- Dalla pagina su Bryan Adams di Piero Scaruffi -
(Testo originale di Piero Scaruffi, editing di Stefano Iardella)


(Testo originale di Piero Scaruffi)

Il teenage idol a riprendere lo scettro lasciato da Paul Anka in Canada fu Bryan Adams. L'ex cantante dei Sweeney Todd firmo` un contratto da un dollaro per poter incidere il suo primo singolo, Let Me Take You Dancing (1979), che divenne un piccolo hit delle discoteche. Gli album Bryan Adams (A&M, 1980) e You Want It You Got It (1982) cominciarono a costruire la personalita` del rocker romantico alla Rod Stewart e a proporre un soul bianco a ritmo di hard-rock in ballad passionali con liriche da soap-opera. Cuts Like a Knife (1983), avvalendosi soprattutto del chitarrista Keith Scott, trovo` la formula giusta, quella di Cuts Like A Knife e di Straight From The Heart, archetipo del suo epos romantico.

La sua carriera culmino` con l'album Reckless (sette milioni di copie vendute nel giro di pochi anni) e nei suoi hit Heaven (la sua ballata piu` passionale, cantata su una progressione marziale di pianoforte) e Run To You (con il riff piu` graffiante della sua carriera), la nostalgica Summer Of '69 e il virulento rhythm'n'blues It's Only Love.

Con Into The Fire (1987) il cantante tento` di ricostruirsi una reputazione nei panni dell'artista "socially aware" (impegnato). Su Waking Up The Neighbours (1991), che vendette dieci milioni di copie nel giro di pochi anni, a trionfare e` invece il "crooner" maturo e posato, una sorta di Rod Stewart meno sgolato, e allora fioccano Can't Stop This Thing We Started, Do I Have To Say The Words e I Do It For You (uno dei singoli piu` venduti di tutti i tempi). Please Forgive Me (1993) e` l'ennesimo successo sentimentale.


(Tradotto da Stefano Iardella)

So Far So Good (1993) raccoglie i successi.

La carriera di Adams perse quota con 18 Till I Die (1996), nonostante la serenata latina Have You Ever Really Loved A Woman, l'hard rock The Only Thing That Looks Good On Me, We're Gonna Win e Your Underwater, il forte ritmo ska di Do To You (che ricorda Someone to Love dei Blues Brothers) e melodie che evocano i successi del passato di Adams (Star).

On A Day Like Today (1998) è stato davvero terribile. Adams sembrava aver perso sia le sue capacità melodiche sia la sua anima rock.

Bare Bones (2011) era un album acustico che includeva vecchie canzoni.


- Torna alla pagina su Bryan Adams di Piero Scaruffi -