Rock souvenirs:
An interview with Dave Scher of the Beachwood Sparks
(Copyright © 2000 Piero Scaruffi & Rockerilla | Legal restrictions - Termini d'uso )
An Introduction to Beachwood Sparks - Scheda | History of Rock Music
Dave Scher plays guitar and keyboards in Beachwood Sparks, a Los Angeles band that rose from the ashes of Further and has released two albums, Beachwood Sparks (Subpop, 2000) and Once We Were Trees (Subpop, 2001), in an adventurous folk-rock style. Beachwood Sparks' debut was one of the albums that epitomized the transition from the age of noise-rock to the age of alt-country the same way the Grateful Dead's Workingman's Dead marked the transition from acid-rock to country-rock, but their second album hints at a completely new genre that transcends their roots.

Can you give us a short summary of how the band got together?
The story revolves around the Los Angeles radio station KXLU. Chris (Gunst) and I college students and disc jockeys at this radio station and we used to play Further all the time.

Interviewer's note: Further released Grip Tape (Christmas, 1993), Sometimes Chimes (Christmas, 1994), the EP Grimes Golden (Runt, 1994), and finally Next Time West Coast (100 Guitarmania, 1996). Towards the end, around 1995, Chris joined them on guitar. Then Further disbanded but Chris kept in touch with Brent (Rademaker), the bass player, and they began envisioning a new band. I had just bought a laptsteel guitar and started playing with them. The initial template was to continue with the exploration of American musical forms of the 19th and 20th century, in particular classic bands such as the Beach Boys, the Byrds, the Burrito Brothers, the Buffalo Springfield.

The main inspiration on the first album appeared to be Gram Parsons (especially the modest ballad Desert Skies), but the band shone as well on tracks that recall the psychedelic Byrds (Sister Rose, Something I Don't Recognize) and Big Star must be the main influence on the catchy Old Sea Miner. In retrospect, what do you think of the first album?
We needed a starting point, a common ground to work from and with. It was intentional that we chose those roots, the roots of the America sound. Everybody was listening to so many records in the radio station. Basically, all of our friends were record collectors. In that environment, sooner or later, you are bound to re-discover these old albums and fall in love with them. Bands like the Buffalo Springfield sounded absolutely fantastic. It was a sound that we could relate to, and it still is some of the great music ever. We all share a great love for the music of the West Coast There were albums that we held in very high regard and we used as a springboard. That does not mean that we wanted to be limited to that aspect. It is always a honor to be compared to such great musicians of the past, but it can also become a burden. You get categorized as "retro", a rather narrow label. It is not enough for us to be just a "retro" band. We try to carve an emotional place for us that can gather more power than a mere stylistic pastiche.

The songs on the first album alternate with short, surreal sound experiments, which sometimes (This Is What It Feels Like) are worth more than the songs. Was this meant to be an alter ego of sort or a new direction?
The only overtly conscious decision made was in the foundations: we intentionally chose the roots of American music to start with. Everything else happened as we played. Most of these brief interludes were improvised live in the studio. The tape was rolling and we taped without almost rehearsing. In retrospect, with 20/20 hindsight, you can see that it was a hint of what was to come later. But truth is it came just from playing and evolving. As you play together, you evolve, and you don't need to sit and discuss anymore. You just play. The more you play, the more you know how to play with the others.

The band's second album refined that approach in a way that is both original and accessible. It still has as primary referents the chirping guitars of the Byrds and the rustic melodies of the Grateful Dead, i.e. the late hippie era. But a lot more happens within each song. Confusion Is Nothing New leads the pack and acts as the archetype of the rest: languid hawaian chords soar in a sharp jingle-jangle sound, while the singer intones a suave lullaby worthy of early Pink Floyd; and along the way there is room for half-asleep strummed guitars, a quasi-raga drone and tenuous dissonances in the background.
The way this song was born is typical of the whole album: it was formed through the natural process of playing. That is why we share all the writing credits on all songs of the new album. Sure, we also improved technically. It comes with touring that you slowly become a better musician at your instrument. And we have had some changes: Chris bought a new guitar and I started playing the pedal-steel guitar.

Another complex composition is The Sun Surrounds Me, whose rollicking rhythm and trembling organ recall the above said Grateful Dead. Add a coda of tiny noises with a solemn tibetan mantra in the background...
I am not surprised that you can hear the Grateful Dead on our album. After all, both the drummer and myself went to Grateful Dead concerts when we were kids. And the Grateful Dead truly belong to the American subconscious, as people from different social layers identify with their music. But our spin on that tradition comes from transcending the classical stereotypes, something that happens naturally. The coda of this one was, again, improvised in the studio. It was a spontaneous reaction. We did a little outro and Chris made a scratching noise on his guitar, we borrowed the mellotron machine and used its synthesized human voice to add that "mantric" effect. And voila`, the texture was improved. We even have different mixes of some of these songs that feature textures in the foreground and the voice and instruments in the background.

Melody is prominent on the album. You Take The Gold, Hearts Mend, and several others could be pop hits.
We do not intentionally attempt to write pop songs for the sake of having people hum the refrain. Melody is not an intentional factor other than we love melody and harmony. It is part of the compositional process, it is part of what makes a song a song. Yes, in an ideal world they would be pop hits, but in this world we are not trying to write pop hits.

The lyrics tend to be gloomy. And you cover Sade's By Your Side, which is the quintessence of melancholy.
All of our songs are a bit sad. Some project some hope but all are besieged by darkness. We talk of "confusion" and "dark times". The same theme recurs over and over again. The world was dark enough before September 11. It wasn't on your doorstep, but something very gloomy was already there.

The instrumental Jugglers Revenge and the experimental The Good-Night Whistle are maybe too short. Is that a hint of what is going to come next?
Let's just say that towards the end of the album we explore new territory.

The title-track is strategically left at the end of the album. Is this a metaphorical ending?
Let's leave it open to interpretation. I would suggest that people listen carefully to the last notes of the album. It may add meaning to the entire album.

Who on the planet is doing something that you guys recognize as similar-minded?
I would mention two bands from England, the Delta and the Clientele, and our local friends Tyde and Dentel.

Is your next album going to be emotionally or politically marked by the events of September 11?
You cannot separate life and art. The whole world is affected and we can never separate what happened from what we will be. It has completely changed the climate of human life.

What are you up to right now?
I am learning to "paint" sound with a new machine. I just retrieved the machine today and I will take off to Mexico lo learn it in a peaceful environment. What this machine allows me to do is to use and manipulate samples. This will bring a whole new technical element to our music. It is going to be interesting to test it on our next tour. The band will be resting in January, after so much touring. Chris is moving to Seattle and Brett is staying here in the Los Angeles area. Each of us will continue to experiment. I think that Chris is very experimental in his approach to the guitar and to his singing. In a sense, he also "paints" with the sound of his guitar. Brent also innovates with his bass playing. The keyboards may become more of a radical principle in our music, but they are certainly not the only element that will keep growing. And it will grow in conjunction with the rest of the band. Hopefully, everything will bring fresh new perspectives from which continue to build our sound.

Dave Scher suona chitarra e tastiere nei Beachwood Sparks, un gruppo di Los Angeles che sorse dalle ceneri dei Further e che ha pubblicato finora due album, Beachwood Sparks (Subpop, 2000) e Once We Were Trees (Subpop, 2001), all'insegna di un originale stile folk-rock. Il debutto dei Beachwood Sparks fu uno degli album che epitomizzano la transizione dall'era del noise-rock a quella dell'alt-country. Il loro secondo album fa capire in realta` che il gioco e` molto piu` complesso e la roots-music, l'alt-country e il power-pop c'entrano soltanto fino a un certo punto.

Potete farci un riassunto di come il gruppo si e` formato?
La storia gira attorno a una stazione radiofonica di Los Angeles, la KXLU. Chris (Gunst) e io eravamo studenti universitari e nel tempo libero facevamo i disc jockeys a questa stazione radiofonica. Ci piacevano i Further e li mettevano in onda in continuazione. (Nota: i Further pubblicarono Grip Tape (Christmas, 1993), Sometimes Chimes (Christmas, 1994), l'EP Grimes Golden (Runt, 1994), e finalmente Next Time West Coast (100 Guitarmania, 1996) prima di sciogliesi, album usciti nell'indifferenza generale ma in realta` fra le cose piu` intelligenti del noise-rock dell'epoca). Verso la fine, nel 1995, Chris subentro` alla chitarra. Quando il gruppo si sciolse, Chris si tenne in contatto con Brent (Rademaker), il bassista, e presto cominciarono a pensare a un nuovo complesso. Io avevo appena comprato una chitarra laptsteel e cominciai a suonare con loro. Anzi, suonare con loro fu proprio il modo in cui imparai a suonare la chitarra, perche' prima non avevo mai neppure provato. L'idea originale era di continuare a esplorare le forme musicali Americane del diciannovesimo e ventesimo secolo, in particolare complessi classici come Beach Boys, Byrds, Burrito Brothers, Buffalo Springfield.

L'ispirazione principale sul primo album mi sembra essere Gram Parsons (specialmente nella ballata Desert Skies), ma i risultati sono brillanti anche nei brani che ricordano i Byrds psichedelici (Sister Rose, Something I Don't Recognize) e i Big Star devono essere stati un'altra influenza sull'orecchiabile Old Sea Miner. In retrospettiva, cosa pensi del primo album?
Avevamo bisogno di un punto di partenza, e di un terreno su cui muoverci. Scegliemmo le "radici" del rock di proposito, perche' in fondo sono le radici del "sound" di tutto cio` che e` successo musicalmente in America. Visto che lavoravamo in una stazione radiofonica, ascoltavamo molta musica. In pratica, tutti i nostri amici erano collezionisti di dischi. In quell'ambiente, prima o poi, finisci per riscoprire i vecchi classici e innamorarti di quei dischi. Complessi come i Buffalo Springfield sono assolutamente fantastici. Era un suono (californiano) a cui noi (californiani) potevamo riferirci e in cui potevamo riconoscerci, ed e` ancora musica eccezionale, a prescindere da dove vivi. Avevamo in comune proprio questo amore spassionato per il sound della West Coast, e avevamo un certo numero di album che consideravamo capolavori e che usammo di fatto come molla per cominciare. Cio` non significa che volessimo limitarci a quell'aspetto "retro". E` sempre un onore essere paragonati ai grandi musicisti del passato, ma puo` anche diventare un peso imbarazzante. Essere catalogato come "retro" e` un po' restrittivo. Non era abbastanza per noi essere un gruppo di revival. Il nostro obiettivo era di crearci uno spazio emozionale che potesse acquistare piu` forza di un semplice pastiche stilistico.

Le canzoni del primo album si alternano a brevi esperimenti surreali, che a volte (This Is What It Feels Like) valgono piu` delle canzoni. Avevate in mente di costruirvi una specie di alter ego artistico o era il segnale di una nuova direzione gia` in corso?
L'unica decisione conscia che abbiamo mai preso fu quella di costruire la nostra musica sulle fondamenta del rock classico, in particolare californiano, e in generale dell'"American music". Il resto e` venuto da se`, man mano che suonavamo. Molti di questi brevi interludi sono stati improvvisati dal vivo in studio. I nastri giravano e continuavano a registrare cio` che facevamo mentre provavamo. In retrospettiva, con il senno di poi, puoi renderti conto che stavamo evolvendo verso il sound del secondo album. Ma la verita` e` che questo processo si verifico` man mano che suonavamo, non per una decisione a priori. Il processo di suonare insieme e` molto formativo: non puoi fare a meno di evolvere. Evolvi in prima istanza per interagire con gli altri in maniera armoniosa. Arrivi al punto che non c'e` piu` bisogni di sedersi attorno a un tavolo e discutere come suonare questo o quel pezzo. Suoni e basta. Piu` suoni, piu` sai come suonare con gli altri.

Il secondo album del gruppo rifini` quell'approccio in un modo che e` al tempo stesso originale e accessibile. Ha ancora come riferimento primario le chitarre cinguettanti dei Byrds e le melodie rustiche dei Grateful Dead, ovvero la tarda era hippie; ma ogni canzone e` un campo di battaglia. Confusion Is Nothing New, la canzone che apre il disco, e` un po' l'archetipo di tutto il disco: languidi accordi hawaiani si librano in un jingle-jangle squillante, mentre il cantante intona una lullaby che sa di primi Pink Floyd; e poi c'e` spazio per uno strimpellio svogliato di chitarra, per un drone quasi raga e per piccole dissonanze in sottofondo...
Il modo in cui sono nate queste canzoni e` tipico dell'intero album: venne costruito durante il processo naturale di suonare. E` questa la ragione per cui abbiamo deciso di dare "credits" a tutti i membri del complesso per tutte le canzoni dell'album. Certo, anche il miglioramento tecnico e` stato importante, e anche quello viene dal suonare durante i tour. E certo anche qualche cambiamento tecnico ha contribuito, per esempio la nuova chitarra che Chris si e` comprato e la pedal-steel che mi sono comprato io. Ma l'essenza e` che brani come questo sono nati "suonandoli".

The Sun Surrounds Me, il cui ritmo e la cui melodia ricordano i Grateful Dead, con l'aggiunta di una coda di piccoli rumori e una specie di mantra tibetano in sottofondo...
Non sono sorpreso che tu senta un po' di Grateful Dead sul nostro album. Dopo tutto, sia il batterista sia io andavamo spesso ai concerti dei Grateful Dead da ragazzini. E i Grateful Dead appartengono davvero al subconscio americano, se pensi che gente di tutti gli strati sociali si identifica con la loro musica, dagli yuppie di Wall Street agli scaricatori di porto. Ma il nostro approccio a quella tradizione viene da trascendere gli stereotipi classici, un fenomeno che accade spontaneamente. La coda di questo brano venne, di nuovo, improvvisata in studio, spontaneamente. Dopo una piccola "outro" di improvvisazione libera, Chris fece un rumore di chitarra e io presi in prestito un mellotron dalla stanza di fianco e usai la voce umana per aggiungere quell'effetto che hai chiamato "mantra". La "texture" e` nata cosi`. Nota che nei brani ufficiali la texture e` secondaria rispetto a melodia e ritmo, ma abbiamo conservato un nastro con le versioni mixate in maniera opposta, con la texture in primo piano e la "canzone" sullo sfondo. Non un re-mix ma un "pre-mix"...

Sia quel che sia, la melodia e` un fattore imponente su questo disco. Se ascolto You Take The Gold, Hearts Mend, e tante altre e tolgo l'arrangiamento eccentrico, questi potrebbero essere hit di musica pop.
Vero. In un altro mondo (ride). Chiaramente non scriviamo canzoni melodiche per il gusto di scrivere canzoni melodiche, per il gusto di vedere i nostri fan che le fischiettano. La melodia e` intenzionale soltanto nella misura in cui ci piacciono armonia e melodia. Fa parte del processo di composizione, fa parte di cio` che fa di una canzone una canzone e non, per esempio, un quadro. Si`, in un mondo ideale sarebbero pop hits, ma in questo mondo non stiamo cercando di scrivere hits.

Le liriche tendono a essere depresse. E fate una cover di By Your Side di Safe, che e` la quintessenza della malinconia...
Tutte le canzoni di questo album sono un po' tristi. Alcune proiettano un po' di speranza, ma tutte sono braccate dall'oscurita`. Le nostre liriche parlano di "confusione" e di "tempi scuri". Lo stesso tema ricorre dall'inizio alla fine. Il mondo era gia` abbastanza scuro prima dell'11 settembre. La catastrofe non era alle nostre porte, ma qualcosa di minaccioso era gia` fra di noi.

Lo strumentale Jugglers Revenge e la sperimantale The Good-Night Whistle sono forse troppo brevi, ma uno si domanda se queste siano un indizio di sviluppi a venire?
Diciamo che verso la fine dell'album esploriamo nuovi territori.

La title-track e` strategicamente inserita al fondo dell'album. E` un finale metaforico?
Lasciamolo aperto a interpretazione. I suggerisco agli ascoltatori di ascoltare con attenzione alle ultime note dell'album...

Chi sul pianeta sta facendo qualcosa di simile a cio` che suonate voi?
Citeri almeno due gruppi inglesi, i Delta e i Clientele, oltre ai nostri amici locali Tyde e Dentel.

Pensi che il vostro prossimo album sara` influenzato emotivamente o politicamente dagli eventi dell'11 settembre e da cio` che e` successo dopo?
Non si possono separare vita e arte. L'intero pianeta sta subendo le conseguenze di cio` che e` successo e non potremo mai separare cio` che e` successo da cio` che saremo. Ha completamente cambiato il clima della vita umana.

Cosa state facendo in questo momento?
Abbiamo terminato un tour estenuante e ci prenderemo un mese di vacanza. Io sto imparando a "dipingere" suoni con una nuova macchina. L'ho appena ritirata oggi e me la portero` in Messico per imparare a usarla in un ambiente tranquillo. Questa macchina mi consentira` di manipolare campionamenti. E` un nuovo sofisticato elemento che introdurremo nella nostra musica. Sara` interessante testarlo nel prossimo tour. Chris si sta trasferendo a Seattle e Brett rimarra` qui nella zona di Los Angeles. Ciascuno di noi continuera` a sperimentare. Penso che Chris sia molto ardito nel suo approccio alla chitarra e al canto. In un certo senso, anche lui "dipinge" con il suono della sua chitarra. Brent e` altrettanto innovativo nel modo in cui suona il basso. Le tastiere potrebbero diventare un principio radicale della nostra musica futura, ma non sono certamente l'unico elemento che sta crescendo. E sta crescendo in congiunzione con il resto del gruppo. Spero che tutto cio` che stiamo facendo in questo mese di vacanza porti nuove prospettive da cui continuare a costruire il nostro sound.

History of Rock Music