Bill Laswell
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Material: Memory Serves , 7/10
Material: One Down , 5/10
Massacre: Killing Time , 6/10
Baselines , 7/10
Material: Red Tracks , 7/10 (comp)
Material: Seven Souls , 7/10
Third Rail: South Delta Space Age , 5/10
Hear No Evil , 7/10
Asian Games , 5/10
Low Life , 5/10
Material: The Third Power , 6/10
Praxis: Transmutation , 7/10 (EP)
Material: Live In Japan , 5/10
Praxis: Sacrifist , 6/10
Divination: Ambient Dub Vol 1 , 6/10
Divination: Ambient Dub Vol 2 , 5/10
Material: Live From Soundscape , 5/10
Material: Hallucination Engine , 5/10
Psychonavigation , 5/10
Visitation , 5/10
Cymatic Scan , 5/10
Axiom Ambient: Lost In Translation , 7/10
Axiom Ambient: Mysteries Of Creation , 6/10
Axiom Funk: Funkcronomicron , 5/10
Praxis: Metatron , 5/10
Second Nature , 5/10
Automaton: Dub Terror Exhaust , 7/10
Automaton: Jihad Points Of Order , 5/10
Silent Recoil: Dub System One , 5/10
Web , 5/10
Valis I: Destruction Of Syntax , 5/10
Somnifix Flux , 6/10
Divination: Akasha , 7/10
Divination: Distill , 4/10
Laswell: Ambient Compendium , 6/10
Sacred System: Cpt 1 - Book Of Entrance, 6/10
Sacred System: Cpt 2, 6/10
Laswell: Bass Terror , 5/10
Laswell: Oscillations , 6/10
Laswell: Oscillations 2 , 6/10
Possession + African Dub: Off World One , 7/10
Arcana: The Last Wave , 6/10
Arcana: Arc Of Testimony , 5/10
APC: APC Tracks , 5/10
Laswell: City Of Light , 5.5/10
Sacred System: Nagual Site , 5.5/10
Praxis: Mold , 5/10
Hashisheen: The End of Law , 4/10
The Dark Side Of The Moog VI , 5/10
The Dark Side Of The Moog VII , 5/10
Massacre: Meridiem , 4/10
Massacre: Funny Valentine , 6/10
Material: The Road To The Western Lands , 4/10
Material: Intonarumori , 4/10
Laswell: Imaginary Cuba Deconstructing Havana , 5/10
Laswell: Invisible Design , 5/10
Laswell: Lo Def Pressure , 6/10
Charged , 5/10
Dub Chamber 3 , 5/10
Permutation , 4/10
Tabla Beat Science: Tala Matrix , 6/10
Cyclops , 4/10
Filmtracks , 4/10
Massacre: Meltdown , 6/10
Radioaxom , 6.5/10
Dub Chamber 4 (2003), 4/10
Shine: Heaven And Hell (2004), 6/10
Blixt (2011), 6.5/10
Links:

Over the course of three decades, Bill Laswell has proven to be one of the most prolific, influential and innovative musicians of the end of the 20th century. His career spans at least three musical genres (rock, jazz, funk and dub) and countless ensembles. His first project, Material, with Fred Maher on drums and Michael Beinhorn on electronic keyboards, was a spin-off of Daevid Allen's band. Their Memory Serves (1981), featuring Fred Frith, Sonny Sharrock on guitar, Billy Bang on violin, George Lewis on trombone and Henry Threadgill on sax, documented Laswell's idea of austere funk and jazz fusion. Material focused on the "groove" with One Down (1982), Laswell and Maher also recorded as Massacre, but their Killing Time (june 1981) was a bit too cerebral. On the other hand, Laswell's first solo, Baselines (1983), achieved an effervescent sound that stood as a summary of 20 years of crossover experiments, from Frank Zappa's big bands to David Byrne's ethno-funk combos. The EP Praxis (1984) was an imaginative "lo-fi" work, with Laswell dueling a drum-machine. Laswell was one of the few rock musicians to be relevant in the history of jazz music, thanks to his collaborations with Herbie Hancock and to his tenure with Last Exit (Sonny Sharrock, Peter Brotzmann, Ronald Shannon Jackson). A new focus emerged with his second solo album, Hear No Evil (1988), featuring L Shankar on violin, Zakir Hussain on percussion and Nicky Skopelitis on guitar, a session that indulged in instrumental jams of exotic new-age music, aiming for a sinister trance, a catatonic stream of consciousness, a sort of revisitation of raga-rock. Material's Seven Souls (1989), featuring the usual wealth of guests, dressed up the band's "no disco" with a production derived from William Burroughs' "cut-up" technique. Yet another ensemble, Praxis, featuring two George Clinton collaborators (bassist Bootsy Collins and keyboardist Bernie Worrell) plus a mixmaster, a drummer and a guitarist (Buckethead), debuted with the EP Transmutation (1992), devised jams of futuristic space-funk (such as After Shock) that merged Clinton and Hendrix, hip hop, speedmetal, jazz-rock, psychedelia and dub. Blind Idiot God, John Zorn, Napalm Death's Mick Harris and the Boredoms' Yamatsuka Eye helped out on Praxis' chaotic and frantic Sacrifist (1994). Another all-star cast popped up on Material's Hallucination Engine (1994), but the occasion only proved that Laswell's multiform persona was running out of steam. A number of pretentious collaborations defined his passion for gothic and ethnic new-age jazz, but only Axiom Ambient's Lost In The Translation (1994), with Ginger Baker, Sonny Sharrock and Pharoah Sanders, was successful. Most of Laswell's energies were poured into ambient psychedelic dub, notably on Automaton's Dub Terror Exhaust (1994) and Divination's Akasha (1995), perhaps his best works of the 1990s. A third avenue, which peaked with Possession's Off World One (1996), had to do with ethnic music, and eventually led him to Indian devotional music. While none of them was flawless, subsequent albums became heterogeneous mosaics of hip hop, jazz, dub, raga, electronica, drum'n'bass, etc: Dub Chamber 3 (2000), with a stellar combo comprising but, rock, jazz and Indian musicians; Tabla Beat Science's Tala Matrix (2001), a project with master percussionists Zakir Hussein, Trilok Gurtu and Karsha Kale; Radioaxom (2001); and so forth. Much more intriguing when he is "constructing" rather than "deconstructing" music, Laswell has invented more genres than he can name them (or fully explore them). Bill Laswell e` una delle personalita` piu` importanti della fine del ventesimo secolo. La sua attivita` si estende dal rock al funk, dal jazz al dub, dall'elettronica all'hip hop. Prendendo lo spunto dal suo maestro Brian Eno, Laswell ha interpretato la musica in senso psicologico e non edonistico e ha trasformato la sua carriera in una ricerca ossessiva della matematica dei generi. La quantita` smisurata della sua produzione discografica fa pero` di Laswell piu` un teorico che un artista. Con ogni disco Laswell dimostra qualche nuova possibilita` della musica, ma raramente vi immette anche emozioni.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.

Nato a Salem (Illinois) nel 1955, Bill Laswell comincio` suonando soul, blues e funk nella zona di Detroit, e imparo` il basso dalle sezioni ritmiche dei musicisti neri.

Laswell giunse a New York nel 1979 e trovo` dapprima lavoro nei Gong di David Allen. Alla fine di quell'esperienza nacquero i Material, un trio sui generis formato da una sezione ritmica (Laswell al basso e Fred Maher alla batteria) e un tastierista elettronico (Michael Beinhorn).

I due Temporary Music (Zu, 1979 e Red, 1981), raccolti in Red Tracks (Elektra, 1985), mostrano l'evoluzione da un funk-rock eclettico e professionale, ma poco creativo, a uno sperimentalismo straniato in cui Stockhausen e Moroder vengono accostati con la massima naturalezza. A nome Material escono anche gli EP American Songs (Celluloid, 1981) e Busting Out (Ze, 1981).

Memory Serves (Celluloid, 1981) e` piu` jazz (persino George Lewis al trombone e Henry Threadgill al sax alto) e quasi completamente strumentale, e segna l'incontro con Fred Frith. Con un funk piu` tagliente, propulso dal basso 8 corde di Laswell e dalle grandini percussive di Maher, l'album si afferma come una pietra miliare della danza "negativa".
Accanto a brani di hard-bop convenzionale, come Disappearing, si incontrano sottili equivoci linguistici. In Upriver la stridula chitarra blues di Sonny Sharrock intona con il violino folk di Billy Bang un indemoniato jig che finisce a ritmo disco. Mutazioni simili decapitano la fanfara campestre di Lewis e Frith in Memory Serves. La chitarra acida e minimale di Frith dilaga invece in Square Dance, punteggiata dai balbettii dissonanti di Lewis e Threadgill (un ballo popolare eseguito sulla falsariga delle sinfonie di Glenn Branca.

Il successivo album One Down (Celluloid, 1982) amplia gli orizzonti alla disco music vera e propria, con ospiti di riguardo che vanno da Nona Hendryx a Whitney Houston, da Archie Shepp a Oliver Lake: Take A Chance e` l'archetipo della loro "no-disco" perturbata da un'infinita` di spunti "colti" che puo` sciogliersi in "groove" ipnotici come Time Out o puo` esplodere in rhythm and blues "arrabbiati" da black power (Come Down e Holding).

When veteran British producer Giorgio Gomelsky invited Henry Cow's and Art Bears' guitarist Fred Frith to New York, Frith met with bassist Bill Laswell and drummer Bill Maher, who were trying to add a dance beat to the music of Art Bears. Frith fell in love with the concept and formed a trio with them, Massacre. They recorded an all-instrumental album, Killing Time (june 1981 - Celluloid, 1982 - ReR, 2005). The thin, atonal and somewhat swinging tone of Frith's guitar dominates the syncopated dance of Legs and the moody variations of Tourism. The guitar paints the disjointed soundscape of the nine-minute Corridor, basically divided into three parts: first loud jazzy semi-melodic glissandoes, then droning feedback and finally sparse atonal phrases. An avalanche of feedback buries the first half of After. But elsewhere the core of the album is the rhythm section. The frantic rhythm that accompanies the wordless vocalizing of Aging With Dignity become even more frantic and inintelligible in Subway Heart, then mutates into the slanted, angular, warped funk machine of Killing Time. Frith's flying dissonances become part of the rhythm section halfway into As Is, another nine-minute track, and a hypnotic tribal orgy. The main drawback of the guitar-intense tracks is that they seem to always change into something else, thus leaving little substance behind them. Other than Frith toying with his instrument, there is little that is memorable. The rhythm-intense tracks may have more potential, but, again, the trio never quite demonstrates that it knows what to do with its peculiar ideas.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Quando il produttore veterano inglese Giorgio Gomelsky invitò il chitarrista Fred Frith degli Henry Cow e degli Art Bears, Frith incontrò il bassista Bill Laswell e il batterista Bill Maher che tentava di aggiungere un ritmo ballabile alla musica degli Art Bears. Frith si innamorò dell'idea e formò un trio con loro, i Massacre, che registrarono un album completamente strumentale: Killing Time (giugno 1981 - Celluloid, 1982 - ReR, 2005). Il tono leggero, atonale, e puttosto ondulante dela chitarra di Frith domina la dance sincopata di Legs e le variazioni lunatiche di Tourism. La chitarra dipinge il paesaggio sonoro frammentato dei nove minuti di Corridor, che è fondamentalmente divisa in tre parti: la prima è ricca di glissando jazz acuti quasi melodici, la seconda è puro feedback "droning", la terza è basata su alcuni fraseggi atonali dispersi. Una valanga di feedback brucia la prima metà di After. Ma altrove il nucleo dell'album è la sezione ritmica. Il ritmo frenetico che accompagna i vocalizzi senza parole di Aging With Dignity diventa ancora più frenetico e inintellegibile su Subway Heart, per poi mutare nella macchina funk spigolosa e deforme di Killing Time. Le dissonanze volanti di Frith diventano parte della sezione ritmica a metà di As Is, un'altra traccia di nove minuti, nonchè un'ipnotica orgia tribale. Il principale inconveniente delle tracce chitarristiche "profonde" è il fatto che diano l'impressione di mutare costantemente, rendendole in questo modo poco sostanziose. Il gruppo, eccetto Frith, scimmiotta con il suo strumento raramente in modo memorabile. Le tracce fortemente ritmiche potrebbero avere più potenziale, ma, ancora una volta, il trio non dimostra sempre di sapere cosa fare con le sue idee originali.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.

Laswell incide poi a nome proprio Baselines (Celluloid, 1983), un album di jazz-funk sperimentale che vanta collaboratori come George Lewis, Ronald Shannon Jackson, Frith, David Moss e altri. L'ensemble conia un sound effervescente fatto danzare su liquidi assoli di basso. Il risultato brilla per inventiva (il delirio percussivo di Hindsight, i cataclismi elettronci e fiatistici di Barricade, le cacofonie surreali di Conservation) e forza d'urto (il funk galattico di Activate, il vulcanico pseudo-blues di Lowlands). Si avvertono le influenze del "bandismo" di Frank Zappa e dell'"etno-funk" di David Byrne.

Quella stagione venne coronata dal singolo Rockit (1983), registrato con il musicista jazz Herbie Hancock, un collage di funk e hip-hop postmoderno. L'album Sound System (1984) che gli fece seguito propose un "crossover" di jazz e hip-hop che era profetico.

Niels Jensen's The New York Street Percussionists (august 1990) documents a collaboration among Jamal Evans (buckets and metals), Robert Russo (keyboards), Bernie Worrel (keyboards), Nicky Skopelitis (synthesizer), Bill Laswell (bass), Niels Jensen (resonator guitar and vocals) and Peter Brotzmann (saxophones).

Deconstruction (Restless, 1993) e` un doppio antologico che raccoglie materiale dalle disparate esperienze di questo periodo.

Virtuoso del basso, Laswell e` anche una delle intelligenze piu` colte e trasgressive della nuova avanguardia rock e jazz. L'esotico melange di melodie soul, ritmi funk, rumor bianco e arrangiamenti rap lo pone in prima fila fra gli agenti catalizzatori piu` creativi.

Bill Laswell continua le sue incursioni nel mondo della musica popolare, non solo attraverso le innumerevoli collaborazioni e produzioni (soprattutto per Herbie Hancock), ma anche con i dischi a proprio nome e quelli a nome Material (la differenza fra i due essendo puramente anagrafica).

Di fatto la sua carriera maggiore non ha fatto altro che riciclare e rifinire le intuizioni geniali della sua giovinezza: il suono sinistro del basso come sottofondo onirico, il ritmo del funk e dell'hip-hop come etere tenebroso per divagazioni intellettuali, il "cut-up" di William Burroughs come metodo compositivo, il ruolo di regista giocato dal produttore che viene esaltato da performer d'eccezione, il jazz come liberta` espressiva e ricerca sui timbri.

La sua carriera solista, che era stata inaugurata da Baselines (Celluloid, 1983), venne interrotta dalla parentesi nei Last Exit di Sonny Sharrock, Peter Brotzmann e Ronald Shannon Jackson. Laswell suona il basso su Last Exit (Enemy, 1986), The Noise Of Trouble (Enemy, 1987), il live Koln (Enemy, 1988), e The Iron Path (Venture, 1988).

Divenuto produttore di grido, Laswell trovo` il tempo di incidere un altro disco solista soltanto nel 1988. Hear No Evil (Virgin, 1988), opera di new age esotica che abusa di ritmi da trance, di melodie sinistre e di flussi di coscienza per costruire atmosfere impressioniste, si avvale del violinista L Shankar e del percussionista Zakir Hussain (entrambi ex collaboratori di John McLaughlin) e del chitarrista Nicky Skopelitis. Laswell vi conia una forma di jam strumentale che ricorre all'improvvisazione soltanto "localmente", in quanto la struttura del brano e` predefinita in maniera geometrica: i musicisti sono liberi di aggiungere orpelli minimi, che non ne alterano l'essenza. E' una tecnica che provoca un effetto ipnotico di trance nell'indianeggiante Bullet Hole Memory e un effetto distorcente di sogno o di droga nel blues catatonico di Illinois Central.
Se Assassin funge da anello di congiunzione con il funk tribale, la tecnica di produzione e assemblaggio di Laswell si spinge invece in tutt'altra direzione con Last Roads, che e` di fatto un collage di piccoli suoni impercettibili, con Kingdom Come, e il suo tenue frastuono di eventi percussivi, e con Stations Of The Cross, che e` un raga rallentato fino alla stasi, fino a svanire in una nuvola di languidi accordi. Laswell non dara` mai seguito a questa linea artistica, che aveva invece sortito risultati di grande suggestione, re-inventando di fatto il raga-rock alla luce delle moderne tecniche di produzione.

Di questo periodo sono anche due collaborazioni prestigiose, Asian Games (Verve, 1988), con Ryuichi Sakamoto, e Low Life (Celluloid, 1989), con Peter Brotzmann.

Seven Souls (Virgin, 1989), di nuovo a nome Material e con un altro stuolo di collaboratori, accentuo` le sue stravaganti tecniche di produzione, utilizzando nientemeno che il "cut up" di William Burroughs. L'araba Ineffect e la messicana Deliver sono brani di "world music" demenziale, in cui il contenuto etnico viene "straniato" immergendolo in un contesto iper-moderno, di divertimento programmato e artificiale. Gli altri brani sono sottofondi musicali per le recitazioni di Burroughs e altri, e pertanto calcolatissimi ingranaggi per la costruzione di atmosfere (apice di lirismo e pathos in The Western Lands). Nicky Skopelitis alla chitarra, Jeff Bora alle tastiere, Simon Shaheen al violino e Aiyb Dieng alle percussioni costituiscono ormai il cuore del suo complesso di accompagnamento.

Nel 1991 Laswell torno` alla sigla Material per Third Power (Axiom, 1991) e all'idea originale di un "all-star-cast" (fra cui Bootsy Collins, Henry Threadgill, Herbie Hancock e Nicky Skopelitis). Laswell si limita a "dirigere" l'orchestra dietro alla console, a guidarla fra le maglie del dub di Reality, dentro l'"acid jazz" di Drive By e infine nella fanfara di Glory. Laswell ha soprattutto ridefinito il concetto di "complesso" e continua a raffinare la qualita` delle armonie, coniando il barocco del reggae-funk elettronico. Gran parte dei brani sono cover, in cui conta soprattutto l'arrangiamento.

L'anno dopo Laswell resuscito` un episodio minore della sua carriera, l'EP del 1984 Praxis (Celluloid, 1984), in cui duettava al basso con una drum machine con risultati spettacolari (balletti/fanfare futuristi come 1984) che gettano le basi per la musica industriale degli anni '90 e al tempo stesso fungono da sutura con gli esperimenti dell'avanguardia (Hymnen di Stockhausen, per esempio).

Praxis e` il nome del complesso costruito attorno a due ex membri dei P Funk All-stars di George Clinton: Bootsy Collins (basso) e Bernie Worrell (tastiere). A loro Laswell affianca un mixmaster (Afrika Baby Bam dei Jungle Brothers sotto lo pseudonimo di Af Next Man Flip), un batterista (Brain dei Limbomaniacs) e un (prodigioso) chitarrista (Buckethead). Il risultato, l'EP Transmutation (Axiom, 1992), e` una ininterrotta jam di space-funk sperimentale che mescola Clinton con Hendrix, incorporando elementi di speedmetal (Dead Man Walking), jazzrock (Giant Robot), psichedelia (The Interworld And The New Innocence), musica industriale (Blast/War Machine Dub), flash-rock (Seven Laws Of Woo) e rap (Animal Behavior), per coniare una forma nevrotica di musica ambientale.
Il disco (e forse l'opera tutta di Laswell) culmina nei sedici minuti di After Shock, un collage pirotecnico che fa da professionista cio` che John Zorn fa da amatore, con veri riff, veri temi melodici, veri assoli (magistrali, soprattutto quello lunghissimo di Worrell nei panni di un Keith Emerson dell'avanguardia dissonante).

Su Sacrifist (Subharmonic, 1994), la continuazione della saga Praxis, l'influenza dei Napalm Death, per via di Zorn, e` molto piu` forte. I brani sono rumorosi, pesanti, frenetici, caotici. L'ensemble comprende, oltre a Zorn e a quelli dell'altra volta, anche Mick Harris (Napalm Death, Scorn), Yamatsuka Eye (cantante dei Boredoms) e i Blind Idiot God. Tutto sommato e` uno dei pochi lavori di cui Laswell avrebbe potuto fare a meno: lui e Zorn a quattro mani riescono a scrivere soltanto l'house banale di The Hook, sicche' alla fine il disco lo salvano i comprimari (il lungo assolo all'organo di Worrell Crossing, l'orgia dissonante di Buckethead Rivet, la suite elettronica di Collins Deathstar).

Il 1994 e` anche l'anno dei Divination, ovvero Laswell, coadiuvato da Buckethead e Skopelitis, alle prese con l'"ambient house", il genere di Orb e soci. Su Ambient Dub Volume 1 e Volume 2 (Subharmonic, 1993) Laswell non puo` competere con Orb, ma nei brani piu` dub (Seven Heavens) costruisce un singolare ponte fra musica cosmica, musica ambientale e musica ballabile. Il secondo volume annovera Jah Wobble, Mick Harris e Jeff Bova. Evil Eye, all'incrocio fra tribalismo africano e dub, rappresenta forse l'apice dell'esperimento.

I Material non sono affatto accantonati: dopo un Live In Japan (Restless, 1994), con Skopelitis, Dieng, Worrell, Ginger Baker e un suonatore di kora a improvvisare su temi etno-funky, l'altro Live From Soundscape (DIM, 1984), e il febbricitante singolo Mantra (con le tabla di Zakir Hussein), nel 1994 e` uscito Hallucination Engine (Axiom, 1994), album molto piu` ambientale del solito che vanta un cast ancor piu` ricco di quello di Seven Souls. Sempre glaciali e bilanciatissimi, il jazzrock di Black Light e il latin-jazz di Eternal Drift, entrambi con Wayne Shorter al sassofono, la suite elettronica di Ruins, con campionamenti esotici, e la lunga Shadows Of Paradise, con Skopelitis e Shankar a colorare le armonie dei loro timbri decadenti, denotano un sound ormai impeccabile, ma anche privo di identita`.

Le incertezze e le ripetizioni di Material e di Praxis (che e` sempre piu` Buckethead e sempre meno Laswell) indicano in realta` che Laswell sta per esaurire una fase. L'etichetta Subharmonic sancisce in effetti l'emergere di un forte alter-ego ambientale, che poco alla volta prende il sopravvento.

E' l'animo del produttore che si tuffa a capofitto in quest'arte di puro artificio, di pura magia di studio. Laswell frequenta i praticoni del genere in Cymatic Scan (Subharmonic, 1995), con Tetsu Inoue, che comprende una composizione di un'ora, Monochrome Existence, con il suo delirio quasi impercettibile, al limite dell'udibile, in Psychonavigation (Subharmonic, 1994), con Pete Namlook, che si inoltra invece nei dedali della psiche, per esempio con i vortici spaventosi di Angel Tech, ma anche nell'elettronica melodica e cadenzata di Black Dawn, Visitation (Subharmonic, 1995), che in Aion arriva a lambire il gotico con le sue sonorita` sinistre, e in Zurvan Akarana affonda nelle sabbie mobili della new age jazz-etnica, e Psychonavigation 2 (Fax, 1996), Psychonavigation 3 (Fax, 1997), Psychonavigation 4 (Fax, 1999) Sono pero` dischi di musica fastidiosamente auto-indulgente, che nei momenti migliori riportano semplicemente alla musica cosmica di Klaus Schulze.

I dischi di Axiom Ambient, Lost In The Translation (Axiom, 1994), con Ginger Baker, Sonny Sharrock e Pharoah Sanders, e Axiom Funk, Mysteries Of Creation (Axiom, 1994), Funkcronomicron (Axiom, 1995), con Sly Stone, Maceo Parker, Anton Fier, Buckethead e tanti altri, sono opere dottrinarie che tentano forse di riassumere vent'anni di ricerche scientifiche sul suono da parte di Laswell, che, avvalendosi di cast sempre piu` spettacolari, cerca di ovviare a una cronica assenza di ispirazione.

Il doppio Funkcronomicron (Axiom, 1995) e` la quintessenza dell'eccentricita` intellettuale di Laswell, un progetto post-moderno di revisione della musica dei P-Funk, che si avvale della partecipazione di quella squadra (compreso George Clinton in persona) e di uno stuolo di ammiratori, giovani (Skopelitis, Buckethead) e vecchi (Maceo Parker). Escono a dirotto il nuovo album dei Praxis, Metatron (Subharmonic, 1994), e Second Nature (Fax, 1995), con Atom Heart e Tetsu Inoue.

A meta` degli anni '90 Laswell lancia progetti in continuazione. A nome Automaton escono dischi di suite dub: Dub Terror Exhaust (Strata, 1994), con l'africaneggiante Asiyah Dub, uno dei suoi capolavori, e Jihad: Points Of Order (Strata, 1995), con Ports Of Entry, il cui rombo assordante e` solcato dalla solita miriade di effetti.

Il Dub System One (Low, 1996) di Silent Recoil funge da summa delle varie direzioni della sua sperimentazione (dub, hip-hop, world-music ed elettronica). Anche Destruction Of Syntax (Subharmonic, 1996) di Valis nasce da un mosaico eterogeneo di hip-hop, ambientale, dub, jungle, e cosi` via.

Sul fronte piu` astratto, Web (Subharmonic, 1996), con Terre Thaemlitz, e` un collage ultraterreno di rumori indecifrabili, anche se Open URL e` insolitamente animato, popolato da borboglii e sibili quasi cosmici.

Somnifix Flux (Subharmonic, 1996), con M.J. Harris, contiene due pezzi di mezz'ora ciascuno, Distal Sonority, un monolitico accumulo di droni minacciosi, e Capacious.

Il picco della sua sperimentazione sul dub rimane il progetto Divination, con la collaborazione di Mick Harris e Haruomi Hosono, Anton Fier e DXT. Il terzo, Akasha (Subharmonic, 1995), e` diviso in una meta` ambientale, che comprende Descent e il suo impasto di suoni alieni centellinati con snervante precisione, e una meta` ritmica, prevalentemente variazioni caotiche ed effervescenti sul jungle come Tangier Space Draft, Navigation e Illuminoid Assassin. A quel disco fa subito seguito un'altra opera a nome Divination, Distill (Sub Meta, 1996), sempre con Mick Harris e Anton Fier.

Bass Terror , su Bass Terror (Sub Rosa, 1995), e` l'ennesima suite di ambient dub (ma le due suite di Nicholas James Bullen rubano la scena).

Ambient Compendium (Esperanto, 1996) fa un rapido riassunto delle sue mille attivita`.

Laswell produce anche il disco dei Nus, All The Vertical Angels (SubRosa, 1996).

Oscillations (SubRosa, 1996), seguito da Oscillations 2 (SubRosa, 1998), sono dedicati al drum'n'bass, che e` quasi l'antitesi del suo dub. Faktura, sul primo, e` una superba fusion di acid jazz e musica Indiana. El Hombre Invisibile, sul secondo, e` un'estenuante collage dedicato a William Burroughs (con Percy Howard al canto, Charles Hayward dei This Heat alla batteria e Fred Frith alla chitarra). They will be collected on Final Oscillations (Quatermass, 2003).

Laswell also contributed to Dubadelic's Bass Invaders (Wordsound, 1998), which, if it were his own, would rank as one of his best albums.

Con Namlook, Laswell registra Outland (Fax, 1995), Outland 2 (Fax, 1996) e Outland 3 (Fax, 1998). I tedeschi Pete Namlook e Klaus Schulze lo coinvolgono anche nella sesta e settima parte del loro monumentale progetto The Dark Side Of The Moog (Fax, 1999).

Dopo aver impresso alla musica rock una svolta di una portata che soltanto Brian Eno puo` eguagliare in qualita` di produttore (con la differenza che Laswell ha operato anche nel mondo dell'hip-hop, ha collaborato a innumerevoli progetti jazz e si e` cimentato anche con le musiche etniche), Laswell ha cavalcato con classe e intelligenza la tigre della musica ambientale, intuendo che da quelle parti (dove tutto sfoca e rinasce) sta il futuro.

A Laswell calza sempre piu` la parte del regista, sempre meno quella dell'attore; sempre piu` quella dell'allenatore, che deve decidere la formazione in funzione della partita da giocare, e sempre meno quella del giocatore. Ma il suo marchio di fabbrica (quel riciclare tutto in una sorta di frullatore musicale lanciato a velocita` supersonica, in maniera che alla fine rimangono soltanto grumi di polpa) e` inconfondibile.

Le sue molteplici escursioni nel mondo dell'elettronica, sempre all'insegna di uno stile barocco, che fonde magico ancestrale e una versione trance e tecnologica del dub, ne stanno facendo l'Ulisse dell'ambientale.

Possession + African Dub is the name of the combo Laswell formed with three African musicians to record Off World One (SubMeta, 1996).

Laswell re-lived the Last Exit experience with Arcana, a trio formed with jazzmen Tony Williams and Derek Bailey, on The Last Wave (DIW, 1996). Arc Of Testimony (Island, 1998) features Williams on drums, Buckethead on guitar, Pharoah Sanders on sax and Graham Haynes on trumpet.

APC Tracks (APC, 1996) is a collaboration with French musicians.

Inna Dub Meltdown (WordSound, 1997) is a collaboration with reggae drummer Style Scott.

The four tracks of City Of Light (SubRosa, 1997), graced with Lori Carlson's spoken words, Trilok Gurtu's percussions (Nothing) and Tetsu Inoue's electronics (Kashi), reveal Laswell's love for classical Indian music. The 11-minute Above The Earth is quintessential Laswell. Kala (13:06) is a collaboration with Coil.

South Delta Space Age (Antilles, 1997) is credited to Third Rail, an all-star combo that features dinosaurs of jazz (James Blood Ulmer on guitar), funk (Worrell on keyboards, Ziggy Modeliste on drums) and blues (Amina Claudine Meyers on organ). Unlike most Laswell productions, this one is played with a raw and barbaric energy, like a garage-rock band would (Grounded, Blues March, First Blood, In The Name Of). On the other hand, the musicians' tight funk-blues jamming is on display in the extended Dusted and Funk All Night.

Dreams Of Freedom (Island, 1997) is a "remix" of Bob Marley songs. Panthalassa (Columbia, 1998) does the same to Miles Davis.

The project Sacred System was started by Cpt 1 - Book Of Entrance (1996), that consists of five trancey dub suites, especially Cyborg Assault, Babylon Ghost and Sub Terrain. Chapter 2 (1997) is instead dedicated to Miles Davis' jazz-rock. Nagual Site (Wicklow, 1998) is dedicated to Indian devotional music, although manipulated through the techniques of jazz, ambient and dub. It contains Black Lotus (10:13), a collaboration with Jah Wobble (Driftwork), a collaboration with jazz trumpeter Graham Haynes (X-Zibit-i), and a few compositions by Bill Buchen and Gulam Mohamed Khan.

Hashisheen's The End of Law (SubRosa, 1998) is a star-studded album dedicated to William Burroughs even if the title is inspired by a medieval Persian guru.

Reanimator's Black Market Science (Ion, 1998) is a compilation of modern dub masters.

Praxis' Mold (Yikes, 1998) fuses ambient, drum'n'bass and dub in mesmerizing pieces like Meldt.

In January of 1998 two thirds (Frith, Laswell) of Massacre reformed 17 years after their first and only album (but with This Heat's Charles Hayward on drums) to back soul singer Percy Howard for his Meridiem (Materiali Sonori, 1998). Funny Valentine (Tzdik, 1998) is a much worthier successor to the Massacre masterpiece.

Material remained Laswell's main focus, but the remixes of The Road To The Western Lands (Triloka, 1998) and the hip-hop experiment Intonarumori (Axiom, 1999) sounded very trivial and amateurish. With so many mediocre recordings, Laswell is slowly managing to convince everybody that he was one of the most over-rated artists of his age.

Imaginary Cuba Deconstructing Havana (Wicklow, 1999) is a recreation of Cuban music, but still filtered through the ambient, jazz and Indian perspective of Bill Laswell.

Invisible Design (Tzadik, 1999) is a solo bass record.

Permutation (Ion, 1999) features Bill Laswell on bass, guitar and keyboards,Nicky Skopelitis on guitar; Lance Carter on drums; Robert Musso on programming and two samplers who shower the album with exotic instruments. Laswell is again experimenting with wild fusions styles, crossbreeding world-beat with drum'n'bass. Skopelitis steals the show.

Emerald Aether's Shape Shifting (Shanachie, 2000) is remixes of celtic music.

Lo Def Pressure (Quatermass, 2000) attempts a fusion of eastern music and drum'n'bass in two lengthy suites.

Dub Chamber 3 (ROIR, 2000) is more of the same but with a stellar combo that features trumpeter Nils Petter Molvaer (Beyond The Zero), keyboardist Craig Taborn (Devil Syndrome), guitarist Nicky Skopelitis, tablaist Karsh Kale and bassist Jah Wobble. The four lengthy dub/jazz jams offer another routine fusion of Indian music, electronica, jazz, drum'n'bass, ambient music and hip-hop, with tablas prominent on Beyond The Zero, Wobble and Skopelitis stealing the show on Cybotron. jazz elements dominating in Devil Syndrome. A Screaming Comes Across The Sky is the most interesting, a sort of marriage between ambient and progressive.

Charged (Apollo, 1999) is a collaboration with Eraldo Bernocchi on electronics and Toshinori Kondo on electric trumpet, and, again, offers a fusion of jazz, funk, hip-hop, drum'n'bass.

Tabla Beat Science is a project with master percussionists Zakir Hussein, Trilok Gurtu and Karsha Kale. Tala Matrix (Axiom, 2001) is, finally, an album full of energy and passion (Secret Channel), although the standout track is, possibly, the soothing Magnetic.

Cyclops (Emusic, 2001), featuring Karsh Kale on percussions, Toshinori Kondo on trumpet and a rapper, is more of the same.

Praxis also released the live Warszawa (Innerhythmic, 2001), with the collaboration of two scratchers.

Filmtracks (Tzadik, 2000) continues his exploration of world-music with the help of an all-star cast.

In the meantime, drummer Charles Hayward of This Heat joined Laswell and Frith in the newest version of Massacre. The trio's live performance is documented on Meltdown (Tzadik, 2001).

Radioaxom (Axiom, 2001) is a collaboration with Jah Wobble (also Nick Skopelitis, Graham Haynes, etc) and one of his best albums in a long time. Subcode explores a Miles Davis-ian theme, with Haynes' cornet gracing the thick Afro-beat, and extra-terrestrial organ (Amina Claudine Myers) rising like a mirage. Cornet and trumpet duet at the beginning of Second Sight, which then delves into psychedela with a bluesy organ solo and then picks up speed over feverish funky lines. The team is unusually frivolous, even clownesque at the beginning of Orion, before letting a melancholy cornet soar over a cryptic landscape of suspenseful noises and sounds. The album is more successful than previous outings in part because the mood is so much more upbeat. The effervescent, reverberating, Indian-esque Alsema Dub sets the pace for the busy tribal Virus B, where ghostly strains of trumpet and organ collide again with funky bass lines, but in an even more surreal fashion. Two pieces even introduce a "catchy" element: the jazzy, Caribbean cartilage of 6th Chamber is scoured by galactic melodies, and hummed vocals float in Alam Dub.

Dub Chamber 4 (ROIR, 2003), also known as Book of Exit, uses a completely different line-up from the previous "dub chamber" project and is simply a pretext for some progressive jamming.

Heaven And Hell (Innerhythmic, 2004) is credited to Shine, the project of Bill Laswell, Buckethead, Robert Musso and Shin "Chaos Face" Terai.

Episome (Tzadik, 2006) was the power-trio of Otomo Yoshihide (on electric guitar), Ruins' drummer Yoshida Tatsuya and bassist Bill Laswell.

The Only Way To Go Is Down (2006) inaugurated another project, Method Of Defiance, a trio with drummer Guy Licata and dj Submerged devoted to a deviant version of drum'n'bass. Inamorata (2007) was a jazzier workout, featuring guests such as Herbie Hancock, Dave Liebman, Buckethead, Nils Petr Molvaer, John Zorn, Toshinori Kondo, Pharoah Sanders.

Massacre's Lonely Heart (2007) documented a live 2003 performance by Laswell, Frith and Maher.

Method of Defiance (Laswell with drummer Guy Licata and trumpetist Toshinori Kondo) released The Only Way To Go Is Down, Inamorata, and Nihon (2009), that also featured keyboardist Bernie Worrell and Doctor Israel on vocals, electronics and effects. They were followed by Jahbulon (2010), a foray into hip-hop music, that added guitarist Dominic Kanza to the quintet. Incunabula (2011) featured Toshinori Kondo on trumpet.

Near Nadir (august 2010) documents a live collaboration between percussionist Mark Nauseef, Ikue Mori (on electronics), Evan Parker (on soprano sax), and bassist and composer Bill Laswell.

Blixt (Cuneiform, 2011) was a collaboration with Finnish guitarist Raoul Bjorkenheim of Krakatau and Swedish drummer Morgan Agren of the Mats/Morgan Band. The album takes numerous brief detours: the demonic monster groove of Black Whole, the witty funk-pop of Moon Tune, the gloomy cacophony of Tools, the agonizing lysergic blues of Storm, the frenzied Hendrix-ian nightmare 10 4-4-4-4-2-2-2-5-2, and especially the menacing and martial uber-metal of Cinque Roulettes; but its (more radiant) core is to be found in the lengthy Zen-like meditation of Ghost Strokes and in the eleven-minute space jam Invisible One (that at time evokes the suspenseful and magic atmosphere of Peter Green's The End of the Game). The album is largely Bjorkenheim's personal show, aided by the best rhythm section of his career.

Rise Again (2011) was a mediocre collaboration between Lee Perry and Bill Laswell.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Possession + African Dub è il nome del complesso composto da tre musicisti africani che Laswell fondò per registrare Off World One (SubMeta, 1996).

Laswell rivisse L'esperienza dei Last Exit con gli Arcana, un trio comprendente i jazzisti Tony Williams e Derek Bailey, che pubblicarono The Last Wave (DIW, 1996). Su Arc Of Testimony (Island, 1998) collaborò con Williams alla batteria, Buckethead alla chitarra, Pharoah Sanders al sassofono e Graham Haynes alla tromba.

APC Tracks (APC, 1996) è una collaborazione con alcuni musicisti francesi.

Inna Dub Meltdown (Wordsound, 1997) è una collaborazione con il baterista reggae Style Scott.

Le quattro tracce di City Of Light (SubRosa, 1997), onorate dallo spoken word di Lori Carlson, dalle percussioni di Trilok Gurtu (Nothing) e dall'elettronica di Tetsu Inoue (Kashi), evidenziano l'amore di Laswell per la musica classica indiana. Gli undici minuti di Above The Earth sono la quintessenza dello stile di Laswell. Kala (13:06) è una collaborazione con i Coil.

South Delta Space Age (Antilles, 1997) è attribuito a Third Rail, un super-complesso al quale collaborarono giganti del jazz (James Blood Ulmer alla chitarra), del funk (Worrel alle tastiere, Ziggie Modeliste alle percussioni) e del blues (Amina Claudine Meyers all'organo). A differenza della maggior parte delle produzioni di Laswell, questa è suonata con energia pura e barbarica, allo stesso modo di come la proporrebbe un gruppo garage-rock (Grounded, Blues March, First Blood, In The Name Of). Il funk-jazz serrato del gruppo è, invece, proposto nell'estesa Dusted And Funk All Night.

Dreams Of Freedom (Island, 1997) è un "remix" delle canzoni di Bob Marley. Panthalassa (Columbia, 1998) fa la stessa cosa con Miles Davis.

Il progetto Sacred System debuttò con Cpt 1 - Book Of Entrance (1996), un album composto da cinque suite dub in "trance", specialmente Cyborg Assault, Babylon Ghost e Sub Terrain. Chapter 2 (1997) è invece dedicato al jazz-rock di Miles Davis. Nagual Site (Wicklow, 1998) è dedicato alla musica religiosa indiana, qui manipolata con le tecniche del jazz, dell'ambient e del dub. Esso contiene Black Lotus (10:13), una collaborazione con Jah Wobble (Driftwork), una collaborazione con il trombettista jazz Graham Haynes (x-Zibit-i) e qualche composizione di Bill Buchen e Gulam Mohamed Khan.

The End Of Law (Subrosa, 1998), attribuito agli Hashisheen, è un album costellato di celebrità e dedicato a William Borroughs, benché il titolo faccia riferimento ad un guru persiano medievale.

Reanimator Black Market Science (Ion, 1998) è un'antologia di maestri del dub moderno.

Mold (Yikes, 1998), attribuito ai Praxis, fonde ambient, drum 'n' bass e dub in brani ipnotici quali Meldt.

Nel gennaio del 1998 due terzi dei Massacre (Frith e Laswell) si riunirono dopo diciassette anni dal loro primo e unico album (questa volta è però presente il batterista dei This Heat Charles Hayward). Recuperando il cantante soul Percy Howard realizzarono Meridiem (Materiali Sonori, 1998). Funny Valentine (Tdzik, 1998) è un successore più meritevole del capolavoro dei Massacre.

I Material rimasero il bersaglio principale di Laswell, ma i remix di The Road To The Western Lands (Triloka, 1998) e l'esperimento hip-hop Intonarumori (Axiom, 1999) risultavano molto banali e amatoriali. Con così tante registrazioni mediocri, Laswell stava lentamente convincendo chiunque di essere uno degli artisti più sopravvalutati della sua era.

Imaginary Cuba Decostruncting Havana (Wicklow, 1999) è un divertimento di musica Cubana (filtrata nuovamente con l'ambient, il jazz, e la prospettiva "indiana" di Bill Laswell).

Invisible Design (Tzadik, 1999) è un album per solo basso.

Su Permutation (Ion, 1999) collaborarono Bill Laswell al basso, alla chitarra e alla tastiera; Nicky Skopelitis alla chitarra; Lance Carter alla batteria; Robert Musso alla programmazione e a due campionatori (che inondano l'album di strumenti esotici). Laswell sta ancora sperimentando con fusioni selvagge di stili, incrociando la world-beat con la drum'n' bass. Skopelitis ruba la scena.

Emerald Aether's Shape Shifting (Shenachie, 2000) contiene alcuni remix di musica celtica.

Lo Def Pressure (Quatermass, 2000) tenta una fusione di musica orientale e drum 'n' bass in due lunghe suite.

Dub Chamber 3 (ROIR, 2000), album migliore rispetto alle solite produzioni, venne realizzato con un complesso stellare che comprendeva il trombettista Nils Petter Molvaer (Beyond The Zero), il tastierista Craig Taborn (Devil Syndrome), il chitarrista Nicki Skopelitis, il suonatore di tabla Karsh Kale e il bassista Jah Wobble. Le quattro lunghe jam dub/jazz propongono un'altra routine fusion di musica indiana, elettronica, jazz, drum 'n' bass, ambient e hip-hop. Le tablas dominano in Beyond The Zero, Wobble e Skopelitis rubano la scena su Cybotron, mentre prevalgono elementi jazz in Devil Syndrome. La traccia più interessante è A Screaming Comes Across The Sky, un connubio tra ambient e rock progressivo.

Charged (Apollo, 1999) è una collaborazione con Ernaldo Bernocchi all'elettronica e Toshinori Kondo alla tromba elettrica, che, ancora una volta, propone una fusione di jazz, funk, hip-hop, drum 'n' bass.

Tabla Beat Science è un progetto con i maestri delle percussioni Zakir Hussein, Trilok Gurtu e Karsha Kale. Tala Matrix (Axiom, 2001) è a tutti gli effetti un album pieno di energia e passione (Secret Channel). La traccia migliore è probabilmente la rilassante Magnetic.

Cyclops (Emusic, 2001), in collaborazione con Karsh Kale alle percussioni, Toshinori Kondo alla tromba e un cantante rap, è migliore rispetto alle solite produzioni.

I Praxis pubblicarono anche il live Warszawa (Innerhytmic, 2001) collaborando con due scratcher.

Filmtracks (Tzadik, 2000) prosegue la sua esplorazione di world-music con l'appoggio di un cast stellare.

Nel mentre il batterista Charles Hayward dei This Heat collaborava con Laswell e Frith nella nuova uscita dei Massacre. L'esibizione dal vivo del trio è documentata su Meltdown (Tzadik, 2001).

Radioaxom (Axiom, 2001) è una collaborazione con Jah Wobble (più Nick Skopelitis, Graham Haynes, ecc...) nonchè uno dei lavori migliori dopo tanto tempo. Subcode esplora un tema alla maniera di Miles Davis con il cornetto di Haynes che onora l'afrobeat, mentre un organo extraterrestre (Amina Claudine Myers) affiora come un miraggio. Il cornetto e la tromba duettano all'inizio di Second Sight che eslora successivamente la psichedelia con un organo solista blues per poi prendere velocità su linee funky febbrili. La squadra è insolitamente frivola, anche clownesca all'inizio di Orion, prima che un cornetto venga lasciato vibrare in un enigmatico paesaggio sonoro di suoni e rumori sospesi. L'album è più riuscito delle esplorazioni precedenti in parte perchè l'umore della musica è più ottimista. L'effervescente, riecheggiante e "indianeggiante" Alsema Dub imposta l'andatura per la tribale e irrequieta  Virus B, in cui le distorsioni della tromba e dell'organo collidono nuovamente con linee di basso funky in una foggia ancora più surreale. Due tracce introducono anche qualche elemento "orecchiabile": la cartilagine jazzy-caraibica esplorata da melodie galattiche  di 6th Chamber e le voci borbottanti e fluttuanti di Alam Dub.

Dub Chamber 4 (ROIR, 2003), conosciuto anche con il nome di Book Of Exit, fa leva su una formazione completamente diversa rispetto al precedente progetto "dub chamber" e rappresenta solo un pretesto per produrre alcune jam progressive. 

Heaven And Hell (Innerhytmic, 2004) è attribuito agli Shine, il progetto di Bill Laswell, Buckethead, Robert Musso e Shin "Chaos Face" Terai.

Episome (Tzadik, 2006) era il power-trio di Otomo Yoshihide (alla chitarra elettrica), il batterista dei Ruins Yoshida Tatsuya e il bassista Bill Laswell.

The Only Way To Go Is Down (2006) inaugurava un altro progetto,i Method Of Defiance, un trio composto dal batterista Guy Licata e il dj Submerged, qui devoti ad una versione deviante del drum 'n' bass. Inamorata (2007) era un esercizio più jazz in cuicollaborarono ospiti quali Herbie Hancock, Dave Liebman, Buckethead, Nils Petr Molvaer, John Zorn, Toshinoro Kondo e Phoroah Sanders.

Lonely Heart (2007), attribuito ai Massacre, documentava un'esibizione dal vivo del 2003 di Laswell, Frith e Maher.

Method Of Defiance (Laswell con il batterista Guy Licata e il trombettista Toshinori Kondo) pubblicarono The Only Way To Go Is Down, Inamorata e Nihon (2009), al quale parteciparono il tastierista Bernie Worrell e Doctor Israel alla voce, all'elettronica e agli effetti elettronici. Questi vennero seguiti da Janbulon (2010), un'incursione nella musica hip-hop che aggiungeva il chitarrista Dominic Kanza al quintetto e Incunabula (2011) che presentava Toshinori Kondo alla tromba.

Near Nadir (agosto 2010) documenta una collaborazione dal vivo tra il percussionista Mark Nauseef, Ikue Mori (all'elettronica), Evan Parker (al sassofono soprano) e il bassista e compositore Bill Laswell.

Blixt (Cuneiform, 2011) era una collaborazione tra il chitarrista finlandese Raoul Bjorknheim dei Krakatau e il batterista Morgan Agren della Mats/Morgan Band. L'album fa numerose brevi variazioni: il groove demoniaco di Black Whole, lo spiritoso funk-pop di Moon Tune, la cacofonia deprimente di Tools, il blues lisergico e agonizzante di Storm, l'incubo hendrixiano frenetico di 10-4-4-4-4-2-2-2-5-2, e soprattutto lo "uber-metal" marziale di Cinque Roulettes; ma il nucleo più brillante del disco si trova nella lunga meditazione zen di Ghost Strokes e negli undici minuti della jam spaziale Invisible One (che allo stesso tempo rievoca l'atmosfera nagica e sospesa di The End Of The Game di Peter Green). L'album è di gran lunga lo spettacolo personale di Bjorkenheim, che vi aggiunge la miglior sezione ritmica della sua carriera.

Rise Again (2011) era una mediocre collaborazione tra Lee Perry e Bill Laswell.

Means Of Deliverance - Solo Acoustic Bass Guitar (2012) è un album per basso solista.

Praxis (keyboardist Bernie Worrell, drummer Brain and guitarist Buckethead, vocalists and guests such as the Ruins' drummer Tatsuya Yoshida, turntablist Otomo Yoshihide and Mike Patton) returned with Profanation: Preparation For A Coming Darkness (2008).

Means Of Deliverance - Solo Acoustic Bass Guitar (2012) is a solo acoustic bass album.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

Love Me Tender: Live 1999 & 2008 (Tzadik, 2013) collects live performances by Massacre (Fred Frith, Bill Laswell and Charles Hayward).

Method of Defiance's Nahariama: 4th Column, featured Funkadelic's Bernie Worrell, Guy Licata and Dr Israel, keyboardist Robert Burger, and cornetist Graham Haynes.

The Road To Jajouka (2013) features music by Ornette Coleman and John Zorn (alto saxes), Marc Ribot (banjo), Lee Ranaldo (guitar), John Medeski (Hammond organ), Bill Laswell and Chris Wood (basses), Billy Martin and Mickey Hart (drums) along with the Master Musicians of Jajouka from Morocco.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database