John Lee Hooker
(Copyright © 1999-2024 Piero Scaruffi | Terms of use )

, /10
Links:

Il bluesman John Lee Hooker, ennesimo immigrato dal Mississippi dove nacque nel 1917, emigro` nel 1943 per andare a lavorare in una fabbrica di automobili di Detroit. Ma trovo` la sua vera vocazione nel canto, rurale ed elegante allo stesso tempo, dotato di un naturale boogie riff (dava il tempo con un semplice verso "au-au au-au").

I suoi brani (Boogie Chillen nel settembre 1948, il suo cavallo di battaglia, Crawling King Snake Blues, nella stessa session, reminiscent of Victoria Spivey's Black Snake Blues, I'm In The Mood, nell'agosto 1951, Trouble Blues, nel marzo 1956, Dimples, nella stessa session, Whiskey And Wimmen di marzo 1960, I'm Mad Again, di gennaio 1961, Boom Boom, registrato alla fine del 1961 e riproposto l'anno seguente sotto il titolo She Shot Me Down) imposero il suo stile incalzante e ipnotico.

La gloria gli arrise soltanto negli anni '60, quando i complessi rock (soprattutto dopo la sua tournee` in Gran Bretagna nel 1963) seppero valorizzare il suo repertorio. Dedicati a sventurate fanciulle del suo popolo o a solenni proverbi della tradizione, i suoi incalzanti boogie stavano in effetti a meta` strada fra il talking blues e il rock and roll.
Hooker è morto nel 2001.

John Lee Hooker, who relocated from Mississippi (where is was born in 1917) to Detroit in 1942, created an exuberant and anarchic synthesis of boogie woogie and talking blues, such as in Boogie Chillen (september 1948), Crawling King Snake Blues (same session), I'm In The Mood (august 1951), Trouble Blues (march 1956), Dimples (same session), Boom Boom (december 1961). Technically, he was one of the least sophisticated performers, so casual to sound shabby and uncertain when he was, in fact, all mood and feeling.
Hooker died in 2001.

If English is your first language and you could translate my old Italian text, please contact me.
What is unique about this music database