Pentangle


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
The Pentangle (1968), 7/10
Sweet Child (1968), 6.5/10
Basket Of Light (1969), 6.5/10
Cruel Sister (1970), 7/10
Reflections (1971), 6.5/10
Solomon's Seal (1972), 6/10
Links:

I Pentangle furono uno dei complessi piu` autorevoli del folk revival in Gran Bretagna, ma furono anche uno dei meno fedeli alla tradizione, e in cio` sta la loro grandezza. Dal 1967 delle origini al 1973 dello scioglimento i Pentangle (senza mai cambiare formazione) coltivarono un approccio eclettico al materiale tradizionale, affinandolo man mano in direzione sempre piu` "progressiva". La formazione faceva perno su dei due virtuosi della chitarra, Bert Jansch e John Renbourn.

Bert Jansch comincio` la sua carriera musicale pubblicando gli album Strolling Down The Highway (Transatlantic, 1965), noto anche come Bert Jansch, che contiene gemme intimiste come la tetra Needle of Death, e It Don't Bother Me (Transatlantic, 1965). Il terzo, Jack Orion (Transatlantic, 1966), vantava la collaborazione di un altro chitarrista, John Renbourn, il quale quello stesso anno pubblicava il suo secondo album, John Renbourn (Transatlantic, 1966), dopo un primo album in duo con Dorris Henderson. Insieme registrarono Bert & John (Transatlantic, 1966). Nel frattempo il secondo album di Renbourn, Another Monday (Transatlantic, 1966), ospitava la cantante jazz Jacqui McShee. Questo trio di virtuosi assunse il bassista Danny Thompson e il batterista Terry Cox e formo` i Pentangle. Jansch pubblico` ancora un album da cantautore orchestrale, Nicola (Transatlantic, 1967), e Birthday Blues (Transatlantic, 1968), Renbourn si cimento` con materiale medievale e rinascimentale su Sir Jon Alot (Transatlantic, 1968), con la lunga fantasia di Morgana, e insieme i due pubblicarono Stepping Stones (Vanguard, 1968), ma la loro attivita` si focalizzo` presto sui Pentangle.

Il primo album, The Pentangle (Transatlantic, 1968), scosse l'ambiente che fino allora era stato polarizzato da menestrelli e da gruppi acustici. Jansch era piu` indirizzato verso il folk barocco, mentre Renbourn, un virtuoso del suo strumento, coltivava anche il blues e il country americano; e insieme i due chitarristi componevano una coppia di sperimentatori, capaci di fondere le accordature aperte del blues con la struttura modale della musica antica. Completava il quadro una sezione ritmica cresciuta nei club di jazz. Il sound composito che scaturiva dalla fusione di tali personalita` era un folk-rock con molto swing e con frequenti digressioni nella musica bianca e nera degli USA. Il lungo strumentale Pentangling fu il primo capolavoro del gruppo, e rimane forse insuperato.

Come il precedente, anche il doppio Sweet Child (1968) riciclava in realta` materiale gia` edito dai due leader, quando non rifaceva classici del jazz. La tecnica e` forse meglio in vista nel duetto di In Time. Nelle composizioni originali (Market Song, In Your Mind) rifulgevano le stesse qualita` di strumentisti provetti e di arrangiatori intelligenti che nobilitavano i brani tradizionali.

Basket Of Light (1969) fu forse persino piu` elegante e geniale, sia nel campo della tecnica (Light Flight) sia nel campo della canzone (Springtime Promises). I Pentangle suonarono le prime chitarre elettriche su Cruel Sister (1970), che contiene il tour de force della "grand folk suite" per dulcimer e chitarra acustica di Jack Orion, loro apice e summa artistico. Reflections (1971) era prevalentemente costituito da composizioni originali e annovera un altro lungo excursus stilistico, Reflections. Solomon's Seal (1972) vantava ancora mirabili performance in Sally Free And Easy e Cherry Tree Carol, ma il gruppo si stava ripetendo fino alla nausea. In Your Mind (Ariola, 1978) e` un'antologia della carriera fino a questo punto.

Nel frattempo Renbourn aveva registrato un altro album di musiche medievali e rinascimentali, The Lady And The Unicorn (Transatlantic, 1970), e una raccolta di canzoni moderne, Faro Annie (Transatlantic, 1971). Jansch aveva pubblicato il mediocre Rosemary Lane (Transatlantic, 1971).

Con The Hermit (Transatlantic, 1976) e soprattutto Black Balloon (Transatlantic, 1979), forte di Black Balloon e The Pelikan, Renbourn pervenne a un formalismo classico che si avvaleva di un minimo di strumentazione (chitarra, flauto e percussioni).
Nel frattempo il John Renbourn Group, una formazione eclettica che tentava di fondere violino jazz, percussioni indiane e lo squillante canto folk di Jacqui McShee, produsse album piuttosto ostici: A Maid In The Bedlam (Transatlantic, 1977) e soprattutto Enchanted Garden (Transatlantic, 1980), che annovera il salmo mediorientale jazzato di otto minuti Sidi Brahim. Renbourn aveva anche avviato una proficua collaborazione con Stefan Grossman, che avrebbe fruttato diversi album al limite del didascalico: Renbourn & Grossman (Kicking Mule, 1978), Under The Volcano (Kicking Mule, 1979), Live In Concert (Shanachie, 1984), The Three Kingdoms (Shanachie, 1987), Snap A Little Owl (Shanachie, 1989).

La carriera di Jansch prosegui` invece in sordina, con opere piuttosto anonime paragonate a quelle dei Pentangle (e terribilmente anacronistiche nell'era del punk-rock): Moonshine (Transatlantic, 1973), L.A. Turnaround (Charisma, 1974 - Drag City, 2009), with a new version of his Needle of Death, Santa Barbara Honeymoon (Charisma, 1975 - Drag City, 2009), with a full back-up band, A Rare Conundrum (Charisma, 1977 - Drag City, 2009), Thirteen Down (Charisma, 1978). Jansch riusci` finalmente ad esprimere il suo potenziale nella la suite jazzata interamente strumentale di Avocet (Charisma, 1979), una collaborazione con Martin Jenkins. Heartbreak (Hannibal, 1981), una session con ospiti illustri, sembro` chiudere la sua carriera solista.

I Pentangle si riformarono per registrare Open The Door (Spindrift, 1983). Renbourn pero` lascio` di nuovo la formazione. Jansch e McShee continuarono invece con la sigla Pentangle, e uno stile piu` blues e folk che jazz, e pubblicarono gli album In The Round (Varrick, 1985), So Early In The Spring (Green Linnet, 1988), Think Of Tomorrow (Green Linnet, 1991), One More Road (1993). Jansch aveva continuato a pubblicare album solisti come Leather Laundrette (Black Crow, 1988), Sketches (Temple, 1990), The Ornament Tree (Golden Castle, 1991), e alla fine getto` la spugna.
Rimasero cosi` soltanto i McShee's Pentangle, titolari di About Thyme (Park, 1995) e Passe Avant (Park, 1998).

Dopo qualche anno di inattività, approfittando del risveglio di interesse per la sua opera dovuto alla new age, Renbourn tornò sulle scene in veste più angelica, circondato soltanto da flauto, chitarra e canto. La suite eponima di The Nine Maidens (Spindrift, 1986) e The Martinmass Wind, dall'album dei Ship Of Fools (Spindrift, 1988), ne rilanciarono le quotazioni. Le ultime uscite di Renbourn saranno Wheel Of Fortune (Flying Fish, 1993), un live con Robin Williamson, e Traveller's Prayer (Shanachie, 1998), registrato in Irlanda.

Jansch e` tornato sulle scene nella seconda meta` degli anni '90 con una valanga di riedizioni, live e rarita`, ma soprattutto con When The Circus Comes To Town (Cooking Vinyl, 1995) e Toy Balloon (Cooking Vinyl, 1998). Dazzling Stranger (Castle, 2000) is a double-disc anthology spanning Jansch's entire career. Crimson Moon (Sanctuary, 2001) and Edge of a Dream (Sanctuary, 2003) celebrate the old bard with a distinguished cast of guests. The Black Swan (2006) featured Beth Orton, David Roback, Devendra Banhart, etc.

Sia Jansch sia Renbourn hanno registrato album solisti che sarebbero capolavori nel repertorio di altri chitarristi. Ma nessuno dei due riusci` mai ad eguagliare le opere del periodo in comune, i vorticosi duetti di acustica, le armonie rinascimentali, il limpido stile strumentale, gli arcani naufragi ritmici, l'eleganza ibrida dei ricami. La "grand folk suite" inventata dai Pentangle rimane una delle forme piu` suggestive di quell'epoca.

Nel 1999 non esiste nessuna antologia dei Pentangle che contenga davvero il meglio della formazione, in particolare le tre lunghe jam.

Pentangle, formed by two veteran guitarists of the folk scene, Bert Jansch and John Renbourn, went beyond merely recycling traditional material. The lengthy suites Pentangling (1968), Jack Orion (1970) and Reflections (1971) contain more than a passing nod to jazz and classical music.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.

Jansch died in october 2011 at the age of 67.

After a 13-year hiatus, Renbourn collected some originals (mainly Palermo Snow for acoustic guitar and clarinet) and a handful of demanding covers (of both jazz and classical music) on Palermo Snow (2011).

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database