Steve Haun
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Inside The Sky (Silver Wave, 1988) ***
Midnight Echoes (Silver Wave, 1989) ***
Collage (Silver Wave, 1991) **
Victory (Silver Wave, 1992) *** anthology
Birth Of Dreams (Ivory Moon, 1994) ***
Links:

Steve Haun

Steve Haun, nato a Denver, cresciuto nel Kansas ma stabilitosi a Boulder, con una formazione classica all'Università del Colorado, è uno dei musicisti new age che, grazie all'elettronica, hanno portato l'arte del poema sinfonico a nuovi livelli di epos.

Fin da Inside The Sky, accompagnato dal sassofonista Nelson Rangell, dal bassista Kip Kuepper e dal violinista Oswald Lehnert, la sua forza è stata soprattutto nel saper accoppiare felicemente l'elettronica con le melodie e i ritmi pop.

Quel primo album rigurgita di fanfare trascinanti come Inside The Sky, di melodie struggenti come Beginning Again, di tenere meditazioni come Victory, che sono fra le composizioni formalmente più perfette della new age elettronica, tutte propulse da possenti rhythm machine. Ma dietro il kitsch corrivo si nascondono calibrate atmosfere jazz (Can't Look Back, con assolo di sassofono) e suadenti cadenze latine (The Constant Search, con tanto di toccata barocca) che riescono sempre a librarsi in inni epici. Abile miscelatore di timbri elettronici ed acustici, prolifico scrittore di ritornelli orecchiabili, smaliziato orchestratore di armonie lussureggianti, Haun è un incrocio fra Cajkovsky, Bacharach, Clayderman, Mangione e Jarre.

Che le sue ambizioni non finissero con la musica leggera lo dimostrò il successivo Midnight Echoes, registrato con la Denver Symphony Orchestra (e i soliti Kuepper e Rangell). L'ouverture trionfale di Renewal, con il suo assolo squillante di sax, la pomposa title-track, con il suo ringhio di chitarra rock a passo marziale, nonché Snowdance, il tema più potente e drammatico, una specie di saltarello con tutti gli strumenti dell'orchestra scatenati, la melodia urlata con pathos sovrumano di Mountain Mystery testimoniano che Haun è un talento naturale della dinamica e ha un debole per gli arrangiamenti di proporzioni epiche. Ma Haun sa anche essere commovente nei momenti intimisti, su tutti Endless Horizon, con la sua toccante melodia di pianoforte. Anche l'orchestrale Mountain Suite in quattro movimenti eccelle soprattutto nel commosso "adagio".

Haun conferma le sue doti di grande melodista e sofisticato arrangiatore su Collage. Traboccante di sentimenti teneri e innamorati, sfavillante in ogni sua nota, impeccabile nei contrappunti, questo album è un tributo alla voglia di vivere, dalla romantica serenata di Soaring al carillon brioso di Breaking Away, fino a Traveler, trascinato da un ennesimo assolo accorato di sassofono.

Nei nuovi brani di Victory Haun dimostra di essere ormai diventato un maestro delle atmosfere jazz-rock, forte anche di un ensemble di tutto riguardo (in evidenza soprattutto Rangell): Bolder Boulder, ritornello arioso in un crescendo delle tastiere e a ritmo sostenuto, Carpe Diem, il più ballabile, e soprattutto Shining Through, con un'incantevole melodia costruita sul contrappunto fra sintetizzatore e sassofono. L'unico brano senza il sassofono è Dream Quest, con il passo lento e maestoso dei momenti più epici e lenti frasi romantiche alla Clayderman.

Fedele al suo standard di melodie superbe, arrangiamenti lussureggianti, tempi marziali e produzioni cristalline, Birth Of Dreams conserva lo stesso lirismo dei precedenti, con appena un andamento più jazzato. Se il carillon del brano-guida fa concorrenza a Vangelis, con il suo piglio trionfale e il suo ritornello trascinante, l'arte somma di Haun va cercata in salmi commoventi come I Will Follow You (il più orecchiabile) e First Moments, titoli che raccontano da soli la filosofia domestica dell'album, brani più umili, dominati dalle melodie del pianoforte, nei quali si esprimono poetiche più profonde e personali.

Per tripudio orchestrale e felicità melodica alcuni brani sono da considerare dei mini-concerti per pianoforte: Unspoken Love (la più tenera) e Where Angels Dance (la più arrangiata, con persino spunti da clavicembalo rinascimentale). Altri (Welcome To The World e Leave No Child Behind) sono delle umili sonate per solo pianoforte in cui Haun riscopre il valore degli affetti più semplici. E' il disco più personale e intimista della carriera di Haun, e, non a caso, quello in cui il musicista elettronico riscopre il fascino del pianoforte.

Haun è uno dei pochi melodisti elettronici la cui ispirazione non è mai venuta meno. Tutti i suoi prodotti sono di elevatissima qualità.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Music with Nature: Impressions of the Rocky Mountains - 1999 SNH Productions 1. Nature Soundscape I: forest ambience, various birds, mountain stream - 0:26 2. Visions of Paradise - 4:57 3. Nature Soundscape II: forest ambience, various birds, hawk, mountain stream, vocal choir with elk bugling, running and sparring, distant canyon wind - 2:17 4. Gateway to Grandeur - 6:02 5. Nature Soundscape III: mountain thunderstorm with loud thunder claps, various distant birds - 1:51 6. A Voice from the Mountain - 6:35 7. Nature Soundscape IV: forest ambience, various birds, woodpecker, raccoon, chipmunk, geese, distant wind - 1:01 8. A World in Harmony - 6:29 9. Nature Soundscape V: crickets chirping, distant swirling wind - 1:04 10. Simple Abundance - 4:12 11. Nature Soundscape VI: babbling brook, mountain river, distant bird, cascading waterfalls - 0:52 12. Enchanted Places - 4:59 13. Nature Soundscape VII: vocal choir with rain showers, thunder claps, various distant birds - 0:53 14. An Answered Prayer - 6:00 15. Nature Soundscape VIII: various birds, mountain stream - 0:13 16. Spring Promise - 3:21 17. Nature Soundscape IX: penny whistle with various birds, mountain stream, elk bugling, sparring, grazing and running, rain showers, distant birds - 1:27 18. Peak to Peak - 5:14 19. Nature Soundscape X: forest ambience, various birds, chipmunks - 1:03 20. Every Living Moment - 5:23 21. Nature Soundscape XI: mountain stream, babbling brook, crickets and various insects chirping, distant owl hooting - 0:53 22. Gateway to Grandeur (reprise) - 5:51 23. Nature Soundscape XII: elk bugling and running, distant canyon wind - 1:10 Glory Bound - 1996 Gallery Records 1. Presence Of The Moment - 4:55 2. Sacred Truce (ekecheiria) - 1:45 3. Eternal Flame - 4:48 4. Glory Bound - 5:13 5. Rings Of Peace - 3:12 6. One Dream - 3:52 7. Hand In Hand - 3:15 8. Igniting The World - 4:27 9. Rainbow To Gold - 1:11 10. Away From The Shadows - 4:11 11. True Believer - 5:24 12. The Dancer - 3:27 13. Feel The Spirit - 4:26 14. Citius, Altius, Fortitus - 4:43 15. No Trivial Moment - 5:35 16. A Place Inside - 2:56 No Trivial Moment- 1996 Ivory Moon Recordings Birth of Dreams - 1994 Ivory Moon Recordings 1. Prelude 2. Birth of Dreams 3. Welcome to the World 4. Unspoken Love 5. I Will Follow You 6. In This Lifetime 7. Debra 8. A Feeling of Spring 9. A Place Inside 10. Where Angels Dance 11. Leave No Child Behind 12. First Moments 13. Unspoken Love (reprise) 14. A New Frontier Victory: Music of the Bolder Boulder - 1992 SilverWave Records 1. Bolder Boulder Theme - 5:00 2. Traveler - 5:27 3. Carpe Diem (Seize the Day) - 5:27 4. Soaring - 4:34 5. Shining Through - 4:12 6. Snowdance - 5:37 7. Dream Quest - 5:10 8. Renewal - 3:48 9. Breaking Away - 4:15 10. Midnight Echoes - 5:47 11. Victory - 5:43 12. Shining Through [reprise] - 4:15 Collage - 1991 SilverWave Records 1. Breaking Away - 4:15 2. Soaring - 4:34 3. First Time - 2:52 4. Returning Home - 5:14 5. In a Moment - 4:25 6. Song for Ann - 3:56 7. Traveler - 5:27 8. One Summer Night - 6:05 9. There Is a Place for Peace - 3:50 10. Forgotten People - 3:54 11. Mountain Suite (excerpt) - 4:18 12. Returning Home (reprise) - 1:32 Midnight Echoes - 1989 SilverWave Records 1. Renewal - 3:49 2. Endless Horizon - 4:35 3. Midnight Echoes - 5:47 4. From the Heart - 2:58 5. Beyond the Storm - 5:22 6. Snowdance - 5:38 7. Mick's Memory - 2:45 8. Mountain Mystery - 5:18 9. Sunlit Summit - 3:30 10. Mountain Suite: Andante/Canon/Andantino/Alegro - 9:79 11. Distant Dream - 4:45 12. Look in Your Eyes - 4:43 13. Mountain Suite Reprise (Andantino) - 1:13 (Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database