- Dalla pagina sui Journey di Piero Scaruffi -
(Testo originale di Piero Scaruffi, editing di Stefano Iardella)


(Tradotto da Gianluca Mantovan e Stefano Iardella)

Poche band hanno sprecato così tanto talento come hanno fatto i Journey.
Il supergruppo formato da tre veterani californiani (il chitarrista Neil Schon e il tastierista Gregg Rolie, entrambi membri dei Santana, il batterista Aynsley Dunbar di Frank Zappa), i Journey erano noti ancor prima di registrare alcunche'.
Il loro debut album, Journey (Columbia, 1975), fu il primo di una serie di best-sellers che resero i Journey una macchina da soldi. I riff di chitarra scintillanti di Neil Schon diedero impulso a energiche e febbrili jam strumentali quali Kohoutek e Of A Lifetime.

La loro abilità tecnica è evidente in Look Into The Future (1976), contenente Look Into The Future e I'm Gonna Leave You, e su Next (1977). Purtroppo, la musica si trasformò in un pedestre pop-metal per giovani distratti, il tipo di musica AOR che dominava le radio. Il nuovo vocalist Steve Perry e la trascinante e melodrammatica Wheel In The Sky resero Infinity (1978) l'album di una band differente.
Evolution (1979), con Steve Smith (ex-alunno della Berklee School) in luogo di Dunbar alla batteria, con Lovin' Touchin' Squeezin', e Departure (1980), contenente Anyway You Want It, condussero a Escape (1981), il picco commerciale di questa fase, con l'aggiunta delle tastiere elettroniche jazzate di Jonathan Cain.
Who's Crying Now, Open Arms e Don't Stop Believing sono ancor meno originali e più kitsch, orientate al formato di ballati sentimentali da tarda notte.

Frontiers (1983), con Separate Ways e due altre ballate romantiche (Faithfully and Send Her My Love) parve concludere la storia, ma Schon, Perry e Cain riformarono i Journey per Raised On Radio (1986), un altro disco milionario, con l'ultimo corale heavy-metal, Be Good To Yourself, mentre l'ennesima noiosa ballata (Only The Young) scalava le classifiche di vendita.

Schon, Cain e John Waite (in precedenza vocalist dei Babys) formarono i Bad English, supergruppo altrettanto di successo (commercialmente) che pubblicò Bad English (Epic, 1989), con When I See You Smile e Price of Love, e Backlash (Epic, 1991).
Ma la musica si fece sempre piu' banale.

Perry, che già aveva debuttato da solista con Street Talk (Columbia, 1984), che includeva Oh Sherrie, riesumò la sua carriera con For The Love Of Strange Medicine (1994), che includeva You Better Wait.


(Testo originale in italiano di Piero Scaruffi)

Assunto come secondo chitarrista da Carlos Santana quando aveva appena quindici anni, promosso a leader nei Journey quando ne aveva soltanto diciannove, con alle spalle quaranta milioni di dischi venduti, Neal Schon era uno degli indiscussi enfant prodige dello strumento. Schon, che aveva gia` registrato due album con il tastierista Jan Hammer, Untold Passion (Columbia, 1981) e Here To Stay (Columbia, 1983), intraprese la carriera solista con Beyond The Thunder (Higher Octave, 1995), un album di acquerelli strumentali nel solco di Craig Chaquico che si servono degli arrangiamenti di Jonathan Cain alle tastiere. Se Send Me An Angel, Big Moon e Call Of The Wild conservano il greve melodismo dei Journey, ma in un contesto meno rock, la melodia triste di Boulevard Of Dreams, strillata dalla chitarra, ne rappresenta il superamento nell'ottica della continuità. Fra esotismo visionario (Bandalero e Zanzibar) e jazz sensuale (Cool Breeze) si fa largo Deep Forest, una ballata acustica accompagnata dall'orchestra. Nel 1995 Schon rimise insieme la formazione originale dei Santana, meno Carlos, con il nome Abraxas.

Poi pubblicò il secondo album solista, Electric World (Higher Octave, 1997).

Jonathan Cain esordi` come polistrumentista con Back To The Innocence (Interscope, 1994), a cui fece seguire un album di jazz-rock soffice per pianoforte e orchestra, Piano With A View (Higher Octave, 1995), i cui pezzi migliori (come Tell It To My Heart) sono sostanzialmente "ballad" d'alta classifica. Gli fecero seguito l'esotico Body Language (Higher Octave, 1997) e l'orchestrale For A Lifetime (Higher Octave, 1998).


(Tradotto da Stefano Iardella)

Perry, Schon e Cain riformarono Journey per registrare Trial by Fire (Columbia, 1996), che contiene il solito rock mid-tempo, Message of Love, e la lenta ballata di rito, When You Love A Woman.

Perry lasciò la band prima dell'album Arrival (2001).

Revelation (2008), il primo album con il nuovo cantante Arnel Pineda, è un disco su doppio CD, il primo di inediti e il secondo di classici ri-registrati.


- Torna alla pagina sui Journey di Piero Scaruffi -