, the parable of a Christian-style sacrifice and martyrdom by an innocent in the name of universal salvation. That the innocent turns out to be a woman, and then the daughter of a mafia boss, simply increases the layers of possible interpretations. That she eventually chooses to use her father as the angel of justice to punish the humans who have turned the eden into a living hell, that she carries out the universal judgement with no mercy for the sinners, adds another level of interpretation, that mixes Biblical imagery and sociopolitical analysis. That then she chooses to become an even worse sinner than the citizens of Dogville adds yet another layer, another mixture of metaphysics and cynicism.
Tom is, in many ways, the ultimate loser. He is considered smart, and considers himself smart because he wins at checkers, but, by the end of the film, he has achieved nothing: he has not written his novel, he is the only male who has not slept with Grace, he has made all the wrong decisions, and he has proved to be the most hypocritical and coward of them all. If Dogville is the equivalent of Dante's hell, Tom the writer is sent to the lowest layer. And Tom is the only character who has a well-defined Brechtian social identity: he is "the writer". Von Trier seems to indulge in exposing "the writer" as a particularly repugnant sort of people.
Von Trier's psychological tricks work wonders. For example, at the beginning one is tempted to feel that the gorgeous stranger is trying to fool the town, so that they don't deliver her to the gangsters. But we soon realize that it is instead the town that is fooling her. We learn to love them just so that we can truly hate them.
(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo pezzo, contattami

Antichrist (2009)

The bleak Melancholia (2011) is a film divided in two parts, each corresponding to one sister. The first one is presented as a trouble rich young woman with no respect for anyone but perhaps desperately needing affection. The second one is presented as an obsessive organizer, a fanatic of rituals, all the way to the end. When the two are faced with an imminent catastrophe of cosmic proportion, it is the first one who can face it heroically. The first half is a sort of "documentary" of the young woman's opulent wedding reception, orchestrated by her sister in the royal family mansion, amid a golf course and a lake. Its main purpose, somewhere between Bunuel and Bergman, seems to show how pointless and futile the rituals of human life can be. The second half is a long, agonizing wait for the end of the world (surprisingly devoid of tv news and real-time Internet tweets). Unfortunately, as usual, Von Trier opts for a shaky hand-held camera that ruins many of the most powerful scenes. It is telling that the film has two of the most powerful scenes in cinema's history, the very beginning and the very end; and both are filmed with a steady camera.

The film opens with a dreamy wordless slow-motion stream of images (set to music from Richard Wagner's "Tristan and Isolde") that capture the minute details of life on Earth. Then the scene moves to the universe and we see two planets colliding. This overture turns out to be a metaphorical summary of the film, from the wedding dress of the first woman to the desperate anxious run of the second woman holding a baby, all the way to the apocalyptic ending of the world.

The first part is centered on Justine, a young woman who just got married. She and her husband are having fun in the limo that is bringing them to the fabulous mansion of her sister Claire, where Claire has assembled the guests and prepared a lavish dinner party. Justine and her husband Michael are indifferent to the fact that they are two hours late. The dinner is a concentrate of bad mood: the girls' mother is a bitter resentful woman who despises rituals and hates her good-for-nothing husband, Claire's husband John, a scientist who has spent a fortune for the party, is exasperated by the family's bad behavior (to the point that he throws out his mother-in-law's suitcases), and Justine's boss is only interested in business and promotes her to art director. Justine is fascinated by a bright star, that John recognizes as Antares. Justine tries repeatedly to leave the party (rides away on a golf cart, takes a bath, puts Claire's son to bed), and Claire has to chase her and bring her back to reality. Michael tries in vain to woo her. He shows her the photograph of a plot of land that he has bought for them: his dream. She drops the photograph, clearly not interested. Justine's boss introduces her to a new employee, the shy and embarrassed Tim. Justine tries in vain to talk to her parents: her mom scornfully kicks her out of her bedroom, and her father promises to stay the night but then leaves without even telling her. Michael tries to make love to Justine, but she gets suddenly cold. She walks outside in the immense lawn and makes love with Tim who happens to walk there. Michael leaves her, and the boss fires Tim. Tim, noticing that she has just lost a husband and a job, proposes to her as both a new sexual partner and a business partner, but she ignores him.
The following day the two sisters go horseriding: Justine can't find her favorite star in the sky anymore.

The second part is centered around Claire. Justine is suffering from a major nervous breakdown and can barely take a taxi to Claire's mansion. Justine is reduced to a larva, incapable of eating and bathing. We are now told that a planet, Melancholia, that was hidden behind the Sun, is on a collision route with the Earth. It has eclipsed Justine's favorite star. John is excited, and convinced that the planet will not cause any damage to the Earth. Claire gets more and more apprehensive as the giant planet appears on the horizon. Justine is indifferent and cynical. Justine beats her horse senselessly during a horseride, a sign that her mental disorder is not improving, and one night she walks out to lie naked bathing in the light of the approaching planet. The loyal waiter of the family disappears, and Justine sarcastically implies that he has decided to spend the end of the world with his family. Claire wants to believe her husband that there is nothing to fear. Justine, however, points out that she knows how many beads were in the jar of the wedding's guessing game: 678. She knows "things" and she knows that the Earth is the only planet with life in the universe, and will be destroyed in the collision.
Finally the planet rises majestically and quickly swells. Claire is hysterical but John has calculated that the planet will recede; and in fact it does. Everything seems to get back to normal. The following day, however, John is transfixed and then disappears. Claire realizes that the planet is getting closer again, faster and faster. She finds her husband in the stables: he has committed suicide. She calmly cooks breakfast for Justine and her son, but then her nerves crack and she tries to escape. It's a pointless attempt because there is no place to hide. She comes back. Justine invites the child to build a magic cave out of sticks collected in the wood to protect themselves from the explosion. They do so and then wait under the sticks while the planet gets bigger and bigger, closer and closer. Melancholia crashes into the Earth and the screen explodes.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo pezzo, contattami

What is unique about this music database