Foetus
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Deaf, 6/10
Ache, 6.5/10
The Drowning Of Lucy Hamilton , 6/10
Hole , 8/10
Nail , 9/10
Wiseblood: Dirtdish, 6/10
Bedrock , 6/10
Ramrod, 6/10
Stinkfist, 6/10
Meltdown Oratorio, 6/10
Thaw, 7.5/10
Rife, 6/10
Sink , 6/10
Steroid Maximus: Quilombo , 7.5/10
Wiseblood: Pedal To The Metal, 6/10
Steroid Maximus: Gondwanaland , 7/10
Gash, 7.5/10
Flow , 6/10
Blow, 4/10
Manorexia: Volvox Turbo , 6/10
Steroid Maximus: Ectopia , 5/10
Love (2005), 6/10
Links:

James Thirlwell, better known as Foetus and also known as Steroid Maximus and Wiseblood, became a protagonist of both the London (1978) and the New York (1983) counterculture, and, ultimately, one of the most significant musicians of the decade, wedding the punk aesthetics to classical-music ambitions.
Bard of the most reckless nihilism, quintessential prophet of "trash" as a form of art, Foetus promoted a repulsive hyper-punk persona that served well to frame his musical journey. Morbidly attracted to the most repulsive manifestations of human nature, both physical ones (vomit, excrements, sperm) and psychological ones (torture, sadism, homicide), Foetus ripped apart in a paroxysm of destruction any residual moral value. His oeuvre is an odyssey of aberrations, a catalog of hells. Foetus was an idealist of self-destruction, and global destruction was his utopia.
Hole (1984) was a chaotic carousel of garage-rock, swing, hip-hop, Captain Beefheart-ian blues, world-music, industrial rhythms, doo-wop harmonies, found noises, electronic effects, heavy-metal riffs and symphonic staccatos. Nail (1985), perhaps his masterpiece, was even more powerful, and in an "evil" way. Every single sound is exaggerated, overdone, dramatized. This album's songs are poems carved with a jack-hammer into the marble of a gravestone. A touch of retro` attitude (not too different from Frank Zappa's ventures into orchestral and jazz music) is drowned into magniloquent, sinister, gloomy, tragic, terrifying industrial "symphonies". But, ultimately, this was also a heartbreaking cry of grief that soars in a landscape of desolation and depravation. Thaw (1988) refined the idea behind these pieces for savage electronics, frantic orchestra and thundering polyrhythms, the idea of sheer aural density and power, the idea of massive, relentless, infernal atmospheres, the idea of a Wagner-ian emotional intensity with a catastrophic (not heroic) emphasis. In a sense, Foetus became the first classical composer of the punk civilization.
Quilombo (1991) and Gondwanaland (1992), the first two Steroid Maximus albums, presented a less austere and less destructive musician. They were schizophrenically divided into avantgarde pieces and big-band swing parodies. Quilombo managed to be playful while flirting with serialism, minimalism and musique concrete. Gash (1995), which features the super-group of guitarist Marc Ribot, drummer Vincent Signorelli (Unsane) and bassist Tod Ashley (Cop Shoot Cop), completed the metamorphosis presenting a gargantuan essay in the sampling and manipulation of musical genres.
Foetus' major compositions are sonic allegories, behind whose harmonic disorder, torrential dissonances and percussive violence one can guess unspeakable, brutal and obscene acts at both the levels of the individual psyche and the collective subconscious. Foetus' vision is one of extreme pessimism, of moral (if not physical) apocalypse: the individual is reduced to a demon-like pervert, and society is reduced to one of hell's circles. Coherently with this vision, his music is also apocalyptic, the kind of soundtrack one can expect to hear while being marched towards hell's gates after the universal judgement. The effect of Foetus' scores is often capable of evoking the end of the world.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in English.
Benche' indulga in un'immagine pubblica di punk scostante e repulsivo (e benche' cambi pseudonimo praticamente ogni due album), Jim Thirlwell (meglio noto come Foetus) e` uno dei compositori piu` importanti della musica moderna. Le sue cupe, tragiche, incalzanti "sinfonie" si situano al confine fra musica rock e tanti altri generi. Cio` che contraddistingue la sua multiforme opera e` l'intensita` delle emozioni e dei suoni, un'intensita` psicotica, debordante, allucinata, che fa pensare a Nietzsche e a Wagner, ma che si differenzia dalle ideologie "superominiche" per via di un'enfasi catastrofica, non eroica, infernale, non sublime. In questo senso Thirwell e` il primo compositore classico dell'era punk.
In queste sinfonie Thirlwell si e` espresso con un vocabolario estremamente deteriorato, che fa uso soltanto di suoni radicali, come da manuale punk, e che mira a incutere shock terapeutici, come da proclami della musica industriale. Le sue composizioni sono in effetti allegorie sonore, nel cui disordine armonico, nelle cui violente percussivita`, nelle cui torrenziali dissonanze, nel cui assordante caos si intuiscono atrocita` e oscenita` inenarrabili che rimandano alla psiche individuale ma anche al subconscio collettivo. La visione di Foetus (sia nei confronti dell'individuo, ridotto a demone laido, sia nei confronti della societa`, ridotta a un girone infernale) e` pessimista, anzi apocalittica. Coerentemente, la sua e` musica apocalittica, musica fatta soltanto di catastrofi sonore. L'effetto e` spesso da fine del mondo.

Bardo del nichilismo piu` sfrenato, profeta del "trash" per eccellenza, Foetus arrangia i suoi dischi da solo, puntando spesso su brutali effetti sinfonici. Morbosamente proteso verso le manifestazioni piu` disgustose della natura umana, fisiche (vomito, merda, sperma) e morali (torture, sadismi, omicidi), Foetus dilania nel parossismo della distruzione ogni residuo valore morale. La sua opera e` un'odissea di abiezioni, un catalogo di inferni. Foetus e` un idealista dell'apocalisse, o un'ideologo dell'apocalisse come utopia.

Foetus nacque James Thirlwell a Melbourne, in Australia. Nel 1978 emigro` a Londra, dove venne contaminato dall'estetica nichilista del punk (via gli altri Australiani in esilio, i Birthday Party) e dove entro` in contatto con Coil e altri sperimentatori. La musica industriale che stava fiorendo in Gran Bretagna in quegli anni gli consenti` di assimilare tecniche di composizione d'avanguardia.

Foetus esordi` infatti nel 1981 con due singoli di musica industriale alquanto cacofonica, OKFM/Spite Your Face (gennaio) e Wash It All Off/333 (aprile). Sono brani irriverenti e provocatori, in cui Foetus mette gia` in luce la sua passione per il macabro e il pornografico. L'album Deaf (Self Immolation, 1981), accreditato a You Got Foetus On Yor Breath, e` un lavoro formativo, in cui l'artista "gioca" con diverse strategie di composizione e orchestrazione con uno spirito anarcoide e dadaista. La suite in piu` parti Is That A Line e` prima una vignetta surreale alla Brian Eno a passo di vaudeville e poi un funk sismico alla Tina Turner percorso da una nevrosi alla David Byrne. Quel funk maniacale si sposa in I am Surrounded By Incompetence al tic androide dei Devo, a sbuffi elettronici degni di Edgar Varese e alle cadenze metallurgiche della musica industriale. Harold McMillan e` un pezzo strumentale per borboglii e sibili elettronici che trabocca di humour iconoclasta, per non parlare di Thank Heaven For Push Button Phones, un "rant" spastico alla Wild Man Fischer con un accompagnamento di percussioni "casalinghe".
Per gag come Why Can't It Happen To Me Foetus prende a prestito l'umorismo di Frank Zappa e George Clinton e lo spinge all'estremo di parossismo e dissonanza, sposandolo di fatto all'ethos blasfemo del punk nonche' a quello dadaista di Cage. Today I Started Slogging Again e` persino un balletto synth-pop dotato di un ritmo accattivante.
La personalita` subumana di Foetus e` pero` meglio rappresentata dal versante tragico, soprattutto dal concerto per rumori liberi e urla sataniche di What Have You Been Doing, o dalla pantagruelica sarabanda di Negative Energy, un primo potente affresco del "lurido" e del "disgustoso" che saranno sempre i temi piu` cari all'artista.
QUeste piece dell'assurdo costituiscono le prime riuscite significative di un programma che si presenta gia` follemente unico.

L'anno successivo fu la volta del singolo What Is The Bane Of Your Life/ Mother I Killed The Cat, dell'EP Custom Built For Capitalism e del secondo album, Ache (Self Immolation, 1982).

Foetus' second album, Ache (Self Immolation, 1982), is a more mature work. Foetus explores the same stylistic range, but each point of the range is given far deeper consideration. Dying With My Boots On is a cubist voodoobilly, overflowing with metallic dissonances; JQ Murder launches in a grotesque big-band swings, a prototype for what will become a Foetus specialty; Exit The Man With Nine Lives sounds like a parody of mainstream rock;
Ferocity and savagery are Foetus' most powerful arms. He pulls them out for Gums Bleed, a drama narrated on staccato piano, syncopated drums and spastic wind instruments; for Get Our Of My House, a frantic cannibal rocker with pounding pow-wow drums, disco beats and childish piano strumming.
Some of the scores are beginning to show orchestral dexterity way beyond the abilities of the average punk of his generation. Mark Of The Ostracizor has the demeanor of a robotic/industrial ballet, but the bass and drums inject funk/disco elements while piano and vocals beat a jump-blues stomp, each metamorphosis marked by snippets of dissonant chamber music: Kraftwerk meets Rip Rig & Panic.
Unfortunately, the second half of the record sounds like filler. Wholesome Town is a vocal experiment and Kid Hate Kid is another demented jump-blues, but they add little to the overall project. Much better is the closing Instead I Became Anemone, another ripping rock and roll of Wagnerian intensity and shaken by repeated pauses and hiccups.
Foetus does not exploit completely his creative means but the result is already quite different from anything else on planet Earth.
(Translation by/ Tradotto da Daniele Meneghel)

Il secondo album di Foetus, Ache (Self Immolation, 1982), è un lavoro più maturo.Foetus esplora il solito campo stilistico, ma a ciascun punto della serie è data una considerazione molto più profonda. Dying With My Boots On è un voodoobilly cubista, traboccante di dissonanze metalliche; JQ Murder si lancia in un assurdo swing da big-band, un prototipo per quella che diventerà una specialità di Foetus; Exit The Man With Nine Lives suona come una parodia del rock tradizionale; ferocia e violenza sono le armi più potenti di Foetus. Se ne stacca per Gums Bleed, un dramma narrato in piano staccato, con percussioni sincopate e corni spastici; per Get Our Of My House, un cannibale e frenetico dondolo con delle pulsanti percussioni pow-wow, battiti disco e un un infantile strimpellamento al piano.

Alcune delle partiture stanno cominciando a mostrare una certa destrezza orchestrale oltre alle abilità del punk medio della sua generazione. Mark Of The Ostracizor ha il contegno di un balletto robotic/industrial, ma il basso e la batteria introducono elementi funk/disco mentre il piano e la voce tengono un ritmo jump-blues, ogni metamorfosi è segnata da frammenti di dissonante musica da camera: i Kraftwerk incontrano i Rip Rig & Panic.

Sfortunatamente, la seconda metà del disco sembra servire solo da riempitivo.Wholesome Town è un esperimento vocale e Kid Hate Kid è un altro jump-blues demente, ma aggiungono poco al progetto generale. Molto meglio è la conclusiva Instead I Became Anemone, un altro straordinario rock and roll di intensità wagneriana, sconvolta da pause ripetute e da singhiozzi.

Foetus non sfrutta completamente le sue risorse creative, ma il risultato è già abbastanza diverso da qualsiasi altra cosa sul pianeta Terra.

If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.

Trasferitosi a New York, Foetus vi si affermo` rapidamente come musicista e performer. Legatosi sentimentalmente e artisticamente a Lydia Lunch, nel 1983 compose per lei e con lei Stinkfist, poi raccolto sull'omonimo EP (Widowspeak, 1987). La suite si avvale dei vocalizzi annoiati della cantante e di un ensemble di sette percussionisti, intenti a picchiare con furia tribale su tutto cio` che produce suono, dalla drum-machine alle lamiere.

Ancora al fianco di Lunch Foetus compone The Drowning Of Lucy Hamilton (Widowspeak, 1984), una piece per voce, piano, sassofono e chitarra.

Hole (Self Immolation, 1984 - Some Bizarre, 2008) e` il suo primo capolavoro. Hole e` un poema dell'eccesso, come saranno tutti i suoi lavori successivi. Lo stile di Foetus origina dall'accavallarsi disordinato di punkrock (Clothes Hoist, con ritmo thrash a rotta di collo), di world-music (travolgenti e barbari rave-up di funky-swing esotico alla Rip Rig Panic come Lust For Death e Water Torture, nonche' l'isterico tribalismo voodoo di Street Of Shame), di blues "beefheartiano" (il crescendo strascicato e cannibalesco di Sick Man), di hip hop (Hot Horse, metallurgica e dissonante, e Cold Day In Hell, agghiacciante affresco dell'aldila`, nonche' il coevo EP con le "groove" Calamity Crush e Catastrophe Crunch), e di sonorita` Sixties (la messa nera a ritmo scatenato surf/beat/bubblegum e con coretti doo-wop di Satan Place, la gag piu` esilarante dell'album).
Tutto viene deturpato da disturbi elettronici ed inserti "concreti" (dalle sirene d'ambulanza ai comizi di Hitler nel violento requiem-mantra di I'll Meet You In Poland Baby) secondo tecniche di collage mediate da Stockhausen e Varese. Gli idiomi piu` estremi dell'era elettronica (la musica industriale e l'hip hop) e le sonorita` piu` violente della storia della musica (riff di heavymetal e staccato sinfonici) vengono compressi in una forma-ballata di ferocia inaudita.

Glorificando lo stupro anale, il satanismo e l'olocausto, Foetus demolisce con disinvoltura qualche millennio di convenzioni del vivere civile. Con quest'opera di estrema dissacrazione Foetus va ben oltre il tradizionale cabaret agit-prop, anche nelle sue versioni piu` scollacciate (Zappa, Fugs). La cruda e volgare estetica nichilista del punk trova in lui il vero messia, qualche girone piu` in basso dell'Anticristo Johnny Rotten.

Nail (Self Immolation, 1985 - Some Bizarre, 2008) e` forse il suo capolavoro, e certamente uno dei capolavori degli anni '80, un lavoro che si situa decenni in anticipo rispetto al resto della musica rock, un lavoro di una potenza (malvagia) spaventosa, un urlo di dolore emesso in un imponente paesaggio di desolazione e depravazione. E` anche un album molto piu` personale dei precedenti. Mentre i precedenti facevano centro sui mali della societa` e della storia, questo fa centro sul male interiore e sulla storia individuale. Tutto e` esasperato, frastornante, percussivo, glaciale. Con Pigdom Come Foetus prova a creare da solo il sound monolitico di un'ouverture wagneriana. Pigswill e` un rap su ritmi e rumori metallurgici, feedback chitarristici e inserti sinfonici che inneggia all'omicidio di massa.
Questi brani sono poesie scolpite con un martello pneumatico nel marmo di una lapide mortuaria.
Si avverte l'influenza di Zappa tanto in queste piece orchestrali (alle quali si puo` aggiungere il coevo EP con Sick Minutes) quanto nelle gag retro` che costellano le sue brutali ballate di vita: il quasi rockabilly reboante e solenne di Throne Of Agony (con in sottofondo l'opprimente tema orchestrale di "Mission Impossible"), l'azzannate tripudio funk e jazz di DI-1-9026 e lo swing da nightclub con crooning roco alla Waits, coro doo-wop e contrappunti sinfonici di Descent Into The Inferno (nonche' la riedizione galattica di Wash in forma di vaudeville concitato sull'altro EP dell'anno).
Tutto viene declamato con un'enfasi da Giudizio Universale e suonato con una foga maniacale, come se ogni nota fosse quella decisiva per far sprofondare il mondo. Sonorita` da colossal di Cecil DeMille (ma che raccolgono la spazzatura piu` infima del kitsch) accompagnano l'Odissea di questo Ulisse degli inferi.
Epico e maledetto, il disco vira verso una musica piu` drammatica e pericolosamente "seria" che si ispira agli Artaud e ai Celine piu` invasati e soprattutto alla filosofia di Ballard (desiderio enciclopedico di sperimentare tutte le forme di dolore). La clownesca autoparodia che trapelava dagli sketch dei dischi precedenti e` diventata un morboso autocompiacimento.

A quel punto, pero`, l'attivita` si fa un po' dispersiva e certamente caotica, distribuita fra una serie di pseudonimi.
Con i Wiseblood, ovvero con il polistrumentalista Roli Mosimann degli Swans, aveva gia` registrato i singoli Motorslug/Death Rape 2000 nel 1985 e Stumbo/ Someone Drowned In My Pool nel 1986, ovvero dei caratteristici deliri para-nazisti di libidine (spettacolare lo spiritual per pianoforte di Someone), e l'EP Dirtdish (K.422, 1987). Per quest'ultimo si scomodano personaggi importanti della scena underground di New York, da Robert Quine a Norman Westberg (Swans), da Hahn Rowe (Hugo Largo) alla pianista Phoebe Legere.

Foetus e` innanzitutto e soprattutto un produttore d'alta classe, capace di rendere devastante anche il suono piu` innocuo; figuriamoci quando i suoni sono i suoi, esplosi da tutti gli strumenti all'unisono e per di piu` improntati al suo raccapricciante "superumanesimo": Prime Gonzola non esita a speculare sul suo grugnito selvatico, sugli stacchi sinfonici, sui riff violentissimi di chitarra e su un ritmo hip hop. Anche quando rinuncia al suo arsenale di efferatezze, lasciando in primo piano le sincopi hip hop (come in Godbrain) o una svogliata cadenza blues da palude (come in The Fudge Punch), Thirlwell ottiene risultati sensazionali di tensione e oltraggio.

Nel frattempo la Foetus All-Nude Revue ha pubblicato l'EP Bedrock (Self Immolation, 1987), con lo swing ubriaco alla Tom Waits della title-track (che naturalmente cresce in intensita` ritmica fino a diventare paurosamente assordante) e soprattutto il poema concreto Diabolus In Musica, una delle sue composizioni dadaiste a ritmo frenetico per rumori assortiti, perfettamente congegnati e sceneggiati (mitragliamenti, scricchiolii, campanacci, droni, versi di animali e conati), uno dei suoi brani degni di entrare nel repertorio della musica d'avanguardia.

Nello stesso anno un altro EP, accreditato a Scraping Foetus Off The Wheel, Ramrod, sperimenta (nella title-track) con la stessa violenza di Prime Gonzola una fusione ad altissimo volume sonoro di inserti sinfonici, cadenze hip hop e heavymetal. Thirlwell sta chiaramente mettendo a punto un nuovo tipo di esplosivo. Il secondo brano, Boxhead, e` infatti gia` qualcosa di piu`, di orrendamente piu` chiassoso e travolgente, un concerto a rotta di collo per plotoni di percussioni e nastri di rumori elettronici, sempre fuori misura, sempre fino all'ultimo respiro. Infine Smut, altro eccesso sonoro tutto elettronico, indulge nei ritmi e nelle dissonanze, con cadenze da mezzo cingolato e distorsioni ciclopiche.

Il Meltdown Oratorio (pubblicato sullo stesso EP di Stinkfist) e` invece una testimonianza onora del teatro-performance depravato del duo, che da anni interpreta piece dedicate alle forme piu` squallide e degenerate di pulsione sessuale. Vi si ritrova tutto lo "sgradevole" della sua musica, dai tribalismi detonanti alle distorsioni galattiche, reso con un rinnovato impeto wagneriano.

Un nuovo vertice della sua arte negativa viene toccato l'anno successivo da un'altra sinfonia industriale, Thaw (Some Bizzare, 1988), forse la piu` violenta della sua carriera. Altro lavoro concepito all'insegna del turpiloquio e del crimine piu` laidi e patologici (con "inni" sadomaso del calibro di Don't Hide It Provide It, sorta di voodobilly degenere, bombardato da rhythm-box e deflagrato da salve di rumori elettronici), li mette pero` al servizio alcune delle sue migliori partiture "concrete" per orchestra ed elettronica (Asbestos, Fratricide Pastorale e Barbedwire Tumbleweed), nelle quali continua a maturare quell'idea di un pentagramma che sia soltanto un accumulo disordinato di eventi sonori estremamente emozionanti, senza alcun bisogno di ouverture, "ponti", ritornelli, o altro; senza alcun bisogno di "costruire un'atmosfera", in quanto il brano "e'" l'atmosfera.
La sua indubbia abilita` nell'abusare dei "generi" trapela una volta di piu` dall'hip hop di English Faggot, propulso dalla solita dinamite di rhythm-box, dal gospel di Hauss-On-Fire, recitato nei toni cupi di Nick Cave da un coro di voci invasate come Nick Cave, dallo swing di Dipsomaniac Kiss, uno dei suoi brani piu` creativi con dissonanze in tutte le parti strumentali, dal raga lisergico di Chingada, scosso da urla omicida e da accordi assordanti di pianoforte. Ogni genere viene paurosamente deformato non da una logica di arrangiamento, ma, piu` semplicemente, da una grinta psicotica (e forse infernale tout court).
Thirlwell riscopre anche il piacere di "raccontare" in musica: usando quel suo stile d'arrangiamento (un ennesimo crescendo, traboccante di poliritmi e di rumori periferici, con un riff di heavymetal in evidenza) per accompagnare una storia come quella recitata in A Prayer For My Death ottiene un effetto al tempo stesso lugubre ed epico.
Thaw rappresenta l'ultimo capitolo della trilogia iniziata con Hole e Nail. Pur essendo il piu` debole dei tre, o quantomeno quello meno innovativo, conserva inalterati i tratti iconoclasti della sua arte.
Meno eccentrico ed enfatico di Nail, questo e` pero` l'album che il mondo della musica industriale riesce a capire e a fagocitare, e che sara` pertanto piu` influente sulla generazione di Nine Inch Nails e Cop Shoot Cop.

Un ensemble comprendente membri di Swans e Prong, e denominato Foetus Corruptus, ha registrato l'album doppio dal vivo del 1989, Rife, con qualche inedito. Honey I'm Home, Grab Yr Ankles, Clothes Hoist e l'immane pow-wow di Private War costituiscono altrettante facce del poliedrico inferno morale e sonoro di Thirlwell; dipanano un rosario di preghiere blasfeme che scaraventano sull'ascoltatore una tensione psichica insopportabile. Preoccupato di pubblicizzare il piu` possibile la propria dannazione, Thirlwell indulge pero` in sceneggiate teatrali come Hate Feeler che finiscono per nuocere all'efficacia complessiva.

Foetus Eruptus pubblica nel 1990 (sull'album antologico Sink) il brano Lilith, un incrocio fra un pezzo per orchestra da camera di Schonberg e un coro gregoriano, e Spit On The Griddle, di un sinfonismo piu` "romnantico", benche' ancora caotico e dissonante, ma in cui una qualita` "Brahms-iana" si mescola ai rumori elettronici; a Scraping Foetus Off The Wheel sono accreditati invece Anxiety Attack, un esperimento piu` "leggero" di funk/blues industriale, e altre gag di contaminazione dei generi tradizionali neri (il gospel di The Only Good Christian Is A Dead Christian e soprattutto il jump blues di Halo Flamin Lead) con arrangiamenti industriali.

After another series of singles, including Butterfly Potion (Big Cat, 1990), Incesticide (Big Cat) and Powerhouse (Sympathy, 1991), a grotesque soundtrack for big band; and, after leaving Lydia Lunch, Foetus released Quilombo (Big Cat, 1991) under the moniker Steroid Maximus.
The all-instrumental album marks another impressive achievement within Foetus' opus of instrumental music. This time Foetus turns to jazz with an approach that resembles Arto Lindsay's "negative" deconstruction of latin music. Quilombo mocks jazz improvisation: Foetus the (one-man) bandleader couples a disjointed swing rhythm with a jazz fanfare that runs the gamut from circus music to free-jazz doodling. In another gag, Life In The Greenhouse Effect, the winds fake a horror-movie theme while pounding drums rage all around. Grotesque winds also derail the industrial dance of Powerhouse. The melancholy Miles Daves-ian Spanish trumpet-driven theme of Destino Matar ends with a marching-band fanfare. The effect is a disturbing mixture of comic and tragic.
The one song on the album best represents this unstable mood: a singer croaks the pathetic blues I Will Love You Always, his voice filtered to sound like an oldie and set against a backdrop of catastrophic steel noises and bursts of orchestral melodies.
Foetus' terrorist excursions in jazz alternate with horrible free-form pastiches, horrible because they translate his devastated moral universe into a soundtrack of individual and social agony. The nightmarish wasteland of Radio Raheem is dissonant and fragmentary, roamed by muezzin-like chanting, radio frequencies, spare beats and found noises.
Cross Double Cross is even more terrifying: a running beat, a loud and chaotic distortion, orchestral fragments... no center to hang on to.
Foetus' postmodernism is no less cruel and barbaric than his modernism.
The album contains the four-movement symphony The Bowel Of Beelzebub, the ultimate tribute by Foetus to his favorite theme: hell. The first movement is all symphonic grandeur in the usual (discordant, Nietzsche-ian, industrial) Foetus style. The second movement has little or no music, mainly gospel chanting and clapping. The third is a set of musique concrete (including a female orgasm) and the fourth is a triumphal, symphonic and choral apocalypse. While not one of his major achievements (and definitely out of context in this album), the symphony continues his personal struggle against harmony and peace.

Dopo un'altra serie di singoli, fra cui Butterfly Potion (Big Cat) del 1990, Incesticide (Big Cat) e Powerhouse (Sympathy) del 1991, una fantomatica colonna sonora esotica per big band; e, dopo essersi separato da Lydia Lunch, Steroid Maximus (altro pseudonimo e alter ego) pubblica Quilombo (Big Cat, 1991), un album interamente strumentale che riporta Thirlwell alle consuete vette artistiche. Forse il personaggio si e` reso conto di aver esaurito un filone di ispirazione, di non essere piu` in grado di superarsi, e ha deciso di aprire una nuova fase nella sua carriera.
Il disco e` schizofrenicamente diviso fra imitazioni/parodie dello swing per orchestrina e composizioni d'avanguardia.
La title-track ricostruisce perfettamente il sound e l'atmosfera degli anni ruggenti, ma lo fa incollando insieme dei detriti: il brano e` in realta` dissonante, ma i vari assoli di contrabbasso, maracas, tromba, clarinetto, flauto, sassofono, batteria e le stesse parti orchestrali (ciascuno fedelissimo, autentico, d'epoca) sono come campionati e rimescolati a casaccio, e l'insieme lascia pertanto quell'impressione pur essendo tutt'altro, pur essendo soltanto una specie di puzzle postmoderno.
Life In The Greenhouse Effect usa lo stesso trucco per confezionare una serie di "segni" musicali degli anni '40, perfettamente integrati fra di loro, dalla big band di jazz alla colonna sonora per thriller, dal mambo a Henry Mancini. A coronamento di questa serie di incursioni nel mondo della musica leggera, Transcendental Moonshine e` addirittura una bossanova da night club con una romantica melodia di tromba, e questa volta non c'e' alcun trucco.
Nel frattempo la sua progressione verso la musica "seria" prosegue con la musica concreta di The Heidnik Manoeuvre (una "nuvola" di suoni elettronici senza svolgimento, a scopo puramente "ambientale", che esplora "cluster" di accordi e tonalita`), con la musica da camera etnica, elettronica e orchestrale di Big Hedda Meets Little Napoleon (che tenta invece di far coesistere le timbriche piu` disparate) e con la musica aleatoria di Phantom Miscarriage (una sequenza casuale di suoni acustici ed elettronici, che crea un senso di vento, di voragine, di oltretomba). Sono suite concettuali che si ispirano a Webern, Boulez, Ligeti, Stockhausen. La differenza principale rispetto ai suoi lavori maggiore sta nella quasi totale assenza dei tempestosi poliritmi che erano diventati il suo marchio di fabbrica.
If English is your first language and you could translate the italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.

Anche Wiseblood torna nel 1991, con l'EP Pedal To The Metal (Big Cat), contenente Pedal To The Metal e Hey Bop A Ree Bop e composto all'insegna dei campionamenti di musiche d'anteguerra.

Ma ormai e` Steroid Maximus a dominare il subconscio di Thirlwell. Gondwanaland (Big Cat, 1992) e` un lavoro che tradisce pero` una vena di malinconia, come se il feroce guerriero si fosse stancato di tagliare teste e meditasse sul senso di tanta apocalisse.
It is now Steroid Maximus that dominates Thirlwell's subconscious. Gondwanaland (Big Cat, 1992) betrays a melancholy, pessimistic view, as if the old warrior was tired of the slaughter and was meditating on the sense of such mayhem.
That said, the album is mainly a post-modernist essay in the vein of Frank Zappa's stylistic merry-go-rounds. The overture, Quilombo, is breakneck big-band swing for propulsive drums and grotesquely dueling winds that gets more and more chaotic, and, after a break of exotic percussions and thundering tribal drumming, soars with a cartoonish theme. Life In The Greenhouse Effect is another excursion into swing, exotica and ponderous drumming, but less clownish and more synthetic. One could find similarities with a less jovial Rip Rig & Panic. The cartoonish aspect of these romps is given full freedom with Powerhouse: here the big-band sound is warped and disfigured in a demented bacchanal.
The four-part suite The Bowel Of Beelzebub belongs to another genre altogether: Foetus' love affair with the avantgarde. It begins with a symphonic crescendo before delving into an African ritual for hand clapping and drums. The third movement is musique concrete and dadaism of the naive kind. The fourth movement is the orchestral apotheosis, but one full of dissonances, of bluesy harmonicas, of sinister choirs and cosmic drones. The meaning is cryptic as always, but it is clearly not even close to the blaspheme, punk aesthetics of the early days. Cross Double Cross is another symphonic interlude (albeit with hard-rock guitar messing up the tension).
The soundscape is also permeated by collages of samples and imitations. Radio Raheem juxtaposes an Arabic call to prayer, a Tibetan fanfare and white noise. Destino Matar parodies a Spanish lament for (presumably) matadores. I Will Love You Always is absurdist theater for found voices, bells and sirens, as if Samuel Beckett and Edgar Varese collaborated on a piece for the Cabaret Voltaire: at the end, a symphonic vortex sucks the music into another dimention. And the album closes with Homeo, an ancestral music-box melody for limping clockwork.
In concluding, Steroid Maximus' projects allow Foetus to explore three different styles: the jazz big-band of the 1940s, the orchestral/chamber avantgarde, and the abstract collage.

Gash (Columbia, 1995), vanta anche la chitarra di Marc Ribot, la batteria di Vincent Signorelli (Unsane) e il basso di Tod Ashley (Cop Shoot Cop). Il Beethoven punk intona un omaggio di tre minuti ai Birthday Party, Downfall e chiude il disco con un baccanale epilettico di wah-wah, See Ya Later, brani da far scappare terrorizzato piu` di uno shoegazer britannico.
Ma il grosso del disco e` semplicemente un colossale esercizio di campionamento e manipolazione di generi: il rockabilly a mitraglia di Mighty Whity, il blues a singhiozzo industriale di Mortgage, la discomusic distorta e assordante di Verklemmt, e cosi` via. I travestimenti piu` divertenti di questo inguaribile psicotico vengono quando indossa i panni (ovvero il registro rauco) di Captain Beefheart nel voodoobilly demenziale di Friend Or Foe, quando s'improvvisa direttore d'orchestra nell'ouverture sinfonica di Mutapump, con tutti i violini, le trombe e il coro scatenati all'impazzata, e infine quando si lancia in un altro dei suoi sconsiderati swing degli anni '30, Slung, con i fiati che giostrano attorno a una cadenza da pandemonio. Su tutto troneggiano i suoi crescendo bestiali.

Se mancava soltanto un cenno d'ambientale, l'EP Null (Columbia, 1995) rimedia alla mancanza con Into The Light.

York (Thirsty Ear, 1997) e` la registrazione dal vivo di un'opera messa in scena da Foetus con l'aiuto di Lydia Lunch, david Ouimet e Vinnie Signorelli.

Stabilitosi da tempo a New York, Thirlwell e` diventato la voce del crimine metropolitano: nelle sue partiture si ascolta la violenza urbana come nelle sinfonie di Ives si ascoltava la frenesia del traffico o nelle piece di Varese il lavoro delle fabbriche.

Discepolo autodidatta del Novecento musicale, nei suoi lavori piu` ambiziosi Thirlwell ha pero` dimostrato di essere meno efficace, meno shockante, meno "se stesso", che nei suoi capolavori di musica industriale.

Flow (Thirsty Ear, 2001), the first new Foetus studio album in over six years, presents a calmer, older, inferior Foetus, that hardly resembles the catastrophic punk Wagner of his masterpieces. For an uber-original like him, the heavily percussive chant Quick Fix, the Nine Inch Nails-ain cannibalism of Shun, the pounding techno locomotive of The Need Machine are formulaic and (self-)derivative. Furthermore, a bossanova ballad like Cirrhosis Of The Heart and a big-band jazz caricature like Heuldoch 7B are plain embarrassing. Ideas abound (the frantic jazz-gospel exorcism of Grace Of God, the demented blend of funk, raga and boogie in Someone Who Cares) but are clumsily implemented.
Only the chamber music of Suspect (frenzied thin cymbals, floating violins, pounding drums, dramatic orchestral flourishes, gothic narration), and the subtle orchestration of the two lengthy psychodramas, the eight-minute Mandelay (a slowly-grinding litany amid exotic voices) and the twelve-minute Kreibabe (virtually a multi-part symphony with a wonderful coda of atonal sounds from all the instruments) restore Foetus' credibility as a demented genius. Foetus' compositions have probably never exhibited a more dynamic range, but the changes within a song do not seem to pay off. The songs on this album are basically soundtracks to mini-epics, that fluctuate according to the story. Unfortunately, Foetus is devastatingly powerful when he concentrates all instruments on just one ferocious gesture, not when he stretches them over a sequence of actions.
To his credit, Foetus plays all instruments and especially his work at the drums is amazing. As usual, his singing is not particularly engaging and often detracts rather than adding to the music.

Blow is the companion album to Flow, a collection of remixes by Amon Tobin, DJ Food, Franz Treichler, Kid 606, Pansonic, Phylr, etc.

The same skills at arranging romantically devastated atmospheres shines on the 14-movement symphony Volvox Turbo (Ectopic Ents, 2001), credited to Manorexia.

In theory, Ectopia (Ipecac, 2002) is another chapter of the futuristic exotic lounge music of Steroid Maximus. In pratice, it sounds like the leftovers from the previous albums.

(Translation by/ Tradotto da Maria Dolores Perriello)

Flow (Thirsty Ear, 2001), il primo album registrato in studio da Foetus da piu` di sei anni a questa parte, ci presenta una versione di Foetus piu` tranquilla, piu` in età, in definitiva inferiore, che conserva scarse somiglianze col punk catastrofico con influenze wagneristiche dei capolavori. Per un iperoriginale come lui, la salmodia con pesanti percussioni di Quick Fix, il cannibalismo alla Nine Inch Nails di Shun, il martellante ritmo techno di The Need Machine sono di maniera e autocitanti. In piu`, una ballata in stile bossanova come Cirrhosis Of The Heart e una caricatura di jazz band come Heuldoch 7B sono semplicemente imbarazzanti. Le idee abbondano (il frenetico esorcismo jazz-gospel di Grace Of God, la demenziale miscela di funk, raga e boogie di Someone Who Cares), ma sono realizzate in modo decisamente goffo. Solo la musica da camera di Suspect (piatti sottili suonati convulsamente, violini fluttuanti, percussioni martellanti, plateali svolazzi orchestrali, descrizioni gotiche), e la fine orchestrazione dei due lunghi psicodrammi, otto minuti di Mandelay (una lenta litania frammista di voci esotiche) e dodici minuti di Kreibabe (di fatto una sinfonia a piu` parti con un meraviglioso finale di suoni atonali che si alzano da tutti gli strumenti) restituiscono a Foetus la credibilità di genio demenziale. Probabilmente le composizioni di Foetus non avevano mai esibito un’estensione così dinamica, ma i cambiamenti all'interno di una canzone sembra proprio che non paghino. Le canzoni di quest’album sono essenzialmente colonne sonore di poemi epici in miniatura, che fluttuano con la narrazione per la quale sono pensate. Sfortunatamente, Foetus è devastantemente potente quando concentra tutti gli strumenti su un solo feroce gesto, ma non quando li stira su una sequenza di azioni. A suo onore, Foetus suona tutti gli strumenti e, in particolare, il suo lavoro alle percussioni è sorprendente. Come al solito, il suo modo di cantare non e` particolarmente coinvolgente, e spesso sottrae più che aggiungere alla musica.

Blow e` l'album compagno di Flow, una collezione di remix di Amon Tobin, DJ Food, Franz Treichler, Kid 606, Pansonic, Phylr, ecc. La stessa capacita` di creare atmosfere romanticamente devastate brilla nella simfonia in 14 movimenti Volvox Turbo (Ectopic Ents, 2001), attribuito a Manorexia."

Fetus returned to his industrial roots with Love (Birdman, 2005), resurrecting his aesthetic of violent contrasts and unrelenting shock.
The first two short pieces mark the territory, referencing the two genres in which he has been more successful. The infernal Not Adam is an industrial gallop fueled by harpsichord and violin. The retro Mon Agonie Douce blends a jazzy beat, a Tchaikovsky-ian carillon, a soul organ and cabaret-tish horns. In between lies the orchestral melodrama of the seven-minute Aladdin Reverse, with harpsichord overture, dissonant intermezzo and massive guitar riff. Miracle weds symphonic emphasis and pounding rhythm. The rest, however, is vastly inferior. The weak litany Blessed Evening juxtaposes exotic beat and neoclassical harpdichord. The attempt at IDM in the seven-minute Thrush (6:53) is amateurish at best. When the lyrics drive the music, as in the chaotic Don't Want Me Anymore and How To Vibrate, Foetus rants in vain. This would have been much better as a four-song EP.

Limb (Ectopic, 2010) contains unreleased and reworked material from 1980-1983.

Hide (2010) features opera singer Abby Fischer, Steven Bernstein on trumpet, Leyna Marika Papach from Thirlwell's Manorexia on violin, Elliot Hoffman of Carbomb on drums, and several guests.

Manorexia, one of Foetus' alter egos, released Mesopelagic Waters (2010), a chamber-music remix of old compositions, and Dinoflagellate Blooms (2011) that collects compositions from 2005.

(Translation by/ Tradotto da Emiliano Baggiani)

Foetus torna alle sue radici industrial con Love (Birdman, 2005), resuscitando la sua estetica fatta di contrasti violenti ed implacabili shock sonori.
I due brevi pezzi iniziali caratterizzano l'opera, ricollegandosi ai due generi in cui l'artista ha raccolto più successo. L'infernale Not Adam è un galoppo industrial alimentato da clavicembalo e violino. Il pezzo retrò Mon Agonie Douce unisce invece un ritmo jazz, un carillon alla Tchaikovsky, un organo soul e corni da cabaret. In mezzo a tutto questo si trova il melodramma orchestrale di sette minuti , Reverse Aladdin, aperto da una ouverture di clavicembali ed intervallato da dissonanze e massicci riff di chitarra. Miracle sposa l'enfasi sinfonica alla ritmica martellante. Il resto dell'album, però, è di gran lunga inferiore a questi brani. La fiacca litania di Blessed Evening contrappone ritmi esotici a clavicembali classicheggianti. L'esperimento di Intelligence Dance Music cercato nei sette minuti di Thrush è da ritenersi , al massimo , amatoriale . E quando i testi guidano la musica, come nella caotiche Don't Want Me Anymore e How To Vibrate, Foetus inveisce invano. In conclusione Love sarebbe stato molto meglio come EP di quattro brani.

Limb (Ectopic, 2010) contiene materiale inedito e rielaborato degli anni 1980-1983.

Su Hide (2010) figurano la cantante lirica Abby Fischer, Steven Bernstein alla tromba, Leyna Marika Papach (già vista all'opera con Manorexia) al violino , Elliot Hoffman dei Carbomb alla batteria, ed altri ospiti.

Manorexia, uno degli alter ego di Foetus, rilascia Mesopelagic Waters (2010), remix di vecchie composizioni di musica da camera,e Dinoflagellate Blooms (2011) che raccoglie composizioni a partire dal 2005.


Soak (Ectopic, 2013) is basically an extension of Hide with opera singers Abby Fischer and Natalie Galpern.

Thirlwell also composed the film soundtrack The Blue Eyes (Ectopic, 2013), scored for chamber ensemble, percussion and electronics.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database