Supreme Dicks
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
The Unexamined Life , 7/10
Workingman's Dick , 6/10
The Emotional Plague , 8/10
Links:

The Supreme Dicks were among the most intriguing followers of the aesthetics that equates "creative" and "primitive". The theatrical bacchanals of The Unexamined Life (1993) managed to combine ideas from the Holy Modal Rounders, Kurt Weill and Lou Reed. That kind of drunk, dissonant folk music evolved towards the avantgarde and psychedelia on The Emotional Plague (1996), a vastly more ambitious work that resorted to sparse, dilated and warped structures.
If English is your first language and you could translate the italian text, please contact me.
Fra le tante stranezze di Boston (forse la citta` piu` eccentrica della musica rock) vanno ora annoverati anche i Supreme Dicks, un complesso (Dan Oxenberg, Jon Shere e Steve Shafel) che ama nascondersi nella leggenda e suona in uno stile all'incrocio fra Palace, Sebadoh, Pavement e Smog, ma con un piglio molto piu` stralunato. Impiegarono una decina d'anni a trovare un contratto discografico. Le partiture surreali del primo singolo, Sky Puddle/ Country Of Nuns (Funky Mushroom, 1992), lasciavano intravedere soltanto una parte del loro eccentrico programma.

The Unexamined Life (Homestead, 1993) fu il manifesto del loro folk dissonante, un po' ubriaco e un po' drogato, in cui l'esecuzione poco ortodossa conta quanto i testi e le melodie. E` anzi proprio l'esecuzione, quel giocherellare distrattamente con i suoni degli strumenti, a conferire una senso di uniformita` ai loro dischi (che sono di fatti tutti dei concept). Il significato delle loro canzoni sta nelle loro atmosfere, e l'atmosfera deriva dal loro modo quasi svogliato di suonare.
Emblematica del loro stile e` la declamazione fuori da ogni canone e da ogni tempo di The Arabian Song, come un Nick Cave in preda a visioni allucinogene e catapultato nel Medioevo. Lo stesso fantasma intona una Azure Dome degna di un cabaret di Brecht eseguito sottoterra, e poi riemerge nel Medioevo a strimpellare il madrigale di Forest Song. Una raccapricciante metamorfosi lo trasforma nel Lou Reed piu` svogliato, intento a canticchiare fra se` e se` Fallout Song, In A Sweet Song e Ten Past Eleven. L'armonia di piece al rallentatore come Sun's Bells, stiracchiata oltre misura, si sgretola fino a mettere in luce i suoi componenti fondamentali, viene frammentata in secondi di suoni allucinati esplosi in orbite divergenti. Molti brani non esistono neppure: la melodia e` stata spolpata del suo collante, rimangono soltanto accordi di superficie, effetti sonori che non hanno piu` uno scheletro a cui aggrapparsi. Non stupisce pertanto che uno dei pilastri del disco sia uno strumentale, River Song, peraltro senza ne` capo ne` coda. Ma cio` non toglie che la recitazione sia spesso altisonante, come nel Jim Morrison piu` teatrale e cerimoniale, e allora il dimesso baccanale delle chitarre funge da colonna sonora, per quanto stonata. Le distorsioni apocalittiche che chiudono i dieci minuti di Strange Song scandiscono non la fine di un sogno, ma l'inizio di una veglia.

Workingman's Dick (Freek, 1994) raccoglie materiale degli anni '80.

The Emotional Plague (Homestead, 1996) e` l'ultimo disco vero e proprio. I Supreme Dicks hanno raggiunto uno stadio molto avanzato nel loro studio della dialettica sonora. Questo disco si pone al confine fra musica ambientale, psichedelia e d'avanguardia, ma non appartiene a nessuno di loro e differisce profondamente da tutti loro in spirito e obiettivi. Ogni brano e` ormai un piccolo concerto di suoni che si concentra sulle qualita` timbriche e sulla miscela di quelle qualita`. Raramente il gruppo tenta di suonare note nel senso tradizionale del termine. Quasi sempre la partitura strumentale e` piu` che altro una tela su cui vengono spruzzati colori, apparentemente a casaccio. Il piglio non e` pero` quello provocatorio del dadaismo ma quello di un martirio quasi religioso.
Lo strumentale Synaesthesia, un saggio per droni, riverberi e strimpelii che lambisce l'"alea" di Cage e finisce in un carillon anemico, e` l'ouverture ideale per quest'opera di totale negazione dell'emozione musicale. Un altro strumentale, Showered, sembra cercare un passo classicheggiante, ma il flauto e` fuori misura e le chitarre suonano come deformate da un'overdose.
Il cantante blatera con la consueta nonchalance da barbone la ballata Cuchulain e recita con la depressione di un Nick Drake (o del suo discendente Smog) la Swell Song. Ma nessuno prima di loro aveva denunciato la stessa carenza di senso armonico, la stessa noncuranza per il flusso delle note. Non ci sono quasi mai melodie, non ci sono quasi mai ritmi. Soltanto suoni sparuti, alzati da un vento misterioso e lasciati ricadere lentamente nel vuoto. A Donkey's Burial (nove minuti) e` un lungo kammerspiel da incubo, contrappuntato da un cicaleccio astratto di chitarre. Adoration De L'Agneau Mystique (sette minuti) e` ancor piu` disgregato e conclude con un coro sgangherato degno degli Holy Modal Rounders. Due voci si confondono nel salmodiare Green Wings Fly Adventure (sette minuti) in compagnia di una funerea fanfara di tromba. La colonna portante e` forse la psichedelia, come si intuisce dalle strutture estremamente dilatate di queste canzoni, e dal senso di totale smarrimento della personalita`, ma si intuisce anche un anelito metafisico, un significato filosofico. Questa musica e` piu` surreale che psichedelica, e` piu` onirica che allucinogena.
Anche le eccezioni alla regola sono di rilievo. Columnated Ruins si protrae per minuti nel caos/caso leggero e nonsense prima di acquistare la fisionomia di un lugubre blues. Porridge For The Calydonian Boar (nove minuti) intona d'improvviso un tema perfettamente melodico, e prosegue in crescendo. Lo strumentale Siberian Penal Colony attacca con un riff incalzante di hard-rock soltanto per spegnersi lentamente in un pigro ritornello melodico.
L'intero disco e` immerso in questa atmosfera claustrofobica, e talvolta allucinogena, cullata da cento accordi sconnessi che non riescono quasi mai a diventare una sequenza di musica ma rimangono semplice polvere di suoni sparsa a caso sulle parole. Proprio l'inesistenza dell'armonia crea la tensione psichica, proprio l'assenza di una logica crea la logica del brano.
Se questi brani fossero eseguiti da un'orchestra da camera, non ci sarebbero dubbi che si tratta di lied d'avanguardia. I Supreme Dicks hanno fatto alla musica rock cio` che Messiaen fece alla musica da chiesa e cio` che Van Gogh fece alla pittura paesaggistica.
E` probabilmente il disco piu` ambizioso del gruppo, certamente il piu` riuscito dal punto di vista formale. E uno dei capolavori degli anni '90.

L'EP This Is Not A Dick (Runt, 1996) raccoglie registrazioni preistoriche, dal 1987 al 1994. L'intento e la classe sono gia` quelli di oggi. La frammentazione insita nella raccolta non fa altro che accentuare il carattere eccentrico della loro banalita`, o la banalita` della loro eccentricita`. Non c'e` un'accordatura giusta nell'improvvisazione collettiva di Invasion From Mars (che vorrebbe forse essere la loro versione di un tema da film di fantascienza). La suite Untitled stratifica rumori sgradevoli fino a generare un minimo di trama sonora, ma la verita` e` che nel brano non succede assolutamente nulla. Mark's Phonecall From Orgoneland sembra un concerto per strumenti percossi da una scolaresca dell'asilo e da un gruppo di hare krishna. I pochi tentativi di fare musica sul serio sortiscono effetti patetici: ballate come Summertime sembrano suonate da un Lou Reed bambino.

Breathing and Not Breathing (2011) compiles all of their recordings.

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database