Aerosmith
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Aerosmith (1973), 6/10
Get Your Wings (1974), 6/10
Toys In The Attic (1975), 7/10
Rocks (1976), 7/10
Draw The Line (1977), 6/10
Night In The Ruts (1979), 5/10
Rock In A Hard Place (1982), 4/10
Done With Mirrors (Geffen, 1985), 6/10
Permanent Vacation (1987), 6/10
Pump (1989), 7/10
Get A Grip (1993), 5/10
Nine Lives (1997), 4/10
Just Push Play (2001), 4/10
Honkin' on Bobo (2004), 4/10
Links:

Gli Aerosmith rappresentano l'heavy metal prima dell'heavy metal, quando era ancora imitazione di Rolling Stones e Led Zeppelin, spettacolo goliardico e inno alle emozioni selvagge, ma senza la pretesa di farne un culto della potenza virile, senza esibizionismi iper-amplificati, e tutto sommato ancora nel segno del blues-rock dei Sixties (armoniche blues, fiati soul), sia pur sguaiato oltre misura. Tanto furono monocordi e pedanti i Kiss, quanto furono eclettici e popolani gli Aerosmith.

Formati nel 1970 nel New Hampshire, gli Aerosmith si fecero le ossa nei club di rhythm and blues di Boston, dove Steve Tyler faceva il verso a Mick Jagger (ma, se possibile, ancor piu` sguaiato e vibrante) e il loro boogie a due chitarre soliste (Joe Perry, Brad Whitford) incendiava le loro cover del vecchio beat. I primi due album, Aerosmith (Columbia, 1973) e Get Your Wings (1974), ne imposero piu` l'immagine di ribelli lascivi che un sound davvero personale. Divennero famosi per la ballata pianistica e orchestrale di Dream On (1973), che in pratica replicava la Stairway To Heaven dei Led Zeppelin, ma piu` rappresentativi del loro spirito da bar-band erano l'anthem Mama Kin (1973), i sette minuti di duelli chitarristici di One Way Street (1973), la maestosa truculenza di Lord Of The Tights (1974), i possenti fendenti di Same Old Song And Dance (1974), l'abrasiva lascivia di Pandora's Box (1974), Seasons Of Wither (1974).

Per quel sound rozzo e tellurico l'album Toys In The Attic (1975) li fece addirittura paragonare agli Yardbirds e due 45 giri scalarono le classifiche: il boogie concitato di Walk This Way e il soul orientaleggiante Sweet Emotion. Con due rhythm and blues possenti e viscerali come Back In The Saddle e Sick As A Dog, l'album Rocks (1976) chiuse il periodo classico.

Draw The Line (1977), con il rock and roll epilettico di Draw The Line, Night In The Ruts (1979), con il boogie sudista di Chiquita, e Rock In A Hard Place (1982), che contiene Jailbait ma e` privo dei due chitarristi originali, suonarono gia` stanchi e ripetitivi. Dopo un periodo di disintossicazione da alcool e droga, gli Aerosmith tornarono piu` volgari e sguaiati che mai con Done With Mirrors (Geffen, 1985), che contiene Gypsy Boots e ripresenta la line-up originale, e Permanent Vacation (1987), che contiene Dude Looks Like A Lady, la loro sceneggiata piu` volgare, e Rag Doll, quintessenza della loro ballata spavalda, sarcastica e rozza. La rinascita degli Aerosmith era in realta` dovuta anche al contributo di songwriters esterni al gruppo.

Forte della censuratissima Love In An Elevator, dell'articolata e melodrammatica ballad sull'incesto, Jane's Got A Gun, della melodica e passionale What It Takes, e del chiassoso rhythm and blues di The Other Side, Pump (1989) confermo` lo stato di grazia della formazione con un sound che mutuava dagli shouter neri le inflessioni piu` provocanti e il baccanale strumentale, accelerandolo nei ritmi dell'heavy-metal meno scontato e sfregiandolo con chitarrismi criminali.

Get A Grip (1993) offered generous portions of boogie (Fever, Get A Grip, Eat The Rich) and balladry (Cryin, Amazing), but neither set was as accomplished as the songs on Pump, and the sociopolitical Livin' On The Edge sounded insincere at best.

Big Ones (1994) is an anthology of 1985-1993. A Little South of Sanity (1998) is a double-CD career retrospective.

As Aerosmith became part of the establishment, their albums Nine Lives (Columbia, 1997) and Just Push Play (2001) and the hit single I Don't Want To Miss A Thing (1998) began catering to the jet-set rather than to the blue-collar kids of their youth.

Honkin' on Bobo (2004) is an old-style album of blues numbers.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database