Stars Of The Lid


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Music For Nitrous Oxide, 6.5/10
Gravitational Pull , 6/10
Ballasted Orchestra, 7/10
Per Aspera Ad Astra, 5/10
Avec Laudenum, 6.5/10
Aix Em Klemm, 5/10
The Tired Sounds Of , 7.5/10
Dead Texan: Dead Texan (2004), 6/10
Brian McBride: When The Detail Lost Its Freedom (2005), 5/10
And Their Refinement Of The Decline (2007), 6.5/10
A Winged Victory for the Sullen: A Winged Victory for the Sullen (2011), 6.5/10
Links:

Stars Of The Lid, il duo chitarristico di Austin composto da Adam Wiltzie e Brian McBride, si mise in luce con la musica rigorosamente ambientale di Music For Nitrous Oxide (Sedimental, 1995), in particolare Down.
Wiltzie nel frattempo aveva suonato con i Bedhead e con i Windsor For The Derby, altre due belle promesse della scena texana.

Gravitational Pull Vs The Desire For An Aquatic Life (Sedimental, 1996 - Kranky, 1997) verte sulla manipolazione artificiale di suoni "trovati" e di suoni acustici. I due sperimentatori li fanno mutare con metodica precisione, con certosina pignoleria, cuocendoli al fuoco lento dei loro macchinari. I suoni alieni di Cantus II scavano nel subconscio usando un misto di tecniche che vanno dal Brian Eno del periodo "discreto" lle partiture piu` calme del primo Klaus Schulze. The Better Angels Of Our Nation Per Jan 69 e` come se avessero dilatato all'infinito un secondo di una delle performance dal vivo dei primi Throbbing Gristle. I droni fluttuanti di Lactate's Moment si fondono e confondono secondo un'arte quasi matematica di incastri. Dietro Be Little With Me si nasconde Amazing Grace, resa irriconoscibile dal modo in cui sono state allungate le note. Queste piece sono lunghe volute di suono astratto, il cui unico scopo e` di propagarsi ad libitum. E` musica in cui accade molto poco, musica di sottofondo, anche se certamente non di relax, musica ambientale spigolosa, che tiene ben desto l'intelletto e paralizza il corpo.
Stampato originariamente in sole 700 copie, l'album e` stato riedito su CD nel 1997.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Ballasted Orchestra (Kranky, 1997), primo dei loro capolavori, e` un doppio album della durata di ottanta minuti. La lunga distanza consente al duo di sviluppare le proprie idee con calma, avvalendosi anche di armonica, didgeridoo e suoni naturali, tutti mascherati dentro il viluppo di droni che costituisce la loro musica. Piu` trascendentemente orientale di tanta altra ambientale eseguita con chitarre rock (Seefeel, Main, Labradford, gli stessi compagni di scuderia Doldrums), quella di Sun Drugs (dodici minuti) e` un'arte leziosa di lasciare che i suoni si suonino da se`, secondo la piu` pura interpretazione del codice di Brian Eno. Taphead (dodici minuti) pesca dal subconscio collettivo reperti nostalgici di musica classica e musica cosmica, appunti di Stockhausen e schizzi di Schulze, e mette in moto un vortice di sibili extragalattici.
L'emozione, che e` stata fin qui la grande assente, arriva con i tintinnii metallici e le plumbee dissonanze di Fucked Up. E` soltanto una parentesi, prima che il meccanico flusso di sonorita` astratte riprenda con le due parti di Music For Twin Peaks Episode #30 (otto minuti di raga minimalista la prima, tredici di collage di frequenze alla Alan Lucier la seconda), prima di chiuedere con la serenita` celestiale, quasi new age, di The Artificial Pine Song (diciotto minuti), nel lento ripetersi e mescolarsi di voci d'angeli e di frasi d'organo.
Indubbia la maestria di fusione e fissione dei suoni, meno certa la mano nel disegnare trame e affreschi che non siano soltanto pretesti per sottofondi.
Stars Of The Lid is an Austin duo (Adam Wiltzie and Brian McBride), whose past recordings "Songs For Nitrous Oxide" (Sedimental) and "Gravitational Pull Vs The Desire For An Aquatic Life" (Sedimental), both in an ambient-rock vein, went largely unnoticed. Wiltzie also played with Bedhead and Windsor For The Derby (more texan psychedelia). The new album (two CDs, for a total of 80 minutes) allows them to fully develop their post-ambient style. Harmonica, didgeridoo and natural sounds (and possibly more) are added to the mix, but their contribution is negligible within the overall program. What truly matters here (as in Seefeel, Main, Labradford, Doldrums) is the idea that sounds should play themselves, as per Brian Eno's ambient codex. Here and there, one can hear debris of classical music, of Klaus Schulze, of Karlheinz Stockhausen, of Alvin Lucier; and the technique floats from wild dissonance to tonal impressionism, from raga to minimalism. But what is being played is the collective subconscious. SOTL weaves a flow of trascendental sounds which aim for a celestial (almost new agey) serenity.

Dopo l'EP Maneuvering The Nocturnal Hum (Earworm, 1997), esce Per Aspera Ad Astra (Kranky, 1998), che usa come strumento (e pretesto pubblicitario) la pittura di Jon McCafferty. In realta` il duo continua a produrre musica ambientale nella vena dei tardi Cluster traendo dalle chitarre droni dai timbri sibillini. Il disco e` spartito in due suite, Low Level Listening e Anchor States, di tre movimenti ciascuna. La prima e`, come dice il titolo, occupata a far vibrare i toni in punta di piedi: succede poco, e quel poco non e` molto creativo. La seconda inizia con una musica da camera per archi ma presto si adagia nella stessa nenia senza idee. Al confronto i Main sono dei Beethoven. If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Avec Laudenum (SubRosa, 1999) is an even more dilated work of transcendental drones, but it introduces a melodic element that was missing in the cacophony, especially in the three-part symphony Atomium and in Dust Breeding.

Aix Em Klemm is a side-project of Stars Of The Lid's Adam Wiltzie, joined by Labradford's bassist Bobby Donne. Aix Em Klemm (Kranky, 2000) is a collection of "songs" (a few of them really sung by Wiltzie) over bass, guitar and electronic arrangements. The melodies are diluted in a sea of sound effects. The Girl With The Flesh Colored Crayon is drowned in a menacing, orchestral drone. The hypnotic theme of Sophteonal floats in a cloud of echoes while tinklings of guitar and bass slowly decompose in amorphous noises. The method is always intriguing, but ultimately this is not too different, for better and for worse, from Stars Of The Lid. Luxury Of Dirt and Sparkwood are just ambient pieces, tenderly adrift and projecting a new age-ish sense of calm and serenity.

The Tired Sounds Of Stars Of The Lid (Kranky, 2001), a double-disc collection of six suites in several movements each, and their second masterpiece, explores melody and movement and it displays a more formal and austere posture. The swirling patterns of Requiem For Dying Mothers are intimate poetry that touches the heart, but rely on coldly geometric structures: the first movement borrows from Philip Glass and Nobukaza Takamura, the second from Irrlicht-period Klaus Schulze, the third from Robert Ashley's colloquial/lounge operas). This piece highlights the pictorial quality (not realistic portraits, but vast impressionistic frescoes) and the subliminal quality (of reaching for the most remote areas of the soul) in SOTL's art.
Broken Harbors picks up from there, from Klaus Schulze's cosmic wandering and from Monet's symphonies of colors. The music is now subdued and relaxed, the music of a slowly revolving galaxy as a painter would imagine it.
The technique of floating melodic fragments is poetically effective also in lonely pieces like Mullholland and especially the sumptuously elegant and discreet Piano Aquieu (the musical equivalent of Monet's "Water Lilys").
Most of the album is inevitably soothing and hypnotic, perfect for new age relaxation or acid trips. But the floating clusters of Austin Texas Mental Hospital, halfway between Tibetan mantras, Gordon Mumma's apocalyptic pieces and Diamanda Galas' musical hell, deliver a powerful emotional shock (this is the real requiem of the album) and show potentialities still to be fully understoot.
Technically, this is music for a single instrument. Whatever the sources are, they are fused in one multi-faceted sound (a sort of cosmic wave) that acts as the only instrument (with an otherwordly effect).
There is a majesty and a grandeur to these pieces that recalls Messiaen's sacred music for organ.
This is a culmination of sort, as the duo veers from its psychedelic/ambient/noise (basically, rock) beginnings towards a more classical form and more classical structures.

Dead Texan (Kranky, 2004) is another side-project of Stars Of The Lid's Adam Wiltzie, this time with visual artist Christina Vantzou. Wiltzie's scores are quiet neoclassical vignettes inspired by the film music of Zbigniew Preisner and George Delerue. Despite the obnoxious titles, there are some pieces of awe-inspiring grace: The Six-million Dollar Sandwich sounds like a snippet of an orchestral adagio shot to a distant orbit and periodically returning to visit the Earth; A Chronicle of Early Failures is tender life whispered to the stars; La Ballade d'Alain Georges hypnotizes with a minimalist cycle of tinkling piano and droning strings. It all sounds like Brian Eno's Before And After Science done... before and after science.

Stars Of The Lid's multi-instrumentalist Brian McBride debuted solo with When The Detail Lost Its Freedom (Kranky, 2005), twelve ambient instrumental vignettes. After the sensual breathing of Overture, which displays the delicate texture of Harold Budd's early works, A Gathering sets the tone for a fusion of minimalist repetition, cosmic music and baroque music that never quite materializes. Instead, McBride takes a number of detours in different directions, notably the mournful trombone elegy of The Guilt, enhanced with spaced-out female vocals, shimmering guitar tones and distorted trumpet. His attempt at joining the ranks of the psychedelic folk ballad (the fad of 2005) with Our Last Moment In Song (the only vocal track) turns out to be not as misguided as it appears to be. However, the album as a whole leaves one disappointed that none of these intriguing ideas was more fully developed.

(Translation by/ Tradotto da Marco Spagnuolo)

Avec Laudenum (SubRosa, 1999) è un’opera di droni trascendentali ancora più dilatati,ma questa volta esso presenta un elemento melodico che era andato scomparendo nella cacofonia precedente,ciò lo si nota soprattutto nella sinfonia in tre movimenti Atomium e nel brano Dust Breeding.

Aix Em Klemm è un side-project di Adam Wiltzie, membro degli Stars Of The Lid, a cui partecipa anche il bassista dei Labradford Bobby Donne.

Aix Em Klemm (Kranky, 2000) può essere considerata una raccolta di "canzoni"(alcune delle quali veramente cantate da Adam Wiltzie) over bass,chitarra e arrangiamenti elettronici. Le melodie sono diluite in un mare di effetti. The Girl With The Flesh Colored Crayon è sommersa in un minaccioso drone orchestrale. L’ipnotico tema di Sophteonal fluttua in una nuvola di echi mentre tintinnii di chitarra e basso lentamente la decompongono in una serie di rumori amorfi.

Il metodo è sempre intrigante,ma in ultima istanza esso non è molto differente, nel bene e nel male,

dai Stars Of The Lid. Luxury Of Dirt e Sparkwood sono brani Ambient,teneramente mandati alla deriva proiettando un senso molto New Age di calma e serenità.

The Tired Sounds Of Stars Of The Lid (Kranky, 2001), è una raccolta in doppio cd di sei suites ognuna composta di diversi movimenti, ma esso è anche il loro secondo capolavoro, esplora la melodia e il movimento e si mostra in un andamento più austero e formale. I turbinii di Requiem For Dying Mothers compongono una sorta di versi poetici che lambiscono le corde del cuore, ma tuttavia ancorata freddamente a strutture geometriche: il primo movimento è preso in prestito da Philip Glass e Nobukaza Takamura, la seconda dal periodo Irrlicht di Klaus Schultze , e la terza parte dalle opere lounge/colloquial di Ashely. Questo brano mette in luce la qualità pittorica (non quadri realistici,ma immensi affreschi espressionisti) e la qualità subliminale(ovvero quella di essere in grado di raggiungere,colpire gli angoli più bui nascosti dell’animo) dell’arte degli SOTL.

Broken Harbors prende il proprio tema da qui, dallo smarrimento cosmico di Klaus Schulze e dalle sinfonie di colori di Monet. La musica ora si fa attenuata e rilassata, la musica di una galassia che gira lentamente come la immaginerebbe un pittore.

La tecnica di frammenti melodici fluttuanti è poeticamente efficace e ne si può trovare riscontro anche in brani "solitari" come Mullholland e specialmente nella suntuosamente elegante e discreta

Piano Aquieu (in pratica l’equivalente musicale dei "Water Lilys" di Monet).

La maggior parte dell’album è inevitabilmente calmante e ipnotico, perfetto per la mitigazione NewAge o per viaggi allucinogeni.

Ma gli sciami fluttuanti di Austin Texas Mental Hospital, si pongono a metà strada tra i mantra Tibetani, i brani apocalittici di Gordon Mumma e l’inferno musicale di Diamanda Galas, ci consegnano un potente shock emozionale (il vero requiem dell’album) e mostrano le potenzialità ancora inespresse.

Tecnicamente questa è musica per un solo strumento. Qualsiasi siano le fonti, esse sono fuse in un sound multi sfaccettato(come un onda cosmica) che agisce come se fosse un solo strumento(con un effetto soprannaturale).

Vi è maestosità e grandezza in questi brani che richiamano la musica sacra per organo di Messiaen Si è al culmine del genere, mentre il duo vira ,dagli inizi psychedelic/ambient/noise (fondamentalmente rock) verso strutture e forma più classiche.

Dead Texan (Kranky, 2004) è un altro side-project di Adam Wiltzie degli Stars Of The Lid, ma questa volta accompagnato dalla visual artist Christina Vantzos.

Le partiture di Wiltzie sono semplici vignette neoclassiche ispirate alle musiche per film di Zbigniew Preisner e George Delerue. Malgrado gli sgradevoli titoli, ci sono brani di inaspettata e timida grazia: The Six-million Dollar Sandwich sembra un frammento di un adagio orchestrale sparato ad un orbita distante e che periodicamente ritorna a "visitare" la Terra.; A Chronicle of Early Failures è una tenera vivacità sussurrata alle stelle; La Ballade d'Alain Georges ipnotizza con un ciclo minimale di piano tintinnante e corde ronzanti. Nel complesso il lavoro sembra Before And After Science di Brian Eno ma composto……. prima e dopo la scienza.

Nel 2005 Brian McBride il poli strumentista degli SOTL pubblica il suo lavoro solista intitolato When The Detail Lost Its Freedom (Kranky, 2005), un opera composta da 12 vignette strumentali di musica Ambient. Dopo il sensuale respiro di Overture, la quale mostra la delicata tessitura dei primi lavori di Harold Budd, A Gathering imposta il tono per una fusione tra ripetizione minimaliste, musica cosmica e musica barocca che non si materializza quasi mai del tutto.

Invece. McBride prende una serie di deviazioni in differenti direzioni, notevole l’elegia per trombone funebre The Guilt, rafforzata da voci femminili eteree, toni tremolanti di chitarra e tromba distorta. Il suo tentativo di unire le fila della ballata folk psichedelica (il capriccio del 2005) Our Last Moment In Song (l’unico brano vocale) si rovescia per nn essere fuorviata come essa invece appare essere. Comunque l’intero album lascia con l’amaro in bocca in quanto nessuna di queste intriganti idee è stata pienamente sviluppata.

The double-CD And Their Refinement Of The Decline (Kranky, 2007) is a work of meticulous, slick, sparkling production (mixing an arsenal of guitars, strings, cellos, harp, trumpets, flugelhorn, clarinet, a children's choir), but of little movement, bordering on the languid, new-age music of their parents (the looping orchestral waves of The Evil That Never Arrived, the soothing notes that appear and disappear in Articulate Silences Part 1 and Articulate Silences Part 2, etc).
More interesting is Dungtitled in A Major, an adagio of elongated and shifting tones for organ and flugelhorn, that leads to Apreludes In C Sharp Major, an experiment of the same kind but stretched to the point where it spawns a proto-melody. Another Ballad for Heavy Lids (the overture of the second disc) is the cold, alien, mathematical cousin of these abstract pieces.
But most tracks simply indulge in their own tinkling textures, pretty much devoid of meaning, the ten-minute Don't Bother They're Here being and the 13-minute The Daughters of Quiet Minds prime examples of splendid form without content. Perhaps this is what Brian Eno had in mind when he first invented ambient music. As they themselves state in the title of the closing composition of the first disc, A Meaningful Moment through a Meaning(less) Process.
The notable exception is the nine-minute Even If You're Never Awake, approaching a form of evanescent cosmic music that subtly shifts from ecstatic to mournful, like in the best of Bach's concertos. Violins emerge from the dark growing drone of Tippy's Demise, but they don't quite amount to much.
It all leads back to the beginning, with the closing 18-minute December Hunting for Vegetarian Fuckface slowly (very slowly) secreting an adagio that matches the mood of the first tracks.
The project suffers from the fact that it tries to be the blending of two brains that live afar (McBride lives in Los Angeles and Wiltzie in Brussels). It is not clear what advantage they see in continuing to make music together (basically remixing each other's ideas) as opposed to going each his own way. They are clearly straddling the border with modern classical music. The only thing that keeps them from making that career-defining step is that they are a duo, as opposed to individual composers. It is a pity that whoever composed Apreludes In C Sharp Major did not get a chance to turn it into the classical piece that could have been.
(Translation by/ Tradotto da Tobia D'Onofrio)

Il doppio CD And Their Refinement Of The Decline (Kranky, 2007) è un lavoro che vanta una produzione indubbiamente meticolosa, ingegnosa e brillante (che mescola un arsenale di chitarre, archi, violoncelli, arpa, trombe, flicorno, clarinetto, un coro di bambini), ma poco movimentata, al confine con la languida musica new-age dei genitori (le onde orchestrali in loop di The Evil That Never Arrived, le note consolatorie che appaiono e scompaiono in Articulate Silences Part 1 e Articulate Silences Part 2, ecc).

Ancor più interessante è Dungtitled in A Major, un adagio per organo e flicorno composto da note prolungate e mobili, che ci conduce fino ad Apreludes In C Sharp Major, un esperimento dello stesso tipo, ma stirato fino al punto di generare una proto-melodia. Another Ballad for Heavy Lids (l’overture del secondo disco) è la cugina fredda, aliena e matematica di questi pezzi astratti.

La maggior parte delle tracce, però, semplicemente si abbandona a queste stesse trame tintinnanti, per lo più prive di significato, come accade nei dieci minuti di Don't Bother They're Here e nei tredici di The Daughters of Quiet Minds, i principali esempi di una forma sfavillante, ma priva di contenuto. Può darsi che questo corrisponda a ciò che Brian Eno aveva in mente, quando inventò la musica ambient. Come loro stessi sostengono nel titolo dell’ultima composizione del primo disco, A Meaningful Moment through a Meaning(less) Process, ovvero un momento significativo tramite un processo privo di senso. L’unica eccezione riguarda i nove minuti di Even If You're Never Awake, che si avvicinano ad una forma di musica cosmica evanescente, che cambia sottilmente da estatica a triste, come nei migliori concerti di Bach. I violini emergono dall’oscuro drone crescente di Tippy’s Demise, ma in fondo non sono un granchè.

Tutto si riallaccia al principio, nei diciotto minuti conclusivi di December Hunting for Vegetarian Fuckface, che distillano lentamente (molto lentamente) un adagio, a ricalcare l’umore delle prime tracce. La pecca del progetto risiede nel tentativo di fondere due menti che vivono tanto distanti l’una dall’altra (McBride vive a Los Angeles e Wiltzie a Bruxelles). Non è ben chiaro che tipo di benefici questi due musicisti intendano ottenere continuando a comporre musica insieme (in pratica remixando le idee del compagno), piuttosto che ciascuno per conto suo. Viaggiano chiaramente a cavallo del confine con la musica classica moderna. L’unico motivo a frenarli dal compiere il passo che definirebbe le loro carriere, risiede nel fatto che sono un duo, anzichè due compositori indipendenti. E’ un peccato che chiunque abbia composto Apreludes In C Sharp Major non abbia avuto la possibilità di trasformarlo nel pezzo classico che avrebbe potuto essere.

Stars of the Lid's Adam Wiltzie teamed up with pianist Dustin O'Halloran to form A Winged Victory for the Sullen. A Winged Victory for the Sullen (2011), that also benefits from string arrangements by Peter Broderick and Hildur Gudnadottir, crafts emotions at the intersection of chromatic melodic neoclassical music and slow-motion ambient music, whether in the somber and dilated, symphonic Requiem for the Static King or in the ecstatic awakening of Steep Hills of Vicodin Tears. The longest piece, A Symphony Pathetique, is also the most spartan and glacial piece.

Stars Of The Lid's Brian McBride and the Furry Things' Kenneth Gibson formed Bell Gardens and crafted the orchestral pop of Hangups Need Company (Failed Better, 2010).

The Effective Disconnect (Kranky, 2010) is a movie soundtrack composed by Brian McBride and inspired by bees.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database