Dal free jazz al free rock


Storia del Rock | 1955-66 | 1967-69 | 1970-75 | 1976-89 | Anni '90 | 2000
Musicisti del 1955-66 | 1967-69 | 1970-76 | 1977-89 | Anni '90 US | Anni '90 non-US | Anni 2000
Torna alla pagina di musica
(Copyright © 2002 Piero Scaruffi )

Indice dei capitoli originali del volume 3 della Storia del Rock

Indice del volume 3
Il rock futurista
Free-rock
Kosmische Musik
Country-rock
I cantautori
southern-rock
Pop Muzak
Reggae & Funk
Il rock decadente
Heavy-metal
Disco Music & Hip Hop
Blue-collar rock
Le scuole nazionali Volume 4

Dal free jazz al free rock

La scuola di Canterbury ha rappresentato il fulcro creativo del rock inglese per tutti gli anni '70. La strategia di Canterbury e` sempre stata quella di procedere in stretto contatto con i jazzisti, sfruttando il jazz come proprio centro di ricerca musicale. Se il jazz-rock aveva permeato gran parte delle innovazioni dei Soft Machine, dei Caravan e dei loro discendenti, la generazione successiva e` cresciuta all'ombra del jazz creativo degli anni '70.

La spregiudicatezza armonica del nuovo jazz si e` cosi` trapiantata nel rock di Canterbury, in particolare attraverso i suoi due massimi maestri: Lol Coxhill e Fred Frith. Il secondo e` stato il promotore dell'esperienza Henry Cow, grazie alla quale si sono rivelati diversi nuovi talenti "creativi", tutti con una carriera densa di eventi musicali.

Un altro collettivo d'importanza storica e` quello degli Slapp Happy. Formato dall'elettronico Anthony Moore e dal chitarrista americano Peter Blegvad per accompagnare i dotti lied della tedesca Dagmar Krause, Dopo la fine del sodalizio gli ex-membri si diedero a carriere separate. Dagmar Krause canta Brecht, Weill e Eisler con formazioni sperimentali. Anthony Moore si da` alla psichedelia. Peter Blegvad al pop. Tutti e tre sono importanti per i loro bislacchi tentativi di ridefinire la forma canzone.

Fuori della mischia, ma in linea con la creativita` eccentrica del free-rock, si situa la Penguin Cafe` Orchestra.

Complessivamente l'esperienza creativa ha segnato un notevole passo avanti per il rock. Per la prima volta il rock inglese si e` rinnovato non per effetto di un fenomeno di costume (com'era successo dal beat in poi), ma di una presa di coscienza delle proprie potenzialita` espressive.