Dalla pagina di Piero Scaruffi
(Tradotto da Stefano Iardella)

Durante il loro secondo decennio di attività, i Negativland produssero collage che erano banali, come Free (Seeland, 1993), che sembrava riscoprire il formato canzone, oppure pretenziosi, come il doppio disco Time Zones Exchange Project (Seeland, 1994), che documenta la cattura (fittizia) dell'Unione Sovietica, unendo assieme frammenti radiofonici e televisivi e frammenti immaginari.

Fair Use (Seeland, 1995) documenta il caso giudiziario a seguito di una causa nei loro confronti da parte degli U2 (Per mano dell'etichetta Island Records), per violazioni dei diritti d'autore.

Sex Dirt (Seeland, 1996) appartiene alla serie "trivial", così come Dispepsi (Seeland, 1997), satira della pubblicità radiofonica e televisiva (Frank Zappa e The Residents hanno saputo fare di meglio), e così come Happy Heroes (Seeland, 1998 ).

Negativ(e)land (SST, 1997) è un album dal vivo.

Il "bootleg" These Guys Are From England (Seelard, 2001) raccoglie il loro singolo più famoso (la parodia degli U2) e altro materiale inedito. Ma lo scherzo era durato troppo a lungo: per dieci anni, sostanzialmente, i Negativland avevano semplicemente sfruttato la loro celebrità nell'appropriarsi di suoni di altre persone.

Death Sentences Of The Polished And Structurally Weak (Seeland, 2002) è sia una raccolta di fotografie di discariche sia una raccolta di musica astratta, che si astiene dalle solite "appropriazioni". Segna un ritorno dei Negativland alle proprie origini come scultori di avventurosi collage sonori.

Il collage audio di No Business (2005), forse il più sofisticato di sempre, ritorna ai loro scherzi giovanili. È puro montaggio, senza tentativo alcuno di strutturazione nelle canzoni, ed è "orientato al messaggio", in contrapposizione alla scultura astratta del suono, e ha lo scopo di suscitare risate. Sembra più una serie di scenette in uno spettacolo di vaudeville che una raccolta di musica. E le scenette sono spesso ripetitive.

Al tempo di Presents Thigmotactic (Seeland, 2008), i Negativland erano diventati il progetto solista di Mark Hosler.

Don Joyce è morto per insufficienza cardiaca nel 2015, all'età di 71 anni.
Richard Lyons è morto nel 2016, per le complicazioni del tumore che lo affliggeva da oltre un decennio, poco dopo aver festeggiato i 57 anni.


Torna alla pagina di Piero Scaruffi