- Dalla pagina su Mike Cooper di Piero Scaruffi -
(Testo originale di Piero Scaruffi, editing di Stefano Iardella)


(Tradotto da Stefano Iardella)

Il super prolifico chitarrista britannico Mike Cooper suonava il blues negli anni '60, come documentato su Oh Really (1969), e il jazz negli anni '70, come documentato sugli album strumentali Do I Know You (1970), Trout Steel (1970), Places I Know (1972) e Machine Gun Co (1973), mentre Life and Death In Paradise (1974) era una raccolta di canzoni. Trout Steel/ Places I Know/ Machine Gun Co (Paradise of Bachelors, 2014) sono stati ristampati come un unico album.

Negli anni '80 ha collaborato con molti musicisti d'avanguardia britannici, per esempio con il sassofonista Lol Coxhill nei Recedents. Ha studiato anche musica hawaiana, come documentato sull'EP Aveklei Uptowns Hawaiians (1987).

Alla fine degli anni '90 si è rivolto all'"ambient-electronica" (che ricorda la "musica del quarto mondo" di Jon Hassell) per chitarra, elettronica, campioni di vecchi dischi e registrazioni sul campo da paesi esotici su album come: Avant Roots (1993), una collaborazione con Viv Dogan Corringham, Island Songs (1996), Kiribati (1999), Globe Notes (2001) e soprattutto Rayon Hula (2004), fondamentalmente un duetto tra la chitarra di Cooper e campioni in loop tratti da registrazioni vintage del vibrafonista hawaiano Arthur Lyman.

Allo stesso tempo, gli effetti elettronici e le manipolazioni digitali hanno deragliato le improvvisazioni di chitarra solista di Metal Box (2004).

Reluctant Swimmer (2005), che aggiunge la voce alla sua miscela, documenta una performance dal vivo.

Borders (2006) è un altro album dal vivo.

Spirit Songs (2006) è stata la prima raccolta di canzoni dal 1974.

Giacinto (2006) è un omaggio al compositore italiano Giacinto Scelsi.

Tu Fuego (2006) e Oceanic Feeling-Like (2008) sono state due delle tante collaborazioni.

Beach Crossings/Pacific Footprints (2006), White Shadows in the South Seas (2013) e New Globe Notes (2014) riprendono le sue avventure nella ambient exotica.


- Torna alla pagina su Mike Cooper di Piero Scaruffi -