Alice Rohrwacher



7.0 Corpo Celeste/ Heavenly Body (2011)
7.2 Le Meraviglie/ The Wonders (2014)
7.8 Lazzaro Felice/ Happy as Lazzaro (2018)
Links:

Alice Rohrwacher (Italy, 1981) debuted with Corpo Celeste/ Heavenly Body (2011).

Le Meraviglie/ The Wonders (2014)

Lazzaro Felice/ Happy as Lazzaro (2018), blessed by the cinematography of Helene Louvart, is a heartbreaking fairy tale about a modern Lazarus, who not only is resurrected but is also a gentle soul like St Francis. This is two films into one. The first film is a neorealist film, apparently inspired to a real case, set in the countryside in the time of the lira. The second film begins with Lazzaro's resurrection and is a magic-realist film set in the city in the time of the euro. The mild humor of the first half (nothing terrible happens to the victims of the hoax) turns into bitter satire and cruel humor in the second half, when the poor are relocated from the village to the city only to end up in the slums, as poor as before but without the food and the animals of their fields. Even the Church rejects them. This Lazzaro is a strange version of the biblical Lazzaro who was resurrected by Jesus: in this case he is resurrected by a wolf. The wolf is the second life of Lazzaro: Lazzaro gets up after the wolf smells him, and Lazzaro dies when the wolf leaves him. The wolf is the main threat for the sharecropper in the country village, but becomes the very force that propels the freed sharecropper towards his suicidal goal of rejoining his only friend. The tender supernatural plot is reminiscent of Cesare Zavattini's supernatural screenplays, such as for Vittorio De Sica's Miracolo a Milano (1950), the heroic and stoic hardship of the peasants and the lumperproletariat evoke Luchino Visconti's La Terra Trema, and the human and natural landscape is reminiscent of Ermanno Olmi's The Tree of Wooden Clogs (1978). And there is also something of Dario Fo's angelic and provincial Marxism. But at the end Rohrwacher leaves us with a sense of utter and total despair: there is no redemption for the poor, no justice, and ultimately no meaning to their existence. There is widespread corruption, brutality and selfishness. The simpleton can survive a fall from a cliff but cannot survive the society created by his fellow humans.

The film opens with a young man serenading his loved one, playing an ancient song accompanied with bagpipes. The two lovers get engaged and shock the community with the news that they want to leave the village and move to the city. Inviolata is an isolated village, actually just four homes, three for the poor peasants and one for the rich landowner. It is cut out from the rest of the world. The community is shocked to hear that someone wants to leave. Lazzaro is a young man who is notorious for being a good and energetic worker. He is also a bit mentally retarded, and the others take advantage of him, so that he does twice the amount of work of the others. One day a man comes to visit, riding a small motorcycle, and is met by the priest. Nicola runs the business of the landowner. He pulls out books and counts what they consumed and what they produced and, like previous times, he tells them that their debt has increased: they lost two animals to the wolves and they have to pay for that. Someone remarks that they worked so hard for nothing. The peasants grow tobacco, which he takes back to the landowner. Nicola is shocked to learn that the two lovers want to leave the village: this is not allowed, and her relatives would be severely punished. The landowner, Alfonsina, who claims to be a marquess, shows up in a car driven by a chaffeur. She rides with her gloomy son Tancredi, while Nicola takes along his teenage daughter Teresa. To get to the village they have to cross a river over sacks of sand, a very easy walk. Meanwhile, Antonia and Lazzaro have been preparing their rich home. Antonia serves dinner to the quartet. Nicola and the marquess discuss the tobacco business, and it becomes clear that they are cheating the peasants, who are being treated like slaves. Nicola is afraid that the peasants are plotting something. In the kitchen two children beg Antonia to let them grab a bite of the cake. When she forbids them to touch the cake, they spit on it. Antonia serves it anyway. Tancredi is bored and wants to leave the place. As he walks around, the peasants are afraid of him. The kind Lazzaro offers him his sandwich. Tancredi doesn't want it but then feeds it to his dog. Tancredi is a chain smoker who coughes all the time. Lazzaro takes him up the hill where Lazzaro has built his personal refuge, next to the stable of the sheep. He makes coffee for Tancredi but Tancredi reproaches him for wasting time instead of working in the fields with the others. Later, Tancredi asks his mother whether she's not afraid that the peasants will discover her hoax: obviously the peasants have been raised thinking that they belong to the marquess, despite the fact that sharecropping has long been illegal. His mother tells him that everybody exploits everybody else. For example, look at how they exploit Lazzaro because he is such a gentle soul. Nicola treats the peasants like plantation slaves in front of the marquess. Then Tancredi disappears. Nicola gathers all the peasants to search for missing boy. Lazzaro finds him the following morning in his secret cave. Tancredi has decided to fight his mother and wants Lazzaro to help him. Tancredi wants to fake a kidnapping and writes a ransom letter to his mother, which he then signs with blood... Lazzaro's blood. The marquess guesses immediately that it is a trick and instructs Nicola to ignore the ransom request. Teresa, clearly in love with Tancredi, is the only one who is worried. Tancredi tries to build a slingshot but it breaks. He gifts it to Lazzaro and declares that Lazzaro must be his half-brother. Lazzaro receives the broken slingshot like a precious gift. They howl like wolves and the real wolves echo their howls. All the peasants hear them but think these are all wolves. When he returns to the common house, the other peasants are mad at Lazzaro for disappearing. In the morning Lazzaro brings food to Tancredi, who slept again in the cave. Lazzaro then joins the others in the fields. A storm is approaching. The others run for shelter, but Lazzaro remains petrified in the rain. He gets a fever and is forced in bed, unconscious. Tancredi goes starving and begins to roam the hill, looking for edible berries and fruit. Tancredi calls Teresa pretending that his life is in danger. Teresa tries to tell the marquess but realizes that the marquess doesn't care about Tancredi's fate. Therefore Teresa decides to call the police, something that her father explicitly forbade, because the last thing they want is the police to discover this illegal slave plantation. Meanwhile, a feverish Lazzaro searches for Tancredi on the hill. Lazzaro slips and falls over the edge of a cliff, apparently dead. The police arrive in a helicopter and they are shocked about what they find: these 54 peasants live in the past. The cops realize that the marquess used them like slaves. The cops line them up and march them towards the city. The peasants initially refuse to cross the river: they are afraid of everything that they have never done before. Antonia asks them in vain to go look for the missing Lazzaro. We hear the voiceover telling the fairy tale of a wolf and a saint. A wolf finds Lazzaro's body and smells him. As the voiceover says, the wolf leaves him alone after smelling a good man. Lazzaro wakes up and walks back to the village. He finds that the village has been abandoned. Then he finds two men in the rich house of the marquess: they are obviously thieves stealing the furniture, but they tell Lazzaro that they are simply moving the furniture to the house of the marquess in the city, and refuse to tell Lazzaro the address. Lazzaro believes them and even offers to help them. The thieves realize that he is an idiot and take advantage of him. He then asks for a ride to the city, since there is nobody in the village, but they tell him to walk. He walks and walks and walks. It looks like the hike takes a long time because he reaches the city when it is snowing, and he is still wearing summer clothes. Along the way he discovers the source of a mysterious red light that fascinated the villagers all those years: it's an antenna. He reaches a place where illegal immigrants are gathering in front of a truck. The man in the truck offers jobs and the immigrants bid lower and lower wages. Lazzaro recognizes an aged Nicola. Nicola reacts with fear and sends him away. We now realize that many years have elapsed since Lazzaro "died". Lazzaro keeps walking and accidentally stumbles onto the same thieves again: they are robbing a store, but they get very little. They take Lazzaro as a hostage and Lazzaro wants to follow them anyway. They take him to the slum where they live. Lazzaro wants to find Tancredi: he hasn't forgotten his half-brother and still has the broken slingshot. The old thief is met by a woman who turns out to be an aged Antonia, and she recognizes Lazzaro. Seeing that he hasn't aged at all and is alive, the religious girl gets on her knees as if she saw a saint. Antonia's family is less excited to meet a ghost. The two thieves are actually the ones feeding Antonia's family. Despite the long walk, Lazzaro is not hungry. Antonia shows him a newspaper that reported their case: a community of 54 people kept in slavery for so many years by the evil marquess. It was a famous case. Alfonsina went to jail for racketeering. But obviously not much has improved for the peasants: Antonia's family now lives in an abandoned water tank and lives on petty crime. Lazzaro is fascinated by all the things he has never seen, like the train and the TV set. Antonia helps her man scam people, and takes along Lazzaro who looks so honest, but then regrets it. Lazzaro finds another way to be useful: Antonia's husband realizes that Lazzaro knows all the plants growing around them, and most of them are edible. Antonia's family, instead, refuses to pick vegetables: they are still traumatized by their life picking tobacco. One day Lazzaro recognizes Tancredi's dog and follows it. Sure enough the dog takes him to a very aged Tancredi. Lazzaro is happy to see his half-brother and shows him the slingshot to prove that he is really Lazzaro. Tancredi takes him to a meeting with a businessman at a bank, but it is a practical joke against the businessman and the bank. Lazzaro then takes Tancredi to meet Antonia's family in their humble shack. Lazzaro plays the bagpipe for the occasion. Tancredi quickly realizes that they stole valuables for his mother's old house, but doesn't look outraged. Tancredi and Lazzaro howl like wolves, evoking the old days. Tancredi invites everybody to lunch and tells them to dress up a bit. They do their best and Antonia insists on buying pastries so they don't show up empty handed. They spend all their savings on the pastries. Tancredi has given them the address of a derelict building. They walk up the stairs and ring the bell. They recognize the woman who opens the door: Teresa. But Teresa sends them away. This was another practical joke by a Tancredi who is obviously losing his mind. Then Teresa calls them back. They hope in vain that the lunch is still on: Teresa begs them to leave the pastries. Clearly she and Tancredi are starving. Antonia does so. Teresa tells them that the bank ruined Tancredi. The poor family spent all their money for nothing. And now the husband's truck won't start, so they have to push it back to their place. Along the way they hear the music of a church organ. Lazzaro is hypnotized. Antonia stops the group and they walk inside. A nun runs towards them and sends them out: it is a private function. They resume pushing the truck in the streets, but the music leaves the church and starts following them (the second miracle of the film). They chat about returning to Inviolata: at least they will have their own food. Lazzaro starts crying, clearly hurt by Tancredi's cruel joke. The following morning Lazzaro walks into a bank. He behaves erratically and one of the customers sees a gun in his pocket. The bank's manager asks him whether he is carrying a gun and Lazzaro replies "yes". They all raise their hands, terrified. But soon the customers realize that Lazzaro only has a broken slingshot in his pants. Angry, they start beating him, and he doesn't defend himself. He sees a wolf next to him, but this time the wolf leaves him. By the time the police arrive, Lazzaro is dead, killed by the brutal crowd of well-dressed middle-class customers. The wolf walks out of the bank and into the traffic, heading for Inviolata.
(Copyright © 2019 Piero Scaruffi | Terms of use )
(Translation by/ Tradotto da Francesco Romano Spanò )

Alice Rohrwacher (Italia, 1981) esordì con Corpo Celeste/ Heavenly Body (2011).

Le Meraviglie/ The Wonders (2014)

Lazzaro Felice/ Happy as Lazzaro (2018), benedetto dalla fotografia di Helene Louvart, è la fiaba struggente di un Lazzaro moderno, che non solo risorge ma è anche un’anima buona come San Francesco. Questo film è due film in uno. Il primo film è un film neorealista, apparentemente ispirato ad un fatto reale, ambientato in campagna all’epoca della lira. Il secondo film comincia con la resurrezione di Lazzaro ed è un film magico-realista ambientato in città nell’età dell’euro. Il mite umorismo della prima parte (in cui nulla di terribile accade alle vittime dell’inganno) si trasforma in satira amara e umorismo crudele nella seconda metà, quando i poveri vengono portati via dai loro villaggi solo per finire nei sobborghi della periferia, poveri come prima ma senza il cibo e gli animali della loro terra. Persino la Chiesa li rifiuta. Questo Lazzaro è una strana versione del Lazzaro biblico resuscitato da Gesù: in questo caso, viene resuscitato da un lupo. Il lupo rappresenta la seconda vita di Lazzaro: Lazzaro si sveglia dopo che il lupo lo annusa, e il lupo se ne va quando Lazzaro muore. Il lupo rappresenta anche la più grande minaccia per i mezzadri del villaggio, ma diventa il motore trainante che porterà il mezzadro liberato verso la sua missione suicida di ritrovarsi col suo unico amico. Il tenero intreccio sovrannaturale ricorda le sceneggiature sovrannaturali di Cesare Zavattini, come quella di Miracolo a Milano (1950) per Vittorio De Sica, la fatica eroica e stoica dei paesani e del sottoproletariato rievoca La Terra Trema di Luchino Visconti, ed il paesaggio umano e naturale ricorda L’Albero degli Zoccoli / The Tree of Wooden Clogs (1978) di Ermanno Olmi. E c’è anche qualcosa del marxismo provinciale ed angelico di Dario Fo. Ma alla fine Rohrwacher ci lascia con un senso di completo e totale sconforto: non c’è redenzione per gli ultimi, nessuna giustizia ed in definitiva la loro esistenza non ha alcun significato. Dilagano corruzione, brutalità ed egoismo. Il sempliciotto riesce a sopravvivere alla caduta da un dirupo ma non sopravvive invece alla società creata dai suoi compagni umani.

Il film si apre con un giovane che dedica una serenata alla sua amata, cantando una vecchia canzone accompagnata dalle cornamuse. I due amanti si fidanzano e scioccano la comunità con la notizia di voler lasciare il villaggio per trasferirsi in città. Inviolata è un villaggio isolato di sole quattro case, tre per i poveri paesani ed una per la ricca padrona. È tagliata fuori dal resto del mondo. La comunità è sconvolta dal sentire che qualcuno voglia abbandonare quel posto. Lazzaro è un giovane conosciuto per essere un buon lavoratore e con tanta forza. È anche un po’ ritardato, e gli altri se ne approfittano, così lui fa il doppio del lavoro degli altri. Un giorno un uomo viene a far visita, guidando un piccolo motociclo, accolto da un prete. Nicola provvede agli affari della padrona. Fa i conti di quanto i mezzadri abbiano consumato e prodotto, e, come al solito, gli dice che il loro debito è aumentato: il lupo si è preso due polli e sono loro che devono pagare. Qualcuno rimarca il fatto di aver lavorato duramente per nulla. I paesani coltivano tabacco, che Nicola poi riporta alla padrona. Anche Nicola è sconvolto dalla notizia che i due fidanzati vogliano andarsene: è proibito, e la sua famiglia sarebbe severamente punita per questo. La padrona, Alfonsina, che si proclama marchesa, si mostra in una macchina guidata da uno chaffeur. Con lei c’è anche suo figlio Tancredi, un ragazzo cupo, mentre Nicola si è portato dietro la sua figlia adolescente Teresa. Per arrivare al villaggio, devono attraversare un fiume su dei sacchi di sabbia, praticamente una passeggiata. Nel mentre, Antonia e Lazzaro preparano la loro lussuosa tenuta, ed Antonia serve la cena ai quattro. Nicola e la marchesa discutono di affari del tabacco, e diventa chiaro che stanno ingannando i paesani, che sono trattati some schiavi. Nicola ha paura che i paesani stiano tramando qualcosa. In cucina, due bambini supplicano Antonia per un pezzo di torta. Quando lei gli vieta di toccarla, ci sputano sopra. Antonia la serve comunque. Tancredi si annoia e vuole andarsene da quel posto. Mentre si fa un giro fuori, i paesani sembrano aver paura di lui. Il cortese Lazzaro gli offre il suo panino, ma lui non lo vuole e lo dà al cane. Tancredi è un accanito fumatore che tossisce tutto il tempo. Lazzaro lo porta in cima alla collina dove ha costruito il suo rifugio personale, accanto al recinto delle pecore. Lazzaro fa a Tancredi un caffè ma Tancredi lo rimprovera dicendogli che sta perdendo tempo invece di lavorare nei campi insieme agli altri. Più tardi, Tancredi chiede alla madre se non fosse preoccupata che i paesani potessero scoprire l’inganno: ovviamente, i paesani sono cresciuti con la convinzione di appartenere alla marchesa, nonostante la mezzadria sia illegale da molto tempo. Sua madre gli spiega che tutti sfruttano qualcuno. Per esempio, guarda come i mezzadri sfruttano un animo buono come Lazzaro, proprio per il fatto di essere così buono. Nicola, di fronte alla marchesa, tratta i paesani come schiavi da piantagione. Dopo, Tancredi scompare, e Nicola riunisce tutti i paesani per cercarlo. Lazzaro lo trova il mattino seguente nel suo (di Lazzaro) rifugio segreto. Tancredi ha deciso di dichiarare guerra a sua madre e vuole che Lazzaro lo aiuti. Tancredi vuole fingere un tradimento e scrive una lettera di riscatto a sua madre, firmata col sangue… Col sangue di Lazzaro. La marchesa capisce immediatamente ch si tratti di uno dei suoi soliti scherzi e dice a Nicola di ignorare il riscatto. Teresa, evidentemente innamorata di Tancredi, è l’unica ad essere preoccupata. Tancredi cerca di costruire una fionda ma si rompe. La dà a Lazzaro e gli dice che lui e Lazzaro dovevano essere mezzi fratelli. Lazzaro accoglie il regalo di Tancredi come un grande dono. Ululano come lupi ed i lupi gli rispondono. I paesani li sentono ma pensano che siano tutti lupi veri. Quando torna nelle baracche comuni, i suoi compagni sono arrabbiati con Lazzaro per essere scomparso. Al mattino, Lazzaro porta del cibo a Tancredi, che sta dormendo ancora nel rifugio di Lazzaro. Lazzaro poi si unisce agli altri nei campi ma arriva una tempesta. Gli altri si mettono al riparo, ma Lazzaro rimane immobile sotto la pioggia. Si prende una febbre ed è costretto a letto, incosciente. Tancredi è affamato, e va per la collina in cerca di bacche e frutti commestibili. Tancredi chiama Teresa fingendosi in pericolo di vita. Teresa cerca di avvertire la marchesa ma realizza che alla mrchesa non freghi nulla destino di suo figlio. allora, Teresa decide di chiamare la polizia, cosa che suo padre le aveva espressamente proibito, perché l’ultima cosa che vogliono è che la polizia scopra la loro piantagione di schiavi. intanto, Lazzaro febbricitante va in cerca di Tancredi su per la collina. Lazzaro barcolla e cade dal bordo di un dirupo, apparentemente morto. La polizia arriva in elicottero ed è scioccata da quello a cui assiste: questi 54 paesani vivono nel passato. La polizia capisce che la marchesa li sfrutta come schiavi. la polizia li raduna e li porta verso la città. I paesani inizialmente rifiutano di attraversare il fiume: hanno paura di tutto e non lo hanno mai fatto prima. Antonia chiede in vano di cercare Lazzaro, che è scomparso. Ascoltiamo il racconto fuoricampo di Antonia che ci narra della fiaba di un lupo e di un santo. Un lupo trova il corpo di Lazzaro e lo annusa. Come dice Antonia, il lupo, nonostante sia affamato, risparmia questo buon uomo e se ne va. Lazzaro si sveglia, torna al villaggio e scopre che è stato abbandonato. Dopo, scopre due uomini nella tenuta della marchesa: sono evidentemente dei ladri intenti a rubare il mobilio, ma dicono a Lazzaro di essere dei semplici traslocatori che stanno portando i mobili a casa della marchesa in città, ma si rifiutano di dare a Lazzaro l’indirizzo. Lazzaro gli crede e si offre di aiutarli. I ladri realizzano che sia un idiota e se ne approfittano per farsi dare una mano. Lazzaro poi chiede loro un passaggio in città, dal momento che non c’è nessuno al villaggio, ma gli dicono di andare a piedi. Lui cammina e cammina. Sembra che la passeggiata duri un sacco di tempo perché quando raggiunge la città sta nevicando e lui ha addosso ancora i suoi abiti estivi. Lungo il cammino, scopre che quella misteriosa luce rossa che aveva affascinato i paesani nel villaggio per tutti quegli anni era un’antenna. Arriva in un posto dove degli immigrati clandestini sono riuniti davanti ad un trattore. L’uomo nel trattore offre lavoro a ribasso agli immigrati. Lazzaro riconosce l’uomo: è Nicola invecchiato. Nicola reagisce spaventato e lo manda via. noi adesso realizziamo che sono trascorsi anni da quando Lazzaro è “morto”. Lazzaro continua a camminare e si imbatte di nuovo accidentalmente negli stessi ladri di prima: adesso stanno rubando in un negozio, ma riescono a racimolare molto poco. Prendono Lazzaro in ostaggio e Lazzaro vuole seguirli comunque. Lo portano nei sobborghi dove vivono. Lazzaro vuole ritrovare Tancredi: non si è dimenticato del suo mezzo-fratello ed ha ancora con sé la sua fionda rotta. Il ladro più anziano va incontro ad una donna che si scopre essere Antonia invecchiata, e lei riconosce Lazzaro. Vedendo che non è invecchiato di un giorno ed è ancora vivo, la ragazza religiosa si inginocchia davanti a lui come se avesse visto un santo. La famiglia di Antonia è meno entusiasta di incontrare un fantasma. I due ladri sono praticamente quelli che provvedono alla famiglia di Antonia. Nonostante l lunga camminata, Lazzaro non ha fame. Antonia gli mostra un giornale che riporta il loro caso: una comunità di 54 persone ridotte in schiavitù per tutti questi anni dall’infame marchesa. È stato un caso famoso. Alfonsina è finita in carcere per associazione a delinquere. Ma ovviamente non è cambiato molto per i paesani: la famiglia di Antonia ora vive in un serbatoio d’acqua abbandonato e vive di piccoli crimini. Lazzaro rimane affascinato da cose che non ha mai visto, come il treno o la TV. Antonia aiuta il suo uomo a raggirare la gente, e porta Lazzaro con sé per la sua faccia onesta, ma poi si rifiuta di riportarlo con sé un’altra volta. Lazzaro trova un altro modo di rendersi utile: il marito di Antonia scopre che Lazzaro conosce tutte le piante intorno, e che quasi tutte sono commestibili. La famiglia di Antonia invece si rifiuta di raccogliere verdura, traumatizzati ancora dalla loro disavventura col tabacco nel villaggio. Un giorno, Lazzaro riconosce il cane di Tancredi e lo segue, sicuro che lo avrebbe condotto da Tancredi, anche lui adesso molto invecchiato. Così è stato. Lazzaro è felice di rivedere il suo mezzo-fratello e mostra a Tancredi la sua fionda rotta per provare di essere davvero lui. Tancredi lo porta ad un incontro con un uomo d’affari in una banca, ma è tutto uno dei suoi soliti scherzi ai danni dell’uomo d’affari. Lazzaro poi porta Tancredi dalla famiglia di Antonia e lo invita nella loro umile baracca. Lazzaro, per l’occasione, suona la cornamusa. Tancredi presto realizza che hanno rubato degli oggetti di valore dalla casa di sua madre, ma non sembra per niente offeso. Lazzaro e Tancredi ululano come lupi, come ai vecchi tempi. Tancredi invita tutti a pranzo e gli dice di vestirsi un po’ meglio per l’occasione. Fanno del loro meglio e Antonia insiste per comprare delle paste in modo da non presentarsi a mani vuote. Spendono tutti i loro risparmi per le paste. Tancredi dà loro l’indirizzo di un edificio in rovina. Salgono le scale e suonano al campanello. Riconoscono la donna che gli apre: è Teresa, ma lei li manda via. Si tratta di un altro scherzo da parte di Tancredi che ovviamente sta perdendo la testa. Ma poi Teresa li richiama. Sperano invano che il pranzo ancora si faccia: ma Teresa gli chiede se possono lasciarle le paste. È chiaro che lei e Tancredi stanno morendo di fame, e Antonia gliele lascia. Teresa dice loro che la banca ha rovinato Tancredi. La povera famiglia ha speso tutti i suoi soldi per nulla. E adesso il furgone del marito di Antonia non parte e sono costretti a spingerlo a mano e tornare a casa a piedi. Lungo la strada, sentono la musica dell’organo di una chiesa. Lazzaro ne è ipnotizzato. Antonia si ferma e entra dentro la chiesa. Una suora corre verso di loro e li scaccia via: è una funzione privata. Allora, riprendono a spingere il furgone per strada, ma la musica lascia la chiesa e comincia a seguirli (il secondo miracolo del film).  Discutono poi di ritornare all’Inviolata: alla fine è la loro casa, se la sono fatta da sé e avrebbero di che nutrirsi col loro stesso lavoro. Lazzaro inizia a piangere, chiaramente ferito dallo scherzo crudele di Tancredi. Il mattino seguente Lazzaro entra in una banca. Si comporta impacciato ed uno dei clienti nota un’arma nella sua tasca. L’impiegato della banca gli chiede se ha un’arma e lui risponde: «Si». Alzano tutti le mani, terrorizzati. Ma dopo un cliente si rende conto che Lazzaro in tasca ha solo una fionda rotta. Airati, cominciano a picchiarlo, e lui non si difende. Accanto a lui, vede un lupo, ma questa volta il lupo lo abbandona. Lazzaro muore prima dell’arrivo della polizia, ucciso da una folla brutale di clienti borghesi ben vestiti. Il lupo esce dalla banca e cammina nel traffico, diretto all’Inviolata.