Test Dept

(Copyright © 1998 Piero Scaruffi)
Ecstasy Under Duress | Beating A Retreat | Shoulder To Shoulder | The Unacceptable Face Of Freedom | A Good Night Out | Terra Firma | Gododdin | Pax Britannica | Totality
I Test Dept vennero alla luce nell'entourage della musica industriale dei primi anni '80 per via di una tecnica sostanzialmente diversa: invece che suonare musica elettronica abrasiva mescolata a voci filtrate, i Test Dept suonavano oggetti metallici producendo suite a meta` strada fra le "sinfonie" di Zev e la musica da camera degli Einsturzende Neubaten.

Registrata fra il 1982 e il 1983, la musica di Ecstasy Under Duress (Some Bizarre, 1984) (Total F/I, 199#) fu influente per coniare la versione piu` teatrale e magniloquente della musica industriale britannica. La loro era eseguita con percussioni metalliche con foga maniacale. Il caos di Shockwork e Compulsion (i due singoli che fecero storia) era assoluto e incorruttibile. Le asprezze metalliche e il canto esagitato ne facevano la forma piu` becera di musica rivoluzionaria. Tanto le canzoni brevi (come l'iniziale Hunger e Spring Into Action), quanto le lunghe suite tribali e cacofoniche (In Uniform, Gdansk, Efficiency e Beating Retreat) non avevano altra funzione che sconvolgere.

Il doppio EP Beating A Retreat (Some Bizarre, 1984) (Thirsty Ear, 1997), porto` i Test Dept fuori dalle anguste dimensioni della "danza metallica" a cui avevano affidato i singoli Shockwork e Compulsion. Fall From Light e` una versione di quelle idee per percussioni e piccola orchestra da camera, che Plastic raffina ulteriormente fino a pervenire a una stasi quasi "ambientale" e che Cold Witness distilla fino a ottenere filamenta impercettibili di puro rumore. Anche quando il tribalismo riprende il sopravvento (come in Kick To Kill), l'armonia e` infarcita di trucchi di produzione, e quando la danza metallica torna in pista (con Sweet Sedation) e` un fatto molto piu` user-friendly. (La ristampa su CD comprende anche due video da vedersi sul computer).

Sull'album Shoulder To Shoulder del 1985 era ospitato persino un coro di minatori in sciopero (nella suite Fuel To Fight).

Nel 1986 The Unacceptable Face Of Freedom chiuse quella fase di sperimentalismo puerile e diede il via alla loro fase matura: incorporando vere percussioni, tastiere elettroniche, sequencer e cornamuse, i Test Dept pervennero a un genere molto piu` musicale, ma non meno polemico (in particolare Victory).

Dopo A Good Night Out (Ministry Of Power), colonna sonora di uno spettacolo multimediale, usci` nel 1988 Terra Firma (Play It Again Sam), raccolta di cinque "brechtiani" atti unici (anche in francese e latino) a fine didascalico (in particolare Natura Victus, concepita espressamente per il teatro).

In effetti e` all'idea dell'arte impegnata che il complesso immola le musiche medievali di Gododdin (Ministry Of Power) e quelle sinfoniche di Pax Britannica, con l'orchestra da camera e il coro scozzesi, sempre all'insegna di un percussionismo ossessivo che sa piu` di militarismo che di industria pesante. Ma il singolo Bang On It (MOP) convertira` anche i loro dieci anni di sperimentazione in house per discoteche.

Il ritorno del 1995, Totality 1 (Kk), sancira` un'ulteriore svolta, questa volta in direzione del ballabile transglobale che impazza nel 1995. Totality, in quello stile, conferma tanto il loro eclettismo quanto la dispersivita` della loro opera.

L'eredita` piu` saliente lasciata dai Test Dept alla musica sperimentale britannica, piu` che uno specifico brano di musica, e` probabilmente quella dei ritmi torrenziali dei loro dischi piu` radicali.


Back to the beginning of this page | Back to the index of bands | Back to the main music page