The Color Of Life:
An interview with Michael Krassner
(Copyright © 2000 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
An Introduction to Michael Krassner - Scheda

Michael Krassner has established himself as one of the most significant new voices to come out of America since the generation of Smog and Magnetic Field. While he certainly is a songwriter in the traditional sense of the term, he is also, and perhaps mainly, a team player: his masterpieces are credited to groups like Boxhead Ensemble, Lofty Pillars, Toe 2000, that hardly match your concept of a "rock band". Stradling the line between rock, jazz, folk and classical, Krassner's compositions for ensemble have basically coined an alternative to progressive-rock.

Where do you come from? And where are you based today?
I grew up in the midwest (Wisconsin) and moved out west Arizona) as a teenager. I feel lucky to have lived in both places. I feel like a Midwestener at heart, but enjoy the open spaces of the Southwest. both shaped who I am greatly. I'm very uncomfortable on the East Coast. Basically, the more down to earth things are the better. I'm in Chicago right now and it's a breathe of fresh air compaired to L.A. I don't know how long I'll be there.

How did you become a musician?
I started playing music at 14 years of age. I got my first Velvet Underground record and told myself that "i could do that" and just started writing songs. I always loved writing songs. probably my favorite thing to do. I sing constantly. I'd sing all day if i could. Not really fond of my voice which is a bit ironic, but I'm always working on it.

Before Boxhead, I just played in bands and recorded. I bought my first 8 track machine about 12 years ago and just love to record music. I had a nice 16 track studio in Chicago and I now work at a nice studio in Los Angeles. It gives me an opportunity to work with people like Simon Joyner, Scott Tuma and so many others. I still have my 8 track: I love that machine best.

Your songs are often too complex to be classified as mere songs. Sometimes they sound more like classical scores or film soundtracks, although there is a simplicity that is almost folk...
I this is mainly true of the Lofty Pillars. My songwriting partner Wil Hendricks and I are both heavily influenced by movies. When We Were Lost is a total respose to the movie "The Ice Storm". (first time I ever let that cat out of the hat, but it's been a couple of years now). ....Anyway, I think we have very lofty conceptions about the songs and how they should be presented. We are not even close to where we would like to be with it all....We've been writing songs for about 10 years now and we always will: the Lofty Pillars are in for the long haul.

I look at making records like making movies. I love the whole production of it all. We are not a band that learns the tunes and goes into the studio and knock them out. A lot of pre-prduction goes into them, a lot of thought... I like to record like Phil Spector did, like the whole Wrecking Crew thing. I love to write the chords and the words. Then we have arrangers and musicians coming in and all these great people contributing. Our records keep me busy about six months out of the year. I love to be in the middle of all this. I'll probably make another solo record next year which will be more personal and stripped down. As for the Pillars, we're working with bigger concepts, all our songs linked together. I think Amsterdam was very much a concept record.

How's the Chicago scene in 2001?
The whole Chicago thing is great...but i think what really makes it great is ultimately it's greatest downfall. What i mean is this...Chicago is very much a project oriented city. Bands like the Sea And Cake get together once every couple of years and make a record and tour for a while, and then don't see each other for a few years. It's great that everyone contributes so openly to everyone's project, but I'd love to see a band like the Sea And Cake practice three times a week and be a real band...that would be fantastic. not to say they arent' great, they are, but I miss the whole band aspect of a good music scene. Take US Maple...now that's a band! They practice all the time and for the most part that is all they do. And guess what: they are one of the best bands in the universe. I think if people in Chicago were a little more selective and refine the number of projects they are involved with, it would be the greatest music city in the world... I don't know if someone else can see the whole double edge sword aspect of it all. I've certainly benefited greatly with the Boxhead Ensemble. The entire nature of the project is revolving. I just worder how good we could be if we played on a regular basis. I hate when things are mediocre, and sometimes they are... I'd rather suck really bad than be mediocre. Boxhead will probably never be stable, but someday i will probably only do the Pillars and me and Wil will live in the same town and we'll get together a couple of times a week to play and just have some fun...to me this would be heaven....

Why do you live in L.A. now?
I moved to LA because my girlfriend lives here. She's a first grade teacher and has a good job. The distance wasn't working and to make things work means sacrifice. I miss Chicago and we might move back there next year, but the most important thing right now is to be together...we also like the Bay Ares and Portland.

What are you listening to?
Right now I'm listening to Henry Gorecki's "Beatus Vir". This piece makes me want to weep it's so beautiful... If i could write one thing in my life that would make someone feel like I feel when I listen to this, everything would be worth it...

(Translation by xxx/ Tradotto da Lorenzo Casaccia)

Negli ultimi anni un nuovo personaggio, spesso celato dietro i nomi di molteplici gruppi, sta accompagnando il rock lungo un percorso che conduce la classica canzone americana, per approccio, strutturazione e gestione, verso la musica da camera e piu` in generale verso la classica. Ma non con la pomposita` del progressive, bensi` con la naturalezza della maturazione, senza forzature. Di lui sara` bene parlare non tanto come cantante, quanto come compositore/direttore/organizzatore, siccome e` proprio nella veste di leader e di coordinatore che sembra dare il meglio. Come in una catalisi, i musicisti che convoca a collaborare non si perdono nei consueti confronti/scontri di personalita` ma sembrano seguire con docilita` le visioni del leader. E forse proprio questo e` segno di maturita` profonda. L`esistenza di una visione d`insieme lucida e ordinata, di una idea di fondo in grado di incanalare le intuizioni sparse e immediate dei musicisti di turno. Fra l`altro, l`uomo e` anche lucido nelle analisi, come potete leggere nell`intervista Accanto a questo personaggio sta una piccola label, per la quale molti di questi dischi sono usciti, e attraverso la quale molti di questi artisti passano e collaborano, nella piu` classica tradizione di Chicago. Ci sono tante piccole storie dietro a questo minuscolo mondo, come in romanzo dell`Ottocento. Amici che si incontrano, reticoli di collaborazioni incrociate che si rincorrono l`una con l`altra: raccontare questa musica e` diventato anche raccontare un po` queste vite. Lui si chiama Michael Krassner e l`etichetta Truckstop Records. Abbiamo scavato piu` a fondo su entrambi.

Dove sei nato? Dove vivi oggi?

Sono cresciuto nel Wisconsin e mi sono spostato in Arizona da teenager. Mi sento fortunato ad aver vissuto in entrambi i posti. Nel cuore mi sento un abitante del Midwest e del Wisconsin ma amo gli spazi aperti del Southwest e dell`Arizona. Entrambi mi hanno formato parecchio. Non mi sento a mio agio sulla West Coast (adesso vivo a Los Angeles). Sostanzialmente, piu` si sta con i piedi piantati a terra, meglio e`. Ora sono a Chicago ed e` aria fresca rispetto a L.A. Non so per quanto rimarro` laggiu`.

Come sei diventato un musicista?

Ho cominciato a suonare quando avevo 14 anni. Comprai il primo dei Velvet e mi dissi "posso farlo anche io", e cominciai a scrivere canzoni. Ho sempre amato scrivere canzoni, credo sia la cosa che mi piace di piu` in assoluto. Canto di continuo. Canterei tutto il giorno se potessi. Non vado matto per la mia voce, il che e` un po` ironico, ma continuo a lavorarci. Prima del Boxhead Ensemble, suonavo e registravo con altri gruppi. Comprai il mio primo 8 tracce circa 12 anni fa perche` mi piaceva registrare musica. Avevo un 16 tracce a Chicago e adesso lavoro in uno studio di Los Angeles. Mi da` l`opportunita` di lavorare con Simon Joyner, Scott Tuma e parecchi altri. Ma ho ancora il mio vecchio 8 tracce: resta l`apparecchio che preferisco.

I tuoi brani sono spesso troppo complessi per essere classificati come semplici canzoni. A volte sembrano piu` colonne sonore o brani di classica sebbene ci sia una semplicita` quasi folk.

Penso che questo sia vero soprattutto per i Lofty Pillars. Will Hendricks ed io siamo entrambi molto influenzati dai film. "When We Were Lost" e ` assolutamente una risposta al film "The Ice Storm"... In ogni caso abbiamo un`idea molto elevata delle canzoni e del modo in cui devono essere presentate. Non siamo nemmeno vicini a dove voremmo essere con quest`idea. Scriviamo canzoni da 10 anni e continueremo a farlo. I Lofty Pillars sono per la lunga distanza. Guardo alla produzione di dischi come alla produzione di film. Amo tutti gli aspetti della realizzazione. Non siamo un gruppo che impara i pezzi, va in studio e li esegue d`un fiato. C`e` dentro un sacco di pre-produzione, e un sacco di riflessione. Mi piace registrare come faceva Phil Spector, o come la Wrecking Crew. Mi piace scrivere accordi e testi. Poi ci sono gli arrangiatori e i musicisti e tutte queste ottime persone che danno il loro contributo. I nostri dischi mi tengono impegnato circa sei mesi all`anno.

Mi piace essere in mezzo a questo tipo di lavoro. Probabilmente faro` un altro disco solista l`anno prossimo, che sara` piu` personale e ridotto all`osso. Quanto ai Pillars, stiamo lavorando su concetti piu` estesi, con tutti i brani legati tra di loro. Penso che "Amsterdam" sia da vedersi come un concept.

Com`e` la scena di Chicago nel 2001?

Tutta la scena di Chicago e` ottima ma penso che cio` che ne fa la vera grandezza ne sia anche la rovina. Mi spiego meglio. Chicago e` una citta` basata su progetti. Gruppi come Sea And The Cake si uniscono una volta ogni paio d`anni e fanno un disco e un tour, poi non si vedono per un paio d`anni. E` molto bello che tutti contribuiscano in modo aperto ai progetti altrui, ma mi piacerebbe vedere un gruppo come i Sea And The Cake provare tre volte alla settimana e diventare un gruppo vero. sarebbe fantastico. Non voglio dire che non siano bravi, ma in questa scena musicale mi manca l`intero aspetto di "essere una band". Considera gli US Maple. ora, loro sono un gruppo! Provano di continuo e per lo piu` e` l`unica cosa che fanno. E sai cosa: sono uno dei migliori gruppi al mondo. Penso che se la gente a Chicago fosse un poco piu` selettiva e scremasse il numero di progetti in cui e` coinvolta, sarebbe la piu` grande citta` musicale del mondo. Non so se qualcun altro riesce a vedere le due facce della medaglia. Certamente ho beneficiato parecchio dal Boxhead Ensemble. L`intera natura del progetto e` mutevole. Mi chiedo solo quanto potremmo essere meglio se suonassimo in maniera regolare. Non sopporto quando le cose diventano mediocri ed a volte lo sono. Preferisco far veramente schifo che essere mediocre. Il Boxhead probabilmente non sara` mai stabile, ma un giorno probabilmente faro` solo i Pillars ed io e Will abiteremo nella stessa citta` e ci incontreremo un paio di volte alla settimana per suonare e divertirci. per me sarebbe il paradiso

Perche` ora vivi a Los Angeles?

Mi sono trasferito qui perche` la mia ragazza abita qui. Fa l`insegnante ed ha un buon lavoro. La distanza era un problema e risolvere i problemi comporta dei sacrifici. Chicago mi manca e puo` darsi che ci ritorneremo l`anno prossimo, ma la cosa piu` importante al momento e` essere insieme ci piacciono anche la Bay Area e Portland.

Cosa stai ascoltando?

In questo preciso momento sto ascoltando "Beatus Vir" di Gorecki. Mi fa venire da piangere tanto e` bello. Varrebbe la pensa fare qualsiasi cosa se fossi capace di scrivere una sola cosa nella mia vita che facesse sentire qualcuno come mi sento io quando sento questo pezzo.

What is unique about this music database