Jason & The Scorchers
(Copyright © 1999-2024 Piero Scaruffi | Terms of use )

Lost And Found , 7/10
Still Standing , 6/10
Thunder And Fire , 4/10
A Blazing Grace , 6.5/10
Clear Impetuous Morning , 6/10
A Pocketful of Soul, 5/10
Wildfires And Misfires , 4/10
All Over Creation , 4/10
Links:

Jason Ringenberg (originario dell'Illinois) fu uno dei protagonisti del movimento "cow-punk" degli anni '80. I suoi Jason & The Scorchers infestarono i saloon di Nashville, patria della musica country, con il piglio dei peggiori punk.

La trilogia composta dall'EP Reckless Country Soul (Praxis, 1982), con Reckless Country Soul e Pray For Me Momma, dall'EP Fervor (Praxis, 1983), e dall'album Lost & Found (EMI, 1985) costituisce una pietra miliare del genere. La musica e` tanto ruvida quanto feroce, tanto baldanzosa quanto cinica.

Lost And Found (EMI, 1985) consacro` il momento di selvaggia spettacolarita` del complesso. Jason e il chitarrista Warner Hodges applicano il radicalismo punk alla tradizione honky-tonk come i New York Dolls avevano fatto con il Merseybeat, forgiando un thrash-boogie a rotta di collo (If Money Talks) con punte di rock and roll cannibalesco (Broken Whiskey Glass, Change The Tune). Jason canta come un Buddy Holly immerso nel pop-core degli Husker Du (Last Time Around e soprattutto il ritornello marziale di White Lies), capace al tempo stesso di distendersi in elegie country and western a passo di quadriglia celtica (Blanket Of Sorrow) e persino di incrociare folk-rock "dylaniano" e rock psichedelico (Shop It Around). Jason fa sembrare ridicoli i cowpunk californiani, imprimendo al suo sound lo spirito di chi ha davvero nel sangue la natura rozza e selvatica della musica rurale.

Il secondo album, Still Standing (1986), li avvicino' a un heavy metal piu' convenzionale, ma concesse ancora due bombe come Shotgun Blues e Ghost Town. Thunder And Fire (A&M, 1989) e` un lavoro stanco e raffazzonato. Il gruppo si sciolse subito dopo. Ringenberg, non si sa se drogato o impazzito, tento` persino di registrare un album solista di musica country: One Foot In The Honky Tonk (Liberty, 1992).

Il quartetto originale si ricompose qualche anno dopo e sorprendentemente A Blazing Grace (Mammoth, 1995) e Clear Impetuous Morning (Mammoth, 1996) continuarono l'eroica cavalcata, il primo carico di tensione rozza e blasfema come ai bei tempi (Cry By Night Operator, Why Baby Why, One More Day Of The Weekend, Hell's Gates, American Legion Party), il secondo forte di Everything Has A Cost (con Emmylou Harris al controcanto) e dell'orecchiabile To Feel No Love, oltre che delle solite scorribande ubriache (Self Sabotage).

Il live Midnight Roads & Stages Seen (Mammoth, 1998) ha suggellato la maturita` di questa banda di irreducibili punk, esaltando vecchie canzoni come Harvest Moon e If You've Got the Love.

If English is your first language and you could translate my old Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in English.

Jason returned with the solo A Pocketful of Soul (Courageous Chicken, 2000) in the vein of the somber Apalachian folksinger.

Wildfires And Misfires (Yep Roc, 2002) is a collection of rarities.

Ringenberg's solo album All Over Creation (Yep Roc, 2002) is mostly a duo album, as the cowpunk dances his away around country-rock with a number of distinguished guests (best is Honky Tonk Maniac From Mars).

(Translation by/ Tradotto da xxx)

Se sei interessato a tradurre questo testo, contattami

What is unique about this music database