Toni Childs
(Copyright © 1999-2024 Piero Scaruffi | Terms of use )
House Of Hope , 5/10
The Woman's Boat , 6/10
Links:

Il primo album di Toni Childs, Union (A&M, 1988), doveva molto a David Ricketts, l'autore con David Baerwald di Boomtown, ma Childs vi metteva comunque in mostra la sua poliedrica personalita`. Voce maschia alla Phoebe Snow nel funky-soul viscerale di Don't Walk Away, consumata equilibrista vocale nell'epica Let The Rain Come Down, soprano rinascimentale nella sensuale e ipnotica Where's The Ocean, esotica etnologa alla Paul Simon in Zimbabwe, Childs e` la tipica ragazza ribelle (figlia di missionari, fuggita di casa giovanissima, incarcerata per droga). I cori africani erano la prima avvisaglia della world-music di qualche anno dopo.

Meno sofisticato e piu` terribile, House Of Hope (A&M, 1991) indulge in un mondo perverso che sembra un discendente di quello dei romanzi di Dickens, rivelando le ciccatrici del suo passato in Daddy's Song e Got To Go Now.

The Woman's Boat (Geffen, 1994) tento` invece la carta degli arrangiamenti alla Peter Gabriel. Tanto era stato personale e "letterario" il precedente, tanto e` pubblico e musicale questo. Il ciclo si apre e chiude con due inni trascendenti: Womb e Death. Procede attraverso le solite confessioni acutamente dolorose (I Just Want Affection, Lay Down Your Pain), ma lo spirito e` quello zen dell'accettazione e il corredo sonoro e` multiforme e multietnico. Il disco potrebbe essere il suo capolavoro.

If English is your first language and you could translate my old Italian text, please contact me.
What is unique about this music database
Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright