Peste Noire


(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

K.P.N. (2006), 6.5/10
FolkFuck Folie (2007), 5.5/10
Mors Orbis Terrarum (2007) , 6/10 (compilation)
Ballade Cuntre Lo Anemi Francor (2009), 6/10 (mini)
Alcest: Souvenirs D'Un Autre Monde (2007), 7.5/10
Alcest: Ecailles De Lune (2010), 6.5/10
L'Ordure A L'Etat Pur (2011) , 7.5/10
Alcest: Les Voyages de l'ame (2012) , 6/10
Links:

Black metal was not born as a genre that easily allows musicians to come up with original variations. France was the one place where bands were capable of adding ever new ideas to the paradigm. Peste Noire's originality on K.P.N./ La Sanie Des Siecles - Panegyrique De La Degenerescence (2006) lay in the ability to mix blastbeats with all sorts of alternative scaffoldings. After the brief overture of Nous Sommes Fanes, a waltzing Kurt Weill-ian skit, the album delves into Le Mort Joyeux, mixing blast-beats and "slapping" country rhythm while the vocalist screams out of his head instead of growling like tradition demands. Suddenly the guitar intones a majestic melody and then launches into a frantic gallop, thus bestowing an epic quality to the macabre vocals. But Laus Tibi Domine, instead, is a moribund litany in which the guitar simulates a funeral fanfare. The guitar riff of Spleen could be in a song of melodic hard-rock, and the vocalist's scream gets as "poppy" as it can.
The twelve-minute Phalenes Et Pestilence - Salvatrice Averse begins with an acoustic guitar solo reminiscent of Renaissance music before venturing into a rhythmic journey of sorts: a madcap trotting rhythm mutates into a solemn rhythm that then morphs into childish banging. The music is clearly serving a cinematic purpose, and continues to alternate between different moods. After a melancholy pause, it is again a simple melody by the acoustic guitar that starts the final crescendo. The rhythm picks up again, ending in a wild hoedown.
At last, an unbridled metal guitar spirals out of control in Retour De Flamme (Hooligan Black Metal); but, again, the music twists and pivots in all sorts of manners while paying tribute to the masters of black metal.
The best melody, again played by the acoustic guitar and again inspired by ancient music, probably surfaces in Dueil Angoisseus (Christine De Pisan, 1362-1431), and the guitar plays it over and over again against the backdrop of distortions and screams, like an angel flying over hell.
The nine-minute Des Medecins Malades Et Des Saints Sequestres is the one piece that boasts panzer-grade intensity. It proceeds at a martial rhythm, more interested in crafting a lugubrious atmosphere than in unleashing punishing sounds. Even at the end, when it becomes a devilish instrumental, it is more focused on mood than on violence.

FolkFuck Folie (2007) sounded like leftovers from the previous albums, and mostly short ones (the longest piece is just seven minutes). After L'Envol Du Grabataire (Ode A Famine) for crows and guitar, the band carries out its routine of creative metal in a series of faceless songs, all fury and little brain. The seven-minute Condamne A La Pondaison (Legende Funebre) redeems the uneventful first half with one of their typical chamaleon-like cinematic excursions. It takes forever to start, but then Maleicon intones a solemn hymn. Amour Ne M'amoit Ne Je Li does even better, with a quasi-waltzing guitar melody and desperate vocals over relentless drums. A new peak of violence is achieved by Paysage Mauvais (Bonus Track), but the band fails to capitalize on the electricity they create.

Mors Orbis Terrarum (2007) collects all their recordings not included in of their two proper albums, notably their demo Aryan Supremecy (2001).

La Sale Famine, also active as Valfunde, was the only surviving member of the original Peste Noise line-up on the mini-album Ballade Cuntre Lo Anemi Francor (De Profundis, 2009), that delivered their most complex and idiosyncratic collage yet. Unfortunately, it did not pursue some great ideas that were left unfinished as short pieces (Concerto Pour Cloportes, Vespre, Requiem Pour Nioka). There are other missed opportunities. For example, Rance Black Metal De France uses a folk singalong as a launching pad for a demonic hoedown. Not knowing what to do with it, the music stops and restarts as a tamer jam propelled by power riffs worthy of southern-boogie bands.
Where it works, however, the album ranks with their best material. La Mesniee Mordrissoire pulls out a grotesque drunk singalong (worthy of a Kurt Weill musical) from a swamp of distorted riffs and steady drumbeats. One of their most poignant compositions, Ballade Cuntre Les Anemis De La France - De Francois Villon takes inspiration from medieval music but then twists the leitmotiv to become a loose blues-rock jam supporting the raspy narrative (a far cry from the screams and growls of the past).

Neige was also active as Amesoeurs and Alcest. Alcest, in particular, coined a new subgenre of black metal with the "poppy" and noisy single Le Secret/ Elevation (2005 - Prophecy, 2011).

Alcest's first album Souvenirs D'Un Autre Monde (Prophecy, 2007) turned out to be one of the great shoegazing albums of the time. The protracted crashing solemn agonizing riff Printemps Emeraude is the launching pad for a vocal melody that rises like a religious hymn, which in turn propels the guitar to intone an even more majestic distortion, one of the most uplifting shoegaze anthems of all times. An equal moving pathos is secreted in Souvenirs D'Un Autre Monde, created by another explosion of guitar feedback but this time for a gentle whispered elegy (at one point even reduced to just a dreamy "la-la-la"). The more incandescent and frenzied Les Iris exhales a more delicate transcendent ethereal wordless mantra, further decoupling sound and melody. The shifting textures and dynamics of the previous songs verge on post-rock in the slightly brainier Ciel Errant. The jarring edges are further explored in Sur L'Autre Rive Je T'Attendrai, whose lengthy instrumental part is purely atmospheric and almost impressionistic. The finale, instead, returns to the simpler format: a much more traditional singsong Tir Nan Og that soars into an electronic new-age melody. This impeccable album distilled the romantic essence of shoegazing, almost removing its original psychedelic foundations. Alcest's Ecailles De Lune (Prophecy, 2010) is titled after its main suite, the two-movement Ecailles De Lune. The first movement is actually comprised of sub-movements. It begins as a rather traditional psychedelic ballad, but then implodes into an introverted guitar solo, and finally explodes into a frenzied finale. The second movement surprisingly resurrects Neige's roots and begins in the vein of magniloquent hysterical black metal. This too implodes, this time in a fragile folk lullaby, which in turn slowly decomposes into abstract soundpainting. Percees De Lumiere (the real standout) is another slab of black metal vocals but spaced out like in Pink Floyd's soundtrack More. Solar Song, the only song that continues the shoegazing program of the first album, is a bit too poppy and dreamy to stand out on its own and the fat guitar that reinforce it are not enough. The eight-minute acoustic ballad Sur L'Ocean Couleur De Fer is a disturbing detour that might presage a more commercial future.

L'Ordure A L'Etat Pur (Rosenkrantz, 2011), featuring chanteuse Audrey Sylvain, found Peste Noire in a nihilistic mood, but the music couldn't be more alive. From the very beginning Casse Peches Fractures Et Traditions is full of suspense and drama: the instruments intone a medieval dance while a growling drunk character yells his grievances. Then song unveils riffs and singing, but they are still hostile and macabre. After five minutes an intermezzo of circus horns and accordion folk song creates the launching pad for a totally different manic attack. This one morph into a comically frantic musichall skit, although supported by homicidal heavy-metal guitars. Sounds from the farm briefly interrupt what now sounds like a goofy Balkan dance. The epileptic threnody of Cochon Carotte Et Les Sours Crotte pivots around childish blastbeats and even dubstep beats, and ends with a grotesque war fanfare. The 20-minute J'avais Reve Du Nord open with a chaotic cinematic sequence of found noise and found voices over a dancing guitar riff. Then the contralto Sylvain intones a gentle song and the acoustic guitar meditates alone. But immediately the demonic growl and the frantic headbanging take over and annihilate the peaceful atmosphere. However, the acoustic guitar continues to emit a melodic theme, a faint signal of surviving humanity. In fact, the contralto returns to dominate the stage with another baroque tune. The seven minutes of the second part morph from black metal to a loud barroom singalong. The metamorphoses undergone by these pieces border on the surreal: six minutes into Sale Famine Von Valfoutre, the instruments get into an orgasmic feedback loop and reemerge into a different song that eventually rides away in a country-rocking gallop. The philosophical conclusion of the album, La Condi Hu ("the human condition"), is a whispered doom-blues prayer that within three minutes turns into a torrential demonic howl over terrifying guitar chords. The singing reveals both desperation and anger, and the guitar begins to sound like a death toll. The album is a giant fresco of hopelessness and alienation, a brutal documentary of collective decomposition.

Alcest's Les Voyages de l'ame (2012) feels like an introduction to Alcest for those who missed the previous offerings of their textural post-metal. The solemn hymn of Autre Temps (not too far from Scorpions and the like) is Alcest for mass consumption. On the positive side, the improved production values bring out the introverted and spiritual core of Niege's music, especially in the ethereal wordless chanting of Beings of Light pummeled by infernal blast-beats, perhaps the most creative detour of the album. The mystical tones of the opener resurface in the nine-minute La Ou Naissent Les Couleurs Nouvelles, a case of slo-core with burning guitars, a piece that has time to evolve along a dramatic plot, with a burst (or, better, blast) of black metal and a pastoral intermezzo before the incendiary ending; the Stairway to Heaven of shoegazing metal. Then comes Les Voyages De L'Ame, another folkish litany (but even slower) laid bare over a bed of loud guitar distortion with a strong melodic undercurrent. By the time Niege hums Nous Sommes L'Emeraude, we got the point, and can predict which way the music will move. He has exhausted the directions where he can run with his idea (mixing black metal and shoegaze-rock). Faiseurs De Mondes tries to rescue the concept with a theatrical interplay of desperate growls and ecstatic wails The most obvious power-ballad, Summer's Glory, a skeletal tune attached to dense whirling guitar arrangements, is much closer to Cocteau Twins' dream-pop than to, say, My Bloody Valentine. Too simplified to retain the dramatic power of the Souvenirs D'Un Autre Monde, this album marks the end of the unlikely experiment and the beginning of the dignified monetization.

(Translation by/ Tradotto da Robert Gecchele)

Il Black Metal non nacque come un genere particolarmente predisposto a subire variazioni originali da parte dei musicisti; la Francia, tuttavia, fu uno dei luoghi ove le band furono in grado di aggiungere idee sempre nuove al paradigma. L'originalità dei Peste Noire in K.P.N./ La Sanie Des Siecles - Panegyrique De La Degenerescence (2006) risiede nell'abilità di fondere il blastbeat con ogni genere di impalcature alternative. Dopo la breve overture di Nous Sommes Fanes, uno sketch Kurt Weilliano a ritmo di valzer, l'album si addentra in Le Mort Joyeux, unendo blastbeats a ritmi country, mentre il cantante ricorre ad uno scream di testa al posto del growl che la tradizione richiede. Improvvisamente la chitarra intona una maestosa melodia, prima di lanciarsi in un galoppo frenetico, conferendo così una qualità epica al canto macabro. Tibi Laus Domine, al contrario, è una litania moribonda nella quale la chitarra simula le fanfare di un funerale. Il riff di chitarra in Spleen potrebbe tranquillamente provenire da una canzone di Hard Rock melodico, mentre lo scream del cantante diviene quanto più possibile vicino al pop.
La canzone di undici minuti Phalenes Et Pestilence - Salvatrice Averse inizia con un assolo di chitarra acustica reminiscente di musica rinascimentale, prima di avventurarsi in un viaggio ritmico di ogni sorta: un ritmo folle e galoppante muta in uno solenne, quindi diviene un banging infantile. La musica si presta chiaramente a scopi cinematografici, e continua a procedere altalenante tra vari stati d'animo. Dopo una pausa melancolica, è ancora una volta la semplice melodia della chitarra acustica che inizia il crescendo finale. Il ritmo si riprende una volta ancora, terminando in una selvaggia quadriglia.
Infine, una scatenata chitarra metal perde ogni controllo in Retour De Flamme (Hooligan Black Metal), ma, di nuovo, la musica cambia improvvisamente in ogni maniera possibile, rendendo nell'atto onore ai maestri del Black Metal.
La melodia migliore, suonata ancora una volta dalla chitarra acustica e di nuovo ispirata dalla musica antica, affiora probabilmente in Dueil Angoisseus (Christine De Pisan, 1362-1431), e viene ripetuta continuamente sullo sfondo di distorsioni ed urla, come un angelo che vola sopra l'inferno.
I nove minuti di Des Medecins Malades Et Des Saintss Sequestres possono vantare un'intensità degna di un Panzer: la canzone procede a un ritmo marziale, più interessata nel produrre un'atmosfera lugubre piuttosto che nello scatenare sonorità punitive. Persino alla fine, quando diviene un diabolico instrumental, è più concentrata sullo stato d'animo che sulla violenza.

FolkFuck Folie (2007) sembra composto dagli scarti dell'album precedente, prevalentemente quelli più corti (il brano più lungo è appena di sette minuti). Dopo L'Envol Du Grabataire (Ode A Famine) per corvi e chitarra, la band esegue la propria routine di metal creativo in una serie di canzoni anonime, di tutta furia e poco cervello. In sette minuti, Condamne A La Pondaison (Legende Funebre) redime la prima parte del disco, piuttosto vuota, con una delle loro camaleontiche escursioni cinematografiche. Sembra non partire mai, finché Maleicon non intona un solenne inno. Amour Ne M'amoit Ne Je Li fa anche di meglio, con una melodia di chitarra al limite del valzer e il canto disperato a sovrastare l'irrefrenabile batteria. Un nuovo picco di violenza viene raggiunto da Paysage Mauvais (Bonus Track), ma il gruppo non riesce a capitalizzare sull'elettricità che ha creato.

Mors Orbis Terrarum (2007) raccoglie tutte le registrazioni non incluse nei due album precedenti, tra tutte la demo Aryan Supremecy (2001).

La Sale Famine, attivo anche come Valfunde, rimase l'unico superstite della formazione originale dei Peste Noire nel mini album Ballade Cuntre Lo Anemi Francor (De Profundis, 2009), che presentò il loro più complesso e idiosincratico collage sino ad allora. Sfortunatamente, non riuscì a portare avanti alcune idee geniali che vennero lasciate mutilate in brevi brani come Concerto Pour Cloportes, Vespre e Requiem Pour Nioka. A queste, si accompagnano altre opportunità mancate: ad esempio, Rance Black Metal De France utilizza un motivetto folk come trampolino di lancio per una quadriglia demoniaca, ma, non sapendo cosa farne, la musica si interrompe e ricomincia come una jam addomesticata, propulsa da potenti riff attribuibili a un gruppo Southern-Boogie.
Laddove riesce a ingranare, tuttavia, l'album si classifica tra il loro materiale migliore. La Mesniee Mordrissoire estrae un grottesco ed ebbro motivetto (degno di un musical di Kurt Weill) da una palude di riff distorti e di solidi ritmi di batteria. Una delle loro più struggenti composizioni, Ballade Cuntre Les Anemis De La France - De Francois Villon, prende ispirazione dalla musica medievale, ma muta dunque il leitmotiv per divenire una rilassata jam Blues Rock a supporto della roca narrazione (un eco distante dallo scream e dal growl del passato).

Neige fu inoltre attivo come Amesoeurs e Alcest: gli Alcest, in particolare, coniarono un nuovo sottogenere di Black Metal con il loro rumoroso ma vagamente orecchiabile singolo Le Secret/ Elevation (2005 - Prophecy, 2011).

Il primo full-lenght degli Alcest, Souvenirs D'Un Autre Monde (Prophecy, 2007), si rivelò essere uno dei più grandi album Shoegaze dell'epoca. Il riff di Printemps Emeraude, al tempo stesso solenne ed agonizzante, è il trampolino di lancio per una melodia vocale che cresce simile a un inno religioso, che a sua volta spinge la chitarra a intonare una distorsione ancor più maestosa, uno dei motivi più edificanti dello Shoegaze di tutti i tempi. Un pathos altrettanto commovente è racchiuso in Souvenirs D'Un Autre Monde, creata da un'altra esplosione di chitarre, questa volta però in funzione di una delicata e sussurrata elegia (ad un certo punto persino ridotta ad un semplice e sognante "la-la-la"). La più frenetica e incandescente Les Iris esala al tempo stesso un mantra delicato ed etereo, dissociando ulteriormente suono e melodia. Le dinamiche e mutevoli textures delle canzoni precedenti convergono sul Post-Rock nella più intelligente Ciel Errant, mentre i risvolti stridenti vengono ulteriormente esplorati in Sur L'Autre Rive Je T'Attendrai, la cui lunga parte strumentale è puramente atmosferica e quasi impressionista. Il finale, al contrario, riverte su di un formato più semplice: un ben più tradizionale motivetto connota Tir Nan Og, per poi evolversi in un'elettronica melodia New-Age. Questo impeccabile album distilla l'essenza romantica dello Shoegaze, quasi rimuovendone le sue fondamenta psichedeliche.

Ecailles De Lune, secondo lavoro degli Alcest, deve il suo titolo alla sua suite principale in due movimenti, Ecailles De Lune. Il primo include in realtà diversi sotto-movimenti: inizia con una ballata psichedelica dai tratti piuttosto tradizionali, per poi implodere in un introverso assolo di chitarra, fino a esplodere finalmente nel frenetico finale. Il secondo movimento fa risorgere a sorpresa le radici di Neige, e comincia sulla falsariga di un Black Metal magniloquente e isterico, che implode ancora una volta in una fragile filastrocca Folk, per sfumare infine in una composizione dalle tinte astratte. Percees De Lumiere (la vera rivelazione) è un'altra composizione di canto Black Metal che va però estraniandosi in stile More dei Pink Floyd. Solar Song, l'unica canzone che porta avanti il programma Shoegaze del primo album, sembra essere un po' troppo melodiosa e sognante per splendere di luce propria, e la corposa chitarra che la rinforza non è sufficiente. La ballata acustica di otto minuti Sur L'Ocean Couleur De Fer è una spiacevole deviazione che potrebbe presagire un futuro nella musica commerciale.

L'Ordure A L'Etat Pur (Rosenkrantz, 2011), cui partecipa anche la cantante Audrey Sylvain, riflette il lato più nichilista dei Peste Noire, ma la musica è quantomai viva. Sin dal primo minuto, Casse Peches Fractures Et Traditions si mostra piena di drammaticità e suspense: gli strumenti intonano una danza medievale, mentre un personaggio ubriaco grida ringhiando il proprio rancore; la canzone procede quindi svelando voci e riff, che rimangono però ostili e macabri. Dopo cinque minuti, un intermezzo di trombe circensi e una fisarmonica folk fa da trampolino di lancio per un attacco completamente diverso, maniacale. Quest'ultimo muta dunque in uno frenetico sketch comico-musicale, supportato però da chitarre Heavy Metal dal suono omicida. I suoni di una fattoria interrompono brevemente quella che ora somiglia ad una danza balcanica. L'epilettica trenodia di Cochon Carotte Et Les Sours Crotte ruota attorno a puerili blastbeats (includendo persino ritmi dubstep) e termina con una grottesca fanfara di guerra. I venti minuti di J'avais Reve Du Nord iniziano con una caotica sequenza cinematica di rumori e voci di fondo intrecciati con un riff incalzante; quindi Sylvain intona in contralto una delicata canzone accompagnata dalle solitarie meditazioni della chitarra acustica, finché l'atmosfera non viene lacerata da un growl demoniaco sullo sfondo di ritmiche frenetiche. In tutto questo, l'acustica porta avanti la propria melodia, quasi a simboleggiare un debole segnale di una qualche umanità sopravvissuta. Non a caso, il contralto torna a dominare nuovamente la scena con un altro tema barocco. I sette minuti della seconda parte mutano dal Black Metal ad un vigoroso motivo popolare. Le metamorfosi che avvengono in questi pezzi sconfinano nel surreale: in sei minuti, Sale Famine Von Valfoutre muta completamente, passando da orgasmici quanto rumorosi loop a un galoppo Country Rock. La conclusione filosofica dell'album, La Condi Hu ("l'umana condizione"), è una preghiera sussurrata tra il Doom e il Blues, che si trasforma ben presto in un urlo demoniaco combattuto da terrificanti accordi di chitarra. Lo stile canoro rivela al tempo stesso rabbia e disperazione, mentre la chitarra somiglia al sopraggiungere della morte. L'album in sé è un enorme affresco di sconforto e alienazione, una brutale testimonianza di decomposizione collettiva.

La terza fatica degli Alcest, Les Voyages De l'Ame, appare più come un'introduzione al gruppo per coloro che si fossero persi le uscite precedenti del loro Post-Metal strutturale. L'inno solenne di Autre Temps (non troppo distante da Scorpions et similia) rappresenta gli Alcest per il mercato di massa. Per pro, l'accresciuta qualità di produzione consente al carattere introverso e spirituale della musica di Neige di venire in superficie, specie nell'etereo canto senza parole di Beings of Light, in perenne contrasto con blastbeats infernali, forse l'excursus più creativo dell'album. I toni mistici del primo brano tornano nei nove minuti di La Ou Naissent Les Couleurs Nouvelles, uno Slo-core caratterizzato da chitarre brucianti, un pezzo che ha tempo di evolversi lungo una trama drammatica, con un'esplosione di Black Metal e un intermezzo pastorale prima di convergere nel finale ardente: la Stairway To Heaven dello Shoegaze Metal. Si giunge quindi a Les Voyages De L'Ame, un'altra litania popolare, persino più lenta, nuda su di un letto di chitarre distorte che suonano vigorose melodie. Il tempo di arrivare a Nous Sommes l'Emeraude ed è già possibile immaginare come la musica si svilupperà, vedendo come Neige abbia già esaurito tutte le direzioni in cui poteva andare la sua idea di fondere Black Metal e Shoegaze Rock. Faiseurs De Mondes prova a salvare in extremis questa idea con una teatrale interazione tra urla disperate ed estatici lamenti. La scontata Power-Ballad, Summer's Glory, uno scheletrico motivo di vorticosi arrangiamenti chitarristici, è più vicina al Dream-Pop dei Cocteau Twins piuttosto che, per dire, alla musica dei My Bloody Valentine. Troppo semplicistico per riprodurre il potere drammatico di Souvenirs D'Un Autre Monde, quest'album segna la fine di un inusuale esperimento e l'inizio di una dignitosa commercializzazione.

(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database