Ricardo Villalobos


(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Terms of use )

Alcachofa (2003), 7/10
The au Harem d'Archimede (2004), 6/10
Achso (2006), 6/10 (EP)
Fizheuer Zieheuer (2006), 7/10 (EP)
Vasco (2008), 6/10 (EP)
Salvador (2006), 5.5/10 (compilation)
Fabric 36 (2007), 4.5/10
Dependent and Happy (2012), 5.5/10
Links:

Chilean-born electronic musician Ricardo Villalobos (raised in Germany) became a leading figure in the genre of minimal techno and micro-house with singles such as 808 the Bassqueen (1999) and a couple of mix albums.

Salvador (Frisbee Tracks, 2006) collects material from 1998-2001 plus a remix of Senor Coconut's Electrolatino. The thunderous Que Belle Epoque 2006, the samba-like frenzy of Tempura, the android chant of Unflug, the rapid-fire emissions of Logohitz and the pounding locomotive of Lazer@Present are lively and entertaining, but pale in comparison with the austere art to come.

The mini-album Fizheuer Zieheuer (Playhouse, 2006) contains a simple 37-minute loop of Serbian brass music.

The process of creating a rhythms "is" the music on Alcachofa (Playhouse, 2003), his first major album. The ping-pong beat (mostly in a trotting mode but with a cute venture into Caribbean congas) of opener Easy Lee is one of the most straightforward (the treated vocals are always a mixed blessing on the album's tracks and this is one track in which they annoy more than entertain). I Try To Live boasts perhaps the most infectious beat, used as a platform to launch into an all-out house locomotive.
What You Say Is More Than I Can Say is instead a good example of the mutations that a beat can undergo in a Villalobos piece, running the gamut from pounding house beat to Caribbean motifs and from charleston-like syncopation to industrial robotic ticking. The treatment of vocals and beats lends Fools Garden both a ghostly quality and a tribal quality, with the former prevailing when aquatic keyboards invade the space. The industrial atmosphere of Bahaha Hahi is created by weaving together beats that sound like a sequence of little explosions, random digital events and eerie distortions. The electronic keyboards contribute to the hiccupping beat of Dexter by releasing languid harp-like reverbs. These are manically crafted objects that hide a lot of complexity underneath their skeletal appearances.
Y.G.H. is one of the exceptions to the rule that the rhythm is centerstage, because its identity lies with the flow of oneiric manipulations of keyboards and voice. Waiworinao relies on a fractured jazzy guitar melody that duels with steel drums.

The au Harem d'Archimede (Perlon, 2004), whose title is a pun on geometry's most famous theorem, further purified and sanitized Villalobos' method. Hireklon is an icy festival of micro-beats coupled with an alienated soliloquy of acoustic guitar. Serpentin harks back to classic pounding house music but smothers its hedonistic quality into vitreous digital sheen. Miami perhaps best exemplifies the brainy and somewhat sinister quality of the album, thanks to a bass line that seems lifted from a Weather Report album and bubbling keyboards that are reminiscent of early electronic poems. The most subtle piece, Theoreme d'Archimede, quotes rhythmic patterns by classic U2 and Pink Floyd songs before building up to an equatorial-style fervor. Another atmospheric zenith is Hello Halo, thanks to the android/computer noises that populate its harmless beat. What is missing in this album is the kind of catchy and bouncy rhythms that fueled the dances on Alcachofa: Temenarc 1 is the closest that Villalobos gets to replicating that sponstaneous thrust. Overall, this album lacks the creative genius of its predecessor, although it refines the craft to superhuman levels.

The double-EP Achso (Cadenza, 2006) contains four lengthy pieces. Sieso is little more than a vain display of Villalobos' polyrhythmic bouncing beats. Erso adds a Brazilian flavor to the micro-orgy. Duso has a cubist-style deconstructed melody hidden in between the bubbling beats. However, it's Ichso, that steals the show, juxtaposing a theremin-like wailing sound to an acrobatic booming rhythm, the former sounding like the birth pangs of a melody and the latter sounding like a tapping show.

The cd Fizheuer Zieheuer (Playhouse, 2006) collects the 37-minute Fizheuer Zieheuer (originally a two-part EP), and the 35-minute Fizbeast, described as a toolbox for djs. Fizheuer Zieheuer is one of his purest creations. It opens with a looped horn fanfare and marching beats, one emphasizing the propulsive power of the other. Then the horns play their melody for real, and it's a funereal melody that has little to do with the jovial Disney-like rhythm. The second part basically remixes both the pulsing fanfare and the marching beat until only a faint echo of the originals is left. Compared with previous peaks of Villalobos' art, this one gains in subtlety what it loses in intricacy.

Fabric 36 (2007) is another anthology, or, more accurately, a mix of his own compositions and productions. The problem is that this is organized like a dj mix, and the various fragments capture the imagination only for a few minutes. The only two pieces that take their time to develop an idea, Andruic & Japan (12 minutes) and Primer Encuentro Latino-Americano (10 minutes), are rather trivial. It doesn't sound like the work of the same Villalobos who delivered such complex works.

The double-EP Vasco (Perlon, 2008) delivered Minimoonstar (another tour de force of beat-sculpting, that manages to combine dramatic pathos and new-age ecstasy via cryptic bursts and ghostly drones), the neurotic Electonic Water, and the relatively straightforward stomping Amazordum.

Villalobos and Max Loderbauer's double disc Re: ECM (ECM, 2011) was a wildly creative remix of old ECM records. Another collaboration between the two yielded the simpler techno of the EP Peverelist (Honest Jons, 2011).

Finally a more ambitious release, Dependent and Happy (2012) relied too much on repetition and timbric quality to represent any meaningful addition to his canon.

(Translation by/ Tradotto da Gianfranco Federico)

Il musicista elettronico cileno Ricardo Villalobos (affermatosi in Germania) divenne una figura di punta nel genere della minimal techno e della micro-house con singoli come 808 the Bassqueen (1999) e un paio di album di remix.

Salvador (Frisbee Tracks, 2006) raccoglie materiale del periodo 1998-2001, più un remix di Electrolatino di Senor Coconut. Il fragoroso Que Belle Epoque 2006, la frenesia in stile samba di Tempura, il cantico androide di Unflug, le emissioni di fuoco rapido di Logohitz e il calpestio da locomotiva di Lazer@Present sono vivaci e divertenti, ma deboli in confronto all’austera arte che sta per venire.

Il mini-album Fizheuer Zieheuer (Playhouse, 2006) contiene un semplice loop di 37 minuti di musica serba per ottoni.

Il processo di creazione del ritmo “è” la musica su Alcachofa (Playhouse, 2003), il suo primo album per una major. Il battito da ping-pong (principalmente trottante, ma che si avventura molto bene nel suono di congas caraibiche) dell’iniziale Easy Lee è uno dei più lineari (le parti vocali trattate sono sempre un piacere nei brani dell’album e questa è una traccia in cui esse annoiano, più che intrattenere). I Try To Live vanta forse il beat più contagioso, usato come piattaforma di lancio per una locomotiva house a tutto campo.

What You Say Is More Than I Can Say è invece un buon esempio della mutazione che un ritmo può subire in un brano di Villalobos, lungo una gamma che va dalla cadenza martellante dell’house a motivi caraibici e da un sincopato charleston al ticchettio robotico dell’industrial. Il trattamento delle parti vocali e dei beat conferisce a Fools Garden  una qualità sia spettrale sia tribale, con la prima che prevale quando tastiere acquatiche invadono lo spazio. L’atmosfera industriale di  Bahaha Hahi è creata legando insieme ritmi che suonano come una sequenza di piccole

esplosioni, eventi digitali casuali e paurose distorsioni. Le tastiere elettroniche contribuiscono alla cadenza a singhiozzo di Dexter rilasciando languidi riverberi come di arpa. Sono, questi, oggetti maniacalmente artigianali che nascondono una grande complessità, dietro le loro sembianze scheletriche.

Y.G.H. è una delle eccezioni alla regola del ritmo come centro della scena, in quanto la sua identità giace nel flusso delle manipolazioni oniriche di tastiere e voce. Waiworinao si basa su una melodia jazz fratturata che duella con percussioni metalliche.

 

The au Harem d'Archimede (Perlon, 2004), il cui titolo è un gioco di parole sul più famoso teorema della geometria, purificò e levigò ulteriormente il metodo di Villalobos. Hireklon è un festival glaciale di micro-battiti accoppiati con un monologo alienato di chitarra acustica. Serpentin riporta indietro alla house martellante, ma soffoca la sua qualità edonistica in una vitrea lucentezza digitale. Miami forse esemplifica al meglio la qualità cervellotica e in qualche modo sinistra dell’album, grazie a una linea di basso che sembra presa da un disco dei Weather Report e a tastiere gorgoglianti che ricordano i primi poemi elettronici. Il brano più subdolo, Theoreme d'Archimede, cita pattern ritmici dalle classiche canzoni di U2 e Pink Floyd, prima di dare vita a un fervore in stile equatoriale. Un altro apice atmosferico è Hello Halo, grazie ai rumori da androide/computer che popolano il suo ritmo innocuo. Ciò che manca in questo album è il genere di ritmi saltellanti ed orecchiabili che alimentavano le danze di Alcachofa: Temenarc 1 è il brano in cui Villalobos più si avvicina a replicare quella spinta spontanea. Complessivamente, questo album manca del genio creativo del suo predecessore, sebbene perfezioni il lavoro a livelli sovrumani.

Il doppio EP Achso (Cadenza, 2006) contiene quattro lunghi brani. Sieso è poco più di una vacua esibizione dei robusti poliritmi di Villalobos. Erso aggiunge un sapore brasiliano alla micro-orgia. Duso naconde una melodia, decostruita secondo lo stile cubista, tra i beat gorgoglianti. Ad ogni modo, è Ichso che ruba la scena, giustapponendo un suono lamentoso come di theremin ad un ritmo esplosivo e acrobatico, con il primo che suona come le doglie del parto di una melodia e la seconda come uno show di battiti.

Il cd Fizheuer Zieheuer (Playhouse, 2006) contiene Fizheuer Zieheuer (originariamente un EP in due parti), di 37 minuti, e Fizbeast, di 35 minuti, descritta come una cassetta degli attrezzi per dj. Fizheuer Zieheuer è una delle sue creazioni più pure. Si apre con un loop di fanfara per corno e battiti di marcia, l’uno che enfatizza il potere propulsivo dell’altra. Poi i corni intonano una reale melodia, ed è una melodia funerea che non ha niente a che fare con il gioviale ritmo Disneyano. La seconda parte remixa sostanzialmente sia la fanfara pulsante che la cadenza da marcia, finché rimane soltanto un debole eco dei suoni originali. Paragonato ai picchi precedenti di Villalobos, questo guadagna in sottigliezza ciò che perde in complessità.

Fabric 36 (2007) è un’altra antologia o, più precisamente, un mix delle sue composizioni e produzioni. Il problema è che questo disco è organizzato come un mix da dj, e i vari frammenti catturano l’immaginazione soltanto per pochi minuti. Gli unici due brani che si prendono il tempo necessario per sviluppare un’idea, Andruic & Japan (12 minuti) e Primer Encuentro Latino-Americano (10 minuti), sono piuttosto banali. Questo non suona come un lavoro dello stesso Vilallobos che ha rilasciato lavori così complessi.

Il doppio EP Vasco (Perlon, 2008) conteneva Minimoonstar (un altro tour de force di scultura del ritmo, che si prefigge di combinare pathos drammatica e estasi new-age mediante scoppi criptici e droni spettrali), la nevrotica Electonic Water, e il calpestio relativamente semplice di Amazordum.

Re: ECM (ECM, 2011), un disco doppio di Villalobos e Max Loderbauer, era una raccolta molto creativa di remix di vecchi dischi della ECM. Un’altra collaborazione tra i due rilasciò la techno più semplice dell’EP Peverelist (Honest Jons, 2011).

Infine una release più ambiziosa, Dependent and Happy (2012), indugiava troppo sulla ripetizione e sulla qualità dei timbri, nel tentativo di rappresentare una qualsiasi significativa aggiunta al suo canone musicale.

(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Terms of use )
What is unique about this music database