Dalla pagina di Piero Scaruffi
(Tradotto da Stefano Iardella)

Lizzo (Melissa Jefferson), residente a Minneapolis, ha dimostrato di essere una cantante e una rapper di talento su Lizzobangers (2013), una raccolta di stupide canzoni che si trovano a cavallo tra pop e hip-hop, una gradita distrazione dall'atmosfera cupa della maggior parte della musica hip-hop e newsoul dell'epoca. Anche Big Grrrl Small World (2015) presentava beats creativi.

La sua fortuna è cambiata quando è stata adottata (artisticamente parlando) dal produttore Ricky Reed. Dopo l'EP di sei canzoni Coconut Oil (2016) hanno registrato insieme l'inno femminista Good As Hell (2016), incluso nella colonna sonora del film "Barbershop" (2016), il singolo clownesco Truth Hurts (2017), una delle migliori canzoni e l'inno funky marziale e conflittuale Boys.
Cuz I Love You (2019) sembra un esilarante revival della disco-music degli anni '70, da Juice (un'altra creazione di Ricky Reed, con echi di One Night in Bangkok) a Crybaby (la sua migliore imitazione di Chaka Khan).

Special (2022) è solo un mucchio di riempitivi attorno alle due canzoni principali, About Damn Time e 2 Be Loved.


Torna alla pagina di Piero Scaruffi