Tadpoles
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
He Fell Into The Sky, 7/10
Far Out, 6.5/10
Destroy Terrastock, 5/10
Smoke Ghost, 6/10
Whirlaway, 6.5/10
Links:

I Tadpoles vennero formati nel 1984 da Todd Parker mentre studiava all'Universita` dell'Illinois, ma divenne una realta` soltanto nel 1992 a New York, quando Parker venne affiancato da Nick Kramer (anche lui chitarrista e cantante), David Max (basso), Andrew Jackson (chitarra) e Michael Kite (bateria).

Dopo il demo Superwhip (1992), la formazione debutto` ufficialmente con He Fell Into The Sky (Bakery, 1994). Todd Parker e` l'autore di tutte le musiche. I Tadpoles si presentano come un quintetto rock-psichedelico nella tradizione di Monster Magnet e Swervedriver ma che non perde mai di vista il formato compatto ed elegante della canzone pop. Talvolta puntano sulla potenza, e allora ricreano il sound piu` grezzo e spaziale di Stooges e 13th Floor Elevators, ma quasi sempre con un tono molto piu` melodioso: Blossom, un blues-rock martellante solcato da sibili cosmici di chitarra; Liars, con le distorsioni piu` assordanti e un controcanto drammatico dell'altra chitarra; Iguana, il cui epico riff va alla deriva in un mare calmo di accordi lisergici; o Mary Anne, una marcetta ipnotica riscaldata da un fuzz bruciante.
Il meglio dell'arte di Parker si trova pero` forse nel vortice in crescendo di Umbrella Smile, che sposa da un lato le atmosfere piu` morbide dell'acid-rock (tipo gli Spirit) e dall'altra la potenza e la velocita` dei gruppi del garage-rock, e nella ballata vellutata e affusolata di Snapper, che indovina un ritmo caracollante di chitarra e batteria.
Sempre eccellenti sono le code strumentali, non solo energiche ma anche fantasiose (in particolare quella che chiude il disco, una jam jazzata ed esotica con il fuzz che canta stridulo e le percussioni che picchiettano in punta di piedi). Sarebbe un insulto chiamarli "shoegazer". Se sono epigoni, sono epigoni dell'acid-rock piu` adulto degli anni Sessanta.

Kite e Jackson lasciarono il gruppo dopo la registrazione del disco e il trio dei rimanenti si trasferi` a Hoboken, nel New Jersey.

Far Out (Bakery, 1996) venne registrato con l'aiuto di amici batteristi. Alla fine dell'anno il batterista Adam Boyette si uni` in pianta stabile al gruppo. Piu` che ai classici del rock psichedelico, i Tadpoles sembrano guardare ai Flaming Lips e ai My Bloody Valentine. Dei primi ritengono l'arte di arrangiamenti lambiccati e litanie affusolate, dei secondi adottano lo stile sibillino e i lenzuoli di distorsioni.
Todd Parker scrive tutte le canzoni eccetto due. Parker inietta dosi massime di psichedelia nel brioso ritornello di Race You To The Mustard Patch, canzone degna dei migliori shoegazer e suggellata da una jam burrascosa. La vera vocazione di Parker e` pero` quella delle ballate fiabesche: At Least I'm Not Like Jonathan Carver, con il canto lasciato fluttuare su un tappeto ritmico ipnotico e le chitarre strimpellate come sitar (anche questa destinata a detonare in un martellante hard-rock e in una coda spaziale), e soprattutto la solenne e marziale Old Dirty Mushroom (nona traccia nascosta).
A loro merito va il fatto che le loro ipnosi non sono mai scontate (a differenza, per esempio, di Spacemen 3 e Loop), ma si auto-alimentano di elementi creativi. Una filastrocca innocente come Nazareth, cantata nel tono stralunato di Syd Barrett, fa leva su una figura saltellatene di chitarra e un drone basso di sottofondo.
Il limite del gruppo sta nella quantita` di riferimenti al passato, che in molti casi impedisce di scovare la sua vera personalita`. Ride The World Around The Sun e` forse troppo languida, e la ballata allucinogena Feel Like A Freak (di Kramer) potrebbe essere dei Flaming Lips.
Uno degli aspetti piu` gradevoli del disco e` costituito dai finali strumentali, quasi sempre in crescendo e quasi sempre devastati da una furia "decostruttrice" (anche questa una tecnica derivata dai Flaming Lips), durante i quali la pallida copia dei primi Pink Floyd diventa una versione "new improved" dei Blue Cheer.

Alla fine dell'anno successivo esce l'EP Know Your Ghosts (Bakery, 1997).

Nel 1998 escono il nuovo album di studio, Smoke Ghost (Bakery, 1998), e Destroy Terrastock (Bakery, 1998), che raccoglie sette canzoni registrate dal vivo al festival "Terrastock" nel 1997 (due dal nuovo album Smoke Ghost, quattro da Far Out e una da He Fell Into The Sky).

I Tadpoles di Smoke Ghost (Bakery, 1998) sono invece un gruppo bifronte: Nick Kramer e Todd Parker, i due chitarristi e cantanti che guidano il gruppo, si spartiscono il nuovo disco, cinque canzoni a testa. Senza nulla togliere all'eccellente sezione ritmica di David Max (basso) e Adam Boyette (batteria), i Tadpoles sono essenzialmente il gruppo di accompagnamento che quei due condividono. A crescere e` stato soprattutto Kramer, che non solo ha affiancato Parker in fase di composizione, ma lo supera in fatto di qualita`. E le sue canzoni stanno alterando drasticamente il sound del gruppo.
Kramer e` il violento del gruppo. Le sue canzoni sono propulse da frenetici ritmi in levare e da folate di distorsioni. Agli Stooges si ispirano brani-chiave come When I Feel, coperti di lenzuoli di rumore chitarristico alla Ron Asheton e addormentati nelle nenie annoiate alla Iggy Pop di Kramer, salvo che i tribalismi della batteria e i versi del sintetizzatore li rendano piu` surreali che disperati. Kramer applica diligentemente tutti gli stereotipi del genere quando compone Jaded Jean (riff elementare e lamento di vox su fitto ronzio di distorsioni) o Firecracker (vibrato fortissimo di chitarra, cadenza malvagia da voodoo-billy, canto con eco). Il clou e` Know Your Ghosts, cadenzata come gli hit degli anni Sessanta, cantata in uno stile quasi yodel, avvolta in un crescendo quasi bolero di distorsioni e falciata da un'epica figura melodica di chitarra.
Parker e` un soggetto piu` pacato, pensieroso, filosofo. Dalla ballad svagata alla Syd Barrett di Snow Down (Parker), traboccante di effetti onirici, al country-rock sornione di Happy Feet (Parker), dal mantra stralunato di Sense alla lunga Percolate che chiude (in maniera un po' deludente) il disco, la sua e` una calma traversata del burrascoso mare psichedelico.
Gli arrangiamenti sono sempre ghiotti e fantasiosi, popolati di divagazioni e di curiosita`. Il sound e` squillante e levigato. La tradizione e` insomma quel del "mainstream", non quella dell'underground. Ma un gruppo piu` underground di questo e` difficile da trovare. L'unico difetto del disco e` che gli manca il brano storico: la media e` buona, non eccelsa, e nessun brano e` scadente, ma questo sembra piu` un limite che una virtu`.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Tadpoles Discography

Pre-Bakery Unofficial releases
1987 Ham & Eggs cassette-only
1988 Limousines, Sardines & Dinosaurs cassette-only
1989 Beautiful Music For Ugly Children cassette-only
1990 William's Doll cassette-only
1991 Ride The Soul E.P. cassette-only
1992 Superwhip cassette-only

Official releases
1994 He Fell Into The Sky CD/Cass. (Bakery Records)
1996 Far Out CD/Cass. (Bakery Records)
1997 Know Your Ghosts E.P. CD only (Bakery Records)
1998 Smoke Ghost CD only (Bakery Records)
1998 Destroy Terrastock-Live CD only (Bakery Records)
1999 Whirlaway CD only (Camera Obscura Records)
2000 Use With Headphones Late At Night CD only (Bakery Records-fall
2000)

Compilation appearances
1997 Stop and Smell The Locals CD (comp. of Hoboken bands)
1998 Psychedelic Gew Gaw- Cosmic Monkeys cassette only (Greece psych
comp.)
2000 Broken Face- Urban Meadows CD (Sweden psych comp.)


Live Highlights
December 21, 1989 Cedar's, Youngstown, OH (1st official Tadpoles
show)
April 11, 1992 The Spiral, NYC (1st show with Max, Kramer,
Jackson)
August 13, 1993 CBGB, NYC (last show with Michael Kite, on bill
with Karen Black & Special Head)
September 1994 Downtime, NYC (CMJ music marathon showcase)
April 25, 1997 Providence, Rhode Island (1st Terrastock
festival)
November 1997 US West Coast Tour (with Cul de Sac, John Fahey in
Portland, Windy & Carl in SD & LA)
February 12, 2000 Maxwell's, Hoboken, NJ (last official show,
sold-out, with Thurston Moore & Half Japanese)


TADPOLES:
Adam Boyette
Nick Kramer
David Max
Todd Parker


Past TADPOLES & Guests:
Michael Kite Audino
Andrew Shapiro Jackson
Jeff Passifiume
Edward Odowd
Steve Savoca
John Ian Davis
David Armamentos
Tony Mentzer
Chris Butler
Tom Forsey
Raj Seshu
(Translation by Cinzia Russi/ Tradotto da Cinzia Russi)

Dopo questi due lavori dilettanteschi, i Tadpoles si rimettono in forma con Whirlaway (Camera Obscura 1999). Frances The Dancer tira fuori i toni da chitarra metallica e tagliente del rock strumentale d’annata e li affonda in un vortice psichedelico dai toni funk. Il gruppo rockeggia maestosamente, con forza tribale in Lyman Bostock , un po’ a meta’ strada tra Cream e Neil Young. Uno strimpellare ipnotico e minimalista accompagna la nenia di Crush Of The Bug. E’ evidente che il gruppo ha dedicato molta cura al modo in cui i pezzi sono stati messi insieme; basta notare l’orchestrazione del saltarello medievale in Jimmy Colored Glasses, o la tipica tristezza da cow-boy della ballata country (sic!) You Ain’t Goin’ Nowhere. I nove minuti di Whirlaway riassumono in pratica gli alti (pathos autentico al di la’ del trance) e i bassi (autocompiacimento e prestazione naive) che segnano la carriera del gruppo, mentre negli otto minuti di Smile If You’ve Crossed Over sono riussunti soltanto gli alti: rumori irreali, saltellanti accordi di chitarra, una melodia esotica e sognante e un rritmo costante che assurge a csrescendo apocalittico. I tredici minuti di Horse And Buggy coronano l’esilarante cerimonia dei Tadpoles con l’esplorazione quintessenziale dell’improvvisazione di gruppo, sulla scia dei Velvet Underground, Iron Butterfly e Hawkwind. Questi lunghi pezzi strumentali si lasciano la competizione alle spalle; il gruppo che non riece a stare un attimo fermo ha trasformato la sua irrequietezza e i suoi eccessi infantili in un candido proclama sui tratti universali ed eterni deella musica psichedelica: non le droghe ma la creativita’ tenuta a freno, il volo dell’anima in gabbia. E’ un passo in avanti, forse anche due, rispetto alla delicata follia di He Fell Into The Sky, ed e’ anche il capolavoro sonoro del gruppo.

After those two amateurish works, Whirlaway (Camera Obscura, 1999) returns Tadpoles to form. Frances The Dancer pulls out the sharp, metallic guitar tones of vintage instrumental rock and soaks them in a funk-accented psychedelic vortex. The band rocks with majestic, tribal force in Lyman Bostock, somewhere in between Cream and Neil Young. Hypnotic, minimalist strumming accompanies Crash Of The Bug's dirge The band has obviously put a lot of care in packaging the songs, down to orchestrating the medieval saltarello of Jimmy Colored Glasses and delivering with sad cowboy attitude the (gasp!) country ballad of You Ain't Goin' Nowhere. The nine minutes of Whirlaway pretty much summarize ups (sincere pathos beyond the trance) and downs (self-indulgence, naif performance) of their career. The eight minutes of Smile If You've Crossed Over summarize only the ups: otherwordly noises, hopping guitar chords, an exotic, dreamy melody, a steady pace that grows in an apocalyptic crescendo. The 13 minutes of Horse And Buggy crown the Tadpoles' exhilarating ceremony with a quintessential exploration of group improvisation, down the avenues of Velvet Underground, Iron Butterfly and Hawkwind. These long instrumental tracks leave the competition behind. The band that can't stand still has turned its restless attitude and childish excesses into a candid enunciation of what is universal and eternal about psychedelic music: not the drugs, but the bounded creativity, the flight of the caged soul. It's a step (or two) beyond He Fell Into The Sky's suave folly, and their sonic masterpiece.

The Tadpoles officially disbanded in April 2000.

Use With Headphones Late At Night (Bakery, 2001) is a 17-song retrospective of the Tadpoles career.

While Todd Parker focused on running Bakery Records, David Max, Nick Kramer and Adam Boyette reformed Hit, the group they were in together before they joined Tadpoles in 1992, and released Quosibility (Hit, 2001), a four-track EP: the industrial dance of 1:1.618034, the surreal/futuristic dance of Snacky's Groove, the chaotic/cosmic fresco of Stepper and and the raga/funk pastiche of Bluegum. It was followed by the album See It Majestic (2004).

David Max released his first solo album, Simple Psychedelic Pleasures (2010).

Todd Parker formed the Witches and released Greetings From The Star Chamber (2010).

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database