Pennywise
(Copyright © 1999-2024 Piero Scaruffi | Terms of use )
Pennywise, 7/10
Wildcard/ A Word From The Wise, 6/10
Unknown Road, 6.5/10
About Time, 5/10
Full Circle, 5/10
Straight Ahead , 5/10
Land Of The Free , 6/10
From the Ashes (2003), 5.5/10
The Fuse (2005), 5/10
Links:

I Pennywhise sono tardi surf-punk di Los Angeles che all'inizio degli anni '90 hanno rilevato le piu' blasonate formazioni del luogo.

L'EP A Word From The Wise (Theologian, 1989), con Side One, No Way Out e Final Chapters, li fece subito paragonare ai Bad Religion, dei quali conservano il melodismo e la concisione (e il cantante Jim Lindberg imita Greg Griffin). L'EP Wildcard (Theologian, 1992), registrato nelle stesse sessioni, venne pubblicato soltanto tre anni dopo, e raccolto su album con il precedente.

Il loro punk melodico ha sfumature meno psichedeliche e un'energia piu' brada, e Pennywise (Epitaph, 1991) non lesina slogan depressi da 1977 (Secret, Homeless, Who's To Blame), inni da barricata o da pub (Side One e soprattutto Bro Hymn, destinato a rimanere il loro capolavoro), filastrocche demenziali (Rules), e dosi di satira clownesca alla Dead Kennedys (Pennywise); con apici epici, sarcastici e cinetici nel thrash di Living For Today, destinato a rimanere il loro classico. Con un talento melodico superiore alla media, meno rabbia del solito e testi un minimo filosofici, il gruppo si conquista la sua meritata fetta di gloria.

Unknown Road (Epitaph, 1993) accentua gli aspetti piu' originali del loro programma: un epico e desolato spleen esistenziale (Unknown Road, City Is Burning), immerso in atmosfere filosofiche e confessionali (You Can Demand, Dying To Know), una malinconica forma-ballata thrash (It's Up To Me, Nothing) che puo' sfociare in inni alla Clash (Try To Conform). Sempre sostenuta da adeguati ritornelli e da un denso, veloce e potente sottofondo strumentale (segno che il chitarrista Fletcher Dragge sta maturando), questa musica non ha paura di mostrarsi matura e realista. I testi sono cruciali, e infatti il canto e' mixato in primo piano, fuori dalle tipiche tempeste strumentali hardcore, in modo da essere chiaramente (e insolitamente) intelleggibile. L'album e` destinato a rimanere il loro migliore.

About Time (Epitaph, 1995) e` pero` fin troppo radio-friendly, con una produzione che sembra quella dei gruppi heavy-metal, un po' come stanno facendo quell'anno gli Offspring. Lindberg e` diventato un intrattenitore piu` tollerabile per le masse (come dimostra l'auto-parodia di Perfect People). Not Far Away, Freebase, It's What You Do With It, I Won't Have It ripetono la stessa solfa, ma senza convinzione. Molto inferiore ai primi due album, About Time li relega fra gli epigoni del punk-pop, proprio loro che ne erano stati fra i maggiori interpreti. Capita a chi baratta istinto per mestiere.

Nel 1996 il bassista Jason Thirsk si suicida (sotto l'effetto della droga) ma il gruppo continua. Le colonne portanti di Full Circle (Epitaph, 1997) sono gli inni di battaglia, come Fight Till You Die e Go Away, ma e` uno stile che si stempera nei toni fatalisti di You'll Never Make It e nel malinconico consuntivo di Get A Life. Sono brani tanto melodici (soprattutto Running Out Of Time) quanto trascinanti (soprattutto Every Time). Ma l'assalto alle classifiche e` condotto da canzoni come Society e What If I, che mescolano cliche` heavy-metal e pop.

If English is your first language and you could translate my old Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
While there is nothing wrong with Pennywise's punk-pop, it just doesn't seem to conquer the masses, or the critics. Straight Ahead (Epitaph, 1999) salutes a politically aware band that indulges in sociopolitical analysis (reflecting Lindberg's political science studies) with a Bad Religion sound (Alien, Badge Of Pride, Greed, My Own Country).

After a number of mediocre albums, Pennywise reinvented themselves as political minstrels with Land Of The Free (Epitaph, 2001), a set of angry and ferocious tunes (but, mind, far slower than in the past, mostly midtempo and mostly melodic). Fletcher Dragge has become a first-rate guitarist, even if his instrument sounds like a mere shotgun. If WTO fails to become the agit-prop anthem it would like to be, other snapshots of teen anger (Time Marches On, Fuck Authority, Whose Side Are You On) succeed at evoking the epic spirit of riots and barricades (sirens, helicopters). As a call to arms, though, the album is only partly successful, far from capturing the warrior mood of early Clash or Dead Kennedys. As a collection of passionate punk-rock, it has few rivals in 2001.

While it does not stand up to its predecessor's rational fury, From the Ashes (Epitaph, 2003) has its share of memorable anthems (Now I Know, Judgment Day, Punch Drunk, Rise Up). The proceedings are just a little too self-conscious, but the passion is unwavering. This Is Only A Test proves their mastery of dynamics and pathos, while the catchy Falling Down removes any doubt that they might be losing their melodic flair.

The Fuse (2005) returns to their original brainless punk-pop with Knocked Down.

(Translation by/ Tradotto da Daniele Meneghel)

Benchè non ci sia nulla di sbagliato nel punk-pop dei Pennywise, sembra proprio che questo non conquisti le masse, o i critici. Straight Ahead (Epitaph, 1999) saluta una band politicamente informata che si lascia andare ad analisi sociopolitiche (riflettenti gli studi sulla scienza politica di Lindberg) con un sound alla Bad Religion (Alien, Badge Of Pride, Greed, My Own Country). Dopo una quantità di album mediocri, i Pennywise si reinventano menestrelli politici con Land Of The Free (Epitaph, 2001), una serie di motivi arrabbiati e feroci (ma, attenzione, molto più lenti che in passato, soprattutto midtempo ed essenzialmente melodici). Fletcher Dragge è diventato un chitarrista di prima qualità, anche se il suo strumento sembra un vero e proprio fucile. Se WTO non riesce a diventare l'inno che avrebbe voluto essere, altre fotografie di rabbia giovanile (Time Marches On, Fuck Authority, Whose Side Are You On) riescono ad evocare lo spirito epico dei ribelli e delle barricate (sirene,elicotteri). Come una chiamata alle armi, anche se l'album è solo parzialmente riuscito , lontano dal catturare lo stato d'animo guerriero dei primi Clash o Dead Kennedys. Come collezione di punk-rock appassionato, ha pochi rivali nel 2001.

What is unique about this music database