Seeds
(Copyright © 1999-2024 Piero Scaruffi | Terms of use )

, /10
Links:

If English is your first language and you could translate my old Italian text, please contact me. I Seeds di Sky Saxon (Richard Marsh) furono proto-punk che inneggiavano alla turpitudine e alla violenza. Il loro sound sposava il piglio rozzo amatoriale del garage-rock e il tono sognante dell'acid-rock sotto l'egida dei Rolling Stones. L'opera di Saxon, una delle piu` blasfeme degli anni '60, fu in effetti un inno continuato alla lussuria.

Sky Saxon, che aveva pubblicato diversi singoli fra il 1962 e il 1964, formo` i Seeds nel 1965 a Los Angeles. La febbricitante e demoniaca Pushin' Too Hard (la loro Satisfaction, anthem del 1965, che ricalca Bad To Me di Billy Kramer) e No Escape (1966) sono il prototipo delle loro canzoni aspre, rudi, violente. La litania depravata Can't Seem To Make You Mine (forse il loro capolavoro) celebrava la personalita' animalesca del leader, Sky Saxon (Richard Marsh, originario dello Utah), cantante rabbioso e criptico della dinastia dei Jagger. Il primo album Seeds (GNP, spring 1966) contiene brani tecnicamente molto poveri (usarono sempre e soltanto gli stessi due accordi), ma ispirati a un blues-rock fastidioso, sporco, rugginoso. Da capo a fondo, per blues psichedelici come Nobody Spoil My Fun e danze tribali come Evil Hoodoo, un unico epidemico riff percorre l'album, replicandosi all'infinito, sguaiato e fremente.

Il secondo album, A Web Of Sound (GNP, 1966), e` forse meno compatto, ma vanta una jam di quattordici minuti, Up In Her Room, che concede carte blanche alla carica ruggente e sensuale del cantante in un crescendo orgasmico distruttivo di sciabolate del chitarrista Jon Savage, e mette in luce il rude stile honky-tonk al piano di Daryl Hooper. Tripmaker e Just Let Go continuano la saga di Pushin'. Mr. Farmer e` un classico degno dei primi singoli. I primi due album verranno raccolti su Seeds (GNP, 1987).

Raw And Alive (MGM, 1967) tenta di riprodurre artificialmnete le loro leggendarie esibizioni dal vivo (il disco venne registrato in studio con applausi meccanici).

Future (1967) fu un omaggio barocco, con tanto di fiati e violini, al raga-rock (Travel With Your Mind, Pretty Girl) e al flower-power (March Of The Flower Children, Two Fingers Pointing On You) che dilagavano in quei mesi. Pezzi come Where is The Entranceway To Play e Flower Lady And Her Assistant sono tanto caotici quanto eterei. Out Of The Question e A Thousand Shadows sono le ultime puntate della saga di Pushin'. Il disco e` uno dei piu` surreali della stagione psichedelica, merito anche degli arrangiamenti di Marcus Tybalt (il George Martin della situazione).

La stessa formazione ribattezzata Blues Band pubblico` un mediocre album di blues-rock, A Full Spoon Of Seedy Blues (1969).

Sky Saxon pubblico` ancora The Stars New Seeds Band (1971), si aggrego` per qualche mese a Father Yod e poi lo segui` nel 1974 in esilio alle Hawaii. Tornera` a far parlare di se` con Starry Ride (Psycho, 1984), Destiny's Children (PVC, 1986), In Search Of Brighter Colors (New Rose, 1988), ormai diventato personaggio di culto. Golden Vaults Volume 1 (Timeless, 2002) e` un'antologia di rarita` di dubbio valore artistico.

Sky Saxon lived an odd life during his exile in Hawaii. For a few years he did not release any music, but he started a religious cult (and actually taped some of his rituals). He never wanted to stage a comeback but was almost forced to stage one by fans who considered him a cult figure. Starry Ride (Psycho, 1984) is virtually the follow-up to A Web Of Sound, thanks to an epic-length 24 Hour Rocker. A Groovy Thing (New Rose, 1986) and Destiny's Children (PVC, 1986) present the old guru surrounded by young disciples of the Los Angeles' underground (the two sets are different selections of songs from the same sessions). In Search Of Brighter Colors (New Rose, 1988) harks back again to the Seeds. Private Party (Voxx, 1986) is a live performance with members of the Redd Kross and others.

Sky Saxon died in june 2009.

(Translation by/Tradotto da Stefano Iardella)

Sky Saxon ha vissuto una vita bizzarra durante il suo esilio alle Hawaii. Per alcuni anni non pubblicò nulla, ma diede inizio ad un culto religioso (e registrò realmente alcuni dei suoi rituali). Non ha mai voluto organizzare un ritorno sulle scene, ma è stato quasi costretto a farlo dai fan che lo consideravano una figura di culto. Starry Ride (Psycho, 1984) è praticamente il seguito di A Web Of Sound, grazie al pezzo di lunghezza epica 24 Hour Rocker. A Groovy Thing (New Rose, 1986) e Destiny's Children (PVC, 1986) presentano il vecchio guru circondato da giovani discepoli dell'underground di Los Angeles (i due album sono selezioni diverse di canzoni provenienti dalle stesse sessioni). In Search Of Brighter Colors (New Rose, 1988) si rifà nuovamente ai Seeds. Private Party (Voxx, 1986) è una performance dal vivo con membri dei Redd Kross e altri.

Sky Saxon è morto nel giugno 2009.

What is unique about this music database