Cars
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Cars (1978), 6.5/10
Candy-O (1979), 6/10
Panorama (1980), 6/10
Shake It Up (1981), 6/10
Ocasek: Beatitutde (1982), 5/10
Heartbeat City (1984), 7/10
Ocasek: This Side Of Paradise (1986), 5/10
Door To Door (1987), 5/10
Fireball Zone , 4/10
Quick Change World , 4/10
Troublizing , 4/10
Links:

Pulizia strumentale, ritornelli orecchiabili, ritmica martellante, arrangiamenti elettronici sono gli ingredienti del rock frigido e nevrotico dei Cars, un quintetto che si propone di continuare idealmente il romanticismo angosciato dei Roxy Music attraverso atmosfere gelide, nervose, malate.

Il cantautore Ric Ocasek e il bassista Ben Orr iniziarono a suonare a Cleveland alla fine degli anni '60, ma fu a Boston nel 1974 che formarono un complesso stabile, mettendo insieme il chitarrista Elliot Easton, il tastierista Greg Hawkes e il batterista David Robinson (ex Modern Lovers).

I primi timidi hit di Cars (Elektra, 1978), Just What I Needed, My Best Friend's Girl e Let The Good Times Roll, si affidavano a melodie accattivanti appena straniate, a sofisticate armonie vocali, a cadenze ballabili, ad una semplice equazione punk + art-rock e soprattutto a produzioni tecnologiche di alta qualita`.

I Cars raffinarono il sound di album in album, camminando con perizia sul filo sottile teso fra la discoteca e il music hall d'avanguardia, un fenomeno scoperto su Candy-O (Elektra, 1979) da Let's Go e Candy-O, ed aumentando di volta in volta il ricorso agli effetti elettronici, che diventarono preminenti a partire da Panorama (Elektra, 1980), con Panorama e Touch And Go.

La novelty ballabile Shake It Up e This Could Be Love, su Shake It Up (Elektra, 1981), nonche' la ballad Jimmy Jimmy, sul primo (molto elettronico) album solista di Ocasek, Beatitutde (Geffen, 1982), aprirono la strada al sound lambiccato e ben piu` potente di You Might Think I'M Crazy e Magic, su Heartbeat City (Elektra, 1984), canzoni ironiche ed esuberanti basate su un ritornello elementare, alle quali gli staccato di sintetizzatore conferiscono un mordente degno dell'heavy metal, e farcite di effetti elettronici stranianti. Se Drive recupera le atmosfere del piu` convenzionale "lento" da cocktail lounge, Hello situa questo sound al sintetizzatore di una sorta di vaudeville dissonante (per i numerosi e rumorosi arrangiamenti tastieristici) e nevrotico (per il canto iper-composto di Ocasek). A guidare la melodia sono ora il canto di Ocasek ora il basso di Orr, mentre la chitarra di Easton pulsa con intermittenza, talvolta con fervore minimalista, la batteria di Robinson picchia in modo ossessivo e ripetitivo e il sintetizzatore di Hawkes contrappunta genialmente tanto i ritmi quanto le melodie. Sempre piu` meticolosamente curato, il loro sound e` ormai un classico dell'AOR.

Il soffice ritornello di Emotion In Motion, sul secondo solo di Ocasek, This Side Of Paradise (Geffen, 1986), il fischio melodico di sintetizzatore di Tonite She Comes e e il Merseybeat di You Are The Girl, sull'ultimo Door To Door (Elektra, 1987) dei Cars, attenuano ulteriormente la grinta.

Il pop certosino e anti-emotivo dei Cars e` un tipico prodotto dell'arte post-moderno. Ocasek (tra l'altro benemerito produttore di complessi d'avanguardia) e` un freddo e colto intellettuale della generazione yuppy che si serve delle tecniche di image-processing per girare i video-tape promozionali e che si ispira ai poeti beat per i suoi testi, profondamente cosciente della alienazione Urbana e delle espressioni artistiche che ne sono derivate. Il lato commerciale dell'operazione Cars e` forse piu` ascrivibile all'eminenza grigia del gruppo, Easton, e al romantico Orr (autore in proprio di Stay The Night, 1986). Tutti i loro album sono stati almeno di platino.

Ocasek, ormai diventato produttore di grido (e persino poeta), registrera` ancora i mediocri Fireball Zone (Reprise, 1991) e Quick Change World (Reprise, 1993), meglio il secondo che segna il ritorno alle tastiere di Greg Hawkes. Ci vorranno quattro anni prima che ne esca un altro, Troublizing (Columbia, 1997), che annovera se non altro l'orecchiabile Crashland Consequence. I Cars si riformeranno molti anni dopo per Move Like This (2011).

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
What is unique about this music database