Dalla pagina di Piero Scaruffi
(Tradotto da Stefano Iardella)

Curtis "50 Cent" Jackson era un ex spacciatore di crack di New York, poi diventato un rapper che ha subito lasciato il segno con Power of the Dollar (1999), un prodotto accattivante per le masse prodotto da "Trackmasters" (ovvero il duo di Jean-Claude "Poke" Olivier e Samuel "Tone" Barnes). Dopo un paio di tentativi di omicidio, Jackson fu riscoperto da Eminem e divenne rapidamente una superstar del rap: Get Rich or Die Tryin' (2003), l'album con In da Club, offrì un crossover del gangsta rap con la musica pop. L'album è rimasto per anni l'album gangsta rap più venduto. Grazie addirittura esso, la musica hip-hop divenne mainstream e arrivò a dominare le classifiche di vendita. La sua influenza sulla scena newyorkese fu enorme perché lo stile di 50 Cent sostituì di fatto il classico suono "boom-bap" di New York e per molto tempo la scena newyorkese rimase relativamente derivativa, addirittura una caricatura del suo "gansta style" degli anni '90.

The Massacre (2005) ha rafforzato quella posizione di celebrità.

Sugli album successivi, Curtis (2007) e Before I Self Destruct (2009), c'era tuttavia poca sostanza.

50 Cent fu ancora una volta influente nel plasmare il declino della scena newyorkese: quando nel 2007 l'album Graduation di Kanye West (che è di Chicago) superò Curtis di 50 Cent nella sua prima settimana di vendite, questo evento annunciò l'alba di una nuova era della musica hip-hop, non più governata da New York.


Torna alla pagina di Piero Scaruffi